• Febbraio 9, 2023

La 25enne Eva da oltre un anno e mezzo in cerca di una diagnosi dopo il v.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il giornale locale “Diario De Burgos” della provincia di Burgos, nella comunità autonoma spagnola di Castiglia e León, ha pubblicato nei giorni scorsi il racconto di un’insegnante 25enne dopo essere stata colpita da una reazione avversa permanente al vaccino covid.

Le gambe di Eva Bombín sono gonfie e doloranti da quando è stata vaccinata per il covid, ma nessuno dà un nome a quello che le sta accadendo. La 25enne chiede che venga riconosciuta come malattia professionale.

Eva Bombín confessa di aver smesso di indossare la mascherina al supermercato “un mese fa”. Dall’inizio della pandemia è stata estremamente cauta, poiché è un’insegnante di istruzione primaria, è in contatto con molte persone e ammette di aver sempre avuto paura del contagio da coronavirus. Così, quando è stata organizzata la vaccinazione del personale docente, nel marzo 2021, è andata all’appuntamento convinta. Ed è stata anche lei a insistere per completare il ciclo, nonostante né il suo corpo né la sua vita fossero tornati quelli che erano prima di quella prima dose. E ora, più di un anno e mezzo dopo, non lo sono ancora.

“Ci siamo vaccinati perché volevamo davvero farlo”, insiste, chiarendo che però da quel momento le sue gambe si sentono intorpidite, ha dolore e un calo della sua qualità di vita. Ed è lì che punta la ragazza di 25 anni, che prima ambisce a ottenere una diagnosi per poi poter richiedere la dichiarazione di malattia professionale o, almeno, degli adattamenti per il suo lavoro. Non è sola in questa battaglia, poiché in Spagna ci sono diverse associazioni che si occupano di persone nella stessa situazione: ATEAVA per lavoratori di servizi essenziali vaccinati con il siero AstraZeneca; APAVacaC19, per vaccinati in genere; e Movilización Persistente, che chiede ulteriori ricerche sul long covid e risposte sul perché alcuni organismi reagiscono più di altri al virus o, come in questo caso, ai vaccini.

La richiesta di Bombín si basa sul fatto che lei, in quanto insegnante e, quindi, membro del gruppo dei lavoratori dei servizi essenziali, ha dovuto assumere il farmaco sviluppato da AstraZeneca e dall’Università di Oxford; vaccino che ha iniziato la sua diffusione commerciale con il piede sbagliato e che, una volta che l’Agenzia europea per i medicinali ha stabilito, nell’aprile 2021, che il rischio di comparsa di trombi sarebbe stato inserito nella scheda tecnica, la Spagna ha smesso di usarlo sotto i 55 anni di età. «Come lavoratori dei servizi essenziali ci siamo sottoposti a quella iniezione, perché toccava a noi e era quello che dovevamo fare», insiste la giovane donna, che non aveva trombi, ma aveva una serie di sintomi che sono finiti per essere invalidanti.

Bombín, insegnante a Medina lo scorso anno, ha ricevuto la prima dose il 27 marzo. In quel momento, l’uso di questo siero era già stato sospeso una volta, ma lei ribadisce di essere andata a ricevere il vaccino con convinzione. “Dubitavo che avrei avuto effetti collaterali e, infatti, ho preso il paracetamolo un’ora prima o giù di lì per evitare effetti”, dice, ricordando che le ore successive alla puntura sono trascorse come previsto: due giorni con febbre e malessere generale. “Ma dieci giorni dopo, quando sono tornata dal lavoro in macchina, parte della mia gamba sinistra si è addormentata e, per quanto la scuotessi, niente”, dice, spiegando che la sensazione di formicolio è aumentata e, viste le polemiche esistenti con il vaccino, è andata al pronto soccorso. Hanno escluso la presenza di trombi con la Tac e l’ecografia Doppler, ma hanno consigliato il ricovero per fare altri accertamenti. Ma in quel momento il dolore sembrava essere passato e ha scelto di tornare a casa.

Ha trascorso una “settimana e mezza” con la gamba sinistra addormentata e la sensazione di “aghi” se appoggiava la gamba. “Allo stesso tempo, non riuscivo a dormire a causa dei dolori e ho avuto improvvisi sbalzi di temperatura: da molto rossa e bruciante a molto fredda e viceversa.” Dopo quei dieci giorni “mi sembrava che stesse andando via” ed è tornata a lavorare, ma non riusciva più a camminare velocemente come prima né a stare nella stessa posizione. “Ciò che ha sempre scatenato i miei sintomi è stato camminare, stare seduta a lungo o stare in piedi a lungo”, dice, osservando che non osava nemmeno guidare perché la sensazione di una gamba addormentata andava e veniva.

I sintomi di Bombín combaciano con la parestesia, che è uno dei disturbi del sistema nervoso che la scheda tecnica del vaccino covid di AstraZeneca include come reazione avversa rara. Ma in questo anno e mezzo di percorso medico, non ha ottenuto una diagnosi, né ciò che gli sta accadendo è stato collegato al farmaco. «È quello che non potrà più essere accertato. A questo punto quello che voglio è che mi dicano cosa non va in me e un riconoscimento di malattia professionale, perché ora non abbiamo tutele per chiedere alcun adattamento al lavoro», dice.

Uno dei motivi per cui la giovane professoressa non riesce ad ottenere un parere che leghi il suo danno alla prima dose del vaccino covid -non è riuscita a stabilire un eventuale aggravamento con seconda dose, di un farmaco diverso- è che, una volta esclusi i trombi, l’hanno indirizzata in Neurologia e lì, pur non avendo una diagnosi, le hanno somministrato alcuni farmaci per alleviare i suoi sintomi. «A settembre [del 2021] mi hanno prescritto un farmaco per le gambe fino a gennaio [del 2022] ma non mi ha fatto niente e, pare, pare, perché queste cose non si sanno, che mi abbia causato un effetto rimbalzo e quest’anno è già stato pazzesco: ho avuto eruzioni cutanee sulla parte bassa della schiena e sulle gambe che non sono fuoco di Sant’Antonio o allergie; episodi di urine scure e molto più dolore e formicolio ad entrambe le gambe…”, spiega, commentando che una situazione del genere, l’instabilità tra un giorno e l’altro, nonché le due ore al giorno in macchina l’hanno fatta ammalare nuovamente. Sono passati quattro mesi.

«Ad agosto sono migliorata, sono stato due settimane senza gambe addormentate, ma quando ho iniziato a lavorare e guidare tanto [ora insegna nella città di Miranda] sono peggiorata di nuovo. E non riesco a vivere i miei 25 anni. Lavoro come posso e so che un programma che consiste nell’uscire per le tapas, come facevo prima, ora è irrealizzabile”, si lamenta, sottolineando che in estate ha provato a fare il famoso percorso Desfiladero de La Yecla e non ci è riuscita: “Il mio ragazzo mi ha dovuto portare in macchina dolorante, mentre persone sulla settantina dietro di me l’hanno finito”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il professore di neurologia di uno dei più importanti atenei d’Europa parla della scoperta dei biomarcatori dei danni cerebrali da v.

Read Next

Mezza Maratona di Milano oggi domenica 27 novembre. Ricoverato in gravissime condizioni corridore 25enne per malore improvviso

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock