• Giugno 25, 2024

L’Africa continua a smentire la narrativa globale secondo cui il Covid richiede lockdown e vaccini obbligatori

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


I bassi tassi di infezione e mortalità dell’Africa inizieranno a salire, poiché la maggior parte della popolazione verrà vaccinata in accordo con i consigli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità?

Featured Image

Se i lockdown, le chiusure e altre misure restrittive possano funzionare o meno per ridurre il numero di infezioni e decessi da COVID-19 è stato un argomento di grande dibattito dall’inizio del 2020. Mentre gli esperti sanitari guardano alle statistiche globali, sono stati ostacolati dal basso tasso di infezione e morte in tutto il continente africano sub-sahariano, rispetto alle nazioni industrializzate che hanno utilizzato varie procedure di blocco per contenere la diffusione.

In tutto il mondo, i paesi hanno adottato approcci diversi per affrontare la diffusione di SARS-CoV-2. In un breve documentario pubblicato da CAN films, si confrontano i risultati COVID-19 in Scozia e Svezia. A marzo 2020, la Scozia aveva implementato rigidi blocchi e chiuso scuole e altri luoghi sociali. Le persone sono state minacciate di multe dalla polizia se fossero uscite se non per fare esercizio fisico una volta al giorno, andare al lavoro o comprare cibo.

D’altra parte, la Svezia ha gestito la pandemia in modo diverso rispetto alla maggior parte del globo ed è stata inizialmente diffamata per le restrizioni più flessibili e la mancanza di severe misure di blocco. Nell’ottobre 2020, TIME ha definito la risposta un “disastro”, ma i dati hanno dimostrato che il tasso di mortalità in Svezia era in linea con gli altri anni. In altre parole, i decessi in eccesso che potrebbero essere stati attribuiti a COVID-19 sono stati minimi.

Le informazioni raccolte dai film CAN hanno mostrato che la risposta in Svezia, che ha quasi il doppio della popolazione della Scozia, ha avuto un impatto significativamente minore sull’economia e sulla salute della sua popolazione, così come quasi la metà della percentuale di decessi in eccesso rispetto alla Scozia. La Scozia ha avuto tre lockdown, 64 chiusure scolastiche e un aumento del 54% dell’aumento di peso della popolazione, mentre la Svezia non ha avuto lockdown, nessuna chiusura di scuole e zero aumento di peso.

Il continente africano sub-sahariano ha evitato il COVID-19

Durante la pausa del Ringraziamento 2021, i media hanno diffuso la notizia di una nuova variante COVID-19, soprannominata Omicron, che è stata identificata in Sud Africa. Questa variante è diversa in quanto i medici riportano sintomi “insoliti”, ma lievi, con l’affaticamento che è la conseguenza più comune. In risposta, il resto del mondo ha immediatamente istituito divieti di viaggio da e per il Sudafrica.

È interessante notare che le misure adottate in Africa durante la pandemia sono variate a seconda del paese, ma il tasso di infezione e mortalità è stato relativamente stabile e basso in tutto il continente. Nell’ultimo anno ci sono state segnalazioni di piccole aree del mondo in cui il numero di infezioni, decessi o tassi di mortalità dei casi sono stati significativamente inferiori rispetto al resto del mondo.

Ad esempio, lo Stato indiano dell’Uttar Pradesh ha riportato un tasso di recupero del 98,6% e nessuna ulteriore infezione. D’altra parte, l’intero continente africano sembra aver evitato l’enorme numero di infezioni e decessi previsti per questi paesi scarsamente finanziati e con città sovraffollate.

Le prime stime erano che milioni di persone sarebbero morte quando la pandemia si fosse diffusa in tutta l’Africa. Tuttavia, tale scenario non si è materializzato. Secondo AP News, meno del 6% del continente è vaccinato e l’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l’Africa “una delle regioni meno colpite al mondo”.

In un affollato mercato fuori Harare, AP News ha parlato con Nyasha Ndou, che porta una maschera in tasca. Centinaia di altre persone, per lo più smascherate, erano al mercato. Ndou ha spiegato la maschera in tasca:

“COVID-19 non c’è più, quando hai sentito l’ultima volta di qualcuno che è morto di COVID-19? La maschera è per proteggere la mia tasca. La polizia chiede tangenti, quindi perdo soldi se non mi muovo con una maschera”.

Secondo i dati di WorldoMeter, la popolazione dell’Africa costituisce il 17,46% della popolazione mondiale. Tuttavia, i dati dell’OMS rivelano che i decessi in Africa sono il 3% del totale globale, mentre i decessi nei paesi con una migliore assistenza sanitaria sono molto più alti, come il 46% nelle Americhe e il 29% in Europa.

La Nigeria ha la popolazione più alta in Africa e il governo ha registrato solo 3.000 morti tra i 200 milioni di persone che vivono nel paese. Negli Stati Uniti, AP News riporta che ci sono molti decessi ogni due o tre giorni.

Alcuni blocchi precoci del credito con un basso numero di infezioni

In tutto il mondo, paesi e comunità sono entrati in lockdown per cercare di “appiattire la curva” e rallentare la diffusione del virus. Il Lesotho, il paese senza sbocco sul mare più meridionale del mondo e circondato dal Sudafrica, ha bloccato il proprio paese e i propri confini prima che una sola persona si ammalasse.

Nel marzo 2020, il paese ha dichiarato un’emergenza, chiuso le scuole ed è entrato in un blocco di tre settimane. All’inizio di maggio, il blocco è stato revocato e il paese ha registrato i suoi primi casi confermati. La BBC ha riferito nell’ottobre 2020 che in un paese di 2 milioni di persone hanno registrato 40 morti in cinque mesi e circa 1.700 casi.

Quel numero è salito a 4.137 casi entro gennaio 2021 poiché i cittadini del Sudafrica stavano attraversando il confine durante le festività natalizie. Oltre ai valichi di frontiera, il governo aveva rilasciato le persone in anticipo dalla quarantena per problemi di costi.

Tuttavia, gli esperti ritengono che migliaia di persone abbiano attraversato il confine illegalmente perché non erano in grado di permettersi di pagare per il test COVID-19. In risposta al crescente numero di casi di COVID-19 a gennaio, il primo ministro ha imposto un coprifuoco in luoghi sociali come bar e discoteche alle 8 di sera.

La rapida azione che alcuni paesi hanno intrapreso per bloccare la propria popolazione potrebbe aver rallentato la diffusione del virus nei primi giorni, ma il SARS-CoV-2 ormai è endemico. Ciò significa che è nell’ambiente e nessun blocco eliminerà il virus.

Significa anche che una volta ripresi i lockdown, il virus continuerà a diffondersi, proprio come i virus dell’influenza e del raffreddore. Paesi come il Lesotho che si sono bloccati presto, hanno sperimentato infezioni dopo che il blocco è stato revocato. L’unico vantaggio di appiattire la curva e ridurre il numero di infezioni all’inizio della pandemia era che i medici avrebbero potuto usare il tempo per migliorare i protocolli di trattamento.

Il Dr. Vladimir Zelenko, la Front Line COVID-19 Critical Care Alliance  e per l’Italia Terapia Domiciliare Covid19 e IppocrateOrg, sono esempi di medici e gruppi di medici che hanno sviluppato protocolli di trattamento durante il 2020 che hanno dimostrato di avere successo nel ridurre il numero di individui con malattie gravi o sintomi a lungo raggio.

Fattori che possono influenzare il tasso di infezione

Ci sono diversi fattori che possono influenzare i tassi di infezione in Africa. Nel video qui sopra, il Dr. John Campbell sottolinea la drastica riduzione dei casi di COVID-19 in Giappone iniziata ad agosto, solo 12 giorni dopo che i medici sono stati autorizzati a prescrivere legalmente l’ivermectina ai loro pazienti.

Haruo Ozaki, presidente della Tokyo Medical Association, ha preso atto del basso numero di infezioni e decessi in Africa, dove molti usano l’ivermectina in modo profilattico e come strategia principale per trattare l’oncocercosi , una malattia parassitaria nota anche come cecità fluviale. Più del 99% delle persone infette vive in 31 paesi africani.

Anche altri farmaci comunemente disponibili in Africa hanno dimostrato efficacia contro COVID-19. Ad esempio, l’idrossiclorochina e la clorochina sono state a lungo utilizzate nel trattamento e nella prevenzione della malaria. Zelenko ha pubblicato risultati di successo utilizzando l’idrossiclorochina contro COVID-19.

La malaria è una delle principali cause di morte in molte nazioni in via di sviluppo in Africa. La malattia è innescata da un parassita trasportato da una zanzara femmina infetta e caratterizzato da sintomi simil-influenzali. I ritardi nel trattamento aumentano la gravità della malattia e il rischio di morte. Secondo l’OMS ci sono stati 219 milioni di casi di malaria diagnosticati nel 2017 e il 92% di questi erano nella regione africana.

Infine, l’Artemisia annua, nota anche come assenzio dolce, è un’erba utilizzata nelle terapie combinate per trattare la malaria. È stata usata nella medicina tradizionale cinese per più di 2.000 anni per trattare la febbre. Oggi l’artemisinina, un metabolita dell’artemisia, è l’attuale opzione terapeutica per la malaria. La pianta è stata anche studiata durante l’epidemia di SARS del 2003 per il trattamento dei coronavirus, con buoni risultati.

Come sottolinea la BBC, l’età media nella maggior parte dei paesi africani è molto più bassa che nel resto del mondo. Poiché molti di coloro che sono morti hanno più di 80 anni e l’età media in Africa è di 19 anni, le infezioni hanno molte meno probabilità di provocare la morte. Solo il 3% della popolazione ha più di 65 anni rispetto al 16,9% del Nord America e al 19,2% dell’Europa.

Inoltre, le strutture di assistenza residenziale per gli anziani sono rare nella maggior parte dei paesi africani . Anche il clima può svolgere un ruolo importante per lo sviluppo del COVID: all’inizio della pandemia, i ricercatori dell’Università del Maryland hanno scoperto che c’era una correlazione tra la diffusione di COVID-19 e temperatura, umidità e latitudine. Hanno scoperto che il virus sembra diffondersi meglio quando l’umidità e le temperature scendono.

Inoltre, il clima temperato e i cieli soleggiati come quelli che si vedono in Africa aumentano la probabilità che una popolazione abbia livelli ottimali di vitamina D. I ricercatori hanno scoperto che mantenere livelli ottimali di vitamina D riduce il potenziale di infezione e riduce il rischio di malattie gravi.

Che senso ha la vaccinazione nell’Africa sub-sahariana?

I bassi numeri di COVID-19 nella popolazione dell’Africa sub-sahariana continuano nonostante un tasso di vaccinazione inferiore al 6%. Nel frattempo, i tassi di vaccinazione delle nazioni occidentali sono alle stelle, ma si lotta con l’aumento dei tassi di infezione e mortalità. Con statistiche come questa, perché i funzionari nigeriani sembrano trascurare i bassi numeri e lo stato di salute del paese annunciando che intensificheranno il loro programma di immunizzazione? L’obiettivo è di somministrare la prima dose almeno alla metà della popolazione, prima di febbraio.

In parole povere, il loro target è raggiungere “l’immunità di gregge” in una popolazione che non soffre e non ne necessita.

Oyewale Tomori è un virologo nigeriano che fa parte di diversi gruppi consultivi dell’OMS. Crede che il livello di vaccinazione non debba essere così alto come nel Salim occidentale.

Ma Abdool Karim, un epidemiologo in Sud Africa che ha consigliato il governo in passato su COVID-19, non è d’accordo. Chiede un programma di vaccinazione a tutto tondo per “prepararsi alla prossima ondata”, negando di fatto ciò che è accaduto in Africa negli ultimi 20 mesi. Dice: “Guardando a ciò che sta accadendo in Europa, la probabilità che altri casi si riversino qui è molto alta”.

Quindi, mentre i paesi africani che hanno avuto tassi più bassi di infezione e decessi dall’inizio della pandemia vaccinano sempre più della loro popolazione, non si può fare a meno di chiedersi: una volta che i programmi di vaccinazione saranno attuati, i tassi di mortalità saliranno come hanno fatto in altre aree del mondo in cui i livelli di vaccinazione sono alti?

E se così faranno, come spiegheranno gli “esperti di salute” l’improvviso aumento del numero di infezioni e decessi in un continente che finora ha evitato i livelli pandemici di COVID-19?

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Convulsioni, vomito e febbre alta. Due neonati in gravi condizioni in Brasile. Hanno ricevuto il vaccino covid Pfizer per errore

Read Next

CEO di Pfizer: “Quarte dosi di vaccino Covid necessarie prima del previsto a causa della variante omicron”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock