• Maggio 27, 2024

“La peggiore esperienza della mia vita”: le prime cavie umane dei vaccini gravemente danneggiate e abbandonate

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


di The Epoch Times

La dottoressa Danice Hertz ricorda vividamente il giorno in cui ha ricevuto il vaccino COVID-19.

Hertz, una gastroenterologa in pensione, ha ricevuto il vaccino di Pfizer il 23 dicembre 2020, meno di due settimane dopo che i regolatori statunitensi ne hanno concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza.

Passarono trenta minuti prima che iniziasse una reazione avversa.

“Il mio viso ha iniziato a bruciare e formicolare e la vista è diventata sfocata”, ha dichiarato Hertz a The Epoch Times. Si sentiva svenire.

Suo marito ha chiamato i paramedici, che hanno scoperto che la pressione sanguigna di Hertz era alle stelle. Le hanno consigliato di chiamare un medico.

Hertz si aggravò così tanto che temeva di morire. Ha sperimentato sintomi tra cui forti dolori facciali, costrizione toracica, tremori, contrazioni degli arti e acufene.

“Mi sentivo come se qualcuno mi stesse versando dell’acido addosso”, ha raccontato Hertz, di Los Angeles, California.

Hertz è sopravvissuta ma soffre ancora. È stata da numerosi specialisti. Diversi esperti hanno appurato che il vaccino ha innescato la reazione, secondo le cartelle cliniche esaminate da The Epoch Times.

Hertz è una dei milioni di americani che hanno scelto di ottenere uno dei vaccini COVID-19 subito dopo che il governo li ha autorizzati.

Da allora, sono state somministrate centinaia di milioni di dosi. Molti destinatari non hanno avuto problemi, anche se meno protetti di quanto inizialmente promesso. Ma un numero crescente ha subìto gravi reazioni e lotta quotidianamente per ottenere trattamenti per i propri disturbi.

Brianne Dressen ha sofferto moltissimo dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19 di AstraZeneca il 4 novembre 2020. Spesso si sedeva in silenzio in una stanza nella completa oscurità, racconta.

“La mia bambina, canta tutto il tempo, ma non potevo averla intorno a me perché quel suono era così insopportabile. E il mio bambino, la mia pelle era sensibile, quindi tutto ciò che toccava la mia pelle mi procurava un dolore atroce, quindi il mio bambino, veniva e cercava di confortarmi e tenermi la mano, e anche quello era doloroso. I miei denti erano troppo sensibili; Non riuscivo a lavarmi i denti. E’ come se tutte le mie sfaccettature sensoriali fossero sovraccariche”, ha dichiarato Dressen, un insegnante di scuola materna che vive a Saratoga Springs, nello Utah, a Epoch Times.

“È stata la peggiore esperienza della mia vita.”

Dolore

Le reazioni ai vaccini COVID-19 spesso si verificano subito dopo la somministrazione, uno dei motivi per cui agli operatori sanitari viene detto di monitorare i pazienti per almeno 15 minuti dopo la dose.

Per la maggior parte dei destinatari, i problemi sono di lieve entità, come un mal di testa, e presto scompaiono. Per altri, il dolore non si è ancora attenuato.

“In questo momento, tutto ciò che faccio è lavorare. Questo è tutto ciò che posso fare”, ha dichiarato a Epoch Times Erin Sullivan, una logopedista del Connecticut che ha ricevuto il vaccino Moderna il 6 gennaio 2021. “Tutti intorno a me, la famiglia, stanno facendo tutto il resto. Non sto cucinando, non sto pulendo, non sto facendo il bucato. Non sto portando i bambini da nessuna parte. Fondamentalmente lavoro e poi vado a letto”.

Sullivan, che in seguito ha ricevuto una seconda dose di vaccino Pfizer su raccomandazione di un immunologo, ha sofferto di formicolio agli arti, grave affaticamento e altri sintomi per oltre un anno.

A Sullivan è stata diagnosticata una reazione avversa al vaccino, secondo le cartelle cliniche esaminate da The Epoch Times. “Non ha mai avuto sintomi simili prima della vaccinazione COVID-19”, ha scritto un medico.

Dressen ha affrontato l’incontinenza, debolezza degli arti e nausea, tra gli altri sintomi.

“La mia reazione è iniziata nel giro di un’ora. Dapprima con sensazione di spilli e aghi lungo il braccio, poi vedevo doppio quella notte, con eccessiva sensibilità. E nelle successive 2 settimane e mezzo, i miei sintomi sono progrediti fino al punto in cui ho avuto tachicardia estrema, fluttuazioni della pressione sanguigna, fluttuazioni di temperatura. La mia sensibilità al suono e alla luce è diventata così grave che ho dovuto rimanere confinata nella mia camera da letto 24 ore su 24, 7 giorni su 7”, ha raccontato Dressen.

A Dressen è stata diagnosticata da un medico del National Institutes of Health (NIH) una neuropatia post-vaccino o danni ai nervi, secondo le cartelle cliniche esaminate da The Epoch Times. Dressen mostrava “sintomi neurologici persistenti dopo il vaccino SARS-CoV-2”, si legge in una nota scritta da un medico del NIH. SARS-CoV-2 .

La vita di Maddie de Garay è stata distrutta dopo aver ricevuto il suo secondo richiamo Pfizer COVID-19 il 20 gennaio 2021. La litania di problemi include parestesia, mal di schiena e dolore addominale.

“Mi faceva male la schiena, mi faceva male lo stomaco, mi faceva male la testa. Avevo la febbre alta”, ha dichiarato Maddie, 13 anni, a The Epoch Times. “Le dita dei piedi erano intorpidite ed erano ghiacciate e bianche, e lo stesso la punta delle dita delle mani.”

I sintomi della ragazza sono persistiti. Usa una sedia a rotelle perché è diventato impossibile camminare. Ha perso la sensibilità nella metà inferiore del suo corpo. Dolori diffusi spesso la affliggono.

In una visita al Cincinnati Children’s Hospital, uno dei siti di sperimentazione Pfizer, il giorno dopo la vaccinazione, a Maddie è stato diagnosticato un “evento avverso da vaccino“, secondo le cartelle cliniche esaminate da The Epoch Times. Il mese successivo, un altro medico ha scritto che Maddie soffriva di “molti sintomi prolungati e significativi dovuti al vaccino COVID”.

Ma i riferimenti al vaccino hanno iniziato a scomparire nelle visite successive, e il dottor Robert Frenck, il ricercatore principale per gli studi di Pfizer presso l’ospedale, ha comunicato ai genitori di Maddie in una telefonata nel maggio 2021 che i medici che l’avevano visitata fino a quel non avevavo trovato nessuna correlazione con la vaccinazione, tutti i medici erano concordi su questo punto.

“Uno dei primi specialisti ha confermato che fosse correlato alla sperimentazione del vaccino”, ha risposto Patrick de Garay, il padre di Maddie.

Tutti i medici che hanno curato i pazienti in questa storia, hanno rifiutato di conferire con The Epoch Times, non hanno risposto alle richieste o non è stato possibile raggiungerli.

Molti danneggiati da vaccino sperimentano un miglioramento successivo, ma alcuni contattati da The Epoch Times hanno descritto ricadute regolari.

Hertz ha riportato un miglioramento alla fine del 2021, che ha attribuito principalmente al tempo trascorso da quando ha ricevuto il vaccino. “Sfortunatamente, ho avuto una ricaduta un mese o due fa”, ha riferito a The Epoch Times via e-mail il 17 febbraio.

A Hertz è stata diagnosticata una “presunta reazione post COVID” all’inizio del 2021, secondo le cartelle cliniche. Dopo essere stata visitata da altri specialisti, alla fine ha ricevuto la diagnosi di “sindrome da attivazione dei mastociti innescata dal vaccino“. I sintomi della sindrome includono problemi di respirazione e bassa pressione sanguigna.

Tra i primi

Dressen e Maddie hanno entrambe partecipato agli studi clinici sui vaccini. Come loro, altri danneggiati da vaccino sono stati tra i primi a riceverli.

L’11 dicembre 2020, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino Pfizer e BioNTech. Una settimana dopo, l’agenzia ha cancellato il vaccino di Moderna.

Le lettere di autorizzazione hanno riconosciuto che i vaccini fossero “sperimentali”, ma hanno affermato che le revisioni degli studi clinici non hanno identificato problemi di sicurezza e hanno sottolineato che fosse “ragionevole credere” che i vaccini “possano essere efficaci” per prevenire l’infezione dal virus che causa COVID-19.

La speranza che i vaccini sarebbero stati lo strumento per schiacciare il virus, salì alle stelle. L’immunità di gregge era l’obiettivo, con l’immunità conferita dal vaccino in primis, secondo alti funzionari statunitensi come il dottor Anthony Fauci.

I primi utenti pensavano che vaccinarsi avrebbe contribuito a porre fine alla pandemia di COVID-19. Molti avevano familiari che, a causa di condizioni mediche di base o dell’età, erano tra i più vulnerabili al COVID-19. Alcuni erano essi stessi ad alto rischio.

“Avevo perso dei miei cari molto vicini a causa del COVID, e questa è stata la mia grazia salvifica per contribuire a porre fine a questa pandemia”, ha dichiarato Angelia Desselle a The Epoch Times.

Desselle ha ricevuto il vaccino Pfizer il 5 gennaio 2021. Come manager di un centro di chirurgia ambulatoriale in Louisiana, era a conoscenza degli aggiornamenti riguardanti i vaccini, comprese le dichiarazioni delle autorità sanitarie che fossero sia sicuri che efficaci. Si fidava di loro. È andata a farsi vaccinare durante la pausa pranzo.

Le persone che per prime hanno ricevuto il vaccino, hanno riposto la propria fiducia nel governo degli Stati Uniti, nei produttori di vaccini e nella comunità sanitaria.

Hertz, un medico di lunga data, ha colto al volo l’opportunità di vaccinarsi. Sebbene fosse andata in pensione da poco, pensava che avrebbe potuto aver bisogno di tornare al lavoro in futuro. E, racconta che “si fidava completamente del sistema e credeva che la FDA fosse onesta e decente”.

Andrea Rositas era in un programma medico quando ha ricevuto il vaccino Moderna il 31 gennaio 2021 al Southwestern College, un college comunitario a Chula Vista, in California.

Gli infermieri nel programma dissero che Rositas doveva essere vaccinata. Le dissero che era sicuro.

Stephanie de Garay ha dichiarato a Epoch Times, che credeva che se qualcosa fosse andato storto, i partecipanti alla sperimentazione sarebbero stati “nelle migliori mani”.

“Se hai paura di una reazione avversa, il momento migliore dovrebbe essere la sperimentazione, perché confidi nel fatto che facciano tutto il possibile per farti stare meglio e per capire cosa sia successo. Perché questo è l’intero punto del processo “, ha detto. “Non è quello che è successo.”

Foto di Epoch Times
In questa fotografia combinata, Erin Sullivan è vista prima e dopo aver ricevuto un vaccino COVID-19. (Per gentile concessione di Erin Sullivan)

Dressen ha dichiarato di essersi iscritta alla sperimentazione AstraZeneca perché “mi fidavo di ciò che dicevano i medici e volevo che questa pandemia finisse”.

“Il modo in cui è stato presentato al mondo è stato: ‘Questo vaccino porrà fine alla pandemia’. Voglio dire, i miei figli sono bloccati a casa, non possono andarsene, indossiamo mascherine. Lavoro in una scuola. Vedo come sta influenzando i bambini di età elementare “, ha affermato. “Mi fidavo del governo e mi fidavo dei medici. Non lo farò più”.

I danneggiati da vaccino hanno ripetutamente contattato i funzionari federali e le aziende produttrici di vaccini in merito alle loro afflizioni. Ritengono che né il governo né le aziende abbiano fatto abbastanza per affrontare i danni da vaccino.

AstraZeneca, Pfizer, Johnson & Johnson e Moderna non hanno risposto alle richieste di commento per questo articolo.

Oltre ai medici NIH, anche alcuni ricercatori governativi hanno concordato che i vaccini abbiano causato gli effetti collaterali di Dressen, come risulta da alcune e-mail esaminate.

Un portavoce del National Institute of Neurological Disorders and Stroke, parte del NIH, ha dichiarato a The Epoch Times via e-mail che uno studio che ha visto gli scienziati del NIH esaminare alcune delle persone con problemi dopo la vaccinazione non ha prodotto “alcun dato che mostri che i vaccini abbiano causato i sintomi in questi pazienti”.

Le revisioni governative dei sistemi di sorveglianza hanno identificato problemi di salute “potenzialmente associati” ai vaccini COVID-19, incluso il disturbo neurologico chiamato sindrome di Guillain Barré (GBS), ha riferito una portavoce della FDA a The Epoch Times in una e-mail. “Le decisioni sul fatto che ci sia qualche base per credere che ci sia una relazione causale sono una questione di giudizio medico e scientifico e si basano su fattori quali: la frequenza della segnalazione, la plausibilità biologica, i tempi dell’evento rispetto al momento della vaccinazione e se l’evento avverso è noto per essere causato da vaccini correlati, ” ha aggiunto.

Una portavoce dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha dichiarato a The Epoch Times in una e-mail: “Ad oggi, il CDC non ha rilevato modelli insoliti o inaspettati di aborti spontanei, cancro o condizioni neurologiche a seguito dell’immunizzazione che indicherebbero che i vaccini COVID-19 stanno causando o contribuendo a queste condizioni. Il CDC continua a raccomandare che tutti coloro che sono idonei dovrebbero essere vaccinati“.

Più tardi, la portavoce ha detto di essersi dimenticata della GBS ( sindrome di Guillain Barré). Sulla base dei dati del Vaccine Adverse Event Reporting System, un sistema di segnalazione passiva degli Stati Uniti, il tasso di GBS è stato trovato entro i 21 giorni successivi alla vaccinazione Johnson & Johnson , 21 volte superiore rispetto ai destinatari di Pfizer o Moderna. L’analisi dei dati “non ha rilevato alcun aumento del rischio di GBS dopo Pfizer-BioNTech o Moderna”, ha affermato.

A partire dall’11 febbraio, più segnalazioni di GBS sono state fatte a VAERS dopo la vaccinazione Moderna o Pfizer rispetto alla vaccinazione Johnson & Johnson, secondo una revisione di Epoch Times. Allo stesso tempo, molte altre dosi sono state somministrate negli Stati Uniti.

La lotta

Le visite iniziali ai medici spesso producevano pochi risultati e tanta frustrazione. I medici hanno avuto difficoltà ad accertare le condizioni e le loro cause. Molti pazienti hanno ricevuto diagnosi di “stato d’ansia”.

Rositas racconta che il CDC dopo una revisione dei suoi registri, ha riconosciuto la reazione avversa. Ha mostrato l’aggiornamento a diversi medici.

Le dicevano: “Oh, è solo ansia”. Ha raccontato che faceva male, soprattutto perché è la stessa cosa che un’infermiera le ha detto subito dopo la reazione.

Alla fine, a Rositas è stata diagnosticata una reazione al vaccino Moderna, secondo una lettera di Sharp Health Care recensita da The Epoch Times.

Maddie ricorda un dottore che entrò nella sua stanza e le disse: “Hai 13 anni. Non dovresti piangere e fare la pazza per queste cose. Hai l’ansia e questa è tutta ansia, devi smettere di iperventilare, altrimenti ti spingeremo un tubo in gola e ti metteremo su un ventilatore. “

“Presumono che sia solo ansia, quindi la riempiono di farmaci, che la rendono più malata”, ha raccontato Stephanie de Garay.

Un sondaggio condotto dal gruppo di Dressen, REACT19, tra i suoi membri ha rilevato che oltre l’80% ha dichiarato di aver ricevuto una diagnosi di “ansia” durante gli esami precoci.

“La mia diagnosi di ansia mi ha afflitta fino a quando non sono andata al NIH”, racconta Dressen.

Dressen è diventata uno dei principali sostenitori delle persone danneggiate da vaccini Covid, fornendo loro sempre più informazioni su queste questioni.

In scambi con la dottoressa Janet Woodock, un alto funzionario della FDA, Dressen ha delineato quelli che vede come problemi con gli studi clinici sui vaccini e i danni da vaccino.

“Le ho parlato del fatto che sono un insegnante di scuola materna, solo per farlo sapere, non sono qualificata come professionista medico. Ma ho medici della Ivy League che mi mandano pazienti malati danneggiati da vaccino per le cure mediche “, ha dichiarato Dressen in una recente audizione a Washington. “Se questo di per sé non fa capire a Janet Woodcock, che il sistema è rotto, non so cosa altro possa succedere”.

Anche Sullivan ha avuto consultazioni infruttuose. Una volta, è stata visitata da un reumatologo mentre mostrava i classici sintomi della sindrome da attivazione dei mastociti, lo stesso problema che lei e Hertz, tra gli altri, hanno riscontrato da allora.

“Non mi ha neanche visitata. Mi ha tenuto le mani e mi ha detto che avrei dovuto fare yoga”, ha dichiarato Sullivan.

Crescente interesse

Stabilire collegamenti definitivi tra vaccini e condizioni post-vaccinazione può essere difficile, ma più ricercatori si sono interessati a indagare sui danni da vaccino confermate o sospette. Il numero di segnalazioni di danni è cresciuto nel tempo, insieme alle vaccinazioni complessive.

Circa 943.000 segnalazioni di disturbi del sistema nervoso a seguito della vaccinazione COVID-19 sono state segnalate a VAERS, fino al 4 febbraio, secondo una ricerca effettuata tramite il motore MedAlert. I disturbi, come classificato dal Medical Dictionary for Regulatory Activities, includono infezioni come la meningite e lesioni cerebrali come la paralisi di Bell.

La paralisi di Bell e la sindrome di Guillain-Barré (GBS) sono state rilevate a tassi elevati nei destinatari del vaccino AstraZeneca, i ricercatori nel Regno Unito hanno analizzato i registri delle vaccinazioni inglesi trovati nel 2021. Hanno inoltre riscontrato che i dati indicavano che i destinatari di Pfizer avevano un aumentato rischio di ictus.

Un diverso gruppo di ricercatori, analizzando i dati statunitensi, ha riscontrato un elevato rischio di GBS per i destinatari di Johnson & Johnson. Gbs, una rara malattia neurologica, è stata rilevata in alcuni americani che hanno ricevuto il vaccino di Johnson & Johnson e ha iniziato a essere elencata nelle schede informative per il vaccino nel luglio 2021.

Un ampio spettro di gravi complicazioni neurologiche è stato segnalato dopo la vaccinazione COVID-19″, ha affermato una revisione degli studi sull’argomento.

Un certo numero di casi clinici sono stati riportati su riviste, tra cui una serie incentrata su quattro eventi post-vaccinazione che i ricercatori hanno descritto come “probabilmente dovuti ai vaccini”.

Come molti scienziati, i ricercatori erano riluttanti nel confermare la correlazione. “Stabilire legami causali a livello di popolazione richiede ampi studi epidemiologici e non può essere fatto solo su singoli casi clinici”, hanno scritto.

Questa visione non è universale.

“I vaccini COVID causano effetti collaterali neurologici”, ha dichiarato a The Epoch Times in una e-mail il dottor Josef Finsterer, neurologo di Klinik Landstrasse in Austria che ha condotto una revisione degli studi che descrivono in dettaglio gli eventi neurologici post-vaccinazione.

Meccanismi

Gli esperti, tuttavia, non sono ancora sicuri dei meccanismi che causano i danni.

Una causa potrebbe essere l’eccessiva produzione di proteine spike dai vaccini nella milza. La proteina viene rilasciata negli esosomi – minuscole nanoparticelle prodotte e rilasciate dalle cellule che mediano la comunicazione cellula-cellula trasferendo materiali genetici ad altre cellule – causando l’infiammazione dei nervi nel cervello, secondo Stephanie Seneff, ricercatrice senior presso il MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory.

In questo scenario, le proteine spike sono tossiche in quanto agiscono come proteine simili ai prioni, che diventano anormali a causa di un ripiegamento errato e in genere portano a disturbi neurodegenerativi.

“Le cellule immunitarie che si trovano nella milza producono proteine spike perché non possono smettere di farlo, rilasciarle in esosomi, e poi quegli esosomi … salgono al cervello. Vanno fino al cervello e infettano tutti questi nervi nel cervello … causando tutti quei sintomi che si stanno manifestando “, ha scritto Seneff, il cui documento che esamina le possibili conseguenze dei vaccini è stato pubblicato nel 2021. Si preoccupa degli effetti collaterali sia a breve che a lungo termine.

Finsterer ha affermato che il mimetismo molecolare, o un vaccino mirato non solo al virus ma al modello molecolare del ricevente, potrebbe essere la causa della GBS.

I coaguli di sangue nei seni venosi del cervello, uno degli effetti collaterali neurologici più comuni, possono derivare dagli stessi processi che si svolgono dopo l’infezione da COVID-19, ha proposto.

Il Dr. William Murphy, ricercatore di immunologia presso l’Università della California, Davis, parla di anticorpi anti-idiotipo – un anticorpo che si lega a un altro anticorpo – come causa di entrambi i problemi persistenti dopo l’infezione da COVID-19 e problemi post-vaccinazione.

Murphy ha attinto alla teoria della rete di Neils Jerne, che afferma che gli anticorpi possono non solo legarsi a un antigene (come un virus o una proteina spike) ma anche attaccarsi ad altri anticorpi per suscitare la produzione di altri anticorpi che possono causare effetti avversi.

Quando il sistema immunitario attiva la risposta anticorpale a un antigene, quella risposta specifica induce “risposte anticorpali a valle” producendo anticorpi anti-idiotipo. Questi anticorpi secondari diventano un problema quando la loro regione di legame con l’antigene “assomiglia a quella degli antigeni originali stessi”.

“Tuttavia, come risultato di questo mimetismo, gli anticorpi Ab2 [anti-idiotipo] hanno anche il potenziale per legare lo stesso recettore che l’antigene originale stava prendendo di mira. Gli anticorpi Ab2 che si legano al recettore originale sulle cellule normali hanno quindi il potenziale per mediare effetti profondi sulla cellula che potrebbero provocare cambiamenti patologici, in particolare a lungo termine, molto tempo dopo che l’antigene originale stesso è scomparso “, ha scritto Murphy in un recente articolo.

Murphy ha dichiarato a The Epoch Times via e-mail che la ricerca sugli effetti post-vaccinazione “può effettivamente fornire approfondimenti sul LONG COVID e se comprendiamo l’immunologia alla base di questi effetti possiamo quindi capire i modi per eventualmente trattare e anche prevenire, rimodulando le strategie vaccinali”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il Walter nazionale vi vuole inoculare ancora. Ricciardi ” Quarta dose per tutti in autunno”

Read Next

La toccante lettera di un’attivista del Freedom Convoy canadese, al mondo

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO