• Febbraio 7, 2023

L’Alta Corte di Giustizia dei Paesi Baschi annulla il Green Pass. “Nessuna prova scientifica”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il passaporto Covid ha cessato di essere obbligatorio ieri nei Paesi Baschi per accedere ai luoghi in cui è stato richiesto da metà dicembre: alberghi, eventi culturali in aree chiuse, centri sportivi, palestre, competizioni sportive in strutture chiuse con più di 100 partecipanti e per visite a ospedali, residenze o carceri. Tuttavia, non scompare completamente. È ancora necessario accedere a locali notturni e ristoranti con capacità consentita per più di 50 commensali, poiché ha iniziato a essere richiesto in un primo momento il 4 dicembre.

Il ritorno allo scenario precedente arriva dopo che l’Alta Corte di Giustizia dei Paesi Baschi (TSJPV) ieri ha respinto la richiesta del governo basco di applicare il decreto del 14 dicembre, che estendeva a nuove aree l’ordinanza del 17 novembre che rendeva obbligatorio il pass sanitario solo per la vita notturna e i ristoranti ad alta capacità.

Premesso che ciò che viene respinto è l’estensione del decreto a nuove aree, la situazione è di nuovo come quella di fine novembre: il passaporto Covid è nuovamente richiesto solo nei grandi ristoranti e nei locali destinati a offrire attività di svago e ballo, come discoteche o karaoke. Anche in pub e bar speciali del gruppo III dalle ore 22.00. Questo ordine sarà attivo fino a quando il tasso di incidenza nei Paesi Baschi sarà pari o superiore a 150 casi per 100.000 abitanti in 14 giorni.

I giudici hanno inoltre vietato che l’uso del certificato sia esteso agli hotel, alle strutture ricettive turistiche e alle sale da gioco e scommesse, come richiesto anche dall’esecutivo di Iñigo Urkullu.

I magistrati della Camera di contenzioso amministrativo del TSJPV Luis Ángel Garrido, José Antonio González e Irene Rodríguez sostengono tre motivi principali per respingere la proroga del decreto: che le infezioni sono in calo, che il governo basco non ha sufficientemente giustificato la necessità di estenderlo tenendo conto delle caratteristiche particolari della variante «ómicron», e che la dose di richiamo è già diffusa tra la popolazione di età superiore ai 18 anni e, quindi, i livelli di protezione della società sono superiori a quelli di altri tempi.

“Nessuna prova scientifica”

Inoltre, aggiungono che le prove scientifiche relative all’idoneità della misura “non sono unanimi”, come dimostra il fatto che vi sono comunità in cui il certificato non è stato richiesto in nessun momento (Madrid, Estremadura, Castiglia-La Mancia e Castilla y León) e altre, come le Asturie, la Cantabria o la Catalogna, che ne hanno fatto a meno, senza che vi siano dati che dimostrino che il pass sanitario serva a ridurre le infezioni. “I dati di incidenza di queste comunità sono disparati”, sottolinea l’ordine a questo proposito.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

La Corte Suprema della Repubblica Ceca annulla il pass vaccinale, “Non si può obbligare indirettamente alla vaccinazione”

Read Next

Quattro professori di chimica hanno posto domande a BioNTech ma le risposte “vaghe e irritanti” sollevano nuove importanti domande

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock