• Giugno 27, 2022

Convulsioni, vomito e febbre alta. Due neonati in gravi condizioni in Brasile. Hanno ricevuto il vaccino covid Pfizer per errore

Due neonati erano stati ricoverati una settimana fa a Sorocaba, nello Stato di San Paolo in Brasile, dopo la somministrazione per errore del vaccino covid Pfizer. Ora le loro condizioni di salute sono peggiorate. Le Autorità hanno aperto un’inchiesta.

I due neonati, Miguel di quattro mesi e Liz di due mesi, hanno febbre, vomito e convulsioni.

Il 1 dicembre, le madri di Liz e Miguel hanno portato i loro bambini all’UBS (Unità Sanitaria di Base) Nova Sorocaba per ricevere il vaccino pentavalente (contro la difterite, il tetano, la pertosse, l’epatite B e contro il batterio haemophilus di tipo b), raccomandato a 2, 4 e 6 mesi di età.

Un impiegato, però, ha confuso le fiale e gli ha somministrato una dose del vaccino covid. “l’operatore infermieristico che ha effettuato la somministrazione è stato allontanato dalla sala medica fino alla valutazione e verifica delle misure da adottare”, ha informato il Comune di Sorocaba.

Ana Cláudia Mugnos Riello, 32 anni, madre della piccola Liz, dice: “alcune ore dopo l’iniezione, Liz ha iniziato ad avere una febbre molto alta, che non si è fermata. Alle 23, ha iniziato a vomitare senza sosta. L’ho nutrita e lei continuava a vomitare. Abbiamo fatto il bagno e prendere le medicine, ma la febbre non è scesa” .

La mattina dopo, Ana ha portato sua figlia in un centro sanitario, dove ha ricevuto antidolorifici. Nel pomeriggio ha ricevuto una telefonata dall’ambulatorio UBS Nova Sorocaba, dove sua figlia è stata vaccinata e le è stato chiesto di tornare al centro vaccinale con il libretto della figlia.

“Quando sono arrivata, hanno preso la tessera di Liz e sono scomparsi”, dice. Dopo molte insistenze, Ana è stata portata in una stanza “nella parte posteriore” del centro “per allontanarsi dalle altre persone”.

“L’infermiera mi ha chiesto di calmarmi, è venuto il ginecologo, il personale, ma nessuno ha detto niente”, ricorda. Fu allora che il Segretario della Salute di Sorocaba, Vinicius Rodrigues, si presentò di persona per parlare con lei e farle sapere che Liz aveva ricevuto il vaccino Pfizer invece del pentavalente.

“Mi hanno detto che le fiale si assomigliano ed è per questo che l’infermiera si è confusa”, dice Ana. “Ora, cosa ci faceva il vaccino covid insieme al pentavalente?”

La madre di Miguel, Kethilyn Fernanda Monteiro da Silva, casalinga di 19 anni, ha vissuto lo stesso dramma. Dopo aver ricevuto il vaccino, il bambino ha sviluppato una forte febbre per più di 24 ore.

“Alle 18 di giovedì 2 dicembre, mi hanno chiamato al cancello di casa mia. Era il Segretario della Salute di Sorocaba che voleva parlarmi”, racconta Kethilyn.“Mi ha detto che hanno dato il vaccino sbagliato, dal covid. Al momento ero paralizzata, nessuna reazione”.

Dopo aver individuato l’errore, giovedì scorso Liz e Miguel sono stati ricoverati al Gpaci, Grupo de Pesquisa e Assistência ao Câncer Infantil (l’ospedale pediatrico della città).

La madre di Liz, Ana Cláudia Mugnos Riello, afferma che sua figlia ha avuto tre crisi epilettiche, mai avvenute prima.

“Il primo giorno di ricovero, Liz è diventata viola e i suoi occhi hanno cominciato a tremare”, dice Ana. “Il dottore ha detto che ero io quella che era emotiva, nervosa”.

Il giorno dopo l’episodio si è ripetuto. “La pupilla dei suoi occhi si contrae e diventa viola. Ho chiesto aiuto e nessuno ha prestato attenzione. L’altro giorno, è successo di nuovo.”

“Poi l’ho accompagnata lungo il corridoio, è venuto un tecnico infermieristico e ha detto: “Oh, che strano, non l’ho mai visto”, come se stessi mentendo. Ho insistito con il pediatra, che ha chiesto una valutazione neurologica. Il neurologo ha eseguito i test e ha confermato che si trattava di un convulsione”, dice Ana. “Ha detto che indagheranno per scoprire se è correlata al vaccino”.

Da allora, Liz ha ricevuto 24 gocce di fenobarbital, un medicinale per le convulsioni. Ci sono 12 gocce al mattino e 12 alla sera. 

Il team medico ha chiesto una risonanza magnetica, un esame dell’emocromo e un elettroencefalogramma, “ma non hanno programmato la risonanza magnetica perché non ne hanno una in ospedale e devono prenotare altrove tramite il SUS [Single Health System]” , dice la madre. “Quanto tempo aspetterò?”.

Dopo le convulsioni, è stato deciso che Liz resterà in ospedale “a tempo indeterminato”.

La madre di Miguel, Kethilyn Fernanda Monteiro da Silva,, ha visto suo figlio di quattro mesi tremare dalla testa ai piedi.

“Ho chiamato l’infermiera, che ha chiamato un altro, che ha chiamato il pediatra”, dice. “Il medico mi ha detto che potrebbe essere un batterio e che il corpo di Miguel sta reagendo e per questo ha una febbre molto alta”.

“Il dottore mi ha detto che stanno indagando se c’è una relazione con il vaccino”, dice Kethilyn. “Ora gli stanno dando altri farmaci, un analgesico, il dipirone per la febbre (metamizolo) e antibiotici”.

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

I governi avvertono dei problemi cardiaci legati ai vaccini COVID, ma Twitter definisce lo studio “non sicuro”

Read Next

L’Africa continua a smentire la narrativa globale secondo cui il Covid richiede lockdown e vaccini obbligatori