• Febbraio 7, 2023

L’inoculazione è molto più pericolosa di quanto pubblicizzato, per gli over 65 mortalità quintuplicata. DATI

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


DI JOSEPH MERCOLA

Già il 26 ottobre 2021, Global Research pubblicò un’intervista con il Dr. Peter McCullough, in cui esaminava e spiegava i risultati di uno studio del settembre 2021 pubblicato sulla rivista Toxicology Reports.

Guarda il VIDEO

  • Secondo un’analisi del settembre 2021, basata su scenari conservativi e migliori, i vaccini COVID hanno ucciso cinque volte più anziani (65+) rispetto all’infezione
  • Nei più giovani e nei bambini, il rischio associato al vaccino COVID, rispetto al rischio di COVID-19, è destinato ad essere ancora più pronunciato
  • I dati mostravano che tassi di vaccinazione più elevati non si traducevano in tassi di casi COVID-19 più bassi
  • Il 50% dei decessi segnalati dopo la “vaccinazione” COVID-19 si verifica entro 24 ore; L’80% si verifica entro la prima settimana. Secondo un rapporto, l’86% dei decessi non ha altra spiegazione oltre a un evento avverso al vaccino. Uno studio scandinavo ha concluso che circa il 40% delle morti post-vaccino tra gli anziani nelle case di vita assistita sono direttamente dovute all’iniezione

Lo studio sulla rivista Toxicology Reports, afferma:

“Un’analisi costi-benefici dello scenario migliore ha mostrato in modo molto conservativo che ci sono cinque volte il numero di decessi attribuibili a ciascuna inoculazione rispetto a quelli attribuibili a COVID-19 nella fascia demografica 65+ più vulnerabile.

Il rischio di morte per COVID-19 diminuisce drasticamente con la diminuzione dell’età e gli effetti a lungo termine delle vaccinazioni sui gruppi di età più bassi aumenteranno il loro rapporto rischio-beneficio, forse in modo sostanziale”.

“Un’analisi costi-benefici dello scenario migliore ha mostrato in modo molto conservativo che ci sono cinque volte il numero di decessi attribuibili a ciascuna inoculazione rispetto a quelli attribuibili a COVID-19 nella fascia demografica 65+ più vulnerabile.

Il rischio di morte per COVID-19 diminuisce drasticamente con la diminuzione dell’età e gli effetti a lungo termine delle vaccinazioni sui gruppi di età più bassi aumenteranno il loro rapporto rischio-beneficio, forse in modo sostanziale”.

McCullough ha credenziali accademiche impeccabili. È internista, cardiologo, epidemiologo e professore ordinario di medicina presso il Texas A & M College of Medicine di Dallas. Ha anche un master in salute pubblica ed è noto per essere uno dei primi cinque ricercatori medici più pubblicati negli Stati Uniti, oltre ad essere l’editore di due riviste mediche.

Gli autori difendono il loro articolo

Non sorprende che il documento Toxicology Reports abbia ricevuto critiche feroci da alcuni ambienti. Tuttavia, l’autore corrispondente Ronald Kostoff ha replicato che la critica è stata in realtà “da una frazione estremamente piccola” della risposta complessiva, che nel complesso è stata straordinariamente positiva e di supporto. Kostoff ha continuato dicendo:

“Data la palese censura dei media mainstream e dei social media, solo un lato della narrativa del “vaccino” COVID-19 sta raggiungendo il pubblico. Qualsiasi messa in discussione della narrazione si incontra con la risposta più dura …

Mi appresto a continuare le indagini con gli occhi ben aperti, determinato a identificare la verità, indipendentemente dalle critiche. Non potevo stare a guardare mentre ai meno vulnerabili alle gravi conseguenze del COVID-19 venivano iniettate sostanze di sicurezza a medio e lungo termine sconosciute.

Abbiamo pubblicato uno scenario migliore. La situazione del mondo reale è di gran lunga peggiore del nostro scenario migliore e potrebbe essere oggetto di un documento futuro.

Ciò che questi risultati mostrano è che noi abbiamo avviato vaccinazioni di massa di una sostanza tossica non adeguatamente testata con risultati paralizzanti e letali non trascurabili, per potenzialmente prevenire un numero relativamente piccolo di veri decessi COVID-19. In altre parole, abbiamo usato un obice dove sarebbe bastato un fucile di precisione!”

La campagna vaccinale Covid non ha avuto alcun impatto percepibile

Certamente, i dati mostrano molto chiaramente che la campagna di “vaccinazione” di massa non ha avuto un impatto percepibile sui tassi di mortalità globali. Al contrario, in alcuni casi il bilancio delle vittime è aumentato dopo che i vaccini COVID sono diventati ampiamente disponibili. Potete sfogliare covid19.healthdata.org  per verificarlo di persona. Diversi esempi sono inclusi anche all’inizio del video.

Questa tendenza è stata confermata anche in uno studio già nel settembre 2021 pubblicato sull’European Journal of Epidemiology. Ha scoperto che i tassi di casi di COVID-19 sono completamente indipendenti dai tassi di vaccinazione.

Utilizzando i dati disponibili al 3 settembre 2021, da Our World in Data per l’analisi cross-country e i dati del team COVID-19 della Casa Bianca per le contee degli Stati Uniti, i ricercatori hanno studiato la relazione tra i nuovi casi di COVID-19 e la percentuale della popolazione che era stata completamente vaccinata.

Sono stati inclusi sessantotto paesi. I criteri di inclusione includevano i dati del vaccino a seconda dose, i dati sui casi di COVID-19 e i dati sulla popolazione al 3 settembre 2021. Hanno quindi calcolato i casi di COVID-19 per 1 milione di persone per ciascun paese e calcolato la percentuale di popolazione completamente vaccinata.

Secondo gli autori, non c’era “alcuna relazione discernibile tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID-19 negli ultimi sette giorni”. Semmai, tassi di vaccinazione più elevati sono stati associati a un leggero aumento dei casi. Secondo gli autori:

“La linea di tendenza suggerisce un’associazione marginalmente positiva tale che i paesi con una percentuale più elevata di popolazione completamente vaccinata hanno casi covid-19 più elevati per 1 milione di persone”.

Dati sulla mortalità

Come notato da McCullough, due rapporti hanno dettagliato i dati di morte del vaccino COVID, mostrando che il 50% dei decessi si verifica entro 24 ore e l’80% si verifica entro la prima settimana. In uno di questi rapporti, l’86% dei decessi non ha avuto altra spiegazione a parte un evento avverso al vaccino. McCullough cita anche uno studio scandinavo che ha concluso che circa il 40% delle morti post-vaccino tra gli anziani nelle case di riposo sono direttamente dovute all’iniezione. Cita anche altre cifre che aprono gli occhi:

  • Il Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie riferisce di avere più di 30.000 segnalazioni spontanee di ricoveri e / o decessi tra i completamente vaccinati
  • I dati dei Centers for Medicare & Medicaid Services mostrano che 300.000 destinatari di CMS vaccinati sono stati ricoverati in ospedale con infezioni rivoluzionarie
  • Il 60% degli anziani di età superiore ai 65 anni ricoverati in ospedale per COVID-19 è stato vaccinato

I vaccini COVID stanno “fallendo alla grande”

“Quando mettiamo insieme tutti questi dati, abbiamo una visione chiara del fatto che i vaccini stiano fallendo alla grande”, dice McCullough. Sono particolarmente inutili negli anziani.

Ancora una volta, sulla base di uno scenario conservativo nel migliore dei casi, gli anziani hanno cinque volte più probabilità di morire per il vaccino rispetto all’infezione naturale.

FDA e CDC non dovrebbero eseguire programmi di vaccinazione

Mentre la Food and Drug Administration degli Stati Uniti e il CDC affermano che non un singolo decesso a seguito dell’inoculazione COVID sia stato causato dal vaccino, non dovrebbero essere loro a prendere tale decisione, poiché entrambi sponsorizzano la campagna di vaccinazione.

Hanno un pregiudizio intrinseco. Quando conduci una prova, non permetteresti mai allo sponsor di dirti se il prodotto è stato la causa della morte, perché sai che sono di parte.

“Abbiamo effettivamente soddisfatto tutti i criteri di Bradford Hill. Ti dirò subito che il vaccino COVID-19 sta, da un punto di vista epidemiologico, causando queste morti o una grande parte di esse.” ~ Dr. Peter McCullough

Ciò di cui abbiamo bisogno è un gruppo esterno, un comitato per eventi critici, per analizzare i decessi segnalati, nonché un comitato di monitoraggio della sicurezza dei dati. Coa che avrebbe dovuto essere istituita fin dall’inizio.

Se ci fosse stato, il programma di vaccinazione di massa sarebbe stato molto probabilmente interrotto a febbraio, poiché a quel punto il numero di decessi segnalati, 186, superava già la soglia tollerabile di circa 150 (in base al numero di iniezioni somministrate). Ora, siamo ben oltre . Non c’è nessuna circostanza normale in cui ciò sarebbe mai stato permesso.

I criteri di Bradford Hill sono soddisfatti – Il vaccino Covid causa la morte

McCullough continua spiegando il criterio di Bradford Hill per la causalità, che è uno dei modi in cui possiamo effettivamente determinare che, sì, i vaccini stanno effettivamente uccidendo le persone. Non abbiamo a che fare con una coincidenza.

“La prima domanda che ci poniamo è: ‘Il vaccino ha un meccanismo d’azione, un meccanismo d’azione biologico, che può effettivamente uccidere un essere umano?’ E la risposta è sì! perché i vaccini usano tutti meccanismi genetici per ingannare il corpo e fargli produrre la proteina spike letale del virus.

È molto probabile che alcune persone assorbano troppo RNA messaggero; producano una proteina spike letale in organi sensibili come il cervello o il cuore o altrove. La proteina spike danneggia i vasi sanguigni, danneggia gli organi, provoca coaguli di sangue. Quindi, è all’interno del meccanismo d’azione stesso che il vaccino può essere fatale.

Qualcuno potrebbe avere un coagulo di sangue fatale. Potrebbero avere miocardite fatale. La FDA ha avvertimenti ufficiali di miocardite. Hanno avvertimenti sui coaguli di sangue. Hanno avvertimenti su una condizione neurologica fatale chiamata sindrome di Guillain-Barré. Quindi, gli avvertimenti della FDA, il meccanismo d’azione, dicono chiaramente che è possibile.

Il secondo criterio è: “È un effetto collaterale grave?” E la risposta è sì! Questa non è una cosa da niente.

Il terzo [criterio] è: “È coerente internamente?” Stiamo vedendo altri segnali che potrebbero potenzialmente essere lesioni fatali in VAERS? Sì! Stiamo assistendo a attacchi di cuore. Stiamo assistendo a miocardite. Stiamo vedendo coaguli di sangue. Quindi, è internamente coerente.

“È coerente esternamente?” Questo è il prossimo criterio. Bene, se guardi nell’MHRA, il sistema del cartellino giallo in Inghilterra, è stata trovata la stessa identica cosa. Nel sistema EudraVigilance in [Europa] è stata trovata esattamente la stessa cosa.

Quindi, abbiamo effettivamente soddisfatto tutti i criteri di Bradford Hill. Ti dirò subito che il vaccino COVID-19 sta, da un punto di vista epidemiologico, causando queste morti o una grande frazione”.

Tolleranza zero per i farmaci elettivi che causano la morte

Ci possono essere casi in cui un alto rischio di morte da un farmaco potrebbe essere accettabile. Se hai una malattia terminale incurabile, ad esempio, potresti essere disposto a sperimentare e correre il rischio. In circostanze normali, tuttavia, i farmaci letali non sono tollerati.

Dopo cinque morti sospette, un farmaco riceve un avvertimento di scatola nera. A 50 morti, è rimosso dal mercato. Considerando che COVID-19 ha un rischio di morte inferiore all’1% tra le fasce d’età, la tolleranza per un rimedio mortale è infinitesimale. Con migliaia e migliaia di decessi segnalati, i vaccini COVID superano di gran lunga qualsiasi rischio ragionevole per proteggersi dal COVID-19 sintomatico. Come notato da McCullough:

Il trattamento precoce è cruciale, vaccinati o meno

Come notato da McCullough, la stragrande maggioranza dei pazienti richiede il ricovero in ospedale per COVID-19 perché non hanno ricevuto alcun trattamento e l’infezione è stata lasciata non curata per giorni e giorni.

Originariamente pubblicato Nov 18, 2021 su Mercola.com

Referenze

(1) Rapporti tossicologici settembre 2021; 8: 1665-1684

(2) Retraction Watch 4 ottobre 2021

(3) Covid19.healthdata.org

(4) European Journal of Epidemiology 30 settembre 2021

(5) European Journal of Epidemiology 30 settembre 2021

(6) Relazioni tossicologiche settembre 2021; 8: 1665-1684

(7) Dati OpenVAERS al 15 ottobre 2021

(8) SKirsch.io/vaccine-resources

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

L’Italia sta sacrificando i suoi giovani. Malore fatale per un 23enne e un 26enne, un uomo di 45 anni muore da solo in un parcheggio

Read Next

Professor Alessandro Capucci: “Atleti e miocarditi, perché c’entrano i vaccini mRNA”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock