• Gennaio 27, 2023

Il professore di neurologia di uno dei più importanti atenei d’Europa parla della scoperta dei biomarcatori dei danni cerebrali da v.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il Professor Harald Prüss è a capo del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE) e del Dipartimento di Neurologia e Neurologia Sperimentale dell’ospedale universitario della Charité a Berlino, uno dei maggiori policlinici universitari d’Europa.

Nei giorni scorsi è intervenuto al canale radio Deutschlandfunk e ha parlato dei biomarcatori indicativi di un danno da vaccino.

Harald Prüss ha segnalato alcuni casi di suoi pazienti: “Si tratta di un anziano signore che non ha più reagito adeguatamente alle normali sollecitazioni, ha subito una nebbia mentale e poi si è presentato al centro di pronto soccorso della Charité, è stato anche esaminato e ricoverato per alcuni giorni e si è anche scoperto che c’era una cosiddetta pleiocitosi nel liquor, cioè un aumento delle cellule infiammatorie, e queste sono ovviamente indicazioni molto forti che esiste davvero una causa organica dei suoi sintomi”.
“Circa due settimane prima, l’uomo era stato vaccinato con il vaccino covid”, dice il professore di neurologia della Charité di Berlino.
“Non è facile chiarire i collegamenti. Perché tutte le reazioni alla vaccinazione possono anche avere cause completamente diverse e verificarsi solo in modo casuale poco dopo una vaccinazione. Ad esempio, i medici in Germania diagnosticano la sclerosi multipla in media 30 volte al giorno”.
“Ogni volta che una vaccinazione avviene in una stretta relazione temporale, si è personalmente inclini a pensare: questo ha qualcosa a che fare con questo. Anche se gli studi epidemiologici, come nel caso della sclerosi multipla, dicono chiaramente qualcosa di diverso”
.

Il CSF, cioè il liquido cerebrospinale del cervello e del midollo spinale, normalmente non contiene quasi mai cellule. Nei pazienti di Harald Prüss, tuttavia, i medici hanno trovato cellule infiammatorie quando hanno continuato a cercare anticorpi in numero molto elevato. E sono stati in grado di dimostrare che questi anticorpi si legano al tessuto cerebrale. È noto da tempo che, in rari casi, le persone sviluppano autoanticorpi dopo la vaccinazione, diretti anche contro componenti del proprio corpo.
“L’esempio più consolidato è la trombosi venosa cerebrale dopo la vaccinazione con AstraZeneca. Dal momento che anche il meccanismo è stato chiarito in dettaglio. E il fatto che questo meccanismo non si applichi solo agli antigeni delle piastrine del sangue, ma anche agli antigeni del cervello, è in realtà molto plausibile, motivo per cui penso che con una ricerca intensificata nel prossimo anno o due possiamo davvero mostrare chiaramente i meccanismi che portano a tali danni post-vaccinali”, dice il professore.

Soprattutto perché altri gruppi possono mostrare risultati simili. Un team medico tedesco ha dimostrato quale anticorpo potrebbe essere alla base dei rari casi in cui le persone sviluppano un’infiammazione del muscolo cardiaco – miocardite – dopo essere state vaccinate con un vaccino a mRNA. E un team di ricercatori di Chicago ha appena descritto che il sistema immunitario di alcuni pazienti produce anticorpi che si legano sia al virus che all’angiotensina due. Questo enzima endogeno svolge un ruolo importante nella regolazione della pressione sanguigna. Se questo sistema viene modificato, i pazienti possono finire nell’unità di terapia intensiva.
“Questo è un caso così paradigmatico che ci mostra che gli anticorpi possono reagire sia contro il virus che contro le strutture del corpo stesso e quindi causare danni”.
Con l’aiuto dei biomarcatori scoperti di recente, Harald Prüss e il suo team stanno ora cercando l’esatto meccanismo alla base della nebbia mentale che aveva il paziente più anziano.
“Ecco perché penso che presto saremo in grado di fornire dati e dimostrare che esattamente la stessa cosa che è stata ora dimostrata per l’angiotensina due si applica anche ad alcuni antigeni neuronali, in modo che difese virali efficienti in alcune persone si attivino troppo automaticamente con la conseguenza negativa che questi anticorpi reagiscono contro il proprio stesso cervello e causano malfunzionamenti.

“Dall’inizio della campagna di vaccinazione, le autorità di sorveglianza di tutto il mondo hanno raccolto segnalazioni di reazioni e danni al vaccino. Più è duratura la campagna vaccinale – nel frattempo nella sola Germania sono state inoculate più di 180 milioni di dosi – più diventano chiare le conseguenze. Proprio per questo i biomarcatori sono uno strumento importante per trovare, chiarire e, ove possibile, prevenire i casi”, conclude l’articolo di Deutschlandfunk.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il CEO di Pfizer è stato denunciato per aver rilasciato dichiarazioni “fuorvianti” sui V. Covid pediatrici

Read Next

La 25enne Eva da oltre un anno e mezzo in cerca di una diagnosi dopo il v.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock