• Dicembre 5, 2022

La vera “mente” dietro la pandemia e il Grande Reset: il “Profeta” Jacques Attali 

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Come il suo omologo globalista, il leader del World Economic Forum Klaus Schwab, Jacques Attali è l’architetto meno conosciuto che plasma il futuro.

Se non avete mai sentito parlare di Jacques Attali, potrebbe essere intenzionale. Tra gli architetti globalisti, è una figura oscura che non solo influenza il corso della politica francese, ma modella anche il nostro futuro – a livello globale. Jacques Attali è semplicemente un portavoce che presenta i piani per potenti reti globaliste, o potrebbe essere la vera mente dietro il movimento di tutti noi verso un Grande Reset?

Chi è Jacques Attali

Jacques Attali è nato il 1 ° novembre 1943, in Algeria francese. Suo padre, Simon Attali, raggiunse il successo in profumeria con il suo negozio “Bib et Bab” ad Algeri. Ma, come dice la storia, due anni dopo l’inizio della guerra d’indipendenza algerina (1954-1962), Simon Attali decise di trasferirsi a Parigi con la sua famiglia.

Consigliere politico, autore e profeta

Jacques Attali ha studiato presso la Ivy League delle università francesi, conseguendo il dottorato di ricerca in economia presso l’Università Paris Dauphine nel 1972. La sua carriera politica è iniziata durante il suo mandato come professore di economia presso la stessa università. È meglio conosciuto per essere stato consigliere speciale del presidente francese di sinistra François Mitterrand dal 1981 al 1991, ma Attali ha anche diretto la campagna politica di Mitterrand per le elezioni presidenziali del 1974.

Da oltre 45 anni, Jacques Attali è presente nel panorama politico francese. Ha scritto oltre 40 libri, alcuni dei quali potrebbero essere descritti come visioni di utopie colorate e altri come profetici. Attali ha anche co-fondato EUREKA, un programma intergovernativo europeo per le nuove tecnologie, che ha sviluppato, tra le altre cose, l’MP3.

Attualmente è fondatore, presidente e presidente di Positive Planet, un’organizzazione che contribuisce all’agenda globalista 2030 delle Nazioni Unite.” La loro Agenda non è altro che il trionfo della tirannia del governo globale che schiavizza tutta l’umanità definendo questo schema ‘sviluppo sostenibile’ e ‘uguaglianza'”. Come afferma il World Economic Forum, entro il 2030, “Non possederai nulla e sarai felice”.

Previsione Covid

Nel seguente video tradotto da RAIR, lo scrittore francese Paul-Étienne Pierrecourt esamina alcuni degli scritti di Jacques Attali e le sue sorprendenti previsioni che si applicano agli eventi mondiali degli ultimi anni.

Nel suo libro “21st Century Dictionary“, pubblicato nel 1998, Jacques Attali descrive una futura pandemia per stabilire una forza di polizia mondiale che alla fine diventa una potenza planetaria. Evidenzia termini specifici, tra cui la parola “Epidemia”. Inoltre, afferma Attali, “prenderemo misure planetarie di contenimento, che metteranno brevemente in discussione il nomadismo e la democrazia”.

Altri termini descritti da Attali includono “Terapia genetica”, “Terapia genica con nanotecnologie” e “Panico”,

Il motore dei mercati e della democrazia Il panico, il processo simile a una pecora attraverso il quale ognuno imita l’altro per paura di essere emarginato e lasciato indietro, non è un malfunzionamento della civiltà occidentale ma la sua stessa essenza.

La sezione “Prevenzione” è affascinante:

Il primo rischio contro il quale continueremo a volerci proteggere è la malattia. La prevenzione invaderà tutta la nostra esistenza.

Nella sezione Repubblica, affronta un futuro di nazioni senza confini, affermando: “Soprattutto, ciò che rimane particolarmente importante è inventare una repubblica senza territorio, senza muri. Diasporico.” Attali quindi fa perno su “Reddito”, che prevede “Reddito universale” e lavoro da casa tramite “telelavoro”:

Ogni persona avrà forse un giorno il diritto a un reddito dignitoso pagato dallo stato indipendentemente da qualsiasi attività: il reddito universale … Più della metà di tutti i lavoratori non sarà più impiegato … Lavorare da casa tramite telelavoro (home office) rappresenterà la metà di tutti i lavori.

L’uomo dietro i presidenti francesi

Jacques Attali è stato ben accolto al Palazzo dell’Eliseo per oltre quattro decenni. È uno dei consiglieri più influenti di generazioni di presidenti francesi di sinistra, da Francois Mitterrand a François Hollande. Afferma persino di aver “inventato” l’attuale presidente francese, Emmanual Macron.

Macron ha incontrato Attali dopo essersi laureato nel 2004 all’ENA (l’Ecole Nationale d’Administration), una delle più prestigiose grandes écoles del paese e un terreno fertile per i futuri presidenti francesi.

Attali ha giocato un ruolo fondamentale nell’aprire un nuovo capitolo nella vita di Macron, facndogli guadagnare ricchezza e aumentando la sua comprensione del sistema finanziario globale.

Armato di una raccomandazione di Attali, Macron è entrato a far parte di Rothschild & CIE Banque, una banca d’investimento di proprietà di Rothschild & Co. Il giovane Macron è salito rapidamente nei ranghi della banca per diventare un socio amministratore – e un milionario nel processo.

La foto seguente afferma: “Emmanuel Macron? Sono io che l’ho avvistato. L’ho persino inventato. Completamente. Jacques Attali citato dal libro di Anne Fulda intitolato “Emmanuel Macron, un giovane, così perfetto” (2017).

Sulla copertina della rivista francese Liberation, si legge: “Attali, l’altro presidente”.

Jacques Attali e l’ex presidente della Francia Francois Mitterrand
Jacques Attali ed ex presidente della FranciaFrançois
Hollande
Jacques Attali e l’ex presidente della Francia Nicolas Sarkozy
Predice la terza guerra mondiale a partire dall’Ucraina

Attali, in un noto talkshow politico in Francia, ha predetto nel 2014 che la terza guerra mondiale sarebbe iniziata con l’Ucraina. Il video termina con l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy che avverte: “procederemo insieme verso un nuovo ordine mondiale, e nessuno, e intendo nessuno, sarà in grado di opporvisi”.

Guarda la seguente clip tradotta da RAIR Foundation USA:

Il Nuovo Ordine Mondiale

Come il suo omologo globalista, il leader del World Economic Forum Klaus Schwab, Jacques Attali è l’architetto meno conosciuto che plasma il futuro. Tuttavia, il 6 dicembre 2020, l’arcivescovo Vigano indica Attali come l’origine del “Grande Reset” di Schwab. L’arcivescovo Vigano ha scritto quanto segue:

Il 19 novembre 2020, il fondatore del WEF, Klaus Schwab, ha dichiarato che “il Covid è un’opportunità per un reset globale”. In realtà, Schwab stava pedissequamente ripetendo ciò che Jacques Attali aveva detto sul settimanale francese L’Express il 3 maggio 2009.

Nel maggio del 2009, un anno prima dello scenario “LOCKSTEP” della Fondazione Rockefeller, Attali pubblicò un saggio, “Cambiamento, come precauzione”, in cui esprimeva la speranza che la pandemia (influenza aviaria) avrebbe innescato “Paure di ristrutturazione”. Con questo, Attali intende il tipo di paura che innescherebbe una “ristrutturazione della società”. Attali ha scritto: “La storia ci insegna che l’umanità si evolve in modo significativo solo quando ha veramente paura”.

Eutanasia guidata dalla pandemia?

Jacques Attali è anche noto per una famosa citazione errata, che suggerisce di ridurre la popolazione da una pandemia pianificata e di fornire un ” trattamento” mortale. Questa citazione errata è spesso citata con due fonti diverse, il libro di memorie di Attali, “Verbatim” e / o “L’Avenir de la Vie” (Il futuro della vita), un libro di interviste di Michel Salomon.

Durante la sua intervista con Salomon, ad Attali è stato chiesto: “Sarebbe possibile e desiderabile vivere 120 anni?” Dopo la sua lunga risposta, ha suggerito che l’eutanasia potrebbe essere uno strumento per le società future. Tuttavia, ha detto che non ha sostenuto l’uccisione degli anziani, ma ha parlato contro un infinito allungamento della vita.

Armi del futuro

Il libro best-seller di Attali del 2011, “A Brief History of The Future: a brave and controversial look at the twenty-first century” è stato definito “brillante e provocatorio… difficile da respingere” dal pericoloso globalista Henry Kissinger. In un capitolo intitolato “Le armi dell’iperconflitto“, le previsioni di Attali riassumono gli obiettivi del World Economic Forum per rimodellare l’umanità e ottenere il controllo completo su ogni aspetto della nostra vita.

Nei prossimi cinquant’anni, le nuove tecnologie saranno sviluppate dagli eserciti prima di essere utilizzate sul mercato civile. Per esigenze di difesa o di polizia, i governi finanzieranno la ricerca necessaria per la perfezione delle tecnologie di ipersorveglianza e autosorveglianza. Inversamente, queste tecnologie avranno quindi applicazioni civili.

In realtà, queste armi future saranno essenzialmente fondate sul concetto di sorveglianza. Gli eserciti svilupperanno immediatamente infrastrutture digitali di ubiquità nomade, sistemi di sorveglianza per movimenti sospetti, mezzi per proteggere le installazioni strategiche e una rete di intelligence economica. I robot (nascosti in territorio nemico) e i droni (robot volanti) trasmetteranno dati, rileveranno agenti chimici o biologici e fungeranno da esploratori davanti ai distaccamenti di fanteria di fronte ad aree minate o punti ciechi. Il software che simula la battaglia sarà aggiornato in modo permanente il più vicino possibile ai campi di battaglia.

Inoltre, le nuove unità di combattimento saranno integrate con i mezzi di simulazione, sorveglianza e sciopero. Nuove reti e strumenti di ubiquità nomade permetteranno ai combattenti di rimanere connessi e simulare ogni tipo di situazione. L’abbigliamento intelligente servirà a produrre nuove uniformi; nuovi materiali consentiranno di progettare nuovi scudi. Le tecnologie di simulazione tridimensionale aiuteranno a preparare e svolgere missioni di combattimento, mentre i robot funzioneranno come sostituti dei combattenti reali.

I sistemi elettronici (e-bomb) saranno in grado di distruggere le reti di comunicazione e lasciare una forza avversaria cieca e sorda.

I marines svolgeranno un nuovo ruolo nella lotta contro i tracker, nella sorveglianza dell’emigrazione e nella protezione degli stretti strategici. Gli aerei da combattimento non saranno più utili come oggi e perderanno la loro influenza sul pensiero del personale e sui bilanci militari.

Nuove, cosiddette armi convenzionali, saranno tanto più necessarie man mano che le armi non convenzionali (nucleari e altre) diventeranno sempre più diffuse.

[…] Entro il 2040 o il 2050, un totale di oltre quindici paesi possederanno apertamente armi nucleari e i mezzi per consegnarle.

La scarsità di petrolio spingerà anche i paesi più diversi verso la produzione di centrali nucleari civili. Ciò li porterà a utilizzare rifiuti riciclati, noti come MOX, per il carburante, moltiplicando ulteriormente i rischi di proliferazione e anche di “scomparsa” dei rifiuti (durante il trasferimento di questi materiali radioattivi). Tali rifiuti potrebbero quindi essere utilizzati per fabbricare armi radiologiche mescolando scorie nucleari ed esplosivi convenzionali.

Altre armi – chimiche, biologiche, batteriologiche, elettroniche e nanotecnologiche – appariranno quindi. Come per le nuove tecnologie civili che prefigureranno, gli scienziati si sforzeranno di aumentare la loro potenza, la loro miniaturizzazione e la loro precisione. Le armi chimiche saranno in grado di cercare e uccidere i leader senza essere scoperti; le pandemie potrebbero essere pronte per scatenarsi a volontà; braccia genetiche complesse potrebbero un giorno essere dirette specificamente contro determinati gruppi etnici.

Nanorobot piccoli come un mosto di polvere, noto come gelatina grigia, potrebbero svolgere missioni di sorveglianza stealth e attaccare le cellule dei corpi nemici. Poi, una volta che le tecniche di clonazione animale sono progredite, gli animali clonati potrebbero benissimo svolgere missioni: bombe animali viventi.

Queste armi non saranno sviluppate solo nei laboratori militari di paesi potenti, ma anche da grandi imprese, che troveranno nuovi mercati. Come sempre, gli armamenti rimarranno al centro dell’apparato industriale, e fino a quando il super-impero non sarà qui, i mercati pubblici saranno essenzialmente orientati verso il settore degli armamenti.

La maggior parte di queste armi sarà accessibile alle piccole nazioni, ai non stati, ai corsari, ai pirati, ai mercenari, ai maquisardi, alle mafie, ai terroristi e ad ogni tipo di tracker. In un futuro non lontano, ad esempio, sarà possibile realizzare una bomba elettronica per $ 400 da un condensatore, una bobina di filo di rame e un esplosivo. Le armi chimiche, radiologiche e biologiche saranno quindi alla portata di tutti. Uccidere sempre più persone con mezzi rudimentali diventerà una triste possibilità. Nelle città e sui trasporti di massa, l’affollamento moltiplicherà l’efficacia delle armi più primitive.

Infine (e forse soprattutto), poiché nessuna guerra può essere vinta a meno che i popoli che la conducono non la ritengano giusta e necessaria, e a meno che non si mantenga la lealtà dei cittadini e la loro fede nei suoi valori, le armi principali del futuro saranno gli strumenti di propaganda, comunicazione e intimidazione.

Portavoce e venditore globalista

Tra la rete di globalisti, Jacques Attali interpreta il ruolo di un profeta. In un video del 2015 al Louvre e al Theatre Antique di Arles, Attali ha tenuto una lezione di oltre un’ora sul suo libro, accompagnata da estratti di film e performance musicali. Poi, sale sul palco in un grande teatro antico, vestito di bianco; spiega le sue previsioni future.

Attali è il portavoce e il venditore di queste potenti reti globaliste, e il suo ruolo è quello di rivelare ciò che è già pianificato. Fornisce un’ulteriore prova di questa potente rete in un editoriale scritto sull’Express Magazine nel maggio 1998 intitolato “Il triangolo del potere”. Spiega:

Tre entità in una società civile moderna condividono la maggior parte del potere: politico, mediatico e giudiziario. L’equilibrio di questi tre poteri porterà il popolo a respingerli nel loro insieme. Tuttavia, si dovrebbe essere consapevoli che i loro destini sono intrecciati. Politici, giornalisti e magistrati hanno avuto la stessa educazione; condividono gli stessi valori, provengono dagli stessi ambienti sociali. Tuttavia, sono una minoranza nella popolazione. Si salveranno o periranno insieme”.


Ancora una volta, Jacques Attali dimostra le sue capacità precognitive. Nel 2022, gran parte della popolazione sta rifiutando il “Triangolo del Potere”, ma si può essere sicuri che questa minoranza ha già un piano in atto. Come ha detto il signor Attali: “Si salveranno o periranno insieme”.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Muore a soli 13 anni dopo un malore a scuola. Mattia Frigo di Vicenza

Read Next

Il giudice della Corte Suprema del Brasile contro il presidente Bolsonaro e Telegram, blocca l’app di messaggistica per “disinformazione”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock