• Giugno 17, 2024

Non è mai successo prima! Almeno 14 persone muoiono improvvisamente in strada nella stessa città. Sgomento nella comunità

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il quotidiano locale “El Sol De Puebla”, con un articolo-denuncia dello scorso 19 ottobre, ha raccontato quanto sta succedendo nella città di Puebla de Zagaroza, meglio nota come Puebla, nell’omonimo Stato messicano.

Così tante morti improvvise in strada non si sono mai verificate in città e molte di queste sono state causate da un’anomala ondata di crisi cardiache.

Scrive “El Sol De Puebla”: “Almeno quattordici persone sono morte finora quest’anno sulle strade pubbliche della città di Puebla e della sua periferia”

“Tutte le vittime, contate in una rassegna giornalistica effettuata da questa testata, erano persone tra i 35 e gli 80 anni, tredici uomini e una donna.

Per quanto riguarda le cause della morte, sono state nove le persone decedute per infarto o insufficienza cardiaca, un tossicodipendente oltre a quattro alcolisti, di cui tre sono morti per congestione da alcol e uno è morto per essere caduto accidentalmente in un burrone.
I luoghi in cui esperti e agenti al servizio del Pubblico Ministero si sono recati per condurre le procedure di rimozione delle salme sono il quartiere Tres Cruces, Loma Bella, l’ ingresso di Plaza San Diego, le vicinanze di Lomas de Angelópolis e a San Andrés Cholula, Villa Frontera, il Centro storico, il quartiere Rancho Colorado, il cimitero del quartiere Chapultepec, Aquiles Serdán, Vía Atlixcáyotl, il fiume Atoyac, il quartiere Santa Anita e il quartiere El Vergel.
L’evento più recente si è verificato il 12 ottobre quando i residenti della zona, passando davanti a un immobile situato all’angolo tra le vie 3 de Febrero e Segunda de la Vega nella zona Ignacio Romero Vargas, si sono accorti che c’era una persona priva di sensi. Presumendo che avesse subito una caduta e battuto la testa, hanno chiamato il numero di emergenza 9-1-1 e poco dopo sono arrivati ​​i paramedici dell’Advanced Medical Emergencies System (SUMA), i quali, esaminando l’uomo, hanno accertato che mancava di segni vitali .

Il luogo è stato transennato dalla polizia municipale della città di Puebla e successivamente sono giunti esperti e agenti ministeriali della Procura Generale dello Stato. Durante la procedura di rimozione della salma, è stato evidenziato che aveva una siringa in una mano, quindi si presume che sia morto per una possibile overdose.
Dopo aver ingerito bevande per tutta la notte, il 9 ottobre, il custode del cimitero nel quartiere di Chapultepec, nella città di Puebla, è morto per congestione alcolica. Le prime indagini delle autorità di polizia indicano che un uomo di 60 anni che lavorava a guardia del cimitero, situato in via Jalapa, tra i viali Las Haras e Los Presidentes, aveva “bevuto” tutta la notte.

La mattina dopo, i residenti della zona che si sono recati al cimitero per lasciare dei fiori per il loro defunto, visto che l’uomo non respirava più, hanno avvisato il numero di emergenza 911. I soccorsi hanno confermato la morte dell’uomo per una congestione alcolica.
Un uomo che viveva per strada è stato trovato morto nel pomeriggio del 21 settembre in una casa nel quartiere di Aquiles Serdán, apparentemente a causa dell’alcolismo.

Erano vicini alla via 47 Norte e Bulevar Hermanos Serdán e si sono resi conto che il senzatetto che conoscevano e che stava pernottando in quel luogo era già morto.

Hanno subito chiamato il numero di emergenza 911, così poco dopo sono arrivati ​​in ambulanza i paramedici del Sistema Avanzato di Emergenza Medica (SUMA) che, visitando l’anziano, hanno confermato che era senza vita.

Il 20 settembre un infarto miocardico acuto ha tolto la vita a un uomo sessantenne, mentre passeggiava nei pressi del quartiere di Tres Cruces. C’erano alcune persone che, mentre attraversavano Boulevard Municipio Libre e Calle Fray Diego de Landa, si sono accorti che un uomo era privo di sensi sulle scale di un negozio.

Si sono subito avvicinati per cercare di soccorrerlo, ma visto che era privo di sensi e non reagiva, qualcuno ha chiamato il numero di emergenza 911. I paramedici del Sistema avanzato di emergenza medica (SUMA) hanno confermato la morte dell’uomo di circa 60 anni, colpito da infarto

Nessuno degli abitanti della zona riuscì però ad identificarlo e per questo fu disposto il suo trasferimento per effettuare l’autopsia e attendere che qualcuno lo identificasse e lo seppellisse.
Il 26 agosto un uomo che viveva sotto il ponte che attraversa il fiume Atoyac in Vía Atlixcáyotl è stato trovato morto e in avanzato stato di decomposizione.

Il defunto, di circa 45 anni, è stato catalogato come numero ignoto 291 dalle autorità della Procura Generale dello Stato (FGE).

Un amico del defunto, anche lui senzatetto, non avendolo visto negli ultimi tre o quattro giorni, si è preoccupato ed è andato a cercarlo sotto il ponte, dove sapeva che abitava l’uomo. Purtroppo lo ha trovato morto e in avanzato stato di decomposizione, per cui ha sporto denuncia alle autorità.

Fonti ufficiose hanno indicato che l’uomo ormai defunto aveva una famiglia, ma a causa dei suoi problemi di alcolismo, da circa un anno e mezzo, aveva lasciato la sua casa e per vivere in strada.
Un ottantenne è invece morto mentre camminava per le strade del quartiere residenziale di Loma Bella, il 25 giugno.

L’uomo si trovava su via 109 Poniente tra la via 3 Sur e la 5 Sur e improvvisamente si è sentito male ed ha perso i sensi. Alcuni vicini sono accorsi ad aiutarlo ma, vedendo che non reagiva, hanno chiamato i soccorsi, i quali hanno riferito che l’uomo aveva smesso di respirare.

Il 4 giugno, José Pedro, 62 anni, ha perso la vita per un improvviso infarto quando è arrivato al centro commerciale Plaza San Diego. C’è stata la mobilitazione dei servizi di emergenza, inclusi paramedici e agenti di polizia, poiché in un primo momento si era pensato che si trattasse di un evento derivato da un’aggressione ad un cliente di banca, visto che l’uomo era crollato proprio davanti a un istituto bancario.

Quando i paramedici della Protezione Civile Comunale sono arrivati, hanno confermato che il sessantenne aveva avuto un infarto ed aveva perso la vita. I rilievi sono stati fatti gli agenti ministeriali della Procura Generale dello Stato del gruppo San Pedro Cholula.
Il 4 maggio un altro uomo è morto per un infarto improvviso dentro la sua auto nel quartiere di Rancho Colorado, nella città di Puebla.

Intorno alle 11 del mattino è avvenuta la morte dell’uomo, nei pressi delle strutture del Segretariato per la sicurezza dei cittadini (Ssc).

L’uomo identificato come Rafael, che viaggiava su un’auto Volkswagen Jetta nera, diretto verso Avenida 15 de Mayo, ha iniziato a sentirsi male così ha fermato la sua auto nella corsia di destra del viale. Hanno accertato la morte improvvisa della persona priva di sensi la polizia municipale e i paramedici.

Nel pomeriggio del 28 aprile, i residenti del quartiere di Santa Anita hanno segnalato al 911 la probabile morte di un uomo che viveva per strada nel parco situato in Avenida 26 Poniente, all’altezza del strada 13 A nord.

Sul posto sono giunti i paramedici che dopo un sopralluogo hanno confermato la morte di questa persona di 60 anni; L’area è stata transennata dal personale della Ssc di Puebla, in attesa del personale della Procura Generale dello Stato, che in seguito ha preso in carico la procedura e successivamente ha autorizzato il trasferimento della salma al Semefo.

Lo stesso 28 aprile è stato notificato il decesso di un’altra persona su una strada pubblica, in questo caso nella privata 29 C Sur, tra il 31 e il 33 Poniente, nel quartiere El Vergel.

La persona è stata soccorsa dai paramedici, che hanno confermato la morte dell’uomo nel quartiere di El Vergel, apparentemente a causa di un infarto, l’area è stata transennata e si è dato il via alla rimozione della salma.

Il 15 aprile una donna è morta per un infarto mentre era a uno dei tavoli di un ristorante nella zona di Los Portales. La donna di 68 anni era venuta con i suoi parenti per assistere alla processione del Venerdì Santo guidata dall’arcivescovo Victor Sánchez Espinosa, dove ha potuto anche ricevere la sua ultima benedizione.

Al termine dell’atto religioso, si sono recati alla tavolata del Portal Juárez, fuori dal ristorante di pesce “Solo Veracruz es Bello”, per mangiare.

La donna improvvisamente ha iniziato a sentirsi male e improvvisamente è crollata. I soccorritori hanno confermato la morte della donna.

Un giovane uomo di età compresa tra i 35 e i 40 anni è morto il 9 aprile mentre camminava fuori dalla Farmacia Guadalajara all’ingresso di Lomas de Angelópolis.

La morte dell’uomo è stata segnalata intorno alle 8:30, sul viale Lomas Norte e sul Paseo del Aragón, nel quartiere di Tlaxcalancingo.

Secondo le informazioni presenti sul luogo, si trattava di un uomo che ha subito un infarto che lo ha fatto cadere a terra privo di sensi.

I testimoni hanno chiesto il supporto degli assistenti sanitari ma i soccorsi hanno solo potuto confermare la morte dell’uomo derivata da un infarto.
La mattina presto del 14 marzo, un uomo sulla quarantina è morto per un attacco di cuore dopo aver assistito all’aggressione di un suo amico sulla strada 5 Norte, tra 98 Poniente e 102 Avenida Poniente, di fronte al “Baños Villa Frontera”.

Paramedici e agenti di polizia del Segretariato per la sicurezza cittadina (SSC) del comune di Puebla, nonché agenti della polizia di stato, si sono mobilitati nella zona dove hanno solo potuto confermato la morte di entrambi gli uomini.

L’area è stata transennata e sorvegliata fino all’arrivo degli agenti investigativi e degli esperti dell’Ufficio del Procuratore Generale dello Stato di Puebla (FGE) che hanno gestito la procedura per rimuovere i corpi, che sono stati portati all’obitorio.

Infine, il 13 gennaio, un uomo di circa 35 anni è morto in strada in via 11 Poniente, all’angolo di via 5 Sur, nel centro della città di Puebla, apparentemente dopo aver subito un infarto.

Il corpo della vittima è stato lasciato accanto a una mountain bike; I testimoni hanno riferito che è improvvisamente svenuto e, per questo, qualcuno ha chiamato i numeri di emergenza.

I paramedici sono arrivati ​​per prestargli i primi soccorsi, ma dopo averlo esaminato hanno confermato che non aveva segni vitali e non si poteva nulla altro per lui”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Due 40enni stroncati da MALORE IMPROVVISO a distanza di poche ore

Read Next

Dopo i tre camionisti deceduti in Lombardia in poche ore, altri due muoiono per malore improvviso nella stessa città

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO