• Dicembre 4, 2022

Un bambino di 7 anni muore 11 giorni dopo il vaccino Pfizer-Rapporto VAERS

di Children’s Health Defense

I Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato i nuovi dati che mostrano un totale di 1.017.001 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID che sono stati presentati tra il 14 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021 al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS). VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse ai vaccini negli Stati Uniti.

I dati includevano un totale di 21.382 segnalazioni di decessi – un aumento di 380 rispetto alla settimana precedente – e 166.606 segnalazioni di lesioni gravi, compresi i decessi, nello stesso periodo di tempo – in aumento di 4.100 rispetto alla settimana precedente.

Escludendo le “segnalazioni estere” a VAERS, 715.857 eventi avversi, tra cui 9.778 decessi e 63.089 lesioni gravi, sono stati segnalati negli Stati Uniti tra il 14 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021.

I rapporti esteri sono rapporti che le filiali straniere inviano ai produttori di vaccini statunitensi. Ai sensi delle normative statunitensi della Food and Drug Administration (FDA), se un produttore viene informato di un caso clinico straniero che descrive un evento grave e non appare sull’etichettatura del prodotto, il produttore è tenuto a presentare il rapporto a VAERS.

Dei 9.778 decessi negli Stati Uniti segnalati al 31 dicembre, il 20% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 24% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione e il 61% si è verificato in persone che hanno manifestato un inizio di sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

Negli Stati Uniti, 507I .1 milioni di dosi di vaccino COVID erano state somministrate al 30 dicembre, Questo include 296 milioni di dosi di Pfizer, 194 milioni di dosi di Moderna e 18 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J & J).

Ogni venerdì, VAERS pubblica i rapporti sulle lesioni da vaccino ricevuti a partire da una data specificata. I rapporti presentati a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che una relazione causale possa essere confermata. Storicamente, VAERS ha dimostrato di riportare solo l’1% degli eventi avversi effettivi al vaccino.

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 per i bambini dai 5 agli 11 anni mostrano:

La morte più recente riguarda una bambina di 7 anni (VAERS I.D. 1975356)del Minnesota che è morta 11 giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose di vaccino COVID di Pfizer quando è stata trovata insensibile da sua madre. L’autopsia è in sospeso.

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 per i giovani dai 12 ai 17 anni mostrano:

La morte più recente riguarda una ragazza di 15 anni del Minnesota (VAERS I.D. 1974744), morta 177 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose di Pfizer da un embolo polmonare. L’autopsia è in sospeso.

  • 62 segnalazioni di anafilassi tra i 12 ei 17 anni in cui la reazione era pericolosa per la

    vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte – con il 96% dei casi attribuiti al vaccino di Pfizer.
  • 579 segnalazioni di miocardite e pericardite con 573 casi attribuiti al vaccino pfizer.
  • 146 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021, per tutte le fasce d’età combinate, mostrano:

Il CDC non sta indagando sulla morte post vaccino di un ragazzo del Michigan di 13 anni

Il CDC non sta indagando sulla morte di un ragazzo del Michigan di 13 anni morto il 16 giugno 2021 di miocardite tre giorni dopo la sua seconda dose del vaccino COVID di Pfizer.

Judicial Watch mercoledì ha ottenuto 314 pagine di documenti dal CDC, comprese le comunicazioni del direttore Dr. Rochelle Walensky che mostrano una richiesta di informazioni sulla morte di Jacob Clynick.

Nelle comunicazioni, i funzionari del CDC hanno affermato che l’agenzia non era attivamente coinvolta nelle indagini sulla morte di Clynick, sebbene abbia preso contatto con il dipartimento della salute dello stato e il patologo che ha confermato che i risultati preliminari hanno mostrato “allargamento ventricolare bilaterale e istologia coerente con la miocardite”.

Il funzionario ha riferito che l’agenzia era in contatto per “mantenere la consapevolezza situazionale”, ma ha detto che spetta agli stati condurre indagini sui decessi segnalati a seguito di vaccini COVID.

La morte dell’adolescente non è stata riconosciuta dai funzionari del CDC nelle presentazioni sulla miocardite o sulla sicurezza dei vaccini durante le riunioni tenute dal comitato consultivo per la sicurezza dei vaccini dell’agenzia, che formula raccomandazioni cliniche per l’uso dei vaccini COVID nei bambini.

I bambini muoiono più di vaccini che di COVID

Come riportato giovedì da The Defender, un’infermiera della Louisiana il mese scorso ha dichiarato ai legislatori statali che il suo ospedale sta vedendo reazioni “terrificanti” ai vaccini COVID, tra cui coaguli di sangue, infarti, ictus, encefalopatia e aritmia cardiaca – e il personale non riesce a segnalarli a VAERS.

Collette Martin, R.N., un’infermiera praticante da 17 anni, durante la testimonianza in un’audizione del Comitato per la salute e il benessere della Louisiana House, ha comunicato al rappresentante dello Stato Lawrence Bagley che la maggior parte dei professionisti medici nel suo ospedale non sono nemmeno a conoscenza dell’esistenza di VAERS.

Martin ha sostenuto di aver sollevato preoccupazioni sulle reazioni avverse ai vaccini COVID e sulla mancata segnalazione agli amministratori ospedalieri, ma è stata “ripetutamente ignorata”.

È convinzione di Martin che solo una piccola percentuale dei decessi venga segnalata al VAERS poiché il suo ospedale e altri “non riportano nulla”.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Ragazzino di 13 anni vaccinato con due dosi muore di infarto. Salgono a 36.257 i morti e 3.244.052 i danneggiati nel database europeo

Read Next

Fabienne Schlumpf: atleta olimpica triplo vaccinata sviluppa miocardite, possibile fine della carriera