• Gennaio 27, 2023

L’UE pianifica l’espropriazione delle case di proprietà per “salvare il clima” dal 2030

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Del  Dr. Peter F. Mayer

Nel 2021, l’UE ha presentato un programma ambizioso per “salvare il clima”. È intitolato “Fit for 55”, il che significa che il consumo energetico deve essere ridotto di almeno il 55% entro il 2030. Le misure draconiane che riguardano tutti i settori della vita dovrebbero aiutare. Tuttavia, la maggior parte delle persone probabilmente soffrirà per le misure che rendono l’alloggio più costoso o addirittura impossibile. Oltre all’aumento degli affitti, ciò equivale di fatto a un esproprio dei proprietari di casa.

Un comunicato stampa del 2021 illustra la portata delle misure. Al punto 2.2 si legge che le misure “Fit for 55” saranno adottate nei settori dell’industria, dei trasporti, dell’edilizia e dell’energia.

L’applicazione dello scambio di quote di emissioni nel settore degli edifici [è] intesa a contribuire all’immissione sul mercato di combustibili per il riscaldamento più puliti, a ridurre i tempi di recupero degli investimenti per le ristrutturazioni e ad accelerare il cambio di combustibile per il riscaldamento e il raffreddamento negli edifici esistenti.

La Commissione propone quindi di applicare lo scambio di emissioni ai settori del trasporto stradale e degli edifici a partire dal 2026″.

Sul sito web del Consiglio europeo si trovano ulteriori spiegazioni sul programma “Fit for 55”:

“La legge europea sui cambiamenti climatici rende obbligatorio il raggiungimento dell’obiettivo climatico dell’UE di ridurre le emissioni nell’UE di almeno il 55% entro il 2030”.

Cosa cambierà?

Nuove costruzioni:

Nuovi edifici che devono essere privi di emissioni:

  • Dal 2028: nuovi edifici di proprietà di istituzioni pubbliche.
  • Dal 2030: tutti i nuovi edifici.

A partire dal 2030, gli attestati di prestazione energetica saranno obbligatori per tutti i nuovi edifici.

Edifici esistenti:

Edifici non residenziali:

Gli Stati membri dovranno stabilire obiettivi minimi di prestazione energetica, ovvero la quantità massima di energia che gli edifici possono consumare per mq all’anno (sulla base del patrimonio edilizio totale nel gennaio 2020). Ci saranno due soglie – 15% e 25% – per il patrimonio edilizio nazionale al di sopra di queste soglie.

  • Entro il 2030, tutti gli edifici non residenziali dovranno essere al di sotto della soglia del 15%.
  • Entro il 2034, tutti gli edifici non residenziali dovranno essere al di sotto della soglia del 25%.
    Edifici residenziali:

Il consumo medio di energia primaria di tutti gli edifici residenziali deve essere:

  • Entro il 2033, almeno il livello della classe di prestazione energetica D
  • Entro il 2040, almeno il livello stabilito da ciascun Paese per garantire il raggiungimento di un parco edifici a emissioni zero entro il 2050.

A partire dal 2050, tutti gli edifici esistenti dovrebbero essere convertiti in edifici a emissioni zero.

Fine del sogno di possedere le proprie quattro mura?

L’associazione dei proprietari Haus & Grund ha criticato aspramente la direttiva prevista, affermando che significherebbe la fine per milioni di edifici in Europa. In Germania, ad esempio secondo le stime dell’associazione, ci sono circa tre milioni di case che potrebbero non essere più utilizzate in due fasi, tra il 2030 e il 2033, come riporta Spiegel Wirtschaft.

“Per molti edifici delle classi energetiche F e G, la ristrutturazione non sarà un’opzione”, ha dichiarato il presidente di Haus-&-Grund Kai Warnecke. “Per molti proprietari privati, l’UE mette così fine al sogno di possedere le proprie quattro mura”.

Naturalmente, questo colpirà ancora una volta gli strati più poveri della popolazione, come è successo con le misure Covid, il prezzo della CO2, le sanzioni contro la Russia o la de-regolamentazione dei mercati energetici.

In questo modo, l’UE segue esattamente le linee guida del World Economic Forum, ovvero dello 0,01 per mille più ricco: “Non possiederete più nulla e sarete felici”. In questo caso, tuttavia, si applica solo la prima parte.

La costrizione a ristrutturare le case esistenti provocherà inevitabilmente un aumento degli affitti. Gli artigiani guadagneranno dai lavori di ristrutturazione e si creeranno posti di lavoro, ma la parte del leone la faranno le grandi aziende che producono i materiali da utilizzare per le ristrutturazioni.

I lavori di ristrutturazione delle case più vecchie dovrebbero essere affrontati praticamente subito. Finora è ancora ammessa la classe energetica G, entro il 2030 si dovrà raggiungere la classe F e al più tardi nel 2033 anche la classe di efficienza energetica E. Si tratta di milioni di case, molte delle quali non potranno essere ristrutturate passo dopo passo. Per gran parte del vecchio parco immobiliare, l’obiettivo delle emissioni zero entro il 2050 non sarà affatto raggiungibile, per cui non sarà più possibile abitarlo al più tardi a partire dal 2040.

Il punto è che si tratta di un’espropriazione su larga scala, esattamente ciò che vogliono ottenere il WEF, i miliardari e gli oligarchi che lo usano come macchina per le pubbliche relazioni. Di conseguenza, si verificherà anche una concentrazione della proprietà fondiaria.

Il tutto equivale a una ridistribuzione della ricchezza e della proprietà dal basso verso l’alto.

Il “Fit for 55” ha a che fare con il clima…come le misure Covid hanno a che fare con la salute.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il governatore Ron DeSantis propone il divieto permanente di obblighi in Florida

Read Next

Facebook Meta ha ricevuto una multa di 5 milioni e mezzo di euro per violazione dei dati nell’UE

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock