• Giugno 22, 2024

Microcoaguli di sangue: la chiave per spiegare i danni vaccinali e curare il LONG COVID 

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Dr. Joel S. Hirschhorn

Ciò che dovrebbe ricevere molta più attenzione di quella dedicata, è la formazione di microscopici coaguli di sangue in tutto il corpo causati dalle proteine spike. Questi non si rilevano normalmente attraverso le tecnologie di scansione e imaging mediche convenzionali.

Sappiate questo: derivano da proteine spike COVID che rovinano i vasi sanguigni fini causando micro coaguli di sangue. Le molecole proteiche spike da infezione COVID sono le stesse indotte dai vaccini COVID che ne pompano un numero enorme nel vostro corpo. Quindi, i vaccini creano lo stesso problema di coaguli di sangue del COVID in molte persone.

In questo articolo si parla di microcoaguli di sangue per spiegare tre importanti problemi pandemici:

1. Eventi avversi sulla salute dei vaccini, compresi i decessi

2. Una vasta gamma di malattie e decessi da infezione COVID

3. Milioni di persone con COVID “lungo” che soffrono di diversi problemi di salute.

PROBLEMI DA MICROCOAGULI DI SANGUE

Cosa possono causare questi micro coaguli di sangue? Questa è la domanda chiave. Non c’è nient’altro che cattive notizie di cui pochissime persone sono a conoscenza.

I coaguli di sangue che si formano nei vasi sanguigni più piccoli sono indicati come trombosi microvascolari e riducono il flusso sanguigno. I sintomi clinici dipendono dagli organi che sono più fortemente colpiti.

Ecco il punto principale: molti pazienti possono sperimentare micro coagulazione del sangue che non è visibile ad occhio nudo o scansioni normali, ma producono effetti estremamente negativi sulla salute. Quando pompati ai polmoni possono essere diagnosticati come embolie polmonari. Se raggiungono il cervello, possono causare un ictus o confusione. Se si depositano nel cuore, possono causare un infarto o promuovere l’infiammazione. Se si depositano nei vasi sanguigni più piccoli che forniscono ossigeno alle mani o ai piedi, possono causare l’intorpidimento di quegli arti e possibilmente richiedere l’amputazione. Coaguli in altri organi, come il fegato o i reni, potrebbero causare il fallimento di tali organi.

La diagnosi dalla coagulazione dipende in gran parte da dove finiscono i coaguli, il che spiega perché le persone che ricevono”vaccini” con proteine spike sperimentano una così vasta gamma di lesioni e morti. Oltre un milione di danneggiati sono ora riportati nel database VAERS CDC, con stime di centinaia di migliaia di morti finora solo negli Stati Uniti.

L’eminente Dr. Peter McCollough, un grande esperto medico, ha affrontato il tema dei microcoaguli. All’inizio della pandemia ha notato che “la stessa proteina Spike ha causato la coagulazione del sangue. Ha causato l’adesione dei globuli rossi. Allo stesso tempo le piastrine si attaccano tra loro. Quindi, questo è un tipo molto diverso di coagulazione del sangue che vediamo con i principali coaguli di sangue nelle arterie e nelle vene. Ad esempio, coaguli di sangue coinvolti in ictus e infarto. Coaguli di sangue nei principali vasi sanguigni nelle gambe. Questo rappresenta un diverso tipo di coagulazione e infatti gli italiani praticarono coraggiosamente alcune autopsie e trovarono micro coaguli di sangue nei polmoni. E così, abbiamo capito alla fine, il motivo per cui i polmoni falliscono non è perché il virus è lì. È perché i microcoaguli di sangue sono lì. Quando le persone non riescono a respirare, il problema è la micro-coagulazione del sangue nei polmoni. La spike del virus danneggia i vasi sanguigni causando la coagulazione del sangue.

Probabilmente la maggior parte delle persone che hanno il COVID in fase avanzata e muoiono hanno gravi problemi polmonari e i micro coaguli sono la causa probabile.

Ora arriviamo al punto chiave. I vaccini COVID possono inserire proteine spike proprio come quelle create dall’infezione da COVID. Dovremmo aspettarci problemi di salute dai vaccini COVID proprio come quelli dall’infezione da COVID? Sì!

MEDICO CANADESE HA AVVERTITO DEI MICROCOAGULI DA VACCINO

Mesi fa, nel luglio 2021, un coraggioso e intelligente medico canadese, Charles Hoffe, ha reso pubbliche le sue scoperte sui pazienti vaccinati contro COVID. Usando il test del sangue del d-dimero ha scoperto che il 62% delle centinaia di suoi pazienti vaccinati aveva tassi elevati che indicavano la presenza di micro coaguli di sangue. Un test d-dimero misura la quantità di fibrina degradata nel sangue.

Ha fatto molto di più che rilasciare quella scoperta. Ha dichiarato che l’uso di vaccini a mRNA “ucciderà la maggior parte delle persone attraverso l’insufficienza cardiaca”.

Si noti che nell’aprile 2021 il Dr. Hoffe ha scritto una lettera aperta al funzionario sanitario provinciale per la British Columbia cercando di convincere il governo canadese a riconoscere il pessimo impatto del vaccino relativo ai micro coaguli di sangue. Non è riuscito a fermare l’uso dei vaccini COVID.

Cercando di attirare l’attenzione dei media, il medico ha avvisato il pubblico e la comunità medica che la stragrande maggioranza delle persone cui viene somministrato il vaccino genetico sperimentale morirà entro pochi anni per insufficienza cardiaca.

Ha spiegato di aver osservato nei suoi pazienti che hanno ricevuto un “vaccino” mRNA (RNA messaggero) da Pfizer-BioNTech o Moderna , gravi danni nei capillari, il che secondo lui alla fine porterà a un grave evento cardiovascolare.

In parole povere ha affermato che i vaccini a mRNA sono programmati per trasformare il corpo di una persona in una “fabbrica” di proteine spike e che nel tempo queste proteine spike prodotte in serie causano una progressiva coagulazione del sangue.

Ha affermato ciò che altri esperti medici hanno espresso, vale a dire che solo il 25% del “vaccino” iniettato nel braccio di una persona rimane effettivamente nel braccio. L’altro 75% viene raccolto dal sistema linfatico e letteralmente immesso nella circolazione, quindi questi piccoli pacchetti di RNA messaggero invadono il corpo. E in una singola dose di “vaccino” Moderna ci sono letteralmente 40 trilioni di molecole di mRNA.

Il Dr. Hoffe sostiene che mentre questi pacchetti sono stati progettati da Big Pharma per essere assorbiti direttamente nelle cellule degli individui, l’unico posto in cui possono effettivamente essere assorbiti è intorno ai vasi sanguigni e nelle reti capillari, che sono i più piccoli vasi sanguigni dove il flusso sanguigno è lento e dove i geni vengono rilasciati.

“Il tuo corpo si mette quindi al lavoro leggendo e poi producendo trilioni e trilioni di queste proteine spike”, ha dichiarato. “Ogni gene può produrre molte, molte proteine spike. Il corpo quindi riconosce che si tratta di corpi estranei e produce anticorpi contro di essi in modo da essere protetto contro COVID. Questa è l’idea”. Ora sappiamo che questa teoria non assicura la distruzione del virus o la trasmissione di esso, né un’immunità efficace.

Ecco cosa dovete sapere: Sebbene la narrazione ufficiale indichi che queste proteine spike agiscono come deterrente per l’infezione virale dopo essere state iniettate nel corpo di una persona, la realtà è che diventano parte della parete cellulare dell’endotelio vascolare di un individuo o dei rivestimenti dei vasi sanguigni. Nei vasi sanguigni di diametro molto piccolo, le spike hanno un grande impatto sul flusso sanguigno.

I vasi sanguigni dovrebbero essere lisci in modo che il sangue scorra senza intoppi. Dopo che le proteine spike invadono il corpo, i piccoli vasi sanguigni hanno questi piccoli bit spikey che sporgono impedendo il flusso sanguigno e possono causare coaguli. Se si formano molti coaguli, la conta piastrinica nel sangue può diminuire notevolmente e questo può portare a problemi di sanguinamento.

Il Dr. Hoffe afferma che è inevitabile che il vaccino iniettato sviluppi coaguli di sangue perché mentre le proteine spike inserite nel vaccino si incorporano all’interno dei vasi sanguigni e dei capillari, le piastrine del sangue circolano cercando di risolvere il problema creando sempre più coaguli.

“Quindi, quando la piastrina passa attraverso il capillare, colpisce improvvisamente tutti questi picchi di COVID e diventa assolutamente inevitabile che si formino coaguli di sangue per bloccare quel vaso”, scrive. Pertanto, queste proteine spike possono prevedibilmente causare coaguli di sangue. Sono nei vasi sanguigni (se l’mRNA è ‘da vaccino’), quindi è garantito. “

Ciò che va sottolineato è che questi coaguli di sangue sono diversi da quelli “rari” di cui parlano i medici che compaiono su scansioni TC e risonanza magnetica o persino immagini ecografiche. Questi sono microscopici e non si presentano nei test, in quanto possono essere rilevati solo utilizzando un esame del sangue noto come d-dimero. E quasi tutti i medici non usano abitualmente questo test.

Il Dr. Hoffe ha eseguito test d-dimeri sui suoi pazienti “vaccinati” con mRNA, che lo hanno portato alla scoperta che almeno il 62% di loro ha questi microscopici coaguli di sangue. Perché alcune persone non ottengano i coaguli non è del tutto chiaro.

La parte più allarmante di tutto ciò è che ci sono alcune parti del corpo come il cervello, il midollo spinale, il cuore e i polmoni che non possono [rigenerarsi]”, ha dichiarato. “Quando quei tessuti sono danneggiati da coaguli di sangue, sono permanentemente danneggiati“. Questa è la chiave per capire perché ci sono un numero enorme di persone vaccinate che hanno subìto una vasta gamma di gravi impatti sulla salute, fino alla morte a seguito dei vaccini COVID.

MICROCOAGULI NEI PAZIENTI COVID

Mentre c’è stata una ricerca medica molto limitata sui micro coaguli da vaccini, c’è stato molto più interesse per i microcoaguli nei pazienti COVID. Ecco alcuni risultati di uno studio chiave nell’agosto 2021 con il titolo “Lo studio identifica i microcoaguli come causa di morte in alcuni pazienti COVID-19 gravemente malati“.

I ricercatori della Loma Linda University Health hanno scoperto che i pazienti COVID-19 gravemente malati probabilmente muoiono a causa di microcoaguli formatisi nei polmoni che si diffondono per causare danni mortali agli organi in tutto il corpo. Questa scoperta differiva dall’attuale opinione secondo cui il virus COVID-19 viaggia verso gli organi del corpo e danneggia il rivestimento dei vasi sanguigni in quegli organi.

Secondo questa ricerca, una volta iniziato il processo di coagulazione, il corpo non sta più combattendo contro il virus, ma soprattutto contro il processo di coagulazione.

Questo potrebbe cambiare il nostro approccio alla lotta contro questa malattia perché potremmo aver cercato nel posto sbagliato”, ha affermato Brian Bull, MD, patologo, ex preside della Loma Linda University School of Medicine e primo autore dello studio. “Abbiamo cercato un trattamento contro una malattia virale, ma ora dovremmo anche cercare una terapia per una malattia virale che si è trasformata in un disturbo della coagulazione”.

In un altro studio, “Un attacco di macrofagi che culmina in microtrombosi caratterizza la polmonite COVID 19”, pubblicato sul Journal of Immunity, Inflammation and Disease, propone una spiegazione del perché i pazienti COVID-19 muoiano per una vasta gamma di patologie come ictus, infarti, insufficienza renale o insufficienza di diversi organi contemporaneamente.

“Affrontiamo il problema di non comprendere ancora i disturbi fisiologici abbastanza bene da spiegare come una malattia virale come COVID-19 uccida le persone in modo così vario e difficile da prevedere”. Il Dr. Bull ha dichiarato.

Bull e la co-autrice Karen Hay sostengono che gruppi di piccoli coaguli formano e bloccano i micro-vasi sanguigni nei corpi di molti pazienti COVID-19 gravemente malati. Sebbene invisibili ad occhio nudo, i microcoaguli possono danneggiare e uccidere piccole porzioni di qualsiasi tessuto di organo – cervello, cuore, fegato, rene, polmone, ecc.

“La coagulazione in pazienti COVID-19 veramente malati non è qualcosa di banale e poco importante – potrebbe essere fondamentale per ciò che sta accadendo”, ha affermato il dott.

Ma come si formano questi microcoaguli e come viaggiano in tutto il corpo? Bull fornisce un’ampia panoramica di questo processo patologico:

Quando il corpo percepisce un’infezione da COVID-19, i grandi globuli bianchi chiamati monociti rispondono e si raccolgono nelle sacche d’aria dei polmoni.

Nel corso di pochi giorni, i monociti si trasformano in macrofagi – la “squadra di demolizione e pulizia” per il tessuto infetto e danneggiato nel corpo. I macrofagi attaccano le cellule cariche di virus che rivestono l’interno delle sacche d’aria. Purtroppo, i macrofagi possono anche attaccare il rivestimento del sacco d’aria carica di virus fino ai vasi sanguigni che circondano ciascuna sacca d’aria. Questo è il punto del corpo in cui il sangue raccoglie ossigeno quando respiriamo. Se i macrofagi perforano questi vasi sanguigni, la sacca d’aria si riempirà di sangue.

Una proteina prodotta dai macrofagi sulla loro superficie provoca la coagulazione del sangue. Quando un coagulo forma un enzima, la trombina, interagisce con una proteina nel sangue nota come fibrinogeno per produrre filamenti di fibrina o fibrille. Quando questi fili di fibrina si accumulano, diventano un coagulo. Queste fibrille possono essere ancora solubili se rimangono abbastanza corte (circa 25 molecole o meno). Qualsiasi cosa più lunga diventa insolubile e apparirà come piccoli coaguli.

Le catene corte di fibrina, ancora solubili, possono viaggiare nel sangue a tutti gli organi del corpo. Finché le catene di fibrina rimangono corte, questo non causerà problemi, ma se più trombina proviene da coaguli nei polmoni, allora più fibrina viene continuamente pompata nel sangue. Questo fa sì che le catene di fibrina crescano più a lungo; crescono troppo a lungo per rimanere in soluzione e si formeranno gruppi di microcoaguli.

Questi microcoaguli bloccheranno i piccoli vasi sanguigni che nutrono il tessuto che costituisce ciascuno degli organi del corpo, rendendo gli organi meno in grado di svolgere la loro funzione necessaria. Gli organi (cuore, rene, cervello, ecc.) con piccole chiazze di tessuto morto e morente, prima o poi, falliranno.

Infatti, quando Bull e Hay hanno monitorato tre pazienti COVID-19 ricoverati in un’unità di terapia intensiva per biomarcatori rivelatori della coagulazione – con catene di fibrina ancora solubili – hanno scoperto che nel giro di quattro giorni, tutto il fibrinogeno nei corpi dei pazienti si era trasformato in catene di fibrina solubili a livelli cinque volte superiori al normale. Gli organi del corpo sono stati gravemente danneggiati in tutti e tre i pazienti. Due di loro sono morti in ospedale e il terzo è sopravvissuto ma ha subito gravi danni cerebrali.

Sebbene Bull e Hay abbiano scoperto che la coagulazione del sangue stava avvenendo monitorando i bio-marcatori ed eseguendo test di coagulazione, non sono stati rilevati coaguli visibili in nessuno dei tre pazienti. La spiegazione più probabile, afferma Bull, è che quei coaguli fossero presenti ma erano troppo piccoli per essere visti.

“Qui in questo studio abbiamo tre pazienti in cui chiaramente si è verificato un massiccio disturbo della coagulazione in un periodo molto breve”, ha dichiarato Bull.

Bull ha affermato che in un anno e mezzo di ricerca di modalità terapeutiche, la comunità medica non ha escogitato alcun farmaco antivirale che abbia avuto un significativo effetto benefico su COVID-19. Tuttavia, l’eparina, un farmaco anti-coagulazione, non un farmaco antivirale, si è dimostrato altamente utile e ora viene somministrato praticamente a tutti i pazienti COVID-19 ospedalizzati e gravemente malati.

[Questo autore ha inoltre studiato l’uso di ivermectina per COVID in stato tardivo e ha concluso che può funzionare a causa della sua proprietà antinfiammatoria.]

“La coagulazione in pazienti COVID-19 veramente malati non è qualcosa di banale e non importante : potrebbe essere fondamentale per ciò che sta accadendo”, ha affermato Bull.

Lo scopo per cui si forniscono tutti questi dettagli è dimostrare che ciò che le proteine spike causano nei pazienti COVID malati può essere ciò che sta accadendo in molte persone vaccinate. Proprio come il Dr. Hoffe aveva previsto. E perché alcuni milioni di persone in tutto il mondo hanno avuto eventi negativi per la salute con i vaccini, tra cui probabilmente alcune centinaia di migliaia di morti.

La ricerca tedesca (Microvascular dysfunction in COVID-19: the MYSTIC study) ha fatto diverse osservazioni importanti sui piccoli capillari colpiti da micro coaguli. La perdita di piccoli capillari è correlata ad alti livelli di d-dimero. E la velocità dei globuli rossi nei capillari più piccoli era significativamente più bassa in quei pazienti con gravi problemi polmonari che erano ventilati meccanicamente. Un basso flusso sanguigno significa che arriva meno ossigeno dove è più necessario.

COVID LUNGO A CAUSA DI COAGULI

Ora veniamo alla terza area di ricerca medica che ha trovato microcoaguli come la probabile causa di ciò viene chiamat LONG COVID o Covid “lungo”; che si riferisce a persone che sembrano essersi riprese con successo dal COVID ma vivono con gravi problemi di salute residui legati alla loro precedente infezione da COVID. Purtroppo, alcuni medici sostengono che questi persistenti problemi di salute siano di natura psicologica.

Qui viene riassunta una nuova ricerca che scopre che la causa di problemi di salute persistenti sia dovuta a microcoaguli di sangue.

Nell’ottobre 2021 il materiale in questo articolo è stato originariamente pubblicato sulla rivista Cardiovascular Diabetology nell’agosto 2021.

“Microcoaguli infiammatori nel sangue di individui affetti da COVID lungo.” La ricerca è stata condotta presso la Stellenbosch University in Sud Africa. I ricercatori hanno trovato un sovraccarico di varie molecole infiammatorie, “intrappolate” all’interno di coaguli di sangue microscopici insolubili (micro coaguli), nel sangue di individui che soffrono di sintomi persistenti sperimentati da individui con COVID lungo.

Questa importante scoperta è stata fatta dal Prof. Resia Pretorius, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Fisiologiche dell’Università di Stellenbosch. Ha iniziato a esaminare i microcoaguli e il loro contenuto molecolare nei campioni di sangue di individui con COVID lungo. Da allora i risultati sono stati sottoposti a revisione paritaria e pubblicati sulla rivista.

“Abbiamo trovato alti livelli di varie molecole infiammatorie intrappolate in microcoaguli presenti nel sangue di individui con LONG COVID. Alcune delle molecole intrappolate contengono proteine della coagulazione come il fibrinogeno e l’alfa(2)-antiplasmina”, ha spiegato il Prof. Pretorius.

L’alfa(2)-antiplasmina è una molecola che impedisce la rottura dei coaguli di sangue, mentre il fibrinogeno è la principale proteina di coagulazione. In condizioni normali il sistema plasmina-antiplasmina del corpo mantiene un sottile equilibrio tra la coagulazione del sangue (il processo attraverso il quale il sangue si ispessisce e coagula per prevenire emorragie dopo un infortunio) e la fibrinolisi (il processo di scomposizione della fibrina nel sangue coagulato per prevenire la formazione di coaguli di sangue).

Con alti livelli di alfa(2)-antiplasmina nel sangue dei pazienti COVID-19 e degli individui affetti da COVID lungo, la capacità del corpo di abbattere i coaguli è significativamente inibita.

