• Novembre 27, 2022

Grande allarmismo sulle “varianti”, quando il vero dramma sono gli eventi avversi

di Children’s Health Defense

Mentre i funzionari della sanità pubblica fomentano la paura per l’ultima nuova variante COVID, gli esperti avvertono che i vaccini stanno danneggiando e uccidendo i giovani con numeri allarmanti.

Molti esperti sono preoccupati per il cuore allarmante e altri problemi di salute atipici che stanno aumentando in tutto il mondo nelle fasce di età più giovani, e in particolare nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Giusto in tempo per le vacanze di fine anno, i funzionari dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e i loro media servili, hanno tirato fuori una nuova storia dell’orrore su una presunta “variante” COVID.

La loro speranza è che il clamore indirizzato sulle “varianti” distragga il pubblico dal vero incubo che ci sta svolgendo: un aumento record della mortalità per tutte le cause che si diffonde in modo anomalo: insufficienza cardiaca, malattie cardiache, condizioni circolatorie e ictus – associati ai vaccini sperimentali COVID.

I resoconti dei media riconoscono la crescente ondata di “morti extra non COVID” e ” pazienti gravemente malati” che brulicano nei reparti di emergenza, affermano anche che i pazienti “si presentano in ospedale in condizioni molto più gravi di quanto [il personale Er abbia mai visto] e sono più giovani del solito.

Tuttavia, pur ammettendo che i sintomi insoliti dei pazienti – dolore addominale, coaguli di sangue, condizioni cardiache e formicolamento delle estremità – non siano correlati al COVID, i funzionari sanitari affermano che “nessuno sa perché” si stianno verificando.

Per altri,la spiegazione è ovvia. “Questi sono esattamente i disturbi che ci si aspettava di vedere, se si fosse iniettato a milioni di persone, un generatore di coaguli che innesca una violenta risposta immunitaria che attacca il rivestimento interno dei vasi sanguigni, infliggendo gravi danni alle infrastrutture critiche del corpo” ha dichiarato Mike Whitney di The Unz Review,

Lo specialista pediatrico dell’UCLA J. Patrick Whelan, M.D., Ph.D., aveva lanciato alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti un ampio monito su questo stesso scenario nel dicembre 2020.

A quel tempo, Whelan era già profondamente preoccupato per il rischio di “danni duraturi o addirittura permanenti al cervello o alla microvascolarizzazione cardiaca” da coagulazione e infiammazione indotte dai vaccini a base di proteine spike.

A luglio 2021, il medico canadese Dr. Charles Hoffe si è dichiarato completamente d’accordo. L’esperienza di Hoffe con i pazienti vaccinati contro COVID ha indicato che non solo la “diffusa coagulazione microscopica del sangue” è un risultato praticamente “inevitabile” con i vaccini a mRNA, ma che “il peggio”, con ogni probabilità, “deve ancora venire”.

Il medico sudafricano Dr. Shankara Chetty ha recentemente definito la proteina spike sintetica dei vaccini “uno dei veleni più artificiosi che l’uomo abbia mai fatto”.

Cuori spezzati

Molti esperti sono preoccupati per i problemi di salute atipici che stanno aumentando in tutto il mondo nelle fasce di età più giovani, e in particolare nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Il medico britannico Dr. Clare Craig ha dichiarato alla stampa alla fine di novembre: “Le morti in eccesso che stiamo vedendo sono morti circolatorie – sono ictus e attacchi di cuore – e sono molto più frequenti nei giovani che nei gruppi di età più avanzata”.

Craig ha anche osservato che “qualcosa di molto anomalo sta accadendo quest’anno tra i maschi di età tra i 15 ei 19 anni”.

Un articolo di LifeSiteNews ha spiegato la situazione in modo più esplicito: “Sono i giovani che stanno sopportando il peso dei danni da vaccino”.

Gli adolescenti americani più giovani hanno iniziato a segnalare problemi cardiaci “gravissimi” e altri danni, quasi immediatamente dopo che fda e CDC hanno esteso l’uso di emergenza del vaccino COVID di Pfizer agli adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni lo scorso maggio.

I report del Regno Unito hanno evidenziato l’“aumento improvviso nelle chiamate che richiedono un’ambulanza a causa di arresto cardiaco o perdita di coscienza” a seguito del lancio del vaccino COVID nei giovani adulti e alla popolazione di età inferiore ai 18 anni.

A partire dal 12 novembre, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) aveva ricevuto più di 25.000 segnalazioni di danni o decessi a seguito della vaccinazione COVID in individui dai 12 ai 17 anni.

Decine di notizie hanno documentato crolli improvvisi e attacchi cardiaci fatali in questa fascia di età.

Le analisi dei dati VAERS dei dottori Jessica Rose e Peter McCullough indicano che entro otto settimane dal lancio del vaccino per i 12-15 anni, negli adolescenti più giovani si stavano verificando 19 volte in più, di casi di miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) rispetto al “tasso di fondo” pre-COVID della miocardite per quella fascia di età.

Ulteriori analisi dei dati VAERS di Steve Kirsch (fondatore del COVID-19 Early Treatment Fund) hanno determinato che i ragazzi adolescenti vaccinati contro COVID (età 16-17) potrebbero mostrare tassi di miocardite elevati fino a 1.000 volte maggiori.

Ma la vaccinazione COVID sta colpendo in modo sproporzionato anche i giovani adulti tra i 20 ei 30 anni. Tra i 18 ei 39 anni, dal 57% al 61% è segnalato per essere completamente vaccinato – significativamente meno dell’85% all’89% degli americani completamente vaccinati di età pari o superiore a 65 anni.

Eppure, entro il 19 novembre, VAERS includeva più di 213.000 segnalazioni di danni o decessi correlati al vaccino COVID per la fascia di età dai 18 ai 39 anni (oltre il 23% degli oltre 913.000 eventi avversi totali segnalati), mentre la fascia di età altamente vaccinata di età superiore ai 65 anni rappresentava il 18% del totale (circa 169.000).

Il database degli eventi avversi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità mostra che i 2/5 (41%) dei danni segnalati si sono verificati nelle fasce più giovani.

Cosa insegna la storia delle vaccinazioni

Mentre la conclusione di Rose e McCullough è che i rischi cardiaci a seguito della vaccinazione COVID sono “marcatamente più alti … che per altri vaccini noti”, le complicanze cardiache della vaccinazione in generale non sono nuove.

I foglietti illustrativi dei vari vaccini per l’infanzia elencano una serie di potenziali problemi cardiaci che includono dolore toracico, ipotensione, miocardite, palpitazioni, tachicardia e morte.

In effetti, le morti cardiache improvvise nei giovani hanno iniziato a crescere notevolmente nei primi anni 2000 – più o meno nello stesso periodo in cui il CDC ha imposto nuovi vaccini nel programma pediatrico.

La nuova normalità

Non turbati dall’indecenza scientifica della loro decisione di vaccinare gli adolescenti, o dagli eventi avversi che emergono dai dati VAERS e altri database di sorveglianza dei vaccini, FDA e CDC hanno scelto di espandere l’autorizzazione di emergenza di Pfizer ai bambini dai 5 agli 11 anni all’inizio di novembre, con l’Unione Europea che ha rapidamente seguito l’esempio.

La stampa e la comunità medica stanno ora tentando di normalizzare ictus e attacchi di cuore nei bambini piccoli, negli adolescenti e negli atleti.

In effetti, piuttosto che notare che molti dei giovani atleti sani che sono crollati – e, in alcuni casi, sono morti – durante gli eventi sportivi del 2021 avevano recentemente ricevuto vaccini sperimentali covid, gli esperti di comunicazione stanno rincarando l’affermazione che “farsi vaccinare è probabilmente la prima cosa [per i giovani atleti] a cui pensare”.

Nel frattempo, si stima che il 10% dei bambini dai 5 agli 11 anni negli Stati Uniti abbia già ricevuto almeno una dose di vaccino COVID. Troppo tristemente e prevedibilmente, i report VAERS stanno aumentando per quella fascia di età – 444  tra il 1 e il 12 novembre e altri 1.426 report ricevuti prima di novembre, alla voce: “prodotto somministrato a pazienti di età inappropriata”.

Come LifeSite News ha tristemente ipotizzato all’inizio di novembre,“è difficile non ipotizzare … impennate di report VAERS, casi di studio e notizie su bambini di – cinque, sei e sette anni – che improvvisamente sono vittime di attacchi di cuore nei parchi giochi e cadono al suolo con emorragie cerebrali e trombosi”.

D’altra parte, il 90% dei bambini nella fascia di età più giovane minacciosamente presa di mira in questo momento, rimane per ora non vaccinata, e i resoconti delle notizie suggeriscono che i numeri potrebbero rimanere bassi.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

29enne muore per tromboembolia polmonare il 28 novembre, 6 giorni dopo il vaccino Moderna. Il 25 novembre scriveva su Facebook: “Ho fatto il vaccino, da ieri non riesco a respirare”

Read Next

Concetta Sciacca, morta a 49 anni a Palermo per emorragia cerebrale il 10 novembre dopo la seconda dose di Moderna. La denuncia disperata della madre Emilia Scherma su Facebook