• Dicembre 4, 2022

Le grandi aziende alimentari stanno già aggiungendo grilli e altri INSETTI in barrette, biscotti e snack. Ma siamo certi che non rappresentino un pericolo per la salute? STUDI

 Occorre fare attenzione nell’acquisto di “alimenti salutari” poiché alcune aziende hanno già iniziato ad aggiungere tranquillamente “farina” di grilli e altri ingredienti a base di insetti a prodotti etichettati come “sostenibili” e “nutrienti”.

Una società chiamata Actually Foods sta commercializzando un prodotto, i Cheddar Cheese Puffs che contiene “farina di grilli biologica” nella lista degli ingredienti. Il prodotto, che proviene dal Canada, è etichettato come “nutriente”, “sostenibile” e “delizioso”.

Il prodotto Cheddar Cheese Puffs di Actually Foods è definito come ricco di proteine perché “contiene grilli” – il messaggio che passa è che i grilli siano un “superfood”.

Si scopre poi che Entomo Farms, la società madre di Actually Foods, è impegnata nella mission di “rendere gli alimenti a base di grilli la prima scelta per le persone interessate a proteine sostenibili e di alta qualità“. L’azienda offre un’intera linea di prodotti a base di insetti, tra cui proteine di grilli in polvere e grilli tostati interi, sia in versione normale che “biologica”.

Exo Protein’s Savory Meal Bar è un altro prodotto alimentare che contiene farina di grilli come fonte proteica. Il concorrente Snowpiercer offre anche una “barretta proteica di grilli” che viene commercializzata come prodotto alimentare salutare.

Un altro marchio chiamato Human Improvement (hi!), offre una polvere proteica di grilli che contiene “fibre pazzesche” e altri “ingredienti unici“.

L’azienda afferma che la sua polvere di insetti è “vero cibo” che è ottimo “per i muscoli” e non causa gonfiore. Mira ad essere un sostituto delle proteine del latte di capre e mucche.

Poi abbiamo i Chocolate Chirp Cookies” di Hoppy Planet Foods, che sono etichettati sulla parte anteriore della confezione come contenenti “il triplo delle proteine” rispetto ai normali biscotti con gocce di cioccolato.

Ciò che non è evidente dalla parte anteriore della confezione è il fatto che i biscotti al cioccolato contengano ingredienti a base di grilli che non sono prominenti a prima vista. Questo è uno dei marchi più ingannevoli che sembra cercare di nascondere il contenuto di insetti ai clienti.

Roberts Bakery nel Regno Unito offre pane con insetti che contiene carcasse di grillo essiccate e macinate nella farina. Il risultato è “una deliziosa pagnotta gustosa con un finale croccante“.

Inoltre, i grilli sono ora nel menù di alcune scuole pubbliche in Galles, un altro paese attenzionato dai globalisti del World Economic Forum (WEF).

“La popolazione mondiale raggiungerà i 9,7 miliardi di persone entro il 2050. Ciò significa che, nonostante solo il 4% della terra arabile rimanga disponibile sulla superficie del nostro pianeta, altri 2 miliardi di esseri umani dovranno essere nutriti”, ha scritto il WEF in un articolo pubblicato l’anno scorso.

Il WEF continua spiegando come gli esseri umani e gli animali domestici potranno probabilmente vivere di diete a base di insetti, con farina di vermi, che sono più “carbon-friendly” rispetto alle tradizionali fonti di proteine.

Ma, disgusto a parte, siamo certi che questi nuovi alimenti non siano pericolosi per la salute umana?

Sull’argomento si legge un po’ di tutto, noi ci siamo concentrati su solo alcune (delle tante) pubblicazioni scientifiche accreditate che trattano questo argomento. Se è vero che non emerge la certezza che una dieta alimentare a base di insetti possa risultare fatale per i consumatori, di contro TUTTI gli studi che abbiamo esaminato invitano a una particolare prudenza nel consumo e nella commercializzazione di prodotti a base di insetti proprio per questioni inerenti la salute, ma soprattutto evidenziano una grande lacuna nella conoscenza sviluppata fino a questo momento e la necessità di approfondire gli studi per poter valutare il rischio associato all’ingestione di prodotti alimentari contenenti insetti.

Chitina

La chitina, scoperta dal chimico e farmacista francese Henri Braconnot nel 1811, è un polisaccaride ed è uno dei principali componenti dell’esoscheletro degli insetti e di altri artropodi, della parete cellulare dei funghi, del perisarco degli idroidi ed è presente anche nella cuticola epidermica, in altre strutture superficiali di molti altri invertebrati e nella parete cellulare di alcune microalghe marine.

Le complesse proprietà della chitina, componente dell'esoscheletro degli  insetti e degli artropodi - Accademia dei Georgofili

La chitina, un polisaccaride con particolare abbondanza di funghi, nematodi e artropodi è immunogenica.

 “In linea con la regola di base della sopravvivenza, le chitine e le chitinasi di auto-origine (componente del proprio corpo) sono protettive, ma quelle di origine non autonoma (da altri organismi) sono dannose per la salute. Le chitine esogene e le chitinasi provocano l’immunità innata umana per generare un diluvio di citochine infiammatorie, che feriscono gli organi (portando ad asma, dermatite atopica ecc.), e in situazioni persistenti portano alla morte (sclerosi multipla, lupus eritromatoso sistemico (LES), cancro, ecc.). Sfortunatamente, l’ipersensibilità stimolata dalla chitina-chitinasi è una causa comune di allergia professionale. D’altra parte, la chitina e il suo derivato deacetilato chitosano si stanno dimostrando sempre più utili nelle applicazioni farmaceutiche, agricole e di biocontrollo. Questa revisione critica discute il complesso nesso tra chitina e chitinasi e valuta sia i loro aspetti patogeni che quelli utilitaristici”.

Link allo studio: Chitin and chitinase: Role in pathogenicity, allergenicity and health – PubMed (nih.gov)


Allergeni da insetti commestibili: cross-reattività ed effetti della lavorazione- STUDIO

Questo studio valuta i potenziali rischi in termini di reazioni allergiche, legati alla recente introduzione di insetti commestibili nei paesi occidentali.

“La recente introduzione di insetti commestibili nei paesi occidentali ha sollevato preoccupazioni sulla loro sicurezza in termini di reazioni allergeniche. La caratterizzazione degli allergeni degli insetti, i meccanismi di sensibilizzazione e cross-reattività e gli effetti della lavorazione degli alimenti rappresentano informazioni cruciali per la valutazione del rischio.

Risultati recenti: Sono state descritte reazioni allergiche a diversi insetti e cross-reattività con crostacei e allergeni inalanti, con l’identificazione di nuove proteine leganti le IgE oltre a noti pan-allergeni. A seconda della via di sensibilizzazione, sembrano essere coinvolti diversi potenziali allergeni. La lavorazione degli alimenti può influenzare la solubilità e l’immunoreattività degli allergeni degli insetti, con risultati a seconda della specie e del tipo di proteine. L’idrolisi chimico/enzimatica, in alcuni casi, abolisce l’immunoreattività. Sono necessari ulteriori studi basati su soggetti con un’allergia agli insetti confermata per identificare gli allergeni maggiori e minori e il ruolo della via di sensibilizzazione. Gli effetti della lavorazione devono essere ulteriormente studiati per valutare il rischio associato all’ingestione di prodotti alimentari contenenti insetti“.

Link allo studio: Allergens from Edible Insects: Cross-reactivity and Effects of Processing – PubMed (nih.gov)


Allergia agli insetti (alimentari) e allergeni- STUDIO

Questo studio ha l’obiettivo di fornire una panoramica dei casi che riportano allergia a seguito dell’ingestione di insetti, studi sull’allergia alimentare agli insetti, proteine coinvolte nell’allergia agli insetti, comprese le proteine cross-reattive, e la possibilità di alterare il potenziale allergenico degli insetti mediante la lavorazione e la digestione degli alimenti. Prende in considerazione lo sviluppo di candidati vaccini per trattare eventuali allergie:

“Gli insetti rappresentano un’alternativa per carne e pesce nel soddisfare la crescente domanda di fonti sostenibili di nutrizione. Circa due miliardi di persone a livello globale consumano insetti. Sono particolarmente popolari in Asia, America Latina e Africa. La maggior parte delle ricerche sull’allergia agli insetti si è concentrata sull’allergia professionale o per inalazione. La ricerca sulla sicurezza alimentare degli insetti, compresa l’allergenicità, è quindi di grande importanza. L’obiettivo di questa revisione è fornire una panoramica dei casi che riportano allergia a seguito dell’ingestione di insetti, studi sull’allergia alimentare agli insetti, proteine coinvolte nell’allergia agli insetti, comprese le proteine cross-reattive, e la possibilità di alterare il potenziale allergenico degli insetti mediante la lavorazione e la digestione degli alimenti. L’allergia alimentare agli insetti è stata descritta per baco da seta, verme della farina, bruchi, Bruchus lentis, verme sago, locusta, cavalletta, cicala, ape, Clanis bilineata e l’additivo alimentare carminio, che deriva dagli insetti femmina dactylopius coccus. Per gli scarafaggi, che sono anche insetti commestibili, sono stati descritti solo studi sull’allergia per inalazione. Sono stati identificati vari allergeni di insetti tra cui tropomiosina e arginina chinasi, che sono entrambi pan-allergeni noti per la loro cross-reattività con proteine omologhe nei crostacei e negli acari della polvere domestica. La cross-reattività e/o la co-sensibilizzazione della tropomiosina degli insetti e dell’arginina chinasi sono state dimostrate in pazienti allergici agli acari della polvere domestica e ai frutti di mare (ad es. gamberi, gamberetti). Inoltre, molte altre specie (allergeniche) (vari insetti non commestibili, aracnidi, acari, frutti di mare, mammiferi, nematodi, trematodi, piante e funghi) sono state identificate con l’analisi dell’allineamento della sequenza per mostrare la potenziale cross-reattività con gli allergeni degli insetti commestibili. È stato anche dimostrato che il trattamento termico e la digestione non eliminavano l’allergenicità delle proteine degli insetti. Sebbene gli allergeni naturali purificati siano scarsi e le rese siano basse, gli allergeni ricombinanti di scarafaggi, bachi da seta e pannocchia indiana sono prontamente disponibili, offrendo opportunità per future ricerche su test diagnostici allergologici e candidati vaccini“.

Link allo studio: Insect (food) allergy and allergens – PubMed (nih.gov)


Rischi allergici del consumo di insetti commestibili: una revisione sistematica-STUDIO

“La domanda futura prevista di alimenti e proteine di origine animale richiederà nuove fonti alimentari rispettose dell’ambiente con un alto valore nutrizionale. Gli insetti possono essere una di queste nuove fonti di cibo. Tuttavia, è necessaria una valutazione dei rischi associati al loro consumo, compresi i rischi allergici. Pertanto, abbiamo eseguito una revisione sistematica con l’obiettivo di analizzare i dati attuali disponibili per quanto riguarda i rischi allergici del consumo di insetti. Abbiamo esaminato tutti i casi segnalati di allergia alimentare agli insetti e studiato la possibilità di cross-reattività e co-sensibilizzazione tra insetti commestibili, crostacei e acari della polvere domestica. Abbiamo analizzato un totale di 25 articoli – otto che valutano la cross-reattività/co-sensibilizzazione tra insetti commestibili, crostacei e acari della polvere domestica; tre allergeni caratterizzanti negli insetti commestibili e 14 casi clinici, che descrivono serie di casi o studi di prevalenza di allergia alimentare causata da insetti.

La cross-reattività/co-sensibilizzazione tra insetti commestibili e crostacei sembra essere clinicamente rilevante, mentre non è ancora noto se la co-sensibilizzazione tra acari della polvere domestica e insetti commestibili possa portare a un’allergia alimentare. Inoltre, sono necessarie ulteriori informazioni sui meccanismi molecolari alla base dell’allergia alimentare agli insetti, sebbene i dati attuali suggeriscano che un ruolo importante è svolto dai pan-allergeni artropodi come la tropomiosina o l’arginina chinasi”

Link allo studio: Allergic risks of consuming edible insects: A systematic review – PubMed (nih.gov)


Caratterizzazione di Escherichia coli da specie di insetti commestibili- STUDIO

Gli insetti come nuovi alimenti stanno guadagnando popolarità in Europa. Il regolamento (UE) 2015/2283 ha definito il quadro per il processo di domanda per commercializzare gli insetti alimentari negli Stati membri, ma i potenziali pericoli sono ancora in fase di valutazione. Lo scopo di questo studio è stato quello di studiare campioni di specie di insetti commestibili per la presenza di Escherichia coli (STEC) resistente agli antimicrobici e produttrice di tossina Shiga. Ventuno isolati di E. coli, recuperati da campioni di cinque diverse specie di insetti commestibili, sono stati sottoposti a test di suscettibilità antimicrobica, filotipizzazione basata sulla PCR e analisi di macrorestrizione. La presenza di geni associati a resistenza antimicrobica o virulenza, tra cui stx1, stx2 ed eae, è stata studiata dalla PCR. Tutti gli isolati sono stati sottoposti a sequenziamento del genoma, tipizzazione della sequenza multilocale e previsione del sierotipo. Gli isolati appartenevano al gruppo filogenetico A, comprendente principalmente E. coli commensale, o al gruppo B1. Un isolato di O178:H7, recuperato da un campione di Zophobas atratus, è stato identificato come STEC. Un singolo isolato era resistente alle tetracicline e portava il gene tet(B).

Nel complesso, questo studio dimostra che STEC può essere presente negli insetti commestibili, rappresentando un potenziale rischio per la salute. Al contrario, il basso tasso di resistenza tra gli isolati indica un basso rischio per la trasmissione di E. coli resistente agli antimicrobici ai consumatori”

Link allo studio: Characterization of Escherichia coli from Edible Insect Species: Detection of Shiga Toxin-Producing Isolate – PubMed (nih.gov)


Isolamento e caratterizzazione proteomica della tropomiosina estratta da proteine di insetti commestibili – STUDIO

Gli insetti commestibili sono considerati promettenti fonti proteiche sostenibili. I trattamenti termali e la proteolisi sono comunemente usati per migliorarne la sicurezza e la qualità. Tuttavia, la loro allergenicità rimane per lo più inesplorata. La tropomiosina, un importante pan-allergene degli insetti, può essere utilizzata per studiare gli effetti di elaborazione sulla sua immunoreattività. In questo studio, la precipitazione selettiva è stata utilizzata per estrarre la tropomiosina dai grilli riscaldati e trattati con proteasi. L’immunoinformatica ha predetto 31 regioni epitopiche, mentre l’analisi proteomica ha suggerito una diminuzione delle quantità di regioni epitopiche intatte nei grilli riscaldati / trattati con proteasi a microonde. Le sequenze peptidiche di tropomiosina sono state identificate in maggiore abbondanza in campioni riscaldati per convezione. Infine, l’immunoreattività della tropomiosina mediante immunoblotting ed ELISA, ha rivelato che i trattamenti con proteasi sotto riscaldamento a microonde avevano una minore (p < 0,05) IgE e IgG reattività. Sulla base dei risultati, la lavorazione degli insetti utilizzando la proteolisi e il riscaldamento a microonde potrebbe essere efficace per generare ingredienti proteici di grilli ipoallergenici. L’uso della proteomica e della bioinformatica si è rivelato uno strumento utile per comprendere l’impatto dell’elaborazione sulla reattività allergenica delle proteine degli insetti”.

Link allo studio: Isolation and proteomic characterization of tropomyosin extracted from edible insect protein – PubMed (nih.gov)


Caratteristiche tossicologiche degli insetti commestibili in Cina: una rassegna storica -STUDIO

“Gli insetti commestibili sono fonti di cibo ideali, che contengono importanti nutrienti e composti che promuovono la salute. Con un rapido sviluppo dell’allevamento industriale di insetti, il cibo derivato dagli insetti è un’industria alimentare nuova ed emergente. Gli insetti commestibili sono stati tradizionalmente consumati in varie comunità, mentre guadagnano continuamente rilevanza nella società di oggi; tuttavia, attualmente rimangono sottoutilizzati. Sebbene ci sia un gran numero di letteratura sugli insetti commestibili, questa letteratura si concentra principalmente sul valore nutrizionale degli insetti commestibili. I dati di valutazione della tossicità degli insetti commestibili rimangono incompleti, soprattutto per la nuova norma nazionale attualmente in vigore; e molti dati e conclusioni non sono accuratamente specificati/riportati. Pertanto, abbiamo eseguito una revisione della letteratura e riassunto i dati sulla valutazione tossicologica degli insetti commestibili in Cina. La revisione descrive prima i progressi della ricerca sulla valutazione tossicologica della sicurezza e poi offre riferimenti riguardanti lo sviluppo di 34 specie di insetti commestibili in Cina. Questi dati possono essere una piattaforma per lo sviluppo di future strategie di valutazione tossicologica, che possono essere svolte da un team multidisciplinare, eventualmente composto da ingegneri alimentari, agronomi, agricoltori e così via, per migliorare l’accettabilità degli insetti commestibili”.

Link allo studio: Toxicological characteristics of edible insects in China: A historical review – PubMed (nih.gov)


Una valutazione parassitologica degli insetti commestibili e del loro ruolo nella trasmissione di malattie parassitarie all’uomo e agli animali – STUDIO

“Dal 1° gennaio 2018 è entrato in vigore il Regolamento (UE) 2015/2238 del Parlamento europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015, che introduce il concetto di “nuovi alimenti“, compresi gli insetti e le loro parti. Una delle specie di insetti più comunemente usate sono: vermi della farina (Tenebrio molitor), grilli domestici (Acheta domesticus), scarafaggi (Blattodea) e locuste migratorie (Locusta migrans). In questo contesto, il problema insondabile è il ruolo degli insetti commestibili nella trasmissione di malattie parassitarie che possono causare perdite significative nella loro riproduzione e possono rappresentare una minaccia per l’uomo e gli animali. Lo scopo di questo studio era quello di identificare e valutare le forme di sviluppo dei parassiti che colonizzano gli insetti commestibili nelle fattorie domestiche e nei negozi di animali in Europa centrale e di determinare il potenziale rischio di infezioni parassitarie per l’uomo e gli animali. Il materiale sperimentale comprendeva campioni di insetti vivi (immagina) provenienti da 300 fattorie domestiche e negozi di animali, tra cui 75 allevamenti di vermi della farina, 75 allevamenti di cricket domestici, 75 allevamenti di scarafaggi sibilanti del Madagascar e 75 allevamenti di locuste migratorie. I parassiti sono stati rilevati in 244 (81,33%) su 300 (100%) allevamenti di insetti esaminati. Nel 206 (68,67%) dei casi, i parassiti identificati erano patogeni solo per gli insetti; in 106 (35,33%) casi, i parassiti erano potenzialmente parassiti per gli animali; e in 91 (30,33%) casi, i parassiti erano potenzialmente patogeni per l’uomo. Gli insetti commestibili sono un serbatoio sottovalutato di parassiti umani e animali. La nostra ricerca indica l’importante ruolo di questi insetti nell’epidemiologia dei parassiti patogeni per i vertebrati. L’esame parassitologico condotto suggerisce che gli insetti commestibili possono essere il vettore parassitario più importante per gli animali insettivori domestici. Secondo i nostri studi, la ricerca futura dovrebbe concentrarsi sulla necessità di un monitoraggio costante degli allevamenti di insetti studiati per gli agenti patogeni, aumentando così la sicurezza di alimenti e mangimi”.

Link allo studio: A parasitological evaluation of edible insects and their role in the transmission of parasitic diseases to humans and animals – PubMed (nih.gov)


Conoscenze attuali sul microbiota degli insetti commestibili destinati al consumo umano: una revisione all’avanguardia – STUDIO

“A causa delle loro caratteristiche nutrizionali positive e del basso impatto ambientale, gli insetti commestibili potrebbero essere considerati un “alimento del futuro”. Tuttavia, ci sono problemi di sicurezza associati al consumo di insetti, come agenti chimici e biologici contaminanti. La possibile presenza di microrganismi patogeni e tossigeni è uno dei principali pericoli biologici associati agli insetti commestibili. Questa recensione presenta una panoramica del microbiota degli insetti commestibili, evidenziando i potenziali rischi per la salute umana. Vengono presentate informazioni dettagliate sul microbiota degli insetti commestibili dalla letteratura pubblicata nel 2000-2019. Questi dati mostrano ecosistemi complessi, con marcate variazioni nella carica microbica e nella diversità, tra gli insetti commestibili e il microbiota stabile e specie-specifico per alcune delle specie di insetti commestibili più popolari, come le larve di verme della farina (Tenebrio molitor) e le cavallette (Locusta migratoria). Gli insetti commestibili crudi contengono generalmente un numero elevato di aerobi mesofili, endospore batteriche o batteri che formano spore, Enterobacteriaceae, batteri dell’acido lattico, aerobi psicrotrofici e funghi e possono essere presenti specie potenzialmente dannose (cioè microbi patogeni, micotossigeni e di deterioramento). Diversi studi si sono concentrati sulla riduzione della contaminazione microbica degli insetti commestibili applicando trattamenti come fame, risciacquo, trattamenti termali, raffreddamento, essiccazione, fermentazione e marinatura, sia da soli che, a volte, in combinazione. Sebbene questi studi dimostrino che vari trattamenti termici sono stati i metodi più efficienti per ridurre il numero microbico, evidenziano anche la necessità di strategie di mitigazione specifiche per specie. È stata esplorata la fattibilità dell’utilizzo di insetti commestibili come ingredienti nell’industria alimentare nello sviluppo di prodotti innovativi a base di insetti; anche se, in alcuni casi, la presenza di batteri che formano spore e altri agenti patogeni di origine alimentare è una preoccupazione.

Studi recenti hanno dimostrato che una valutazione del rischio di insetti commestibili dovrebbe includere anche una valutazione dell’incidenza dei geni di resistenza agli antibiotici (AR) e dei microrganismi resistenti agli antibiotici nella catena di produzione. Infine, come proposto in letteratura, i rischi microbici dovrebbero essere limitati attraverso l’attuazione di buone pratiche igieniche durante l’allevamento, la manipolazione, la lavorazione e lo stoccaggio, nonché l’implementazione di un adeguato sistema HACCP per le catene di approvvigionamento degli insetti commestibili. Un altro problema frequentemente riportato in letteratura è la necessità di un quadro legislativo per la produzione, la commercializzazione e il commercio di insetti commestibili, nonché la necessità di criteri microbiologici specificamente su misura per gli insetti commestibili. Criteri microbiologici come quelli già stabiliti per la sicurezza alimentare e l’igiene (ad esempio quelli della legislazione alimentare dell’Unione europea) di diverse categorie alimentari (ad esempio prodotti pronti al consumo) potrebbero essere applicati ai prodotti commestibili a base di insetti”.

Link allo studio: Current knowledge on the microbiota of edible insects intended for human consumption: A state-of-the-art review – PubMed (nih.gov)


Problemi di sicurezza alimentare relativi agli usi degli insetti per mangimi e alimenti – STUDIO

“Si prevede che gli insetti commestibili diventeranno un’importante fonte di nutrienti per gli animali e gli esseri umani nel mondo occidentale nel prossimo futuro. Tuttavia, prima che gli insetti possano essere immessi sul mercato, è garantita la sicurezza del loro uso per mangimi e alimenti. Questo studio di letteratura è stato preparato per fornire una panoramica dell’effettiva conoscenza dei possibili rischi per la sicurezza alimentare, compresi agenti chimici, microbiologici e allergenici e prioni, per la salute umana e animale sull’uso di insetti per alimenti e mangimi, e per evidenziare le lacune nei dati e suggerire la via da seguire. Dai dati disponibili, i metalli pesanti di preoccupazione sono il cadmio nella mosca soldato nera e l’arsenico nelle larve di verme giallo della farina. Le micotossine studiate non sembrano accumularsi. Residui di pesticidi, farmaci veterinari e ormoni, così come diossine e PCB, si trovano talvolta negli insetti. La contaminazione degli insetti con agenti patogeni per la salute umana è una conseguenza di una combinazione dei substrati utilizzati e delle fasi di allevamento e lavorazione applicate. Gli insetti ospitano un’ampia varietà di microrganismi e possono essere presenti alcuni batteri patogeni umani. Inoltre, gli insetti possono ospitare e trasmettere parassiti. Non ci sono prove finora che gli insetti possano ospitare virus patogeni o prioni, ma possono agire come vettori. Gli insetti e i prodotti derivati dagli insetti possono avere un potenziale allergenico. In questa revisione, vengono visualizzate prove su alcuni aspetti della sicurezza e vengono identificate lacune nei dati. Vengono fornite raccomandazioni per la ricerca futura per colmare le lacune di dati più rilevanti“.

Link allo studio: Food Safety Issues Related to Uses of Insects for Feeds and Foods – PubMed (nih.gov)


Infine due chicche. Ce ne sono moltissime ma abbiamo scelto due pubblicazioni (una coreana e una tedesca) tra le tante che non sono altro che indagini di mercato per valutare l’impatto che questo “nuovo cibo” può avere sulla popolazione”.

Ah, a proposito, è già pronta un’etichetta scintillante per chi si rifiuterà di mangiare grilli e larve varie :” Neofobia alimentare“, ne saremo tutti affetti. Ci proporranno un vaccino? LOL


Accettazione da parte dei consumatori di alimenti commestibili a base di insetti: un’applicazione della teoria estesa del comportamento pianificato – STUDIO

Contesto/obiettivi: Lo scopo di questo studio era misurare l’accettazione da parte dei consumatori di alimenti commestibili a base di insetti (EIF) applicando la teoria estesa del comportamento pianificato (ETPB). Gli insetti come cibo hanno attirato l’interesse come potenziali possibili fonti di nutrimento per il futuro. Questo studio ha studiato la percezione dei consumatori nei confronti del cibo a base di insetti e dei futuri comportamenti di acquisto.

Soggetti/metodi: Un sondaggio è stato condotto tra i cittadini della Corea. Circa due terzi degli intervistati avevano provato un FEI in precedenza e il valore medio per la neofobia alimentare era 3,1 su una scala Likert a 5 punti. Gli intervistati sono stati divisi in 2 gruppi di quelli con esperienza con IEF e quelli no e per livello di neofobia alimentare. Sui dati sono stati condotti un t-test indipendente, regressione multipla e analisi descrittive.

Risultati: La ragione principale per non mangiare EIF era che la loro forma di insetto induceva disgusto. I confronti degli attributi ETPB per esperienza con gli EIF hanno mostrato differenze significative tra i gruppi per neofobia alimentare, norma soggettiva, atteggiamento e intenzione comportamentale. Inoltre, sono state riscontrate differenze significative per la norma soggettiva, il controllo comportamentale percepito, l’atteggiamento e l’intenzione comportamentale tra 2 gruppi neofobici. Infine, i risultati della misurazione delle relazioni tra gli attributi ETPB e l’intenzione comportamentale hanno mostrato solo la norma soggettiva e l’atteggiamento ha influenzato l’intenzione comportamentale.

Conclusioni: Questi risultati suggeriscono che norme soggettive rafforzate che producono un ambiente di SEIF pubblicamente accettato contribuirebbero a incoraggiare l’acquisto di SEIF. I risultati di questo studio possono aiutare lo sviluppo di prodotti del FEI per i futuri mercati alimentari

Link allo studio: Consumer acceptance of edible insect foods: an application of the extended theory of planned behavior – PubMed (nih.gov)


Mangiare insetti commestibili come cibo sostenibile? Esplorare le determinanti dell’accettazione dei consumatori in Germania – STUDIO

“Il potenziale utilizzo degli insetti come nuova fonte di cibo ha recentemente attirato molta attenzione in Europa, in quanto presentano molti vantaggi ambientali e nutrizionali e quindi rappresentano una fonte proteica animale promettente e sostenibile.

Eppure, nonostante gli insetti siano un alimento molto apprezzato in molte parti del mondo, l’avversione dei consumatori rimane il principale ostacolo al successo dell’attuazione in Europa.

Questo studio esamina le prospettive di insetti interi commestibili e alimenti trasformati a base di insetti in Germania e indaga i fattori determinanti per l’accettazione. Lo fa per comprendere meglio l’atteggiamento dei consumatori nei confronti degli insetti e per ricavare approcci affinché il cibo per insetti diventi più apprezzato. Un sondaggio online è stato condotto all’interno della popolazione tedesca con un campione finale di 393 partecipanti. Sono state stabilite diverse variabili esplicative e la loro influenza sull’accettazione di prodotti a base di insetti interi e trasformati è stata analizzata applicando regressioni ordinali per confrontare il potenziale di mercato e gli ostacoli di entrambe le opzioni. I risultati principali mostrano una bassa disponibilità a provare gli insetti tra i tedeschi e la prevalenza di barriere psicologiche e di personalità al consumo, come il disgusto e la neofobia alimentare. Concentrarsi sui prodotti trasformati a base di insetti si è dimostrata la strategia più promettente per implementare l’entomofagia, poiché una barriera essenziale al consumo è la visibilità degli insetti. Tuttavia, se questa strategia diminuirebbe il rifiuto di qualsiasi prodotto a base di insetti richiede ulteriori indagini”.

Link allo studio: Eating edible insects as sustainable food? Exploring the determinants of consumer acceptance in Germany – PubMed (nih.gov)

eVenti Avversi

Read Previous

La Procura chiede l’ archiviazione per la morte di Stefano Paternò deceduto a 12 ore dalla prima dose: “Il vaccino è sicuro”

Read Next

FaKebook e Instagram rimuovono le pagine di Children’s Health Defense