L’insolubilità dei microcoaguli è diventata evidente attraverso l’analisi specifica di campioni di plasma sanguigno di individui con COVID acuto e COVID lungo; hanno continuato a depositare pellet insolubili nei dispositivi di raccolta.

Questo è il primo gruppo di ricerca ad aver riferito di aver trovato microcoaguli nei campioni di sangue di individui con COVID lungo, utilizzando la microscopia a fluorescenza e l’analisi proteomica, risolvendo così un altro enigma associato alla malattia.

“Di particolare interesse è la presenza simultanea di microcoaguli anomali persistenti e un sistema fibrinolitico patologico”, scrivono nel documento di ricerca. “Ciò implica che l’equilibrio tra plasmina e antiplasmina può essere centrale per le patologie in Long COVID e fornisce ulteriori prove che COVID-19, e ora Long COVID, hanno significative patologie cardiovascolari e di coagulazione”.

In altre parole, questa ricerca si collega a ciò che è stato trovato nei pazienti COVID con microcoaguli di sangue.

ARTICOLO DEL GUARDIAN

Questa ricerca è stata vista come uno sviluppo molto importante in un articolo del gennaio 2022 su The Guardian con il titolo “I microclot potrebbero aiutare a spiegare il mistero del lungo Covid?” È stato scritto da Resia Pretorius, uno dei ricercatori sudafricani più esperti. “Il mio laboratorio ha trovato una significativa formazione di microclot in pazienti Covid lunghi. Sfortunatamente, questi sono mancati negli esami del sangue di routine. “

Ecco altri estratti da questo articolo che aveva lo scopo di informare il mondo sull’importanza dei micro coaguli.

“Uno dei più grandi fallimenti durante la pandemia di Covid-19 è stato la nostra lenta risposta nella diagnosi e nel trattamento del Covid lungo. Ben 100 milioni di persone in tutto il mondo soffrono già di Covid da molto tempo. Quel numero sbalorditivo alla fine sarà molto più alto, se teniamo conto che le diagnosi sono ancora inadeguate e che ancora non sappiamo quale sarà l’impatto di Omicron e delle varianti future”.

“I pazienti con Covid lungo lamentano numerosi sintomi, i principali dei quali sono affaticamento ricorrente e nebbia cerebrale, debolezza muscolare, mancanza di respiro e bassi livelli di ossigeno, difficoltà di sonno e ansia o depressione. Alcuni pazienti sono così malati che non possono lavorare o addirittura fare qualche passo. C’è anche un elevato rischio di ictus e attacchi di cuore. Una delle maggiori fonti di preoccupazione è che anche l’infezione iniziale da Covid-19 lieve e talvolta asintomatica può portare a disabilità debilitanti e a lungo termine”. [Quest’ultima frase è particolarmente importante.]

“Dall’inizio del 2020, noi e altri ricercatori abbiamo sottolineato che il Covid-19 acuto non è solo una malattia polmonare, ma in realtà colpisce in modo significativo i sistemi vascolari (flusso sanguigno) e coagulazione (coagulazione del sangue)”.

“Nel sangue di pazienti con Covid lungo, i microclot persistenti sono resistenti ai processi fibrinolitici del corpo. Abbiamo trovato alti livelli di varie molecole infiammatorie intrappolate nei microclot persistenti, tra cui proteine della coagulazione come plasminogeno, fibrinogeno e fattore di Von Willebrand (VWF), e anche l’antiplasmina Alfa-2 (una molecola che impedisce la rottura dei microclot).

“La presenza di microclot persistenti e piastrine iperattivate (anch’esse coinvolte nella coagulazione) perpetua la coagulazione e la patologia vascolare, con il risultato che le cellule non ricevono abbastanza ossigeno nei tessuti per sostenere le funzioni corporee (nota come ipossia cellulare). L’ipossia diffusa può essere centrale per i numerosi sintomi debilitanti riportati”.

Ed ecco cosa devono sapere le vittime del LONG COVID: “Perché i pazienti Covid a lungo non possono andare nella clinica o nell’operatore sanitario più vicino per trovare opzioni di trattamento? Attualmente non ci sono test di patologia generale prontamente disponibili per diagnosticare questi pazienti. Ai pazienti gravemente malati viene riferito che i risultati dei loro test di patologia sono all’interno di intervalli normali / sani. A molti viene poi disgnosticato un problema psicologico e viene consigliata la meditazione o l’esercizio fisico. Il motivo principale per cui i tradizionali test di laboratorio non rilevano nessuna delle molecole infiammatorie è che sono intrappolate all’interno dei microclot resistenti ai fibrinolitici (visibili sotto un microscopio a fluorescenza o a campo luminoso, come ha dimostrato la nostra ricerca). Quando viene misurato il contenuto molecolare della parte solubile del plasma, le molecole infiammatorie, compresi gli autoanticorpi, vengono semplicemente perse”.

Ricordate che il Dr. Hoffe ha usato il test del d-dimero per confermare la presenza di microcoaguli di sangue e questo test può essere prescritto dal vostro medico. Inoltre, molti articoli pro-ivermectina invocano non solo la proprietà antivirale che funziona per affrontare l’infezione iniziale da COVID, ma anche la sua proprietà antinfiammatoria più importante dopo la fase iniziale di replicazione virale.

RISULTATI DELL’AUTOPSIA

C’è anche una letteratura medica abbastanza ampia con risultati di micro coaguli di sangue da autopsie. Ecco solo un esempio pubblicato nel 2020 dalla dottoressa Amy Rapkiewicz, presidente del dipartimento di patologia del NYU Langone Medical Center,

Descrivere il lavoro in una frase è questo: “La coagulazione non era solo nei grandi vasi, ma anche nei vasi più piccoli. E questo è stato drammatico, perché anche se ce lo saremmo potuti aspettare nei polmoni, l’abbiamo trovato in quasi tutti gli organi che abbiamo esaminato nel nostro studio autoptico “, ha dichiarato il ricercatore.

Anche questo è stato trovato in un’altra notizia: “Sapevamo che stavano trovando coaguli in questi pazienti [COVID]”, ha dichiarato. “Quindi, anche se sapevamo che sarebbero stati lì, non ce lo aspettavamo a livello microscopico nella misura in cui l’abbiamo visto”. Il suo studio autoptico ha trovato coaguli di sangue in piccoli vasi dei polmoni, dei cuori, dei reni e dei fegati dei pazienti.

In un’altra notizia è stato notato nel 2020 sulla ricerca presso l’Università di Harvard: “I ricercatori hanno notato che i pazienti con il nuovo coronavirus hanno sofferto di molti coaguli di sangue microscopici. In una netta differenza con i polmoni infettati dall’influenza, i micro-coaguli erano nove volte più presenti nelle aree dei polmoni che consentono il passaggio di ossigeno nel flusso sanguigno del paziente mentre viene emessa anidride carbonica.

Questo è dallo studio medico pubblicato: “L’analisi istologica dei vasi polmonari in pazienti con Covid-19 ha mostrato trombosi diffusa con microangiopatia. I microtrombi capillari alveolari erano 9 volte più diffusi nei pazienti con Covid-19 che nei pazienti con influenza. Nei polmoni dei pazienti con Covid-19, la quantità di crescita di nuovi vasi – prevalentemente attraverso un meccanismo di angiogenesi intussuscettiva – era 2,7 volte più alta di quella nei polmoni dei pazienti con influenza. In altre parole, i micro coaguli di sangue erano associati in modo univoco all’infezione da COVID.

Questo è il titolo di un articolo medico di maggio 2020: “Fisiopatologia di SARS-CoV-2: il targeting delle cellule endoteliali rende una malattia complessa con microangiopatia trombotica e risposta immunitaria aberrante. L’esperienza dell’autopsia COVID-19 del Mount Sinai”. Ecco il riassunto dei risultati; notare la parola micro:

“Le autopsie sono state eseguite presso il Mount Sinai Hospital su 67 pazienti positivi al COVID-19 e i dati delle cartelle cliniche sono stati ottenuti dal Mount Sinai Data Warehouse. Il progetto sperimentale includeva un esame microscopico completo effettuato da un team di patologi esperti, insieme a microscopia elettronica a trasmissione, immunoistochimica.

“Riportiamo una serie completa di autopsie di 67 pazienti positivi al COVID-19 che rivelano che questa malattia, finora concettualizzata come una malattia virale principalmente respiratoria, causa anche disfunzione endoteliale, uno stato ipercoagulabile [una maggiore tendenza a sviluppare coaguli di sangue] e uno squilibrio delle risposte immunitarie innate e adattative. I nuovi risultati riportati qui includono un fenotipo endoteliale di ACE2 in organi selezionati, che correla con anomalie della coagulazione e microangiopatia trombotica, affrontando i prominenti sintomi della coagulopatia e neuropsichiatria. Un’altra osservazione originale è quella della sindrome da attivazione dei macrofagi, con emofagocitosi e un disturbo simile alla linfoistiocitosi emofagocitica, alla base della microangiopatia [disturbo che coinvolge piccoli vasi sanguigni] e dell’eccessivo rilascio di citochine. In altre parole, questo studio ha anche trovato prove di microcoaguli nelle vittime di COVID.

Infine, il lavoro del Dr. Sucharit Bhakdi. Ha osservato: “categorie immunitarie e correlate al sangue di rischi da vaccini: (1) Coagulazione dall’azione diretta della proteina spike nel flusso sanguigno; (2) Ulteriore coagulazione dal sistema immunitario che attacca le cellule endoteliali che producono spike. Anche questo è stato detto: “L’RNA iniettato nel corpo entrerà nelle cellule che rivestono i vasi sanguigni. Le proteine spike sporgeranno verso l’esterno per attirare le piastrine del sangue e formare micro-coaguli. Giorni dopo la vaccinazione, i globuli bianchi noti come linfociti e anticorpi inizieranno a montare un attacco contro queste cellule. Se hai il coraggio di ripetere il tutto (fai la seconda dose), “Dio ti aiuti” avverte il dottor Bhakdi. Ha avvertito degli effetti collaterali dei coaguli di sangue mesi prima del lancio dei vaccini a mRNA.

CONCLUSIONI

I microcoaguli di sangue sono collegati a proteine spike provenienti dall’infezione da COVID o vaccini che li introducono nel corpo o inducono il corpo a produrli.

I microcoaguli di sangue sembrano essere la probabile causa di molti milioni di eventi negativi sulla salute e decessi per infezione da COVID e da vaccini COVID, e persino molti milioni di vittime LONG COVID che soffrono di diversi problemi di salute senza una soluzione medica apparente.

Avete sentito qualche funzionario del governo o della sanità pubblica parlare di microcoaguli di sangue? Probabilmente no. Ma non perché siano insignificanti.

Ora, probabilmente ne sapete più di loro.

Ora vi rendete conto che c’è stato uno scandalo di proporzioni ENORMI.


Il Dr. Joel S. Hirschhorn, autore di Pandemic Blunder e di molti articoli e podcast sulla pandemia, ha lavorato su problemi di salute per decenni e la sua Pandemic Blunder Newsletter è su Substack. Come professore ordinario presso l’Università del Wisconsin, Madison, ha diretto un programma di ricerca medica tra i college di ingegneria e medicina. Come alto funzionario presso il Congressional Office of Technology Assessment e la National Governors Association, ha diretto importanti studi su argomenti relativi alla salute; ha testimoniato in oltre 50 audizioni al Senato e alla Camera degli Stati Uniti ed è autore di centinaia di articoli e articoli editoriali sui principali giornali. Ha prestato servizio come volontario esecutivo in un importante ospedale per più di 10 anni. È membro dell’Association of American Physicians and Surgeons e dell’America’s Frontline Doctors.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

ALLARME DA NATURE: “Le particelle di biossido di titanio presenti nelle mascherine facciali destinate all’uso generale richiedono un controllo normativo” STUDIO

Read Next

Il vaccino Pfizer COVID-19 efficace solo per il 12% contro Omicron nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. NUOVO STUDIO

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock