• Febbraio 4, 2023

La madre del quindicenne in Rianimazione a Catanzaro: “La verità deve venire fuori. Poche ore dopo il vaccino è stato male, gli hanno consigliato solo la tachipirina”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


“Mio figlio non ha avuto il covid, nè altri problemi di salute, stava benissimo fino a martedì scorso, ovvero fino a quando si è sottoposto alla prima dose di vaccino presso l’ospedale “Ciaccio”. Ora la verità deve venire fuori”.

Tenta di mantenere la calma Francesca, la mamma dello studente di Catanzaro attualmente ricoverato, con ossigeno-terapia, nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, per una reazione avversa al vaccino.

“Nel reparto sono bravissimi, stanno portando avanti tutti gli accertamenti e questo ci rassicura sul fatto che nostro figlio sia in buone mani”, racconta Francesca, ricostruendo poi i fatti successivi a quel maledetto martedì.

Visibilmente scossa dall’accaduto, la donna ricorda che, subito dopo la prima dose di vaccino, i medici dell’ospedale hanno trattenuto il paziente, in quanto minorenne, un pò più del tempo previsto. E sembrava che tutto fosse andato per il verso giusto, tant’è che la mattina successiva il ragazzo ha preso regolarmente posto al suo banco dell’Istituto tecnico industriale, dove frequenta il terzo anno, salvo accusare improvvisamente nel pomeriggio problemi respiratori, accompagnati da febbre altissima. “A quel punto i medici ci hanno consigliato di utilizzare solo la tachipirina, in quanto si trattava di una normale reazione al vaccino. Invece, la febbre è rimasta sempre alta, fino a quando domenica, spaventati dalle condizionati peggiorate di nostro figlio, abbiamo velocemente raggiunto l’ospedale “Pugliese”, dove è stato subito sottoposto a ossigeno terapia”, racconta Francesca.

E da lì è iniziato il calvario per i genitori dello studente, che sono stati subito affiancati con grande professionalità da tutti i medici del reparto di Rianimazione, diretto da Maria Laura Guzzo, oltre che dal primario di Pediatria, Giuseppe Raiola.  “Ma adesso noi vogliamo fare uscire la verità, perchè i fatti vanno raccontati per come si sono verificati”, dice Francesca, che con grande dignità sta affrontando la situazione insieme al marito, sottolineando come il figlio non abbia mai avuto problemi di salute, nè sono emerse patologie dopo l’attuale ricovero, per come già riscontrato dai medici, per cui viene esclusa la prima ipotesi, secondo cui il ragazzo potrebbe essere stato positivo al covid asintomatico.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Due sentenze contro l’obbligo vaccinale dei vigili del fuoco in Francia. Reintegrati nove lavoratori. Il sindacato: “vessazioni illegali”

Read Next

La ciclista Sarah Gigante, vaccinata prima delle Olimpiadi, colpita da miopericardite una settimana dopo il ritorno da Tokyo

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock