• Giugno 14, 2024

La decisione di Israele di somministrare a tutti il terzo richiamo COVID è stato un salto nel buio

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Alcuni genitori ora si chiedono se Israele non si sia affrettato troppo a somministrarlo ai propri figli.

La decisione della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti di astenersi dal somministrare richiami di vaccinazione COVID-19 al grande pubblico ha messo i funzionari sanitari israeliani in imbarazzo.

Alcuni genitori ora si chiedono se Israele si sia mosso troppo velocemente nel vaccinare i propri figli.

Inoltre diversi operatori sanitari ed esponenti politici chiedono l’abolizione di una disposizione che dovrebbe entrare in vigore il mese prossimo, ossia che il Green Pass sia dato solo a coloro che riceveranno una terza dose di vaccino, sei mesi dopo aver ricevuto la seconda vaccinazione.

Scene di centri vaccinali vuoti sono state trasmesse nel telegiornale della sera, intervistati giovani che riferiscono di non essere più così sicuri di voler procedere con la terza dose.

Circa 100 medici e ricercatori israeliani hanno inviato una lettera agli alti funzionari del Ministero della Salute chiedendo loro di porre fine alle disposizioni che obbligano a un terzo richiamo per ricevere il Green Pass, minacciando di presentare una petizione urgente all’Alta Corte, se il ministero non dovesse cambiare la sua politica.

La lettera accusa le istituzioni di privare i cittadini di una serie di diritti fondamentali, tra cui la libertà di movimento, quando, sostengono, gli esperti della FDA hanno stabilito che il richiamo non è giustificato dal punto di vista medico.

“Mi sarei sentito più a mio agio se avessimo proceduto più gradualmente”, ha detto il Prof. Cyrille Cohen, capo del laboratorio di immunologia presso l’Università Bar-Ilan.

Anche se non ha firmato la lettera, ha riferito che crede che il paese potrebbe aspettare più a lungo per richiedere il terzo richiamo per le persone sotto i 30 anni per ricevere il Green Pass, almeno fino a quando non si avranno un po ‘più di dati.

L’unico studio pubblicato in Israele sugli effetti significativi del terzo richiamo si concentra su persone di età superiore ai 60 anni.

Altri, come il Prof. Nadav Davidovitch, epidemiologo e medico di sanità pubblica e capo della Ben-Gurion University della School of Public Health del Negev, hanno criticato le modalità di attuazione del green pass. Affermano che i parchi, le piscine all’aperto, i posti a sedere all’aperto nei ristoranti – luoghi che non sono ad alto rischio di infezione – dovrebbero essere rimossi dalle restrizioni del Green Pass, per motivi epidemiologici e per renderlo meno complicato per le famiglie.

“Il Green Pass non ha lo scopo di punire nessuno né di far rispettare la vaccinazione”, ha replicato Davidovitch.

“L’idea è quella di creare luoghi più sicuri”.

Dall’altra parte, c’è chi sostiene che lanciare il Green Pass nella sua forma più rigorosa sia saggio.

“Conosciamo l’efficacia delle vaccinazioni e sappiamo che la probabilità di infezione è molto simile a quella della popolazione non vaccinata dopo cinque o sei mesi, quindi non ha senso mantenere la validità della vaccinazione né il green pass dopo quel periodo“, ha replicato il Prof. Eli Waxman del Weizmann Institute of Science, Rehovot, che in precedenza ha supervisionato il comitato di consulenti esperti del Consiglio di sicurezza nazionale sull’epidemia di coronavirus.

“Se si vuole mantenere la validità del vaccino, è necessario procedere a un terzo richiamo per aumentarne l’efficacia”.

“Il governo dovrebbe adottare misure per ridurre il tasso di infezione riducendo le attività che non sono cruciali per l’economia, come gli assembramenti di massa”, ha sottolineato Waxman. “Non abbiamo ancora superato quest’ondata”.

“Non possiamo dire di avere sotto controllo le infezioni quotidiane”, ha aggiunto Cohen.

fonte

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Deceduti nelle ultime ore 57enne a Giugliano, OSS a Napoli e imprenditore torinese. Tutti vaccinati

Read Next

Magistrati onorari sul piede di guerra. Senza green pass rischiano licenziamento oltre 5000 giudici

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO