• Giugno 27, 2022

Spagna. Nella Comunità Valenciana i Medici di Medicina Generale riscontrano un alto numero di adenopatie dopo la terza dose sul collo e sotto le ascelle

La testata giornalistica spagnola locale “Levante – El Mercantil Valenciano” segnala che, secondo i Medici di Medicina Generale della regione della Comunità Valenciana, dopo la terza dose del vaccino covid è esplosa una nuova reazione avversa che ha colpito circa l’8% dei vaccinati.

Si tratta della comparsa di noduli, adenopatie sotto le ascelle e persino sul collo. 

Questi noduli sono, infatti, infiammazioni dei linfonodi localizzate proprio in queste aree e coincidono con i linfonodi più vicini alla zona in cui viene inoculato il vaccino. Il nome esatto di queste infiammazioni è adenopatia e possono avere molte cause. In questo caso, l’ingrossamento è dovuto al vaccino e alla stimolazione che produce del sistema immunitario.

I linfonodi sono strutture incapsulate del sistema linfatico la cui funzione è quella di filtrare e drenare la linfa in alcune parti del corpo. La linfa contiene globuli bianchi ed è proprio a causa di una concentrazione anormale di questi che si verifica un’infiammazione e questi grumi compaiono nella zona dell’ascella o del collo

Naturalmente, i nodi possono gonfiarsi come reazione ad un’infezione o come sintomo di malattie più gravi come il cancro. Nel caso del vaccino covid, l’infiammazione si manifesta in maniera molto simile a quella registrata durante un’eventuale infezione. Il sistema immunitario reagisce al vaccino e viene sovrastimolato, provocando un accumulo di globuli bianchi nei linfonodi più vicini all’area in cui è stato rilevato l’attacco, in questo caso il vaccino. Questo accumulo di globuli bianchi nei linfonodi fa apparire i grumi a causa dell’infiammazione.

L’aumento eccessivo di casi di adenopatia dopo la terza dose evidenzia la grande infiammazione diffusa che il sistema immunitario subisce in questo caso.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Ricercatore dell’Istituto Mario Negri segnala al Corriere reazioni immunomediate renali dopo il vaccino covid come la sindrome di Berger

Read Next

Un bambino di 7 anni è morto di arresto cardiaco 13 giorni dopo il vaccino Pfizer. Dati VAERS