• Febbraio 7, 2023

L’Alta Corte annulla l’ obbligo di vaccinazione “illegale” per polizia e forze dell’ordine in Nuova Zelanda

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


L’Alta Corte ha annullato l’obbligo del vaccino contro il Covid-19 per il personale di polizia e delle forze di difesa.

L’ordine richiedeva che il personale delle Forze di Difesa, gli agenti di polizia, le reclute e gli ufficiali autorizzati ricevessero due dosi del vaccino entro il 1° marzo , o sarebbero stati licenziati.

Meno di 300 degli oltre 31.000 dipendenti interessati dal mandato in tutte le organizzazioni rimangono non vaccinati.

Il 6 gennaio, tre dipendenti non vaccinati hanno chiesto un riesame giudiziario dell’obbligo.

Sono stati supportati da dichiarazioni giurate di 37 dei loro colleghi nella stessa situazione.

Il giudice Cooke ha rilasciato oggi la sua decisione che ha confermato le loro affermazioni che l’ordine di vaccinazione ha violato i

L’ordine richiedeva che il personale delle Forze di Difesa, gli agenti di polizia, le reclute e gli ufficiali autorizzati ricevessero due dosi del vaccino entro il 1° marzo , o sarebbero stati licenziati.

Meno di 300 degli oltre 31.000 dipendenti interessati dal mandato in tutte le organizzazioni rimangono non vaccinati.

Il 6 gennaio, tre dipendenti non vaccinati hanno chiesto un riesame giudiziario del mandato.

Sono stati supportati da dichiarazioni giurate di 37 dei loro colleghi nella stessa situazione.

Il giudice Cooke ha rilasciato oggi la sua decisione che ha confermato che l’ordine di vaccinazione ha violato i loro diritti ai sensi del Bill of Rights Act.

“L’ordinanza limita il diritto di essere liberi di rifiutare le cure mediche riconosciute dal Bill of Rights Act della Nuova Zelanda (anche a causa della limitazione del diritto delle persone a rimanere occupate) e limita il diritto di manifestare convinzioni religiose per coloro che rifiutano di essere vaccinati perché il vaccino è stato testato su cellule derivate da un feto umano e il che è contro le loro convinzioni religiose”, ha affermato il giudice Cooke.

Ha sottolineato che la decisione della corte non ha influito su nessun altro obbligo sui vaccini né sulle politiche di vaccinazione interne della polizia o delle forze di difesa.

“In sostanza, l’ordinanza che obbliga le vaccinazioni per la polizia e il personale dell’NZDF è stata imposta per garantire la continuità dei servizi pubblici e per promuovere la fiducia del pubblico in tali servizi, piuttosto che per fermare la diffusione del Covid-19. In effetti, la consulenza sanitaria fornita al governo era che non erano necessari ulteriori obbighi per limitare la diffusione del Covid-19. “Non sono soddisfatto che la continuità di questi servizi sia materialmente anticipata dall’obbligo”, ha affermato.

“Il numero effettivo del personale interessato – 164 agenti di polizia e 115 dipendenti dell’NZDF è molto ridotto rispetto alla forza lavoro complessiva di oltre 15.000 per ciascuno dei poliziotti e dell’NZDF. Inoltre non ci sono prove che questo numero sia diverso dal numero che sarebbe sono rimasti non vaccinati e impiegati se la questione fosse stata semplicemente affrontata dalle politiche interne sui vaccini preesistenti applicate dalla polizia e dall’NZDF.Non ci sono prove concrete che questo numero di personale influisca materialmente sulla continuità dell’NZDF e dei servizi di polizia.

“Covid-19 implica chiaramente una minaccia alla continuità dei servizi di polizia e NZDF. Questo perché la variante Omicron in particolare è così trasmissibile. Ma quella minaccia esiste sia per il personale vaccinato che non vaccinato. Non sono soddisfatto che l’ordine renda materiale differenza, anche a causa della perizia dinanzi al tribunale sugli effetti della vaccinazione sul Covid-19 comprese le varianti Delta e Omicron.

“Dovrei chiarire di cosa non tratta questo caso. L’ordinanza annullata nel presente caso non è stata attuata allo scopo di limitare la diffusione del Covid-19. Il parere della salute era che tale ulteriore obbligo non era necessario. La conclusione del tribunale non deve essere intesa nemmeno come una questione di efficacia e importanza della vaccinazione. L’evidenza mostra che la vaccinazione migliora significativamente le prospettive di evitare malattie gravi e morte, anche con la variante Omicron. Conferma l’importanza di una dose di richiamo data la effetto calante delle prime due dosi del vaccino.

“Ma l’ordinanza emessa nella presente causa è comunque illegittima ed è annullata”.

Ai ricorrenti sono state assegnate le spese.

La sentenza ha implicazioni per gli obblighi vaccinali più in generale, perché gli obblighi non hanno più senso nell’era Omicron e dovrebbero essere gradualmente eliminati dopo il picco dell’epidemia.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

AGGIORNATO: Quante persone stanno uccidendo i vaccini?

Read Next

Perché i media mainstream e le agenzie sanitarie governative stanno pompando sempre più paura per l’AIDS?

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock