• Dicembre 2, 2022

La testimonianza-video di Julian, paralizzato dal vaccino Pfizer e abbandonato dallo Stato

Nei giorni scorsi la Tv locale Castanet della provincia canadese della Columbia Britannica ha trasmesso la drammatica testimonianza di Julian Scholefield, un giovane rimasto paralizzato pochi giorni dopo la seconda dose del vaccino covid Pfizer.

Julian Scholefield era fuori al lago Okanagan con la sua famiglia il 25 luglio 2021. Ha detto di aver notato improvvisamente che la sua gamba sinistra ha iniziato a diventare un po’ calda e un po’ formicolio.

“Poi il formicolio ha colpito anche la mia gamba destra. E questo mi ha dato un po’ più di preoccupazione. Così abbiamo deciso di tornare a riva e siamo tornati al molo nel giro di due ore. E a quel punto, ero paralizzato dal busto in giù e non riuscivo a tenermi in piedi”.

Scholefield ha detto che la paralisi è arrivata nel corso di poche ore, appena 12 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose di vaccino Pfizer-BioNTech.

Un vicino di casa, un medico, ha portato Scholefield al Penticton Regional Hospital, nella città di Penticton, vicina al lago.

“Ma la macchina per la risonanza magnetica non funzionava. Così mi hanno caricato sull’ambulanza e mi hanno portato all’ospedale generale della città di Kelowna”.

Scholefield ha trascorso 89 giorni in ospedale, tre settimane al Kelowna General Hospital e cinque al Penticton Regional, prima di essere ricoverato a Vancouver per la riabilitazione per cinque settimane.

Un tempo uomo molto attivo e in buona salute, Scholefield ha dovuto adattarsi nell’ultimo anno per muoversi su una sedia a rotelle. La sua casa è stata attrezzata e cambiata con un costo importante per la famiglia affinché fosse vivibile per lui.

“Abbiamo un ascensore di tre piani ed ha comportato una spesa significativa, ovviamente di tasca nostra con l’aiuto di donazioni private. Tale costo può o non può essere coperto dal programma di supporto per i danni da vaccino. Non lo sappiamo. E’ un anno che ho richiesto l’indennizzo con la copertura del fondo per i danneggiati da vaccino covid ma non ho mai avuto alcuna risposta. Quindi, in questa fase, la mia famiglia si sta indebitando sempre di più”.

Scholefield non ha potuto lavorare dal giorno della paralisi. La famiglia, i vicini e gli amici sono intervenuti per dare una mano.

“Una delle cose che più mi ha aperto gli occhi, ora che sono su una sedia a rotelle, è quanto siano utili le persone… Ho scoperto che le persone sono desiderose di aprire una porta o di offrire assistenza. E questo, per me, è molto commovente”.

Scholefield ha detto che gli è stata diagnosticata un’encefalomielite acuta disseminata (ADEM), che è un’infiammazione del cervello e del midollo spinale che danneggia la mielina, il rivestimento protettivo delle fibre nervose, secondo quanto dichiarato dal National Institutes of Health.

Secondo Scholefield, la relazione tra il vaccino e l’ADEM è stata trovata dai suoi medici attraverso un processo di esclusione di possibili altre cause e in considerazione del brevissimo lasso temporale tra seconda dose e paralisi.

“Sono stati in grado di escludere ogni altra possibile causa”, dice Scholefield.

Le informazioni sul sito web del British Columbia Center for Disease Control  (BCCDC), ente di farmacovigilanza della provincia canadese della Columbia Britannica, riportano che una rara sindrome neurologica può verificarsi fino a sei settimane dopo la vaccinazione. Gli effetti collaterali possono verificarsi a causa dei vaccini e “la sicurezza del vaccino viene continuamente monitorata per identificare eventuali eventi avversi gravi”.

L’emittente Castanet ha indagato per scoprire quante persone hanno avuto diagnosi di ADEM dopo aver ricevuto il vaccino e l’ente di farmacovigilanza BCCDC ha affermato che “Finora, nessun caso di ADEM è stato segnalato in associazione con i vaccini COVID-19 nella Columbia Britannica”.

“Tutti gli eventi avversi successivi all’immunizzazione segnalati al sistema sanitario della provincia vengono studiati e ulteriormente segnalati al sistema di sorveglianza nazionale”, hanno aggiunto.

“L’ADEM è una condizione molto rara considerata di natura autoimmune e circa 40 casi vengono segnalati ogni anno in Columbia Britannica”, hanno concluso.

Da quando è stato dimesso dall’ospedale, Scholefield ha visto chiunque lo possa aiutare con terapie di medicina alternativa, inclusi un agopuntore, un osteopata, un omeopata, un naturopata, un neurologo quantistico e un terapista del campo elettromagnetico pulsato.

È stato anche sottoposto a trattamenti chemioterapici per aiutare a ridurre il gonfiore alla colonna vertebrale.

“È passato un anno e sto ancora scoprendo come far funzionare le cose, come fare le cose nella vita di tutti i giorni. Alzarsi la mattina è probabilmente la cosa peggiore”, ha detto. “È il momento più difficile. Mi sveglio ogni giorno e dico, ‘Sì, non riesco ancora a sentire le gambe’, e guardo oltre e c’è la sedia a rotelle e poi è come, ok, sì, questo è ancora reale, è ancora vero”.

“Penso che questo sia stato un vaccino imposto dal governo, ho seguito le regole, ho fatto quello che mi è stato detto. E finora, mi sento abbandonato dal governo”.

Scholefield ha presentato domanda al fondo per gli indennizzi in ottobre. Il fondo ha iniziato ad accettare richieste dal 1 giugno 2021. Il governo, nella presentazione del fondo di indennizzo, aveva promesso un risarcimento a tutti coloro che avevano subito una lesione “gravi e permanente” dalla vaccinazione.

Secondo le statistiche del programma fornite sul sito del governo, sono state ricevute 774 richieste dall’inizio del programma fino al 1 giugno 2022.

“Il mio fascicolo è ancora in fase di revisione. E ciò significa che, su base bisettimanale, faccio il check-in e dico “Ehi, dov’è il mio file?” E loro dicono: ‘Sto ancora aspettando.’ E ho chiamato, inviato un’e-mail, seguito, ed è ancora in fase di revisione e per me ci vuole troppo tempo”.

Le ultime statistiche mostrano che 553 richieste di risarcimento sono in corso di raccolta di cartelle cliniche.

Affinché un richiedente dimostri che la lesione è stata causata da un vaccino, un comitato composto da tre medici esamina le cartelle cliniche del richiedente per determinare se esiste un probabile legame tra la lesione e il vaccino.

“Questo processo si basa su protocolli, standard e criteri esistenti di valutazione della causalità riconosciuti a livello internazionale, come quelli stabiliti dal programma di compensazione delle lesioni da vaccino del Québec e dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS)”, afferma il sito Web VISP.

Se esiste un probabile legame tra la lesione e il vaccino, gli esperti medici valuteranno la gravità e la durata della lesione in ciascuna richiesta. Queste informazioni verranno utilizzate per determinare i tipi e i livelli di sostegno finanziario concesso alla richiesta.

Ci sono otto casi che sono stati riconosciuti dal Medical Review Board. A maggio, il danno da vaccino di un uomo di Lake Country è stato riconosciuto dal governo federale per un risarcimento.

“Vorrei ottenere un riconoscimento dal governo, ho seguito le regole. Ho fatto il vaccino imposto dal governo e questo è quello che ho pensato. Non voglio dare la colpa a nessuno”, ha detto Scholefield.

Ha contattato varie persone per far loro sapere cosa fosse successo.

«Sono, sai, i politici locali fino alla dottoressa Bonnie Henry e Adrian Dix, il ministro provinciale della Salute. E non ha risposto, nemmeno un rapido, “Hai contattato il programma di supporto per le lesioni da vaccino”, niente e fino al nostro Ministro federale della salute nessuno si è preso la briga di rispondere, e per me è stato umiliante.”

Castanet ha contattato l’Agenzia per la salute pubblica del Canada per un commento sulla velocità con cui sono processate le richieste di risarcimento dal fondo a tutela dei danneggiati e su come stanno lavorando nella comunicazione con i richiedenti.

Hanno risposto con il commento:

“Non commentiamo casi specifici o situazioni individuali. Ogni richiesta viene trattata caso per caso. L’iter è riservato in modo da proteggere le informazioni personali di tutti i ricorrenti”.

Al 19 marzo 2022, il  CDC della Columbia Britannica ha dichiarato  che ci sono state 11.417.292 dosi di vaccino COVID-19 somministrate e 5.627 eventi avversi COVID-19 a seguito di segnalazioni di immunizzazione, con 416 definite come reazioni avverse gravi.

Scholefield conclude così l’intervista.

“Vorrei ricevere un po’ di supporto e un po’ di riconoscimento con parole come ‘Wow, ovviamente non era quello l’intento’ e che il governo mi dicesse ‘Ti copriamo le spalle e saremo lì per te.’ Questo significherebbe il mondo per me”.

VIDEO- INTERVISTA A JULIAN SCHOLEFIELD

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Feroce il bilancio delle MORTI IMPROVVISE nelle ultime ore. Sono 14 le vittime, il più giovane un ventenne trovato senza vita in casa

Read Next

Studenti universitari colpiti da miocarditi e altre gravi reazioni al vaccino. Il Rettore della prestigiosa Università nega ma spunta un audio-denuncia shock