• Giugno 14, 2024

Oltre l’angoscia anche la beffa dallo Stato! Il Ministero invia le raccomandate per sanzionare gli over 50 pure alle persone scomparse. L’ultimo caso è di un finanziere barese

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Siamo all’assurdo! Il Ministero della Salute sta inviando le raccomandate, per avviare l’istruttoria relativa alla sanzione pecuniaria di 100 euro a danno degli over 50 non vaccinati, anche alle persone scomparse. Lo denuncia sui social l’Associazione nazionale Penelope Italia ODV.

Tra i commenti alla denuncia dell’associazione: “Vergognoso. Oltre l’angoscia anche la beffa dallo Stato”, “Lo stato italiano è veramente uno schifo”, “Follia pura”.

Una vergogna che ha colpito ieri, 12 aprile, anche durante un’udienza del processo sulla scomparsa di Pietro Conversano, finanziere di 51 anni di Monopoli (Bari), scomparso il 19 febbraio 2019.

Nell’ultima udienza il Gup del tribunale di Napoli ha deciso che bisogna effettuare nuove ricerche. Dopo tre anni quella scomparsa è ancora un giallo che sembra inestricabile. L’appuntato quel giorno non si presentò a lavoro e, poche ore dopo, la moglie ne denunciò la scomparsa. Scattò un’inchiesta penale da parte della Procura che fu archiviata come allontanamento volontario. Poi anche la Procura militare ha avviato un procedimento per diserzione. La richiesta di rinvio a giudizio, attualmente in udienza preliminare, è però sospesa perché il Gup del Tribunale militare di Napoli ha, per la seconda volta, disposto nuove ricerche. Intanto la moglie, Caterina Fumarola, rende nota una circostanza beffarda: proprio ieri, 12 aprile, mentre era in corso l’udienza, le è stata notificata la sanzione di 53 euro perché il marito scomparso non risulta aver adempiuto, in quanto over 50, all’obbligo vaccinale anti-Covid.

Ma in questa vicenda c’è anche un secondo aspetto drammatico e beffardo. Lo Stato ha infatti chiesto alla moglie di Conversano la restituzione degli 11 stipendi accreditati dopo la scomparsa. Il procedimento penale per diserzione in corso a Napoli, nel quale la posizione di Conversano è difesa dall’avvocato Antonio La Scala, era già stato sospeso il 20 settembre 2020, prima udienza, in occasione della quale il Gup aveva disposto nuove ricerche. Ieri, poi, il giudice ha deciso l’ulteriore rinvio al 12 aprile 2023, affidando questa volta le ricerche di Conversano alla polizia di Stato e non più alla Guardia di finanza. “Sono molto delusa e amareggiata per come sono state gestite le ricerche di mio marito. Confido nelle nuove ricerche che spero, questa volta, vengano fatte approfonditamente” dice la signora Fumarola, assistita in questi tre anni dall’associazione Penelope che si occupa di persone scomparse.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Notizia Bomba dalla Procura di Roma! Indagato membro CTS e Direttore della comunicazione e dei rapporti internazionali del Ministero della Salute nominato da Speranza. Diceva: “Il Green pass è un passaporto per recuperare libertà e lavoro”

Read Next

Il primo 29enne si accascia e muore sul colpo, il secondo ha un malore e si sfracella al suolo da un’impalcatura, il terzo 39enne trovato morto in un giardino dai passanti

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock