• Maggio 17, 2022

Tutto ciò che devi sapere: “La storia di Big Pharma”

di Brownstone Institute

Dopo essersi laureato alla Columbia University con una laurea in ingegneria chimica, mio nonno ha continuato a lavorare per Pfizer per quasi due decenni, culminando la sua carriera come direttore globale dei nuovi prodotti dell’azienda.

Ero piuttosto orgoglioso di questo fatto crescendo – mi sentivo come se questa figura paterna, che mi ha cresciuto per diversi anni durante la mia infanzia, avesse in qualche modo avuto un ruolo nel salvare vite umane. Ma negli ultimi anni, la mia prospettiva su Pfizer – e altre aziende della sua categoria – è cambiata. Date la colpa all’insidiosa corruzione delle grandi case farmaceutiche messa a nudo dagli informatori negli ultimi anni. Date la colpa alla serie infinita di cause legali di Big Pharma che rivelano frodi, inganni e insabbiamenti. Colpa del fatto che ho visto alcuni dei loro farmaci più redditizi rovinare la vita di coloro che amo di più. Tutto quello che so è che quell’orgoglio che ho provato una volta è stato oscurato da uno scetticismo appiccicoso che non riesco proprio a farmi scivolare addosso.

Nel 1973, mio nonno e i suoi colleghi festeggiarono un traguardo di Pfizer: il miliardo di dollari di vendite. >Adesso Pfizer incassa $ 81 miliardi all’anno, rendendola la 28a azienda più preziosa al mondo. Johnson & Johnson è al 15° posto, con 93,77 miliardi di dollari. Per mettere le cose in prospettiva, ciò rende tali aziende più ricche della maggior parte dei paesi del mondo. E grazie a questi margini di profitto astronomici, l’industria farmaceutica e dei prodotti sanitari è in grado di spendere di più in attività di lobbying rispetto a qualsiasi altra industria in America.

Mentre leattivitàdi lobbying delle grandi case farmaceutiche possono assumere diverse forme, queste aziende tendono a indirizzare i loro contributi ai legislatori senior del Congresso –, quelli che devono tenersi cari, perché hanno il potere di redigere leggi sanitarie. Pfizer ha speso più dei suoi colleghi in sei degli ultimi otto cicli elettorali, sborsando quasi 9,7 milioni di dollari. Durante le elezioni del 2016, le aziende farmaceutiche hanno donato più di $ 7 milioni a 97 senatori con una media di $ 75.000 per membro. Hanno anche contribuito con 6,3 milioni di dollari alla campagna 2020 del presidente Joe Biden. La domanda è: cosa ha ottenuto in cambio Big Pharma?

L’influenza off-the-record di ALEC

Per cogliere veramente il potere di Big Pharma, è necessario capire come funziona l’American Legislative Exchange Council (ALEC). ALEC, che è stata fondata nel 1973 da attivisti conservatori che lavoravano alla campagna di Ronald Reagan, è un’operazione pay-to-play super segreta in cui i lobbisti aziendali – anche nel settore farmaceutico – tengono riunioni riservate su fatture “modello”. Gran parte di questi disegni di legge viene infine approvata e diventa legge.

Una carrellata dei più grandi successi di ALEC vi dirà tutto ciò che dovete sapere sulle motivazioni e le priorità del consiglio. Nel 1995, ALEC ha promosso un disegno di legge che limita i diritti dei consumatori di citare in giudizio per danni derivanti dall’assunzione di un particolare farmaco. Hanno anche approvato lo Statute of Limitation Reduction Act, che ha posto un limite di tempo per citare in giudizio dopo una lesione o morte indotta da farmaci. Nel corso degli anni, ALEC ha promosso molte altre proposte di legge favorevoli al settore farmaceutico che potrebbero: indebolire la supervisione della FDA su nuovi farmaci e terapie, limitare l’autorità della FDA sulla pubblicità dei farmaci e opporsi alle normative sugli incentivi finanziari per i medici a prescrivere farmaci specifici. Ma ciò che rende queste collaborazioni ALEC particolarmente problematiche è che c’è poca trasparenza – tutto questo accade a porte chiuse. I leader del Congresso e gli altri membri del comitato coinvolti nell’ALEC non sono tenuti a pubblicare alcuna registrazione delle loro riunioni e altre comunicazioni con i lobbisti farmaceutici, e l’elenco dei membri dell’ALEC è completamente confidenziale. Tutto quello che sappiamo è che nel 2020, più di due terzi del Congresso – 72 senatori e 302 membri della Camera dei Rappresentanti – hanno incassato un assegno elettorale da una società farmaceutica.

Big Pharma finanzia la ricerca

Il pubblico in genere si affida all’approvazione da parte delle agenzie governative per valutare se un nuovo farmaco, vaccino o dispositivo medico sia sicuro ed efficace. E quelle agenzie, come la FDA, contano sulla ricerca clinica. Come già stabilito, Big Pharma è nota per avere molteplici agganci in influenti funzionari governativi. Ecco un’altra verità che fa riflettere: la maggior parte della ricerca scientifica è pagata dalle aziende farmaceutiche.

Quando il New England Journal of Medicine (NEJM) ha pubblicato 73 studi su nuovi farmaci nel corso di un solo anno, hanno scoperto che ben l’82% di essi era stato finanziato dalla stessa società farmaceutica che commercializzava il prodotto, il 68% aveva autori dipendenti di quella società e il 50% aveva ricercatori leader che accettavano denaro da un’azienda farmaceutica. Secondo una ricerca del 2013 condotta presso l’Università dell’Arizona College of Law, anche quando le aziende farmaceutiche non finanziano direttamente la ricerca, gli azionisti, i consulenti, i direttori e i funzionari della società sono quasi sempre coinvolti nella loro conduzione. Un rapporto del 2017 della rivista peer-reviewed The BMJ ha mostrato che circa la metà degli editori di riviste mediche riceve pagamenti dalle aziende farmaceutiche, con il pagamento medio per editore che si aggira intorno a $ 28.000. Ma queste statistiche sono accurate solo se i ricercatori e gli editori sono trasparenti sui pagamenti da parte del settore farmaceutico. E un’analisi investigativa del 2022 di due delle riviste mediche più influenti ha rilevato che l’81% degli autori dello studio non è riuscito a rivelare milioni di pagamenti da parte delle aziende farmaceutiche, come invece sono tenuti a fare.

Sfortunatamente, questa tendenza non mostra alcun segno di rallentamento. Il numero di studi clinici finanziati dall’industria farmaceutica è aumentato ogni anno dal 2006, secondo un rapporto della John Hopkins University, mentre gli studi indipendenti sono sempre più difficili da trovare. E le conseguenze di questi conflitti di interesse sono molto gravi. Prendete Avandia, ad esempio, un farmaco per il diabete prodotto da GlaxoSmithKline (GSK). Avandia è stato infine collegato a un rischio estremamente aumentato di attacchi di cuore e insufficienza cardiaca. E un rapporto del BMJ ha rivelato che quasi il 90% degli scienziati che inizialmente hanno scritto articoli brillanti su Avandia aveva legami finanziari con GSK.

Ma ecco la parte snervante: se l’industria farmaceutica sta influenzando con successo la scienza, allora significa che i medici che si affidano alla scienza sono prevenuti nelle loro prescrizioni.

I dirigenti di Big Pharma sanno che i cittadini sono molto più propensi a fidarsi di un rapporto scritto da un medico certificato dal consiglio di amministrazione rispetto a uno dei loro rappresentanti. Ecco perché pagano i medici per apporre i loro nomi come autorianche se i medici hanno avuto poco o nessun coinvolgimento nella ricerca, e il rapporto è stato effettivamente scritto dalla compagnia farmaceutica. Questa pratica è iniziata negli anni ’50 e ’60 quando i dirigenti del tabacco chiedevano a gran voce di dimostrare che le sigarette non causassero il cancro (spoiler alert: lo fanno!), così hanno pagato medici per inserire il proprio nome sui documenti che negavano i rischi legati al fumo.

È ancora una tattica abbastanza comune oggi: più di un articolo su 10 pubblicato sul NEJM è stato co-scritto da un ghostwriter. Mentre una percentuale molto piccola di riviste mediche ha politiche chiare contro il ghostwriting, è ancora tecnicamente legale, nonostante il fatto che le conseguenze possano essere mortali.

Caso in questione: alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, Merck ha pagato per 73 articoli scritti da ghostwriters per attestare i benefici del suo farmaco per l’artrite Vioxx. In seguito è stato rivelato che Merck non è riuscita a segnalare tutti gli attacchi di cuore sperimentati dai partecipanti allo studio. In effetti, uno studio pubblicato sul NEJM ha rivelato che circa 160.000 americani hanno avuto attacchi di cuore o ictus in seguito all’assunzione di Vioxx. Quella ricerca è stata condotta dal Dr. David Graham, direttore associato dell’Ufficio per la sicurezza dei farmaci della FDA, che comprensibilmente ha concluso che il farmaco non fosse sicuro. Ma l’Office of New Drugs della FDA, che non solo era responsabile dell’approvazione iniziale del Vioxx ma anche della sua regolamentazione, ha cercato di nascondere le sue scoperte sotto il tappeto.

“Sono stato spinto a cambiare le mie conclusioni e raccomandazioni, e fondamentalmente mi hanno minacciato che se non le avessi cambiate, non mi sarebbe stato permesso di presentare il documento alla conferenza”, ha scritto nella sua testimonianza al Senato degli Stati Uniti del 2004 su Vioxx. “Un responsabile della sicurezza dei farmaci mi ha raccomandato di NON di presentare il poster alla riunione”.

Alla fine, la FDA ha emesso un avviso di salute pubblica su Vioxx e Merck ha ritirato questo prodotto. Un po ‘tardi per evitare le ripercussioni: 38.000 dei pazienti che avevano assunto il farmaco e che avevano sofferto di attacchi di cuore erano già morti. Graham definì questa vicenda un “profondo fallimento normativo”, aggiungendo che gli standard scientifici che la FDA applica alla sicurezza dei farmaci “garantiscono che i farmaci non sicuri e mortali rimangano sul mercato statunitense“.

Questo non dovrebbe sorprendere, ma la ricerca ha anche ripetutamente dimostrato che un documento scritto da un’azienda farmaceutica ha maggiori probabilità di enfatizzare i benefici di un farmaco, vaccino o dispositivo minimizzando i pericoli. (Se volete saperne di più su questa pratica, un ex ghostwriter delinea tutte le ragioni etiche per cui ha lasciato questo lavoro in un rapporto di PLOS Medicine.)

Mentre gli effetti avversi dei farmaci compaiono nel 95% della ricerca clinica, solo il 46% dei rapporti pubblicati li rivela. Naturalmente, tutto questo spesso finisce per ingannare i medici nel pensare che un farmaco sia più sicuro di quanto…non lo sia in realtà.

Influenza di Big Pharma sui medici

Le aziende farmaceutiche non stanno solo pagando gli editori e gli autori di riviste mediche per scrivere della bontà dei loro prodotti. C’è una lunga e sordida storia di aziende farmaceutiche che incentivano i medici a prescrivere i loro prodotti attraverso ricompense finanziarie. Ad esempio, Pfizer e AstraZeneca hanno distribuito un totale di $ 100 milioni ai medici nel 2018, con alcuni che hanno guadagnato da $ 6 milioni a $ 29 milioni in un anno. E la ricerca ha dimostrato che questa strategia funziona: quando i medici accettano questi regali e pagamenti, sono significativamente più propensi a prescrivere i farmaci di quelle aziende. Mi viene in mente Novartis: la società ha speso oltre $ 100 milioni pagando per pasti stravaganti dei medici, uscite di golf e altro ancora, il tutto fornendo anche un generoso programma di tangenti che li ha resi più ricchi ogni volta che hanno prescritto determinati farmaci per la pressione sanguigna e il diabete.

Nota a margine: il portale Open Payments contiene un piccolo database ingegnoso in cui è possibile scoprire se qualcuno dei vostri medici ha ricevuto denaro dalle aziende farmaceutiche. Sapendo che mia madre ha ricevuto la prescrizione di una lunga lista di medicine dopo un incidente d’auto quasi fatale, ero curioso – così ho fatto una rapida ricerca. Mentre il suo PCP ha ricevuto solo una modesta somma da Pfizer e AstraZeneca, il suo precedente psichiatra – che ha prescritto un cocktail di farmaci controindicati senza curarla di persona – ha raccolto pagamenti a quattro cifre dalle aziende farmaceutiche. E il suo specialista della cura del dolore, che le ha prescritto dosi sbalorditive di farmaci antidolorifici oppioidi per più di 20 anni (molto più a lungo delle linee guida di sicurezza di 5 giorni), stava rastrellando migliaia di dollari da Purdue Pharma, alias il perno della crisi degli oppioidi.

Purdue è ora famigerata per la sua campagna OxyContin selvaggiamente aggressiva negli anni ’90. All’epoca, la società lo presentava come un farmaco miracoloso e non assuefacente per chi soffrisse di dolore cronico. Le e-mail interne mostrano che i rappresentanti di vendita di Pursue erano stati istruiti a “vendere, vendere, vendere” OxyContin, e più erano in grado di spingere, più venivano ricompensati con promozioni e bonus. La posta in gioco era così alta, che questi rappresentanti non si sono fermati davanti a nulla per far salire a bordo i medici, arrivando persino a inviare scatole di ciambelle con la scritta “OxyContin” a medici non convinti. Purdue si era imbattuto nel sistema perfetto per generare tonnellate di profitto…dal dolore degli altri.

La documentazione in seguito dimostrò che non solo Purdue era consapevole che fosse altamente assuefacente e che molte persone ne stessero abusando, ma che incoraggiavano anche i medici a continuare a prescriverne dosi sempre più elevate (offrendo sontuose vacanze di lusso per qualche motivazione). In una testimonianza al Congresso, il dirigente della Purdue, Paul Goldenheim ha mentito riguardo alla dipendenza da OxyContin e sui tassi di overdose, ma le e-mail che sono state successivamente esposte hanno mostrato che aveva chiesto ai suoi colleghi di rimuovere tutte le menzioni riguardanti la dipendenza dalla loro corrispondenza sul farmaco. Anche dopo che è stato dimostrato in tribunale che Purdue ha commercializzato fraudolentemente OxyContin nascondendo la sua natura di farmaco che crea dipendenza, nessuno della società ha trascorso un solo giorno dietro le sbarre. Invece, la società ha ricevuto un buffetto sulla guancia e una multa di $ 600 milioni , l’equivalente di una multa per eccesso di velocità rispetto ai $ 9 miliardi che hanno guadagnato da OxyContin fino al 2006. Nel frattempo, grazie all’imprudenza di Purdue, più di 247.000 persone sono morte per overdose da oppioidi da prescrizione tra il 1999 e il 2009. E questo non tiene nemmeno conto di tutte le persone che sono morte di overdose di eroina una volta che OxyContin non è stato più disponibile per loro. Il NIH riferisce che l’80% delle persone che fanno uso di eroina ha iniziato abusando di oppioidi da prescrizione.

L’ex rappresentante di vendita Carol Panara mi ha detto in un’intervista che quando ripensa al tempo della Purdue, tutto sembra un “brutto sogno”. Panara ha iniziato a lavorare per Purdue nel 2008, un anno dopo che la società si è dichiarata colpevole di accuse di “misbranding” per OxyContin. A questo punto, Purdue si stava “raggruppando ed espandendo”, dice Panara, e a tal fine, aveva sviluppato un nuovo approccio intelligente per fare soldi con OxyContin: i rappresentanti di vendita si rivolgevano ora a medici generici e medici di famiglia, piuttosto che solo specialisti della gestione del dolore. Inoltre, Purdue aveva introdotto tre nuovi punti di forza per OxyContin: 15, 30 e 60 milligrammi, creando incrementi più piccoli che Panara ritiene fossero volti a far sentire i medici più a loro agio nell’aumentare i dosaggi dei loro pazienti. Secondo Panara, c’erano classifiche aziendali interne per i rappresentanti di vendita in base al numero di prescrizioni per ogni forza di dosaggio di OxyContin nel loro territorio.

“Erano subdoli al riguardo”, ha detto. “Il loro piano era quello di entrare e vendere a questi medici l’idea di iniziare con 10 milligrammi, che è un dosaggio molto basso, sapendo benissimo che una volta che hanno iniziato a percorrere quella strada – i pazienti non avrebbero più potuto farne a meno avendo sviluppato dipendenza, perché alla fine,sopraggiunta l’assuefazione avrebbero avuto bisogno di una dose sempre più alta”.

Occasionalmente, i medici hanno espresso preoccupazione per qualche paziente che diventava dipendente, ma Purdue aveva già sviluppato un modo per aggirare l’ostacolo. Ai rappresentanti di vendita come Panara era stato insegnato a rassicurare quei medici dicendo che qualche paziente nel dolore, poteva sperimentare sintomi simili alla dipendenza chiamati “pseudoaddizione”, ma ciò non significava che fossero veramente dipendenti. Non ci sono prove scientifiche di alcun tipo a sostegno del fatto che questo concetto sia legittimo, ovviamente. Ma la parte più inquietante? I rappresentanti erano stati addestrati a dire ai medici che la “pseudoaddizione” segnalava che il dolore del paziente non fosse gestito abbastanza bene e la soluzione era semplicemente quella di prescrivere una dose più elevata di OxyContin.

Panara ha finalmente lasciato Purdue nel 2013. Uno dei punti di rottura è stato quando due farmacie nel suo territorio sono state derubate a mano armata appositamente per OxyContin. Nel 2020, Purdue si è dichiarata colpevole di tre accuse penali in un accordo da 8,3 miliardi di dollari, ma la società è ora sotto protezione del tribunale dopo aver presentato istanza di fallimento. Nonostante tutti i danni che sono stati fatti, le politiche della FDA per l’approvazione degli oppioidi rimangono essenzialmente invariate.

Credito fotografico: Jennifer Durban

Purdue probabilmente non sarebbe stata in grado di farlo se non fosse stato per un esaminatore della FDA di nome Curtis Wright ( un tempo direttore della Food and Drug Administration degli Stati Uniti ) e il suo assistente Douglas Kramer. Wright ha suggerito un approccio completamente abbozzato per la richiesta dell’approvazione del farmaco, istruendo la società a spedire documenti al suo ufficio  piuttosto che alla FDA e arruolando dipendenti Purdue per aiutarlo a falsificare le prove sulla sicurezza del farmaco. Il Food, Drug, and Cosmetic Act richiede che la FDA abbia accesso ad almeno due studi randomizzati controllati prima di ritenere un farmaco sicuro ed efficace, ma nel caso di OxyContin, è stato approvato con i dati di un solo misero studio di due settimane – in pazienti con osteoartrite, nientemeno.

Quando sia Wright che Kramer lasciarono la FDA, continuarono a lavorare nientemeno che per Purdue, con Wright che guadagnava tre volte rispetto al suo stipendio all’ FDA. A proposito, questo è solo un esempio del rapporto notoriamente incestuoso della FDA con Big Pharma, spesso indicato come “la porta girevole”. In effetti, un rapporto scientifico del 2018 ha rivelato che 11 revisori della FDA su 16 sono finiti nelle stesse aziende per cui avevano regolamentato i prodotti.

Mentre svolgeva un’indagine indipendente, l’autore di “Empire of Pain” e editorialista del New Yorker Patrick Radden Keefe ha cercato di ottenere l’accesso alla documentazione delle comunicazioni di Wright con Purdue durante il processo di approvazione di OxyContin.

“La FDA ha dichiarato: ‘Oh, è davvero strano, ma non abbiamo nulla. È andato tutto perso o distrutto”, ha dichiarato Keefe Fortune in un’intervista. “Ma non è solo la FDA. È il Congresso, è il Dipartimento di Giustizia, è una grande parte dell’establishment medico … l’enorme quantità di denaro coinvolta, penso, ha fatto sì che molti dei controlli che dovrebbero essere in atto nella società non solo per ottenere giustizia, ma anche per proteggerci come consumatori, non ci siano”.

Big Pharma può essere la causa della creazione degli oppioidi che hanno causato questa catastrofe per la salute pubblica, ma la FDA merita altrettanto controllo – perché anche i suoi innumerevoli fallimenti hanno avuto un ruolo nel consentirlo. E molti di quei fallimenti più recenti sono avvenuti sotto la supervisione della dottoressa Janet Woodcock. Woodcock è stata nominata commissario ad interim della FDA poche ore dopo che Joe Biden è stato nominato presidente. Sarebbe stata una scelta logica, essendo un veterinario della FDA di 35 anni, ma è impossibile dimenticare che ha avuto un ruolo da protagonista nel perpetuare l’epidemia di oppioidi da parte della FDA. È inoltre nota per aver licenziato i suoi stessi consulenti scientifici quando hanno votato contro l’approvazione di un farmaco.

Non solo Woodcock ha approvato OxyContin per i bambini di 11 anni, ma ha anche dato il via libera a molti altri farmaci oppioidi a rilascio prolungato molto controversi senza prove sufficienti di sicurezza o efficacia. Uno di questi era Zohydro: nel 2011, il comitato consultivo della FDA aveva votato 11: 2 contro l’approvazione a causa di preoccupazioni per la sicurezza sull’uso inappropriato, ma Woodcock è andata avanti e lo ha fatto passare, comunque. Sotto la supervisione di Woodcock, la FDA ha anche approvato Opana, che è due volte più potente di OxyContin – solo per poi implorare il produttore di farmaci di toglierlo dal mercato 10 anni dopo a causa di “abuso e manipolazione”. E poi c’era Dsuvia, un potente antidolorifico 1.000 volte più forte della morfina e 10 volte più potente del fentanil. Secondo un capo di uno dei comitati consultivi della FDA, l’esercito americano aveva contribuito a sviluppare questo particolare farmaco, e Woodcock ha detto che c’era “pressione da parte del Pentagono” per spingerne l’ approvazione. L’FBI, i membri del Congresso, i sostenitori della salute pubblica e gli esperti di sicurezza dei pazienti hanno messo in discussione questa decisione, sottolineando che con centinaia di oppioidi già sul mercato non ci fosse bisogno di un altro, in particolare uno che comportava rischi così elevati.

Più di recente, Woodcock è stata la responsabile terapeutica per l’Operazione Warp Speed, supervisionando lo sviluppo del vaccino COVID-19.

Cause legali, scandali e insabbiamenti di Big Pharma

Mentre la storia di OxyContin è senza dubbio uno degli esempi di più alto profilo dell’inganno di Big Pharma, ci sono dozzine di altre storie come questa. Ecco alcuni punti salienti:

Nel 1980, Bayer ha continuato a vendere prodotti per la coagulazione del sangue ai paesi del terzo mondo, anche se erano pienamente consapevoli che quei prodotti fossero contaminati dall’HIV. Il motivo? “L’investimento finanziario per quel prodotto è stato considerato troppo alto per distruggere l’inventario”. Prevedibilmente, circa 20.000 degli emofiliaci che sono stati infusi con questi prodotti contaminati sono poi risultati positivi all’HIV e alla fine hanno sviluppato l’AIDS, e molti in seguito sono morti.

Nel 2004, Johnson & Johnson è stata al centro di una serie di cause legali per aver promosso illegalmente l’uso off-label del loro farmaco per il bruciore di stomaco Propulsid per i bambini, nonostante le e-mail interne dell’azienda confermassero importanti problemi di sicurezza (come i decessi durante le sperimentazioni farmacologiche). La documentazione delle cause legali ha mostrato che dozzine di studi sponsorizzati da Johnson & Johnson che evidenziano i rischi di questo farmaco non sono mai stati pubblicati.

La FDA stima che Avandia di GSK abbia causato 83.000 attacchi di cuore tra il 1999 e il 2007. I documenti interni di GSK dimostrano che quando hanno iniziato a studiare gli effetti del farmaco già nel 1999, hanno scoperto che causava un rischio più elevato di attacchi di cuore rispetto a un farmaco simile che doveva sostituire. Piuttosto che pubblicare questi risultati, hanno trascorso un decennio nascondendoli illegalmente (e nel frattempo, sprecando $ 3,2 miliardi all’anno per questo farmaco fino al 2006). Infine, uno studio del New England Journal of Medicine del 2007 ha collegato Avandia a un aumento del 43% del rischio di attacchi di cuore e un aumento del 64% del rischio di morte per malattie cardiache. Avandia è ancora approvato dalla FDA e disponibile negli Stati Uniti.

Nel 2009, Pfizer è stata costretta a pagare 2,3 miliardi di dollari, il più grande accordo di frode sanitaria nella storia in quel momento, per aver pagato tangenti illegali ai medici e promosso usi off-label dei suoi farmaci. In particolare, un ex dipendente ha rivelato che i rappresentanti di Pfizer sono stati incoraggiati e incentivati a vendere Bextra e altri 12 farmaci per patologie per le quali non erano mai stati approvati dalla FDA e a dosi fino a otto volte superiori a quelle raccomandate. “Ci si aspettava che si aumentassero i profitti a tutti i costi, anche quando le vendite significavano mettere in pericolo vite umane”, ha detto l’informatore.

Quando è stato scoperto che AstraZeneca stava promuovendo il farmaco antipsicotico Seroquel per usi che non approvati dalla FDA come sicuro ed efficace, la società ha ricevuto una multa di $ 520 milioni nel 2010. Per anni, AstraZeneca ha incoraggiato psichiatri e altri medici a prescrivere Seroquel per una vasta gamma di patologie off-label apparentemente non correlate, tra cui il morbo di Alzheimer, la gestione della rabbia, l’ADHD, la demenza, il disturbo da stress post-traumatico e l’insonnia. AstraZeneca ha anche violato lo Statuto federale anti-tangenti pagando i medici per spargere la voce su questi usi non approvati di Seroquel tramite conferenze promozionali e con viaggi in lussuosi resort.

Nel 2012, GSK ha pagato una multa di 3 miliardi di dollari per aver corrotto i medici facendo volare loro e i loro coniugi in resort a cinque stelle e per promuovere illegalmente farmaci per usi off-label. Quel che è peggio – GSK ha trattenuto i risultati degli studi clinici che hanno dimostrato che il suo antidepressivo Paxil non solo non funzionava per adolescenti e bambini, ma addirittura, che poteva aumentare la probabilità di pensieri suicidi in questo gruppo. Un promemoria interno di GSK del 1998 ha rivelato che la società ha intenzionalmente nascosto questi dati per ridurre al minimo qualsiasi “potenziale impatto commerciale negativo”.

Nel 2021, un ex rappresentante di vendita di AstraZeneca ha citato in giudizio il suo ex datore di lavoro, sostenendo di essere stata licenziata per essersi rifiutata di promuovere farmaci per usi che non erano approvati dalla FDA. La dipendente ha sostenuto che in più occasioni, ha espresso preoccupazioni al suo capo per le informazioni “fuorvianti” e senza supporto scientifico che era costretta a fornire e dalle promozioni off-label di alcuni farmaci. Secondo quanto riferito, il suo supervisore non solo ha ignorato queste preoccupazioni, ma l’ha costretta ad approvare dichiarazioni contro la sua volontà e ha minacciato di rimuoverla dalle posizioni regionali e nazionali se non si fosse conformata. Secondo la querelante, ha perso un aumento e un bonus perché si è rifiutata di infrangere la legge.

Al vertice del 2022, un gruppo della Corte d’Appello D.C. ha ripristinato una causa contro Pfizer, AstraZeneca, Johnson & Johnson, Roche e GE Healthcare, che afferma di aver contribuito a finanziare attacchi terroristici contro membri del servizio statunitense e altri americani in Iraq. La causa sostiene che dal 2005 al 2011, queste società hanno regolarmente offerto tangenti (tra cui farmaci e dispositivi medici gratuiti) per un totale di milioni di dollari all’anno al Ministero della Salute iracheno al fine di garantire contratti di farmaci. Con questi pagamenti corrotti avrebbero poi finanziato armi e addestramento per l’esercito del Mahdi, che fino al 2008 era in gran parte considerato uno dei gruppi più pericolosi in Iraq.

Un altro fattore particolarmente preoccupante è che le aziende farmaceutiche stanno conducendo un numero sempre crescente di studi clinici nei paesi del terzo mondo, dove le persone possono essere meno istruite e ci sono anche molte meno norme di sicurezza. Gli studi sperimentali di Pfizer del 1996 con Trovan su bambini nigeriani con meningite – senza consenso informato – ne sono solo un nauseante esempio. Quando un ex direttore medico della divisione di ricerca centrale di Pfizer ha avvertito la società sia prima che dopo lo studio che i loro metodi in questo studio erano “impropri e non sicuri”, è stato prontamente licenziato. Bambini nigeriani sono morti o sono rimasti ciechi, danneggiati al cervello o paralizzati dopo che lo studio ha citato in giudizio Pfizer, e la società alla fine ha risolto in via extragiudiziale. Nel 1998, la FDA ha approvato Trovan solo per gli adulti. Il farmaco è stato successivamente bandito dai mercati europei a causa di segnalazioni di malattie epatiche fatali e limitato alle cure strettamente di emergenza negli Stati Uniti. Pfizer nega ancora qualsiasi illecito.

Ma tutto questo è solo la punta dell’iceberg. Se voleste immergervi un po ‘più in basso nella tana del coniglio – e vi avverto, è profonda – una rapida ricerca su Google per “cause legali big pharma” rivelerà l’oscuro track record del settore di corruzione, disonestà e frode.

In effetti, Big Pharma sembra essere il più grande frodatore del governo federale quando si tratta del False Claims Act, altrimenti noto come “Lincoln Law”. Durante la nostra intervista, Panara mi ha detto che ha amici che lavorano ancora per Big Pharma che sarebbero disposti a parlare dell’attività distorta che hanno osservato, ma hanno troppa paura di essere inseriti nella lista nera dall’industria. Un nuovo aggiornamento proposto per il False Claims Act aiuterebbe a proteggere e sostenere gli informatori nei loro sforzi per ritenere responsabili le aziende farmaceutiche, contribuendo a prevenire questo tipo di ritorsioni e rendendo più difficile per le aziende incaricate archiviare questi casi. Non dovrebbe sorprendere che Pfizer, AstraZeneca, Merck e uno stormo di altre grandi aziende farmaceutiche stiano attualmente facendo pressioni per bloccare l’aggiornamento. Naturalmente, non vorrebbero rendere più facile per gli ex dipendenti esporre le loro malefatte, potenzialmente costando loro miliardi in più di multe.

Qualcosa da tenere a mente: queste sono le stesse persone che hanno prodotto, commercializzato e stanno traendo profitto dai vaccini COVID-19.

Le stesse persone che manipolano la ricerca, pagano i decisori per spingere i loro farmaci, coprono i risultati negativi della ricerca per evitare perdite finanziarie mettendo consapevolmente in pericolo cittadini innocenti. Le stesse persone che hanno detto all’America: “Prendete tutto l’OxyContin che volete tutto il giorno! È molto sicuro e non crea dipendenza!”

Quindi, chiedetevi questo: se un partner, un amico o un familiare vi mentisse ripetutamente – e non solo piccole bugie bianche, ma grandi che mettono a rischio la vostra salute e sicurezza – continuereste a fidarvi di lui?

Sostenere i Big Four: Big Pharma e FDA, OMS, NIH, CDC

So cosa state pensando. Big pharma è amorale e le scivolate devastanti della FDA sono solo vecchie notizie. Ma che dire di agenzie e organizzazioni come il National Institutes of Health (NIH), l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e i Centers for Disease Control & Prevention (CDC)? Non hanno l’obbligo di fornire una guida imparziale per proteggere i cittadini? Non vi preoccupate, ci sto arrivando.

La guida dell’OMS è innegabilmente influente in tutto il mondo. All’inizio della storia di questa organizzazione, risalente al 1948, non poteva ricevere donazioni da aziende farmaceutiche – solo stati membri. Ma questo è cambiato nel 2005 quando l’OMS ha aggiornato la sua politica finanziaria per consentire al denaro privato di entrare nel suo sistema. Da allora, l’OMS ha accettato molti contributi finanziari da Big Pharma. In realtà, oggi è finanziato solo per il 20% dagli Stati membri, con un enorme 80% di finanziamenti provenienti da donatori privati. Ad esempio, la Bill and Melinda Gates Foundation (BMGF) è ora uno dei suoi principali contributori, fornendo fino al 13% dei suoi fondi – circa $ 250-300 milioni all’anno. Al giorno d’oggi, il BMGF fornisce più donazioni all’OMS rispetto a tutti gli Stati Uniti.

Il dottor Arata Kochi, ex capo del programma antimalarico dell’OMS, ha espresso preoccupazione al direttore generale Dr. Margaret Chan nel 2007 sul fatto che prendere i soldi del BMGF potesse avere “conseguenze di vasta portata, in gran parte non intenzionali” tra cui “soffocare una diversità di opinioni tra gli scienziati”.

“Le grandi preoccupazioni sono che la Fondazione Gates non è completamente trasparente e responsabile”, ha dichiarato a Devex Lawrence Gostin, direttore del Centro di collaborazione dell’OMS sulla legge sanitaria nazionale e globale. “Esercitando tale influenza, potrebbe guidare le priorità dell’OMS … Consentirebbe a un singolo ricco filantropo di impostare l’agenda sanitaria globale“.

Date un’occhiata all’elenco dei donatori dell’OMS e troverete alcuni altri nomi familiari come AstraZeneca, Bayer, Pfizer, Johnson & Johnson e Merck.

Il NIH ha lo stesso problema, a quanto pare. Il giornalista scientifico Paul Thacker, che in precedenza aveva esaminato i legami finanziari tra medici e aziende farmaceutiche come investigatore principale del Comitato del Senato degli Stati Uniti, ha scritto sul Washington Post che questa agenzia “spesso ignorava” conflitti di interesse molto “ovvi”. Ha anche affermato che “i suoi legami industriali risalgono a decenni fa”. Nel 2018, è stato scoperto che uno studio sul consumo di alcol da $ 100 milioni condotto da scienziati NIH è stato finanziato principalmente da aziende di birra e liquori. Le e-mail hanno dimostrato che i ricercatori NIH erano in frequente contatto con quelle aziende durante la progettazione dello studio – che, ecco uno shock – avevano lo scopo di evidenziare i benefici e non i rischi del bere moderato.

E poi c’è il CDC. Un tempo questa agenzia non poteva accettare contributi dalle aziende farmaceutiche, ma nel 1992 hanno trovato una scappatoia: la nuova legislazione approvata dal Congresso ha permesso loro di accettare finanziamenti privati attraverso un’organizzazione senza scopo di lucro chiamata CDC Foundation. Solo dal 2014 al 2018, la Fondazione CDC ha ricevuto 79,6 milioni di dollari da società come Pfizer, Biogen e Merck.

Naturalmente, se un’azienda farmaceutica vuole ottenere un farmaco, un vaccino o un altro prodotto approvato, ha bisogno di accattivarsi la FDA. Questo spiega perché nel 2017, le aziende farmaceutiche hanno pagato ben il 75% dei budget di revisione scientifica della FDA, rispetto al 27% nel 1993. Non è sempre stato così. Ma nel 1992, un atto del Congresso ha cambiato il flusso di finanziamento della FDA, arruolando aziende farmaceutiche per pagare “tasse utente”, che aiutano la FDA ad accelerare il processo di approvazione per i loro farmaci.

Un’indagine scientifica del 2018 ha rilevato che 40 su 107 consulenti medici nei comitati della FDA hanno ricevuto più di $ 10.000 da grandi aziende farmaceutiche che cercavano di ottenere l’approvazione dei loro farmaci, con alcune banche fino a $ 1 milione o più. La FDA afferma di avere un sistema ben funzionante per identificare e prevenire questi possibili conflitti di interesse. Sfortunatamente, il loro sistema funziona solo per individuare i pagamenti prima che i comitati consultivi si incontrino, e l’indagine scientifica ha mostrato che molti membri del panel FDA ottengono i loro pagamenti dopo il fatto. In pratica le aziende farmaceutiche promettono ai dipendenti della FDA un bonus futuro subordinato al fatto che le cose vadano per il verso giusto.

Ecco perché questa dinamica si rivela problematica: un’indagine del 2000 ha rivelato che quando la FDA ha approvato il vaccino contro il rotavirus nel 1998, non ha esattamente avuto la dovuta diligenza. Ciò probabilmente aveva qualcosa a che fare con il fatto che i membri del comitato avessero legami finanziari con il produttore, Merck – molti possedevano decine di migliaia di dollari di azioni della società, o addirittura detenevano brevetti sul vaccino stesso. Più tardi, l’Adverse Event Reporting System ha rivelato che il vaccino stava causando gravi ostruzioni intestinali in alcuni bambini, ed è stato finalmente ritirato dal mercato statunitense nell’ottobre 1999.

Poi, nel giugno del 2021, la FDA ha ignorato le preoccupazioni sollevate dal proprio comitato consultivo scientifico per approvare il farmaco per l’Alzheimer di Biogen Aduhelm – una mossa ampiamente criticata dai medici. Il farmaco non solo ha mostrato pochissima efficacia, ma anche effetti collaterali potenzialmente gravi come sanguinamento cerebrale e gonfiore, negli studi clinici. Il Dr. Aaron Kesselheim, un professore della Harvard Medical School che faceva parte del comitato consultivo scientifico della FDA, lo ha definito la “peggiore approvazione di farmaci” nella storia recente e ha osservato che gli incontri tra la FDA e Biogen avevano una “strana dinamica” che suggeriva una relazione insolitamente stretta. Il Dr. Michael Carome, direttore del Public Citizen’s Health Research Group, ha dichiarato alla CNN che crede che la FDA abbia iniziato a lavorare in “collaborazione inappropriatamente stretta con Biogen” nel 2019. “Non erano regolatori oggettivi e imparziali”, ha aggiunto nell’intervista alla CNN. “Sembrava che la decisione fosse stata preordinata”.

Questo mi porta forse al più grande conflitto di interessi di sempre: il NIAID del Dr. Anthony Fauci è solo uno dei tanti istituti che comprende il NIH – e il NIH possiede metà del brevetto per il vaccino Moderna – così come migliaia di altri brevetti farmaceutici da avviare. Il NIAID è pronto a guadagnare milioni di dollari dalle entrate del vaccino di Moderna, con singoli funzionari che ricevono anche fino a $ 150.000 all’anno.

Operazione Warp Speed

Nel dicembre del 2020, Pfizer è diventata la prima azienda a ricevere un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) dalla FDA per un vaccino COVID-19. Le EUA – che consentono la distribuzione di un farmaco o di un altro prodotto non approvato durante un’emergenza sanitaria pubblica dichiarata – sono in realtà una cosa piuttosto nuova: la prima è stata emessa nel 2005 in modo che il personale militare potesse ottenere un vaccino contro l’antrace. Per ottenere una piena approvazione fda, ci devono essere prove sostanziali che il prodotto sia sicuro ed efficace. Ma per un EUA, la FDA deve solo determinare che può essere efficace. Poiché gli EUA sono concessi molto rapidamente, la FDA non ha abbastanza tempo per raccogliere tutte le informazioni di cui di solito avrebbero bisogno per approvare un farmaco o un vaccino.

Il CEO e presidente di Pfizer Albert Bourla disse che la sua azienda stava “operando alla velocità della scienza” per portare un vaccino sul mercato. Tuttavia, un rapporto del 2021 su The BMJ ha rivelato che questa velocità potrebbe essere andata a scapito “dell’integrità dei dati e della sicurezza del paziente”. Brook Jackson, direttore regionale del Ventavia Research Group, che ha condotto questi studi, ha dichiarato al BMJ che la sua ex azienda “ha falsificato dati, i pazienti non erano in cieco e ha impiegato vaccinatori non adeguatamente addestrati” nello studio cardine di fase 3 di Pfizer. Solo alcuni degli altri eventi a cui aveva assistito includevano: eventi avversi non segnalati correttamente o affatto, mancanza di segnalazione sulle deviazioni del protocollo, errori di consenso informato e etichettatura errata di campioni di laboratorio. Una registrazione audio dei dipendenti di Ventavia di settembre 2020 ha rivelato che erano così sopraffatti dai problemi sorti durante lo studio che non sono stati in grado di “quantificare i tipi e il numero di errori” durante la valutazione del controllo di qualità. Un dipendente di Ventavia ha detto al BMJ di non aver mai visto un ambiente di ricerca così disordinato come lo studio del vaccino Pfizer di Ventavia, mentre un altro lo ha definito un “pasticcio folle”.

Nel corso della sua carriera ventennale, Jackson ha lavorato su centinaia di studi clinici e due delle sue aree di competenza sono l’immunologia e le malattie infettive. Mi ha detto che dal suo primo giorno di sperimentazione Pfizer nel settembre del 2020, ha scoperto “una cattiva condotta così eclatante” che ha raccomandato di smettere di arruolare partecipanti allo studio per fare prima un audit interno.

“Con mio completo shock e orrore, Ventavia ha accettato di sospendere l’iscrizione, ma poi ha escogitato un piano per nascondere ciò che avevo scoperto e per tenere ICON e Pfizer all’oscuro”, ha dichiarato Jackson durante la nostra intervista. “Il sito era in modalità di pulizia completa. Quando sono stati scoperti dati mancanti, le informazioni sono state fabbricate ad arte, comprese le firme contraffatte sui moduli di consenso informato.

Uno screenshot che Jackson ha condiviso con me mostra che è stata invitata a un incontro intitolato “COVID 1001 Clean up Call” il 21 settembre 2020. Si rifiutò di partecipare alla chiamata.

Jackson ha ripetutamente avvertito i suoi superiori dei problemi di sicurezza dei pazienti e problemi di integrità dei dati.

“Sapevo che il mondo intero contava sui ricercatori clinici per sviluppare un vaccino sicuro ed efficace e non volevo far parte di quel fallimento non riportando ciò che ho visto”, mi ha detto.

Quando il suo datore di lavoro non ha agito, Jackson ha presentato una denuncia alla FDA il 25 settembre e Ventavia l’ha licenziata ore dopo lo stesso giorno con il pretesto che “non fosse adatta”. Dopo aver ascoltato le sue preoccupazioni al telefono, afferma che la FDA non ha mai seguito o ispezionato il sito di Ventavia. Dieci settimane dopo, la FDA ha autorizzato l’EUA per il vaccino. Nel frattempo, Pfizer ha assunto Ventavia per gestire la ricerca per altri quattro studi clinici sui vaccini, tra cui uno che coinvolge bambini e giovani adulti, uno per le donne incinte e un altro per il richiamo. Non solo, Ventavia ha gestito gli studi clinici per Moderna, Johnson & Johnson e Novavax. Jackson sta attualmente perseguendo una causa false claims act contro Pfizer e Ventavia Research Group.

L’anno scorso, Pfizer ha accumulato quasi $ 37 miliardi dal suo vaccino COVID, rendendolo uno dei prodotti più redditizi nella storia globale. I suoi ricavi complessivi sono raddoppiati nel 2021 per raggiungere $ 81,3 miliardi, ed è previsto che raggiunga un record di $ 98-$ 102 miliardi quest’anno.

“Aziende come Pfizer non avrebbero mai dovuto essere incaricate di un lancio globale della vaccinazione, perché era inevitabile che avrebbero preso decisioni di vita o di morte basate su ciò che è nell’interesse a breve termine dei loro azionisti”, scrive Nick Dearden, direttore di Global Justice Now.

Come accennato in precedenza, è super comune per le aziende farmaceutiche finanziare la ricerca sui propri prodotti. Ecco perché è spaventoso. Una meta-analisi del 1999 ha mostrato che la ricerca finanziata dall’industria ha otto volte meno probabilità di ottenere risultati sfavorevoli rispetto agli studi indipendenti. In altre parole, se un’azienda farmaceutica vuole dimostrare che un farmaco, un integratore, un vaccino o un dispositivo è sicuro ed efficace, troverà un modo.

Con questo in mente, ho recentemente esaminato lo studio del 2020 sul vaccino COVID di Pfizer per vedere se ci fossero conflitti di interesse. Ed ecco, il lungo modulo di divulgazione allegato mostra che dei 29 autori, 18 sono dipendenti di Pfizer e detengono azioni della società, uno ha ricevuto una borsa di ricerca da Pfizer durante lo studio e due hanno riferito di essere stati pagati “onorari personali” da Pfizer. In un altro studio del 2021 sul vaccino Pfizer, sette dei 15 autori sono dipendenti e detengono azioni di Pfizer. Gli altri otto autori hanno ricevuto sostegno finanziario da Pfizer durante lo studio.

A partire dal giorno in cui sto scrivendo questo articolo, circa il 64% degli americani è completamente vaccinato e il 76% ha ricevuto almeno una dose. La FDA ha ripetutamente promesso “piena trasparenza” quando su questi vaccini. Eppure, nel dicembre del 2021, la FDA ha chiesto il permesso di aspettare 75 anni prima di rilasciare informazioni relative al vaccino COVID-19 di Pfizer, inclusi dati sulla sicurezza, dati sull’efficacia e rapporti sulle reazioni avverse. Ciò significa che nessuno avrebbe visto queste informazioni fino all’anno 2096 – convenientemente, dopo che molti di noi avrebbero lasciato questo pazzo mondo. Per ricapitolare: la FDA ha avuto bisogno solo di 10 settimane per rivedere le 329.000 pagine di dati prima di approvare l’EUA per il vaccino – ma a quanto pare, aveva bisogno di tre quarti di secolo per pubblicarle.

In risposta alla ridicola richiesta della FDA, PHMPT – un gruppo di oltre 200 esperti medici e di salute pubblica di Harvard, Yale, Brown, UCLA e altre istituzioni – ha intentato una causa ai sensi del Freedom of Information Act chiedendo che la FDA producesse questi dati prima. E i loro sforzi hanno dato frutti: il giudice distrettuale degli Stati Uniti Mark T. Pittman ha emesso un ordine per la FDA di produrre 12.000 pagine entro il 31 gennaio, e poi almeno 55.000 pagine al mese in seguito. Nella sua dichiarazione alla FDA, Pittman ha citato il defunto John F. Kennedy: “Una nazione che ha paura di lasciare che il suo popolo giudichi la verità e la falsità in un mercato aperto è una nazione che ha paura del suo popolo”.

Per quanto riguarda il motivo per cui la FDA volesse tenere nascosti questi dati, il primo lotto di documentazione ha rivelato che ci sono stati più di 1.200 decessi correlati al vaccino solo nei primi 90 giorni dopo l’introduzione del vaccino Pfizer. Delle 32 gravidanze con esito noto, 28 hanno provocato la morte fetale. Il CDC ha anche recentemente svelato i dati che mostrano un totale di 1.088.560 segnalazioni di eventi avversi da vaccini COVID sono state presentate tra il 14 dicembre 2020 e il 28 gennaio 2022. Tali dati includevano 23.149 segnalazioni di decessi e 183.311 segnalazioni di lesioni gravi. Ci sono stati 4.993 eventi avversi segnalati in donne in gravidanza dopo essere state vaccinate, tra cui 1.597 segnalazioni di aborto spontaneo o parto prematuro. Uno studio del 2022 pubblicato su JAMA, nel frattempo, ha rivelato che ci sono stati più di 1.900 casi segnalati di miocardite – o infiammazione del muscolo cardiaco – per lo più in persone di età pari o inferiore a 30 anni, entro 7 giorni dall’assunzione del vaccino. In questi casi, il 96% delle persone è stato ricoverato in ospedale.

“È comprensibile che la FDA non voglia che scienziati indipendenti rivedano i documenti su cui si è basata per autorizzare il vaccino di Pfizer, dato che non è efficace come originariamente affermato dalla FDA, non impedisce la trasmissione, non protegge da alcune varianti emergenti, può causare gravi infiammazioni cardiache negli individui più giovani e ha numerosi altri problemi di sicurezza indiscussi, ” scrive Aaron Siri, l’avvocato che rappresenta PHMPT nella causa contro la FDA.

Siri mi ha scritto in una e-mail che il suo telefono dell’ufficio ha squillato senza sosta negli ultimi mesi.

“Siamo sopraffatti dalle richieste di persone che chiamano per un infortunio da un vaccino COVID-19”, ha affermato.

A proposito, vale la pena notare che gli effetti avversi causati dalle vaccinazioni COVID-19 non sono ancora coperti dal National Vaccine Injury Compensation Program. Aziende come Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson sono protette dal Public Readiness and Emergency Preparedness (PREP) Act, che garantisce loro l’immunità totale dalla responsabilità per i loro vaccini. E non importa cosa ti succede, non puoi citare in giudizio la FDA per aver autorizzato l’EUA, o il tuo datore di lavoro per averti richiesto di ottenerlo. Miliardi di dollari dei contribuenti sono andati a finanziare la ricerca e lo sviluppo di questi vaccini e, nel caso di Moderna, la concessione in licenza del suo vaccino è stata resa possibile interamente da fondi pubblici. Ma a quanto pare, ciò garantisce ancora ai cittadini l’assenza di tutela. Se qualcosa dovesse andare storto, sei fondamentalmente da solo.

L’ipocrisia della “disinformazione”

Trovo interessante che “disinformazione” sia diventato un termine così pervasivo ultimamente, ma più allarmante, che sia diventato una scusa per una palese censura sui social media e nel giornalismo. È impossibile non chiedersi cosa stia guidando questo movimento per controllare la narrazione. In un mondo in cui chiaramente non abbiamo ancora tutte le risposte, perché non dovremmo essere aperti ad esplorare tutte le possibilità? E mentre siamo sull’argomento, che dire di tutte le falsità legate al COVID che sono state diffuse dai nostri leader e funzionari?

Fauci, il presidente Biden e Rochelle Walensky del CDC ci hanno tutti promesso con totale fiducia che il vaccino ci avrebbe impedito di contrarre o diffondere COVID, qualcosa che ora sappiamo essere una menzogna. (In effetti, il CDC ha recentemente dovuto cambiare la sua stessa definizione di “vaccino” per fargli promettere “protezione” da una malattia piuttosto che “immunità” – una distinzione importante). A un certo punto, il Dipartimento della Salute dello Stato di New York (NYS DOH) e l’ex governatore Andrew Cuomo hanno preparato una campagna sui social media con messaggi fuorvianti che riportavano che il vaccino fosse stato “approvato dalla FDA” e “avesse superato lo stesso rigoroso processo di approvazione che tutti i vaccini affrontano”, quando in realtà la FDA ha autorizzato i vaccini solo sotto un EUA, e i vaccini erano ancora in fase di sperimentazione clinica. Mentre il NYS DOH alla fine ha risposto alle pressioni per rimuovere queste false affermazioni, poche settimane dopo il Dipartimento ha pubblicato su Facebook che “non sono stati segnalati effetti collaterali gravi correlati ai vaccini”, quando in realtà, circa 16.000 segnalazioni di eventi avversi e oltre 3.000 segnalazioni di gravi eventi avversi correlati a una vaccinazione COVID-19 erano state segnalate solo nei primi due mesi di utilizzo.

Le persone al potere dovrebbero avere lo stesso livello di responsabilità – se non di più – di un cittadino medio. Quindi, nell’interesse di evitare ogni ipocrisia, dovremmo “eliminare” anche tutti questi esperti e leader a causa della loro “disinformazione”?

Le persone riluttanti ai vaccini sono state licenziate dal lavoro, rifiutate dai ristoranti, è stato negato loro il diritto di viaggiare e vedere le proprie famiglie, sono state bandite dai canali dei social media e palesemente svergognate e offese dai media. Alcuni hanno persino perso la custodia dei loro figli. Queste persone sono spesso etichettate come “no-vax”, il che è fuorviante dato che molti (come Jonathan Isaac della NBA) hanno ripetutamente chiarito che non sono contro tutti i vaccini, ma semplicemente hanno fatto la scelta personale di non ricevere questo.

Fauci ha ripetutamente affermato che imporre a livello federale il vaccino non sarebbe “appropriato” o “applicabile” e farlo significherebbe “invadere la libertà di una persona di fare la propria scelta”. Quindi è notevole che ancora, alcuni singoli datori di lavoro e stati degli Stati Uniti, come il mio amato Massachusetts, si siano presi la responsabilità di far rispettare alcuni di questi obblighi, comunque. Nel frattempo, un bollettino del 7 febbraio pubblicato dal Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti indica che se si diffondono informazioni che minano la fiducia del pubblico in un’istituzione governativa (come il CDC o la FDA), si potrebbe essere considerati terroristi. Nel caso in cui vi steste chiedendo a che livello sia attualmente la libertà di parola.

La definizione di oppressione istituzionale è “il maltrattamento sistematico delle persone all’interno di un gruppo sociale, sostenuto e applicato dalla società e dalle sue istituzioni, basato esclusivamente sull’appartenenza della persona al gruppo di identità sociale”.Si verifica quando le leggi e le pratiche stabilite “producono disuguaglianze basate sulla propria appartenenza a gruppi di identità sociale mirati”. Suona familiare?

Mentre continuate a guardare la persecuzione dei non vaccinati svolgersi, ricordate questo. Storicamente, quando la società ha oppresso un particolare gruppo di persone a causa del loro genere, razza, classe sociale, credenze religiose o sessualità, è sempre stato perché rappresentano una sorta di minaccia allo status quo. Lo stesso vale per i non vaccinati di oggi. Dal momento che sappiamo che il vaccino non impedisce la diffusione del COVID, tuttavia, questo è chiaro: i non vaccinati non rappresentano una minaccia per la salute e la sicurezza dei loro concittadini – ma piuttosto, per i potenti giganti farmaceutici e le molte organizzazioni globali che finanziano. E con più di 100 miliardi di dollari in gioco solo nel 2021, posso capire la motivazione per volerli mettere a tacere.

I non vaccinati sono stati definiti egoisti. Stupidi. Fauci ha detto che è “quasi inspiegabile” che stiano ancora resistendo. Ma è così? E se queste persone non fossero pazze o indifferenti, ma piuttosto abbiano– non sorprendentemente – perso la fiducia nelle agenzie che dovrebbero proteggerle? Potete biasimarli?

I cittadini sono vittime di bullismo per essersi rifiutati di ricevere un vaccino che è stato creato, valutato e autorizzato in meno di un anno, senza accesso alla maggior parte dei dati di sicurezza per detto vaccino e senza alcun diritto di perseguire azioni legali se subiscono effetti avversi da esso. Ciò di cui queste persone hanno bisogno in questo momento è sapere che possono contare sui loro concittadini perchè rispettino le loro scelte, che non si alimenti la segregazione con una vera e propria caccia alle streghe. Invece, per qualche inspiegabile ragione che immagino derivi dalla paura, molti continuano a sostenere Big Pharma piuttosto che stringersi l’uno all’altro. Un sondaggio del 2022 dell’Heartland Institute e rasmussen Reports sugli elettori democratici ha rilevato che il 59% degli intervistati sostiene una politica governativa che richiedesse alle persone non vaccinate di rimanere confinate nelle proprie case in ogni momento, il 55% approverebbe una multa a chiunque non ottenga il vaccino e il 48% pensa che il governo dovrebbe imprigionare le persone che mettano pubblicamente in discussione l’efficacia dei vaccini sui social media, TV, o online nelle pubblicazioni digitali. Persino Orwell non è riuscito a inventare questa roba.

Permettetemi di essere molto chiaro. Mentre ci sono molti personaggi pessimi là fuori, ci sono anche molte persone ben intenzionate nelle industrie scientifiche e mediche. Ho la fortuna di conoscerne alcuni. Ci sono medici che respingono l’influenza dei rappresentanti farmaceutici e adottano un approccio estremamente cauto alla prescrizione. Autori di riviste mediche che perseguono ferocemente la trasparenza e la verità – come è evidente in “The Influence of Money on Medical Science”, un rapporto della prima redattrice donna di JAMA. Farmacisti, come Dan Schneider, che si rifiutano di riempire prescrizioni che ritengono rischiose o irresponsabili. Informatori, come Graham e Jackson, che richiamano tenacemente l’attenzione sui problemi di sicurezza per i prodotti farmaceutici in fase di approvazione. E sono certo che ci siano molte persone nell’industria farmaceutica, come Panara e mio nonno, che hanno perseguito questo lavoro con l’obiettivo di aiutare gli altri, non solo per guadagnare uno stipendio a sei o sette cifre. Abbiamo bisogno di più di queste persone.

Non sono qui per dirvi se dovreste o meno ricevere il vaccino o le dosi di richiamo. Ciò che mettete nel vostro corpo non spetta a me decidere – o a chiunque altro. Non è una scelta semplice, ma piuttosto una scelta che può dipendere dalle vostre condizioni fisiche, dalla storia medica, dall’età, dalle credenze religiose e dal livello di tolleranza al rischio. Mio nonno è morto nel 2008 e ultimamente mi ritrovo a sentirne la mancanza più che mai, desiderando potergli parlare della pandemia e sentire cosa penserebbe di tutta questa follia. Non so davvero come si sentirebbe riguardo al vaccino COVID, se lo avrebbe ottenuto o incoraggiato a farlo. Quello che so è che avrebbe ascoltato le mie preoccupazioni e le avrebbe considerate attentamente. Mi ricordava che i miei sentimenti sono importanti. I suoi occhi si illuminavano e sorrideva divertito mentre esprimevo fervidamente la mia frustrazione. Mi diceva sempre di continuare ad andare avanti, scavando più a fondo, facendo domande. Nel suo accattivante accento del Bronx, diceva sempre: “vai a prenderli, ragazzo”. Se smetto di digitare per un momento e ascolto abbastanza forte, posso quasi sentirlo ora.

La gente continua a dire “fidati della scienza”. Ma quando la fiducia è persa, deve essere riguadagnata. E finché il nostro sistema legislativo, le agenzie di sanità pubblica, i medici e le riviste di ricerca continueranno ad accettare denaro farmaceutico (con vincoli) – e il nostro sistema giudiziario continuerà a proteggere queste aziende annche quando la loro negligenza causa danni, non c’è motivo per big pharma di cambiare. Tengono in mano la borsa, e il denaro è potere.

Spetta a te educare te stesso il più possibile e rimanere sempre vigile nel valutare le informazioni prima di crearti un’opinione. Puoi iniziare leggendo tu stesso gli studi clinici, piuttosto che aspettare che i media lo facciano al posto tuo. Scorri fino in fondo a ogni singolo studio fino alla sezione “conflitti di interesse” e scopri chi lo ha finanziato. Guarda quanti soggetti sono stati coinvolti. Puoi anche scegliere di seguire la regola del Public Citizen’s Health Research Group quando possibile: ciò significa evitare un nuovo farmaco fino a cinque anni dopo l’approvazione della FDA (non un EUA, un’approvazione effettiva) – quando ci sono abbastanza dati sulla sicurezza e l’efficacia a lungo termine per stabilire che i benefici superano i rischi. Quando si tratta di notizie, puoi cercare blog indipendenti e senza scopo di lucro, che hanno meno probabilità di essere di parte. E, soprattutto, quando hai l’impressione che un’organizzazione stia facendo sforzi concertati per nasconderti informazioni – come la FDA ha recentemente fatto con il vaccino COVID – devi chiederti: perché? Cosa stanno cercando di nascondere?

Nel film del 2019 “Dark Waters” – che si basa sulla vera storia di uno dei più grandi insabbiamenti aziendali della storia americana – Mark Ruffalo nei panni dell’avvocato Rob Bilott dice: “Il sistema è truccato. Vogliono che pensiamo che ci proteggerà, ma è una bugia. Noi ci proteggiamo. Noi sì. Nessun altro. Non le aziende. Non gli scienziati. Non il governo. Noi.”

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il professor Peter Doshi editore del British Medical Journal, affronta (di nuovo) l’ FDA sulla mancata supervisione dell’integrità dei dati dello studio Pfizer

Read Next

Morte improvvisa per la 27enne nuotatrice Maria Sofia Paparo. Arresto cardiaco fatale