• Agosto 16, 2022

La combinazione di Bromelina e Curcumina come nutraceutico d’amplificazione immunitaria nella prevenzione del COVID-19 grave

Astratto

 “La fisiopatologia del COVID-19 prevede l’attivazione di tre vie principali: la cascata infiammatoria, la coagulazione e la bradichinina. Qui, evidenziamo per la prima volta il potenziale ruolo terapeutico congiunto della bromelina e della curcumina, due noti nutraceutici, nella prevenzione del COVID-19 grave.

 La bromelina (una proteasi cisteina isolata dal gambo dell’ananas) e la curcumina (un fenolo naturale presente nella curcuma) esercitano importanti azioni immunomodulanti interferendo nelle fasi cruciali della fisiopatologia del COVID-19. Le loro proprietà antinfiammatorie includono l’inibizione dei fattori di trascrizione e la successiva downregulation dei mediatori pro-infiammatori. Presentano inoltre proprietà fibrinolitiche e anticoagulanti. Inoltre, la bromelina inibisce la ciclossigenasi e modula le prostaglandine e il trombossano, influenzando sia l’infiammazione che la coagulazione, e idrolizza anche la bradichinina. È interessante notare che in studi in silico è stato dimostrato che la curcumina previene l’ingresso del coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave nelle cellule e la replicazione virale, mentre un recente studio sperimentale ha dimostrato che la bromelina può anche inibire l’ingresso virale nelle cellule. In particolare, la bromelina aumenta sostanzialmente l’assorbimento della curcumina dopo somministrazione orale. Per quanto a nostra conoscenza, questo è il primo rapporto che evidenzia l’importanza della bromelina e, soprattutto, il potenziale valore preventivo degli effetti sinergici di bromelina e curcumina contro il grave COVID-19“.


La curcumina come potenziale trattamento per COVID-19

Astratto

 I”n questo contesto, composti naturali, come la Curcumina, hanno mostrato effetti benefici sulla progressione delle malattie infiammatorie grazie ai numerosi meccanismi d’azione: antivirale, antinfiammatorio, anticoagulante, antiaggregante e citoprotettivo. Questi e molti altri effetti della curcumina la rendono un obiettivo promettente nel trattamento adiuvante del COVID-19. Quindi, lo scopo di questa recensione è quello di sottolineare in modo specifico come la curcumina potrebbe interferire in momenti/punti diversi durante l’infezione causata da SARS-CoV-2, fornendo un contributo sostanziale della curcumina come nuova terapia adiuvante per il trattamento di COVID-19“.

Link allo studio: Curcumin as a Potential Treatment for COVID-19 – PMC (nih.gov)

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Ennesimo decesso per malore improvviso nel mondo del calcio. Il 18enne Adrien Sandjo è morto a Torino dopo un arresto cardiaco durante la partita degli under19 mercoledì 22 dicembre

Read Next

UK Health Security Agency: l’efficacia della terza dose contro Omicron sintomatico diminuisce entro 10 settimane