• Aprile 13, 2024

La nota giornalista: “E’ successo anche a me!”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Zohreen Shah, nota giornalista dell’emittente statunitense ABC News, è ricomparsa poche ore fa in alcune foto con un’evidente p.aralisi facciale.

All’inizio pensavo di aver avuto un ictus il mese scorso“, ha detto la giornalista in un’intervista. “Non mi riconoscevo allo specchio. Sembrava che il lato sinistro della mia faccia fosse andato “offline”. Metà della mia faccia era completamente p.aralizzata. Ho urlato, pianto e chiamato il pronto intervento sanitario. Arrivarono i sanitari dell’emergenza e mi hanno detto quello che un medico avrebbe confermato in seguito: era successo anche a me, soffrivo della paralisi di Bell, una rara disabilità nervosa in cui metà del viso rimane p.aralizzata per settimane, a volte mesi. L’esordio è spesso confuso con un ictus”.

“Ma io sono una giornalista della televisione nazionale. La mia faccia è una parte importante del mio lavoro. Nel giro di poche ore, avrei dovuto essere davanti a molte telecamere, attraversare il paese per un’intervista e girare servizi televisivi con la mia faccia p.aralizzata che sarebbero rimasti per sempre online. Con la paralisi di Bell, il nervo che consente ai muscoli di controllare l’espressione facciale smette di comunicare con il cervello, dando l’impressione che metà del viso sia p.aralizzata. Non può muoversi e quindi per molte persone si incurva. L’occhio sul lato p.aralizzato spesso si gonfia. Dopo due ore in un pronto soccorso, un medico ha eseguito un paio di test per vedere se le mie braccia e le mie gambe si muovevano bene e mi ha chiesto di sollevare la fronte. Solo un lato poteva muoversi. Ha confermato che avevo la paralisi di Bell e mi ha prescritto steroidi e colliri. Mi ha anche assicurato che per la maggior parte delle persone, entro due settimane o sei mesi, il loro viso torna alla normalità. Ho sperato di guarire anch’io”. “In Tv ho proposto un piano”, ha aggiunto Shah, “andavo alle riprese e chiedevo al nostro team di riprendere solo il mio profilo destro, il lato con il movimento, nell’inquadratura. Sono arrivata alle riprese e ho fatto del mio meglio per non sorridere a nessuno. Il mio mezzo sorriso traballante era un chiaro indizio che qualcosa non andava. È stato così difficile. Scoppiavo in un sorriso involontario ogni volta che qualcuno mi guardava con la sua faccia sorridente. Durante una pausa pranzo, la mia cameraman ha caricato le clip sul suo computer. Non ero sicura di sembrare normale. Sono stata davanti alle telecamere della TV per 11 anni. Ho guardato innumerevoli ore di inquadrature strette sul mio viso e ho esaminato ogni centimetro. E so che le telecamere catturano letteralmente tutto. Un minimo spostamento muscolare può trasmettere un’emozione completamente diversa: esitazione, felicità, dolore. Metà della mia dannata faccia era p.aralizzata. Ma sono stata sollevata quando ho visto le riprese. Niente nel mio tono o nel linguaggio del corpo ha rivelato il mio segreto. Se non riuscivo a vedere il problema, probabilmente non lo avrebbero visto neanche gli altri”.

“Sfortunatamente”, continua la giornalista, “non ero fuori pericolo. Poche ore dopo quel primo servizio fotografico, ero su un volo notturno per New York per un colloquio. Ma quando hai la paralisi di Bell, il tuo occhio sul tuo lato p.aralizzato rimane spalancato tutto il tempo. Sembravo una comparsa di “Thriller”. Non puoi sbattere le palpebre per mantenere naturalmente l’occhio umido. Ho dovuto abbassare manualmente la palpebra con la mano e bagnarla con gocce d’acqua. Quindi sedersi mentre si dorme non è facile. Ho provato a premere la faccia in ogni modo possibile per tenerlo chiuso. Alla fine mi sono addormentata, con un occhio spalancato. Nelle successive settimane, ho avuto difficoltà a vedere chiaramente. Il mio oculista ha fatto dei test e ha detto che molti dei pazienti affetti da p.aralisi di B.ell hanno gli occhi asciutti e non c’era nulla di cui preoccuparsi. La p.aralisi ha influenzato anche il modo di parlare. Alcuni giorni dopo le riprese, quando sono andata a rintracciare la mia voce fuori campo, avevo perso la capacità di pronunciare facilmente molte parole con “b” “m” “p” o “w” — perché quelle lettere richiedevano un movimento di tutta la bocca per essere pronunciate. Ci sono state molte altre sorprese: quando ho provato a prendere un sorso d’acqua, metà è finita a terra. E fare la doccia era difficile perché non riuscivo a chiudere gli occhi per tenere fuori l’acqua”.

“Ora sto meglio”, conclude Zohreen Shah, “e ho deciso di rendere pubblico davanti ad una telecamera ciò che mi è accaduto”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Fuorionda durante la telecronaca: “Il v. mi ha rovinato. Vorrei non averlo mai fatto”- IL VIDEO

Read Next

La National Football League americana sollecitata a offrire urgentemente ai giocatori uno screening cardiaco

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO