• Marzo 2, 2024

Perché un giudice ha ordinato alla FDA di rilasciare i dati del vaccino Covid-19

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Un gruppo di scienziati e ricercatori medici ha citato in giudizio la FDA sotto FOIA per forzare il rilascio di centinaia di migliaia di documenti relativi alla licenza del vaccino Pfizer-BioNTech Covid-19. L’avvocato del querelante Aaron Siri, che rappresenta il gruppo, spiega la lotta che ha portato un tribunale federale a ordinare il rilascio accelerato di documenti che l’agenzia ha affermato che ci sarebbero voluti decenni per elaborare.

In risposta a una richiesta del Freedom of Information Act, la Food and Drug Administration ha chiesto a un giudice federale il permesso di far aspettare il pubblico fino all’anno 2096 per divulgare tutti i dati su cui si basava per autorizzare il vaccino Covid-19 di Pfizer.

Non è un errore di battitura. La FDA voleva l’approvazione del tribunale per avere tempo 75 anni, per divulgare pubblicamente queste informazioni.

Nei suoi tentativi di costruire il sostegno pubblico per le vaccinazioni Covid-19, la FDA ha ripetutamente promesso“piena trasparenza”e ha riaffermato il suo“impegno per la trasparenza”quando ha concesso in licenza il vaccino Covid-19 di Pfizer.

Con questa promessa in mente, dopo la licenza del vaccino nell’agosto 2020, Public Health and Medical Professionals for Transparency, un gruppo di scienziati altamente accreditati ha presentato una richiesta FOIA alla FDA per i dati presentati da Pfizer. Gli scienziati hanno spiegato che, fino a quando tutti i dati non verranno prodotti, non è possibile condurre una revisione adeguata perché la mancanza anche di un singolo set di dati potrebbe far saltare qualsiasi analisi.

In risposta, la FDA non ha prodotto nulla. Pertanto, nel settembre 2021, gli scienziati, rappresentati dai loro avvocati di Siri & Glimstad, hanno citato in giudizio la FDA chiedendo di produrre questi dati entro marzo 2022.

L’agenzia inizialmente aveva stimato che avrebbe dovuto produrre 329.000 pagine e ha chiesto alla corte il permesso di produrre solo 500 pagine al mese, il che avrebbe richiesto 55 anni. Nel suo brief finale alla Corte, la FDA ha ammesso che il numero totale di pagine era di almeno 451.000, ma ha comunque chiesto il permesso di produrre solo 500 pagine al mese. Ciò significa che ci sarebbero voluti 75 anni, quando cioè la maggior parte degli americani vivi oggi sarà morta, per divulgare completamente pubblicamente queste informazioni.

Il 6 gennaio, un tribunale federale nel distretto settentrionale del Texas ha ordinato il rilascio accelerato. A partire dal 12 gennaio, la FDA non ha indicato che intenderà fare appello.

Gli scienziati hanno richiesto i dati dopo la licenza fda

La FDA ha concesso in licenza il vaccino Pfizer il 23 agosto 2021, solo 108 giorni dopo che Pfizer ha iniziato a produrre i record per l’agenzia. Durante quel periodo, la FDA afferma di aver condotto un’analisi intensa, robusta e approfondita di quei documenti per assicurare al pubblico che il vaccino Pfizer fosse sicuro ed efficace.

Tuttavia, quando gli è stato chiesto di condividere quei documenti con il pubblico, la FDA ha affermato di aver bisogno di oltre 20.000 giorni. Il programma di produzione della FDA si è scontrato con la sua promessa di trasparenza.

Lo scopo del FOIA è la trasparenza del governo. Quando si tratta del vaccino Pfizer, la necessità di trasparenza è senza precedenti. La maggioranza degli americani è ora obbligata a ricevere un vaccino Covid-19 pena la perdita del lavoro, o peggio.

Questo non è mai accaduto prima. In genere gli obblighi sui vaccini per adulti sono stati limitati; anche la fondamentale decisione dell’obbligo vaccinale della Corte Suprema degli Stati Uniti, Jacobson v. Massachusetts, ha comportato solo una sanzione di $ 5 imposta dallo stato, e gli obblighi sui vaccini scolastici hanno storicamente avuto politiche di esenzione dalle credenze religiose o personali liberali.

Ancora più problematico è che gli americani, se danneggiati, non possono citare in giudizio Pfizer. Non esiste praticamente nessun altro prodotto per cui a un consumatore sia vietato citare in giudizio la società che lo produce, commercializza e trae profitto da esso.

Disaccoppiare l’interesse di profitto di un’azienda dal suo interesse per la sicurezza crea un azzardo morale e si discosta da secoli di dottrina sulla responsabilità del prodotto. Pertanto, è straordinario che gli americani debbano ricevere questo prodotto sotto pena di espulsione dal lavoro, dalla scuola, dalla vita militare e civile, ma non possano citare in giudizio Pfizer per eventuali lesioni risultanti.

Il governo federale ha creato questa situazione senza precedenti. Ha concesso l’immunità, concesso in licenza il prodotto e ha cercato aggressivamente di imporne la somministrazione. Questa situazione giustifica quindi la necessità di una trasparenza senza precedenti.

Come l’allora candidato presidenziale Joe Biden ha dichiarato al popolo americano, “Bisogna rendere tutto [i dati relativi al vaccino] disponibili ad altri esperti in tutta la nazione in modo che possano guardare e vedere”. Ha ripetuto la necessità di condividere i dati numerose volte. Così hanno fatto senatori e rappresentanti in maniera bipartisan.

La FDA ha affermato di non potersi conformare, il giudice ordina la conformità

La FDA apparentemente non era d’accordo. Durante un’udienza il 14 dicembre 2021, il suo avvocato ha fermamente sostenuto che la corte non dovrebbe richiedere all’agenzia di produrre più di 500 pagine al mese, insistendo sulle presunte risorse limitate della FDA, sulla sua necessità di redigere informazioni personali e sul dovere di proteggere gli interessi segreti commerciali di Pfizer, ignorando nel contempo gli interessi del popolo americano.

Le scuse della FDA erano incredibili. La FDA ha più di 18.000 dipendenti e un budget di oltre 6,5 miliardi di dollari. Sarebbe ridicolo se una società multimiliardaria si presentasse davanti a un tribunale e rivendicasse la propria povertà per sfuggire alla produzione di documenti, ma questa era esattamente la posizione della FDA.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Mark T. Pittman, distretto settentrionale del Texas, ha espresso sgomento per il tasso di produzione proposto dalla FDA. Ha trovato irragionevole la durata richiesta dalla FDA, confrontandola con le azioni delle nazioni totalitarie. Come tale, il giudice il 6 gennaio ha ordinato alla FDA di produrre almeno 55.000 pagine al mese.

Nella sua sentenza, il giudice ha riconosciuto che il rilascio di questi dati è di fondamentale importanza pubblica e dovrebbe essere una delle massime priorità della FDA. Ha citato James Madison dicendo che un “governo popolare, senza informazioni popolari, o i mezzi per acquisirle, non è che un prologo di una farsa o di una tragedia” e John F. Kennedy che spiega che una “nazione che ha paura di lasciare che il suo popolo giudichi la verità e la falsità in un mercato aperto è una nazione che ha paura del suo popolo”.

L’America ha alcune delle più grandi istituzioni di apprendimento che il mondo abbia mai conosciuto. Abbiamo bisogno che la comunità scientifica, sia all’interno che all’esterno del governo, affronti i gravi problemi in corso con il programma vaccinale, tra cui l’immunità calante, le varianti che eludono i vaccini e che gli individui vaccinati possano ancora trasmettere il virus.

Il tentativo della FDA di chiudere la porta e bloccare gli scienziati indipendenti dai dati necessari per affrontare questi problemi è stato irresponsabile.

È necessaria una revisione trasparente e indipendente

Il fallimento dell’approccio a porte chiuse del governo è esemplificato dal fatto che la FDA non ha inviato un rappresentante all’udienza in tribunale perché, come ha spiegato l’avvocato del governo, i protocolli Covid-19 della FDA non lo consentirebbero.

Ciò significa che, nonostante un tasso di vaccinazione riportato di oltre il 96% tra le agenzie sanitarie federali nel novembre 2021 e l’affermazione della FDA secondo cui i vaccini siano “efficaci”, Covid-19 sta ancora minando la vita di tutti i giorni. Ciò mette a fuoco la necessità di aprire la porta e coinvolgere scienziati indipendenti.

Come ha riconosciuto Pittman, l’America ha bisogno di trasparenza e di scienziati indipendenti per rivedere questi dati, non tra 75 anni, ma ora.

source (bloomberglaw.com)

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Ragazza adolescente muore dopo la seconda dose di vaccino COVID-19

Read Next

Problema cardiaco per l’attaccante 25enne del Napoli Adam Ounas. Lo annuncia il suo allenatore della nazionale algerina. Un mese fa ha ricevuto la terza dose

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO