• Maggio 17, 2022

“Quello che ho visto negli ultimi 2 anni è senza precedenti”: testimonianza di un medico sugli effetti collaterali nelle donne incinte

Il Dr. James Thorp è un medico di 68 anni ostetrico e ginecologo, nonché esperto in medicina materno-fetale, che ha praticato l’ostetricia per oltre 42 anni.

Thorp ha dichiarato a Epoch Times che vede 6.000-7.000 pazienti in gravidanza ad alto rischio all’anno e ha visto molte complicazioni tra loro a causa dei vaccini COVID.

Ho visto molte, molte, molte complicazioni nelle donne incinte, nelle mamme e nei feti, nei bambini, nella prole“, ha detto Thorp, “morte fetale, aborto spontaneo, morte del feto all’interno della mamma”.

Quello che ho visto negli ultimi due anni è senza precedenti“, ha affermato il dott. Thorp.

Epoch Times Photo
Dr. James Thorp

Thorp ha spiegato che, sebbene abbia visto un aumento della morte fetale e degli esiti avversi della gravidanza associati alla vaccinazione COVID-19, i tentativi di quantificare questo effetto sono ostacolati dall’imposizione di ordini di segretezza a medici e infermieri sin dal settembre 2021, come esaminato nella pubblicazione :”The Corruption of Healthcare, Informed Consent and the Physician-Patient Relationship” (Tradimento del paziente: la corruzione dell’assistenza sanitaria, il consenso informato e la relazione medico-paziente) (pdf).

All’inizio di gennaio, alla FDA è stato ordinato di rilasciare il suo primo grande lotto di documenti relativi agli studi sul vaccino di Pfizer, di cui oltre 10.000 di circa 450.000 pagine sono state rese pubbliche finora.

Dal primo giorno del lancio del vaccino Pfizer-BioNTech il 1 ° dicembre 2020 fino al 28 febbraio 2021, 1.223 decessi e 42.086 eventi avversi sono stati segnalati a Pfizer.

Tra gli eventi avversi, particolarmente allarmanti sono quelli che hanno colpito le donne in gravidanza. I documenti dicono che ci sono stati 274 eventi avversi alla gravidanza, di cui il 75, o il 27% “gravi”.

“49 eventi clinici non gravi e 75 gravi, riportati, che si sono verificati nelle madri vaccinate. Eventi correlati alla gravidanza riportati in questi casi codificati ai [pazienti] Aborto spontaneo (25), Contrazione uterina durante la gravidanza, Rottura prematura delle membrane, Aborto, Aborto mancato e Morte fetale (1 ciascuno). Altri eventi clinici che si sono verificati in più di 5 casi codificati per i [pazienti] Cefalea (33), Dolore al sito di vaccinazione (24), Dolore alle estremità e affaticamento (22 ciascuno), Mialgia e Piressia (16 ciascuno), Brividi (13) Nausea (12), Dolore (11), Artralgia (9), Linfoadenopatia e Farmaco inefficace (7 ciascuno), Dolore toracico, Vertigini e Astenia (6 ciascuno), Malessere e COVID-19 (5 ciascuno), ” legge i documenti Pfizer precedentemente riservati (pdf).

Il sito web del CDC raccomanda i vaccini COVID durante la gravidanza al fine di “prevenire gravi malattie e morte nelle donne in gravidanza”.

Anche l’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) “raccomanda vivamente che le persone incinte siano vaccinate contro COVID-19”, aggiungendo che la vaccinazione completa delle donne incinte dovrebbe essere una “priorità”.

Thorp ha ripetutamente sottolineato che non è che tutti abbiano ricevuto le loro dosi quando il vaccino è stato distribuito per la prima volta.

“Non sono stati tutti somministrati [il 1 ° dicembre 2020]”, ha detto Thorp. “Tutti i lotti che sono stati inviati sono stati surgelati in loco e poi sono stati somministrati lentamente in quelle otto settimane”.

La quantità di vaccini BioNTech spediti in tutto il mondo al momento è stata oscurata nel documento di cui sopra.

Perché hanno cancellato questo dato? Sarebbe stata un’informazione incredibilmente utile che avrebbe fornito il numeratore e il denominatore esatti”, ha detto Thorp.

La tabella “panoramica generale” dice che c’erano 29.914 “casi” relativi alle femmine, 9.182 nei maschi e 2.990 persone con “nessun dato”, di cui 19.582 sono “recuperati / in via di recupero”, 11.361 “non recuperati al momento del rapporto” e 1.223 “fatali”.

L’ex vicepresidente di Pfizer aveva dato avvertimenti

Michael Yeadon è un grande veterano farmaceutico con 32 anni nel settore. Si è dimesso dalla Pfizer mentre occupava la posizione di ricerca più alta in quel campo.

“Il 1 ° dicembre 2020, abbiamo dettagliato una serie di preoccupazioni di tossicologia meccanicistica che ritenevamo fossero ragionevoli da sostenere, a meno che e fino a quando non fosse dimostrato che non si verificassero”, ha detto Yeadon in una dichiarazione a The Epoch Times.

“Tra questi c’era che gli impatti negativi sul concepimento e sulla capacità di sostenere una gravidanza erano prevedibili”.

“È importante notare che nessuno di questi agenti basati su geni aveva completato quella che viene chiamata ‘tossicologia riproduttiva’. Più di un anno dopo, questa batteria di test sugli animali non è ancora stata fatta. Quindi non c’era e non c’è ancora un pacchetto di dati a sostegno della sicurezza in gravidanza o prima del concepimento”.

Il Dr. Wolfgang Wodarg e Yeadon hanno dettagliato le preoccupazioni sulla questione: la proteina spike del virus codificato nei vaccini era correlata in misura minore alla sincitina che svolge un ruolo cruciale nel portare un bambino a termine.

Yeadon aveva sperato, allora, che le loro preoccupazioni fossero prese in considerazione, dal momento che avevano già visto la tragedia del talidomide, un farmaco sedativo che causava malformazioni congenite, oltre 60 anni fa.

“Durante il 2021, mi sono imbattuto in due ulteriori prove che hanno reso molto più probabile che ci sarebbero stati effetti avversi sulla gravidanza dai “vaccini” COVID-19″.

“Sembrava che qualcuno avesse cercato di respingere le nostre preoccupazioni testando le prove del particolare problema di cui avevamo avvertito nel dicembre 2020. Purtroppo, tutto ciò che hanno fatto è stato rafforzare le nostre preoccupazioni. Avevamo immaginato il rischio che, rispondendo al pezzo sintetico di proteina spike del virus, il sistema immunitario delle donne avrebbe dato una risposta immunitaria nei confronti della propria proteina placentare “, ha detto Yeadon. “Questo è esattamente ciò che è stato riportato nel documento di prestampa“.

Sulla base di questa preoccupazione da sola, tutti questi prodotti sperimentali come classe avrebbero dovuto essere completamente controindicati nelle donne più giovani dell’età della menopausa“.

I prodotti di mRNA si accumulano nelle ovaie

Un’altra preoccupazione che inizialmente non avevano notato era che “i prodotti a mRNA (Pfizer e Moderna) si sarebbero accumulati nelle ovaie”, ha affermato Yeadon.

Una richiesta FOI all’Agenzia giapponese per i medicinali ha rivelato che l’accumulo di prodotto nelle ovaie si è verificato in esperimenti sui roditori. Ho cercato nella letteratura sulla base di queste preoccupazioni specifiche e ho trovato una revisione del 2012, attirando esplicitamente l’attenzione sull’evidenza che le formulazioni di nanoparticelle lipidiche come classe si accumulano, in effetti, nelle ovaie e possono rappresentare un rischio riproduttivo non apprezzato per l’uomo. Questo era ‘un problema ben noto’ agli esperti in quel campo“.

Uno studio del 2012 afferma che dopo i test con diverse specie di topi e ratti Wistar, “un elevato accumulo locale di nanoparticelle, nanocapsule e nanoemulsioni in posizioni specifiche delle ovaie è stato trovato in tutti gli animali”.

Riferendosi allo studio, Yeadon ha detto a The Epoch Times che “Gli autori dichiarano falsità. Dicono che “non c’è stato alcun aumento degli anticorpi anti-sincitina-1”.

No, è sbagliato. I loro dati sono chiaramente aumentati di 2,5 volte dopo la vaccinazione e ovviamente statisticamente significativi (la significatività funzionale sembra confermata dal tasso di aborto spontaneo)”, ha osservato Yeadon.

“Quello che hanno fatto è assurdo.Nessuna prova di sorta per tale affermazione. Infatti, nella discussione, confessano che non conosciamo la relazione tra gli anticorpi e l’impatto sulla funzione”.

L’ex vicepresidente di Pfizer ritiene che l’industria farmaceutica “sapesse sicuramente”, dal 2012, che le nanoparticelle lipidiche si sarebbero accumulate nelle ovaie delle donne che hanno ricevuto i vaccini.

“Nessuno nel settore o nei principali media poteva affermare che ‘non sapevano di questi rischi per una gravidanza'”.

Una nanoparticella lipidica è una particella estremamente piccola, è una membrana liposolubile che è il carico dell’RNA messaggero, ha detto Thorp.

Dai dati che abbiamo, sembra esserci una concentrazione di nanoparticelle lipidiche, che sono particelle molto, molto piccole, che si trovano nel vaccino che vengono iniettate nel braccio”, ha detto Thorp, “la stragrande maggioranza di queste sono disperse in tutto il corpo“.

Sembrano concentrarsi nelle ovaie e sembrano attraversare tutte le barriere create da Dio nel corpo umano, la barriera emato-encefalica, la barriera placentare durante la gravidanza, nel flusso sanguigno fetale e tutti i tessuti fetali all’interno dell’utero, attraversando la barriera emato-encefalica nel feto, il bambino nel grembo materno, il che è molto preoccupante“, ha osservato, poiché gli ovuli prodotti dalle donne sono in numero limitato e sarebbero “esposti a una nanoparticella lipidica tossica potenzialmente disastrosa“.

La dott.ssa Christiane Northrup è un’ostetrica-ginecologa certificata con oltre 30 anni di esperienza ed ex presidente dell’American Holistic Medical Association. Ha anche fatto parte del loro consiglio durante gli anni ’80 e i primi anni ’90.

Ha riferito a The Epoch Times lo scorso ottobre su come le donne sono state colpite dai vaccini.

Le donne stanno avendo sanguinamenti. I medici della nostra zona stanno facendo isterectomie in giovani donne, come 30enni, hanno detto, ‘Oh, non è insolito.’ Lascia che ti dica, come ginecologo certificato, che è molto insolito. I cicli delle donne sono stravolti… Ho seguito un enorme gruppo Facebook di migliaia di donne che parlavano di questa situazione che è stato rimosso “, ha detto Northrup.

La mia professione è famosa per abbracciare trattamenti che in seguito si trasformano in disastri: ad esempio il farmaco talidomide che provoca effetti sugli arti in centinaia di bambini, lo scudo Dalkon IUD che è stato pubblicizzato come il metodo di controllo delle nascite di scelta per le donne che non avevano mai avuto figli – e poi reso centinaia di loro sterili dall’infezione. E, naturalmente, c’è DES (dietilstilbestrolo) che è stato dato a migliaia di donne per la nausea della gravidanza – e provoca anomalie riproduttive sia nella prole maschile che in quella femminile – compresa la sterilità “, ha aggiunto Northrup.

Pfizer e Moderna non hanno risposto alle richieste di commento ( naturalmente).

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

I DANNEGGIATI da vaccino: i nuovi DISCRIMINATI

Read Next

Napoli, 12enne aggredito da un coetaneo: chiave infilzata nella testa. Il medico “estremamente preoccupato da fenomeni aggressivi post covid nei minori”