• Giugno 25, 2022

Romania, Repubblica Ceca, Slovacchia Polonia, Svezia, Irlanda, Olanda. Le nuove ondate… del fallimento

Le autorità sanitarie olandesi hanno dichiarato mercoledì di essere a corto di test Covid, poiché i Paesi Bassi hanno registrato oltre 20.000 nuovi casi per il secondo giorno consecutivo, il più alto dall’inizio della pandemia.

“Ci stiamo scontrando con il massimo della nostra capacità”, ha dichiarato Jaap Eikelboom,responsabile delle operazioni Covid-19 presso il Servizio Sanitario Pubblico Nazionale.

Il servizio ha detto che sta lavorando per espandere la capacità di test in mezzo a una nuova ondata che ha colto alla sprovvista le autorità sanitarie e il governo del primo ministro Mark Rutte.

Circa l’85% della popolazione adulta olandese è completamente vaccinata.

Il Parlamento ha incontrato Rutte martedì sera per discutere se limitare l’accesso ai luoghi pubblici al chiuso alle persone che hanno un “corona pass” che dimostri di essere stati vaccinati o già guariti da un’infezione.

I politici sono nettamente divisi sull’idea e per il momento nessuna legge è stata ancora proposta per una votazione.

La Svezia introdurrà i pass vaccinale Covid per gli eventi indoor

Il governo svedese prevede di introdurre l’obbligo di pass vaccinale Covid in occasione di eventi al chiuso a cui partecipano più di 100 persone, un passo raccomandato dai funzionari sanitari che avvertono di una crescente ondata di infezioni nelle prossime settimane.

L’Agenzia svedese per la sanità pubblica ha dichiarato che avrebbe rivisto la decisione ampiamente criticata di smettere di raccomandare test per le persone completamente vaccinate, ma che mostrano sintomi di Covid-19.

I test Covid in Svezia sono diminuiti di circa il 35% dopo che l’agenzia sanitaria ha annunciato a ottobre che le persone che mostrano sintomi non hanno più bisogno di sottoporsi al test se completamente vaccinate contro il virus.

“L’Agenzia per la sanità pubblica ha deciso di raccomandare che le regioni offrano nuovamente test a tutti coloro che hanno 6 anni e più che hanno sintomi assimilabili a Covid-19”, ha scritto in una nota.

Circa l’85% di tutti gli svedesi sopra i 16 anni ha ricevuto un vaccino a una dose e l’82% ha avuto due dosi o più.

I medici ungheresi hanno annunciato un “Natale molto triste” e hanno chiesto misure preventive mentre le infezioni e i ricoveri continuano ad aumentare.

Il paese ha riportato 10.265 nuovi casi di Covid mercoledì, il conteggio giornaliero più alto dalla fine di marzo, spingendo la Camera medica del paese a chiedere il divieto di eventi di massa e l’obbligo di indossare la mascherina negli spazi chiusi.

In una dichiarazione, la Camera medica ungherese ha anche affermato che l’ingresso in ristoranti, teatri e cinema dovrebbe essere subordinato a un certificato di immunità Covid.

“Dobbiamo rallentare l’aumento del numero di pazienti, un’inondazione di ospedali [con pazienti con Covid] o molte famiglie avranno un Natale molto triste”, hanno dichiarato.

Una nuova ondata di infezioni ha travolto l’Europa centrale con gli ospedali che lottano per far fronte all’emergenza. Romania, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia hanno tutte inasprito le norme sull’uso della mascherina e introdotto misure per frenare le infezioni.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che i decessi per coronavirus in Europa sono aumentati del 5% nell’ultima settimana, rendendola l’unica regione al mondo in cui la mortalità da Covid-19 è aumentata.

All’interno dell’Europa, il più alto numero di nuovi casi è stato in Russia, Germania e Regno Unito,ha detto l’OMS. Ha osservato che i decessi sono aumentati del 67% in Norvegia e del 38% in Slovacchia.

L‘Irlanda reimpone le restrizioni relative al COVID-19, compreso il coprifuoco di mezzanotte. Il 93% della popolazione adulta è completamente vaccinato.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

La FDA dovrebbe approvare i richiami COVID per tutti gli adulti questa settimana prima delle vacanze natalizie

Read Next

Insegnante della Florida muore di COVID perchè l’ospedale si rifiuta di curarla con Ivermectina