• Novembre 27, 2022

Bourla scappa e non testimonierà davanti al panel COVID del Parlamento europeo

L’amministratore delegato della Pfizer, Albert Bourla, si è negato all’appuntamento per testimoniare davanti alla commissione speciale del Parlamento europeo sul COVID-19, durante la quale avrebbe dovuto affrontare domande spinose su come sono stati raggiunti accordi segreti sui vaccini.

La decisione fa seguito a un rapporto di audit sulla strategia di approvvigionamento dei vaccini dell’UE pubblicato all’inizio del mese che ha sollevato nuove domande sul contatto tra Bourla e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen che ha preceduto un contratto per il vaccino multimiliardario.

Il capo del colosso farmaceutico statunitense, il più grande fornitore di vaccini contro il COVID-19 nell’UE, avrebbe dovuto comparire davanti al panel il 10 ottobre per rispondere a future pandemie. Altri dirigenti farmaceutici si sono rivolti al comitato, tra cui il CEO di Moderna e alti funzionari di AstraZeneca e Sanofi.

La presidente della commissione, l’eurodeputata belga Kathleen Van Brempt, ha dichiarato a POLITICO che “si rammarica profondamente” della decisione presa da Pfizer.

Dopo una visita al quartier generale di BioNTech la scorsa settimana, Van Brempt ha dichiarato di aspettare con impazienza discussioni “con altri amministratori delegati” tra cui ” Albert Bourla, CEO di Pfizer” il 10 ottobre.

Il rapporto , della Corte dei conti europea, ha rilevato che la Von der Leyen era stata direttamente coinvolta nei negoziati preliminari per il più grande contratto di vaccino dell’UE, per un massimo di 1,8 miliardi di dosi del vaccino BioNTech/Pfizer, conclusosi nel maggio 2021. Questo è stato un allontanamento dalla procedura negoziale seguita con altri contratti, in cui una squadra negoziale congiunta composta da funzionari della Commissione e dei paesi membri ha condotto colloqui esplorativi.

L’organismo di vigilanza dell’UE ha inoltre osservato che la Commissione ha rifiutato di fornire registrazioni delle discussioni con Pfizer, sotto forma di verbali, nomi di esperti consultati, termini concordati o altre prove.

Già nel 2021, il New York Times riferiva della relazione apparentemente intima tra Bourla e von der Leyen, con i due messaggi di testo che si scambiavano in vista dell’accordo.

Ne avevamo parlato qui:

Bufera sulla von der Leyen, commissione UE le ordina di consegnare i testi SEGRETI inviati al CEO di Pfizer per l’acquisto di vaccini COVID-19                      

Contattato da POLITICO, un portavoce di Pfizer ha dichiarato che il presidente dell’azienda per i mercati di sviluppo internazionali, Janine Small, parteciperà all’audizione del comitato. “È stata identificata come nella posizione migliore per supportare il comitato nel raggiungimento dei suoi obiettivi”, ha affermato il portavoce.

Source

eVenti Avversi

Read Previous

SHOCK IN INGHILTERRA – Morta improvvisamente a 18 anni la guardia reale che ha scortato il feretro della Regina

Read Next

Resta nel sito di iniezione dicevano… Spike rilevata nel cervello e nel cuore in un uomo deceduto dopo (*).  Case report sottoposto a peer-review e pubblicato sulla rivista “Vaccines”