• Ottobre 2, 2022

Riattivazione del virus dell’epatite C , meningite da virus Herpes Zoster e Vasculite cutanea dopo la vaccinazione COVID-19

Caso di meningite da virus della varicella zoster a seguito della vaccinazione BNT162b2 mRNA COVID-19 in un paziente immunocompetente

  • La meningite VSV si è sviluppata in seguito alla prima dose del vaccino BNT162b2 mRNA COVID-19
  • Una donna immunocompetente di 71 anni ha sviluppato febbre, mal di testa e torcicollo.
  • La VSV è stata confermata dalla PCR del liquido cerebrospinale.
  • Questo è il quarto rapporto di questo tipo in tutto il mondo che suggerisce un possibile collegamento con il vaccino.

Astratto

Segnaliamo un caso di meningite da virus della varicella zoster (VZV) a seguito della vaccinazione BNT162b2 mRNA COVID-19 in un paziente immunocompetente. Una diagnosi finale è stata fatta sulla base dell’identificazione di VSV attraverso la reazione a catena della polimerasi positiva del liquido cerebrospinale insieme a sintomi caratteristici come febbre, mal di testa e torcicollo. Questo fenomeno è stato segnalato altrove; questo è il 13 ° caso di questo tipo riportato in tutto il mondo e il 7 ° caso in pazienti immunocompetenti, indicando la necessità di un attento monitoraggio dopo i vaccini COVID-19.

Caso Clinico

Una donna di 71 anni con nefrite IgA si è presentata in ospedale con febbre e mal di testa, che persistevano per una settimana dal giorno dopo la sua prima vaccinazione BNT162b2 mRNA COVID-19. Ha visite regolari in ospedale per la nefrite IgA, tuttavia non ha mai usato farmaci immunosoppressori. Aveva una storia di varicella durante l’infanzia, ma nessuna storia di vaccinazione per il virus dell’herpes zoster. Al momento del ricovero, era cosciente e la sua temperatura, pressione sanguigna, frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e saturazione di ossigeno arterioso percutaneo erano rispettivamente 38,1 ° C, 122/78 mmHg, 91 bpm, 16 respiri / min e 98% (mentre respirava aria ambiente). I suoi test di esame fisico hanno rivelato torcicollo, accentuazione della scossa e segno di Kernig. Tuttavia, non c’erano evidenti scoperte neurodegenerative. Cinque giorni dopo la vaccinazione, ha sviluppato vescicole dolorose e chiazze eritematose sul lato destro dell’ombelico e sulla schiena (Figura 1). I risultati degli esami del sangue hanno mostrato un livello normale di proteina C-reattiva (0,04 mg/dL) e conta dei globuli bianchi (4.860 cellule/μL) senza linfopenia (23%). Il paziente aveva 1,92 UI/mL e ≥128 UI/mL di anticorpi VZV IgM e IgG, rispettivamente. In particolare, il paziente era hiv-negativo. L’esame del liquido cerebrospinale (CSF) ha rivelato che l’esame del liquido cerebrospinale (CSF) ha rivelato un normale livello di pressione di apertura (160 mmH2O), un alto numero di leucociti (289 cellule/ μL) con predominanza linfocitica (95,8%), un alto livello proteico (295 mg / dL) e un normale livello di glucosio (60 mg / dL).

Figura 1
Figura 1. Vescicole e chiazze eritematose di infezione da virus della varicella zoster.
Lesioni cutanee con croste e vescicolazioni ed eritema circostante (freccia bianca) che colpisce l’addome (A) e la schiena (B) nel dermatoma Th10.

Una diagnosi finale di meningite VZV è stata fatta sulla base dei risultati positivi dell’immunocromatografia rapida (vescicole addominali testate) e della reazione a catena della polimerasi CSF (PCR) (1,86 × 106 /μL). L’eruzione cutanea della paziente era limitata in una singola posizione, quindi in senso stretto, riteniamo che non soddisfacesse i criteri diagnostici per l’herpes zoster disseminato. Tuttavia, a causa della presenza di meningite e dell’eruzione cutanea, sono state condotte misure di controllo delle infezioni standard, di contatto e aeree utilizzando una stanza privata basate sul manuale di prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere. Queste misure di controllo delle infezioni sono state continuate fino a quando la sua eruzione cutanea non si è crostata. I suoi risultati della PCR SARS-CoV-2 sono risultati negativi sia per i tamponi nasali che per i campioni di CSF. È stata iniziata con il trattamento endovenoso con aciclovir; a partire dal giorno 3 dell’ospedale, è diventata afebrile e il suo mal di testa è migliorato. Il giorno 14 dell’ospedale, è stata dimessa senza complicazioni. Poiché la prima vaccinazione non ha causato sintomi allergici fatali, abbiamo raccomandato la seconda vaccinazione dopo la dimissione in base alla nostra politica. La paziente ha fornito il consenso informato scritto per avere i suoi dettagli clinici presentati in questo rapporto.

Discussione

Abbiamo incontrato un paziente che ha sviluppato la meningite VZV poco dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino BNT162b2 mRNA COVID-19. Sebbene l’associazione tra vaccinazione e meningite VZV possa essere una coincidenza, questo caso è degno di nota per i seguenti tre motivi.

In primo luogo, diversi casi di riattivazione del VZV a seguito della vaccinazione BNT162b2 mRNA COVID-19 sono stati segnalati in tutto il mondo fino ad oggi (Furer et al., 2021; Rodríguez-Jiménez et al., 2021; Tessas et al., 2021). Simile al nostro caso, la riattivazione del VZV si è verificata dopo la vaccinazione in pazienti immunocompetenti in due dei precedenti rapporti che coinvolgevano un totale di sei pazienti (Rodríguez-Jiménez et al., 2021; Tessas et al., 2021); l’altro rapporto riguardava la riattivazione del VZV in pazienti con malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni. In questi casi precedenti, la durata dalla vaccinazione alla riattivazione del VZV variava da 1 a 16 giorni e la riattivazione del VZV è stata riportata dopo la somministrazione della prima o della seconda dose di vaccinazione (Furer et al., 2021; Rodríguez-Jiménez et al., 2021; Tessas et al., 2021). Ciò implica che la riattivazione VZV può svilupparsi nella popolazione vaccinata BNT162b2 mRNA COVID-19.

In secondo luogo, i pazienti infetti da SARS-CoV-2 sono stati segnalati per sviluppare naturalmente la riattivazione del VZV (Xu et al., 2020). Una tempesta di citochine che coinvolge il notevole rilascio di citochine proinfiammatorie come l’interleuchina-6, il fattore di necrosi tumorale alfa e l’interleuchina-12 disturba la funzione delle cellule T CD4+ e promuove un’eccessiva attivazione, e possibilmente il successivo esaurimento delle cellule T CD8+, può essere uno dei meccanismi di riattivazione VZV associata a SARS-CoV-2 (Zheng et al., 2020).

In terzo luogo, le vaccinazioni per prevenire malattie diverse da COVID-19, come l’epatite A, l’influenza, la rabbia e l’encefalite giapponese, possono anche comportare la riattivazione del VZV (Bostan e Yalici-Armagan, 2021). Pertanto, è concepibile che questo nuovo vaccino BNT162b2 mRNA COVID-19 possa avere lo stesso effetto osservato con l’infezione naturale a lungo termine.

La nostra relazione presenta diverse limitazioni. In primo luogo, questo è l’unico caso clinico, finora. In secondo luogo, la meningite VZV dopo la vaccinazione BNT162b2 mRNA COVID-19 può essere una coincidenza. Tuttavia, a causa di prove a sostegno di casi simili (Furer et al., 2021; Rodríguez-Jiménez et al., 2021; Tessas et al., 2021), la riattivazione VZV associata al vaccino BNT162b2 mRNA COVID-19 non può essere esclusa. La disregolazione immunitaria da parte dei vaccini a mRNA può causare la riattivazione del VZV, anche in pazienti immunocompetenti senza linfopenia (Rodríguez-Jiménez et al., 2021; Tessas et al., 2021). In conclusione, abbiamo osservato un caso di meningite VZV a seguito della vaccinazione BNT162b2 mRNA COVID-19 in un paziente immunocompetente. Sebbene ci siano solo pochi rapporti di questo tipo fino ad oggi, questi casi suggeriscono che la possibilità di riattivazione del VZV (compresa la meningite) dovrebbe essere attentamente monitorata come un potenziale fenomeno che si verifica dopo la vaccinazione. Con il gran numero di persone vaccinate con il vaccino BNT162b2 mRNA COVID-19, dovrebbero essere condotti ulteriori studi sulla relazione tra vaccinazione COVID-19 e riattivazione VZV dopo la vaccinazione” (...)

Fonte: A case of varicella zoster virus meningitis following BNT162b2 mRNA COVID-19 vaccination in an immunocompetent patient – ScienceDirect

Riattivazione del virus dell’epatite C dopo la vaccinazione COVID-19 – Un caso clinico

Astratto

Scopo

L’infezione da sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 (SARS-CoV-2) ha avuto un impatto sulla morbilità e sulla mortalità durante la pandemia del 2020-2021. Un certo numero di vaccini anti-COVID-19 sono stati sviluppati con una velocità senza precedenti. Mentre questi vaccini hanno una buona efficacia e sono sicuri, l’esperienza con il loro uso è limitata e quindi la conoscenza di effetti collaterali rari. Identificare le complicanze rare è importante per il futuro uso sicuro di questi vaccini.

Materiali e Metodi

Qui, riportiamo un caso di un paziente di 82 anni con demenza che è stato ricoverato in una casa di cura nei Paesi Bassi. Dopo la vaccinazione con vaccinazione COVID-19, sono stati eseguiti esami fisici e test di laboratorio.

Risultati

Ha avuto una riattivazione dell’infezione da epatite C dopo la vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 a base di mRNA. Questa riattivazione si è manifestata con ittero, perdita di coscienza, coma epatico e morte.

Conclusione

Questa riattivazione del virus dell’epatite C dopo la vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 suggerisce la necessità di una considerazione critica degli individui con precedente infezione da HCV e considerati per la vaccinazione COVID-19(…)

Fonte: Hepatitis C Virus Reactivation Following COVID-19 Vaccination – A Case Report (nih.gov)

Vasculite cutanea dopo vaccinazione COVID-19

Le caratteristiche cliniche dei pazienti sono riassunte nell’appendice (p 1). In breve, il paziente 1 era un uomo di 57 anni con una storia di ipertensione ma nessuna precedente storia personale o familiare di autoimmunità. La porpora si è sviluppata 14 giorni dopo la prima dose di vaccino, interessando inizialmente gli arti inferiori e diffondendosi rapidamente all’addome, al busto e alla testa (figura). Ha ricevuto un trattamento con 1 mg / kg di prednisone, che ha portato alla risoluzione progressiva delle lesioni cutanee nell’arco di 3 settimane. Il paziente 2 era un uomo di 58 anni, la cui precedente storia medica era anche insignificante senza storia di autoimmunità. La porpora si è sviluppata 7 giorni dopo la seconda dose di vaccino, diffondendosi dagli arti inferiori all’addome e al tronco (appendice p 2). Ha ricevuto 0,5 mg/kg di prednisone, senza alcun beneficio clinico, e poi 1 mg/kg di prednisone, con risoluzione progressiva delle lesioni cutanee nell’arco di 10 giorni. Il paziente 3 era una donna di 53 anni senza condizioni di salute di base o storia di autoimmunità. La porpora si è sviluppata 6 giorni dopo la prima dose, interessando gli arti inferiori e superiori. Ha ricevuto un trattamento con 1 mg / kg di prednisone, che ha portato a una risoluzione progressiva delle lesioni cutanee nell’arco di 2 settimane.

Miniatura della figura gr1
FiguraPorpora nel paziente 1

Tutti i casi sono stati studiati per anomalie di laboratorio o coinvolgimenti di organi che sono tipicamente associati a vasculite di piccoli vasi. Tuttavia, i test di laboratorio hanno mostrato solo aumenti non specifici della velocità di eritrosedimento e della proteina C-reattiva (CRP); gli anticorpi citoplasmatici anti-neutrofili, gli anticorpi citoplasmatici anti-neutrofili citoplasmatici, gli anticorpi citoplasmatici anti-neutrofili perinucleari, il fattore reumatoide, le crioglobuline, gli anticorpi antinucleari, gli anticorpi anti-DNA, C3, C4, IgA e la sierologia per il virus dell’epatite B e il virus dell’epatite C erano negativi o normali. Anche l’imaging del torace (ad es. radiografia o TC), l’analisi delle urine e la ricerca di sangue delle feci erano negativi. Una biopsia cutanea di 5 mm è stata eseguita nel paziente 3, che ha mostrato solo un lieve infiltrato linfocitico perivascolare (appendice p 3). Una diagnosi istologica di vasculite leucocitoclastica non ha potuto essere formalmente confermata in assenza di neutrofili, ma l’interruzione della parete vascolare o la necrosi fibrinoide, i risultati clinici in questi tre pazienti erano chiaramente indicativi di questa condizione.Sebbene non possiamo escludere la possibilità che l’insorgenza della vasculite dopo la vaccinazione sia stata una coincidenza, sorprendenti somiglianze tra questi tre pazienti sostengono la causalità patogena. In particolare, la vasculite si è sviluppata in individui sani senza storia personale o familiare di autoimmunità; le manifestazioni cliniche erano simili e caratterizzate da vasculite cutanea diffusa senza coinvolgimento viscerale; e c’era un’associazione temporale tra la vaccinazione e lo sviluppo di manifestazioni cliniche, senza altri eventi di incitamento intercorrente. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a test sierologici per l’infezione da SARS-CoV-2 prima della vaccinazione e sono risultati negativi, indicando nessuna precedente infezione primaria: quindi, la vasculite potrebbe essere stata innescata da risposte immunitarie individuali disadattive a un componente del vaccino.Il vaccino ChAdOx1 nCoV-19 contiene vettori adenovirali ricombinanti che codificano per la proteina spike di SARS-CoV-2, stabilizzanti e coadiuvantiimmunitari. È possibile che il mimetismo molecolare possa svilupparsi tra i peptidi espressi nella proteina spike virale e nelle cellule endoteliali dell’ospite, in particolare a seguito di effetti adiuvanti non specifici. La vasculite può svilupparsi durante COVID-19 a causa del danno endoteliale diretto,345 e disturbi della coagulazione possono svilupparsi dopo la vaccinazione con ChAdOx1 nCoV-19 a causa di anticorpi che attivano le piastrine contro il fattore piastrinico 4 (PF4).6 In tal modo, ipotizziamo che l’attivazione immunitaria disadattiva indotta dalla vaccinazione influenzi lo strato endoteliale o la cascata della coagulazione, inducendo in definitiva la vasculite in individui predisposti.L’infezione da SARS-CoV-2 ha provocato più di 4 milioni di morti in tutto il mondo, spesso a causa di risposte immunitarie dell’ospite eccessive o aberranti.7 I benefici della vaccinazione superano i rischi,8 tuttavia la vaccinazione di milioni di individui è inevitabilmente complicata da scarsi eventi avversi immuno-mediati, poiché la stimolazione proinfiammatoria può esporre la predisposizione individuale allo sviluppo di risposte immunitarie disadattive.91011GC ha condotto lo studio e ha scritto il rapporto. GC, GDL, SC, RP, FC e LD si sono presi cura clinicamente dei pazienti, hanno ottenuto dati e hanno contribuito alla stesura del manoscritto. NR ha condotto valutazioni istologiche. Il consenso informato scritto per la pubblicazione è stato ottenuto dai pazienti. Non dichiariamo interessi concorrenti.

Fonte: Cutaneous vasculitis following COVID-19 vaccination – The Lancet Rheumatology

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Ad Arezzo tre magistrati senza green pass. Contestazioni anche in Campania

Read Next

Sentenza Consiglio di Stato del 20 ottobre 2021: “In fase emergenziale, il decisore pubblico può imporre l’utilizzo di terapie, pur sulla base di dati non completi”. Respinto il ricorso degli operatori sanitari contro l’obbligo del vaccino Covid – SENTENZA INTEGRALE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.