• Ottobre 6, 2022

“Fenomeni autoimmuni di nuova insorgenza post-vaccinazione COVID-19”- PRIMO STUDIO COMPLETO

La pandemia di coronavirus 2019 (COVID-19) causata dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) ha portato a una battuta d’arresto senza precedenti per l’economia e la salute globali. La vaccinazione è uno degli interventi più efficaci per ridurre sostanzialmente la malattia grave e la morte a causa dell’infezione da SARS-CoV-2.

I programmi di vaccinazione vengono implementati a livello globale, ma la maggior parte di questi vaccini sono stati approvati senza studi approfonditi sui loro effetti collaterali ed efficacia. Recentemente, sono stati segnalati sempre più fenomeni autoimmuni di nuova insorgenza dopo la vaccinazione COVID-19 (ad es. trombocitopenia trombotica immunitaria, malattie epatiche autoimmuni, sindrome di Guillain-Barré, nefropatia da IgA, artrite reumatoide e lupus eritematoso sistemico). Il mimetismo molecolare, la produzione di particolari autoanticorpi e il ruolo di alcuni coadiuvanti vaccinali sembrano contribuire in modo sostanziale ai fenomeni autoimmuni.

Tuttavia, resta da chiarire se l’associazione tra vaccino COVID-19 e manifestazioni autoimmuni sia casuale o causale. Qui, riassumiamo le prove emergenti sulle manifestazioni autoimmuni che si verificano in risposta a determinati vaccini COVID-19[…]Questi rapporti potrebbero aiutare a guidare la valutazione clinica e la gestione delle manifestazioni autoimmuni dopo la vaccinazione COVID-19[…]

I potenziali meccanismi di attivazione immunitaria innescati dal vaccino COVID-19

Le manifestazioni autoimmuni di nuova insorgenza dopo la vaccinazione COVID-19 sono state ampiamente segnalate. I principali meccanismi attraverso i quali il vaccino COVID-19 innesca l’autoimmunità includono il mimetismo molecolare, la produzione di particolari autoanticorpi e il ruolo di alcuni coadiuvanti vaccinali.

MANIFESTAZIONI AUTOIMMUNI A SEGUITO DEL VACCINO COVID-19

Trombocitopenia trombotica indotta da vaccino

La trombocitopenia trombotica indotta dal vaccino (VITT), nota anche come trombosi con sindrome da trombocitopenia, assomiglia clinicamente ai segni distintivi della trombocitopenia autoimmune indotta da eparina (HIT) senza alcuna precedente storia di esposizione all’eparina o fattori di rischio noti per trombofilia. I pazienti affetti sono tutti giovani e precedentemente sani e hanno trombi diffusi, prevalentemente in siti atipici, che comprendono trombosi del seno venoso cerebrale (CVST), trombosi venosa splancnica (SVT) ed emboli polmonari in combinazione con trombocitopenia dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19. Prove emergenti hanno riportato eventi avversi dopo il vaccino COVID-19 mentre i programmi di vaccinazione vengono implementati a livello globale[…] continua a leggere

Porpora trombocitopenica immunitaria

ITP è una condizione autoimmune, caratterizzata da diminuzione del livello piastrinico, che porta a sanguinamenti mucocutanei e di altro tipo. Recentemente, vi è una crescente evidenza che l’ITP di nuova insorgenza si è verificata dopo la vaccinazione COVID-19[…] continua a leggere

Malattie epatiche autoimmuni

Le malattie epatiche autoimmuni rappresentano un gruppo di malattie epatobiliari infiammatorie croniche, tra cui tre distinte manifestazioni cliniche, ovvero l’epatite autoimmune (AIH), la colangite biliare primaria (PBC) e la PSC . I fattori scatenanti ambientali (ad esempio virus, farmaci e prodotti a base di erbe) potrebbero indurre la perdita di auto-tolleranza agli autoantigeni epatici. Studi precedenti hanno suggerito che i vaccini contro l’influenza e l’epatite A possono causare AIH. Tuttavia, prove emergenti hanno rivelato alcuni casi riguardanti l’insorgenza di malattie epatiche autoimmuni a seguito del vaccino COVID-19[…] continua a leggere

Sindrome di Guillain-Barré

La sindrome di Guillain-Barré (GBS) è una rara malattia neurologica autoimmune che colpisce i nervi periferici e le radici nervose, indotta da alcune infezioni come il citomegalovirus, il virus epstein-barr e il virus Zika. Studi precedenti hanno dimostrato che il GBS era associato a vaccini per la rabbia, l’epatite A e B e l’influenza. Prove emergenti hanno indicato che GBS potrebbe verificarsi dopo la vaccinazione COVID-19[…] continua a leggere

Nefropatia da IgA

La nefropatia da IgA è la forma più comune di glomerulonefrite primaria in tutto il mondo e provoca insufficienza renale nel 20%-40% dei pazienti entro 20 anni dalla diagnosi. Recentemente, diversi casi clinici suggeriscono che la vaccinazione COVID-19 può essere un fattore scatenante per la nefropatia da IgA[…] continua a leggere

Artrite infiammatoria

L’artralgia è segnalata nel 30,3% delle persone che seguono la vaccinazione Sputnik V COVID-19 in Iran. Uno studio trasversale su 724 pazienti con malattie reumatiche e muscoloscheletriche ha mostrato che quattro di loro hanno riportato episodi di artrite dopo la vaccinazione ChAdOx1 o BBV152 […] continua a leggere

Altre manifestazioni autoimmuni

Oltre alle complicanze sopra descritte, in alcuni casi sono state riportate altre manifestazioni autoimmuni, come il LES, la nefrite da lupus e la malattia di Graves[…] continua a leggere

PROSPETTIVA

Inoltre, per quanto ne sappiamo, questa è la prima volta che si rivedono sistematicamente le manifestazioni autoimmuni di nuova insorgenza dopo il vaccino COVID-19. Sebbene le informazioni sul rischio di malattie autoimmuni come conseguenza della vaccinazione siano controverse, proponiamo semplicemente la nostra attuale comprensione delle manifestazioni autoimmuni associate al vaccino COVID-19.

Tuttavia, abbiamo ancora una grande quantità di questioni difficili e irrisolte. Ad esempio, è discutibile se continuare con le vaccinazioni successive per i pazienti che sviluppano manifestazioni autoimmuni dopo la prima dose di vaccino. Inoltre, non esistono criteri generali per la diagnosi della malattia autoimmune indotta da vaccino, che deve essere valutata CASO per CASO. Le questioni attuali sono le seguenti: in primo luogo, i medici dovrebbero applicare quattro principi di base per valutare le associazioni causali tra la somministrazione di vaccini COVID-19 e i fenomeni autoimmuni, tra cui la coerenza, la forza, la specificità del legame e la relazione temporale ; in secondo luogo, dovremmo confrontare il grado di rischio correlato al vaccino con il corrispondente rischio associato all’infezione naturale per l’intera popolazione o un sottogruppo specifico; in terzo luogo, sono necessari studi epidemiologici e modelli animali appropriati per identificare l’esatta causalità e chiarire i meccanismi biologici sottostanti. Per queste popolazioni sensibili, il rischio di malattie autoimmuni indotte dal vaccino deve essere valutato rispetto al rischio di esposizione all’infezione da SARS-CoV-2. Le informazioni discusse sopra aiutano a guidare la valutazione clinica e la gestione delle manifestazioni autoimmuni post-vaccinazione COVID-19, che è fondamentale per l’adozione di misure precauzionali e la gestione dell’esitazione vaccinale.

CONCLUSIONE

Alla luce delle informazioni discusse sopra, le prove emergenti hanno indicato che la nuova insorgenza di manifestazioni autoimmuni tra cui VITT, malattie epatiche autoimmuni, GBS e nefropatia IgA sembra essere associata ai vaccini COVID-19. I meccanismi plausibili con cui i vaccini COVID-19 portano a manifestazioni autoimmuni includono il mimetismo molecolare, la produzione di particolari autoanticorpi e il ruolo di alcuni adiuvanti vaccinali. Ulteriori studi sono giustificati per chiarire i meccanismi biologici sottostanti e identificare l’esatta causalità[…]

LEGGI LO STUDIO COMPLETO: New‐onset autoimmune phenomena post‐COVID‐19 vaccination – Chen – 2022 – Immunology – Wiley Online Library

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Cinquanta medici denunciano Bassetti per diffamazione

Read Next

Malore improvviso per il modello e attore Pierpaolo Pretelli: situazione più seria del previsto