• Dicembre 4, 2022

Uno studio peer-reviewed scaricato 279.000 volte, mostra che I VACCINI AIUTANO LA DIFFUSIONE DI OMICRON. (Imprinting immunitario)

Un team di 19 scienziati del Regno Unito ha pubblicato una nuova ricerca che aiuta a spiegare perché i paesi con i più alti tassi di vaccinazione stanno sperimentando il maggior numero di quelle che chiamano “infezioni rivoluzionarie”, così come la reinfezione con altre varianti di COVID-19.

Questo articolo di ricerca, pubblicato il 14 giugno 2022 sulla rivista peer-reviewed Science, è stato scaricato quasi di 279.000 volte in meno di due mesi. 

Ciò è molto insolito per uno studio scientifico altamente tecnico e densamente formulato.

Possiamo solo ipotizzare il motivo per cui così tante persone lo stiano leggendo. 

Ciò che suggerisce questo studio, su cui molti clinici e ricercatori hanno espresso preoccupazione, è che i vaccini mRNA COVID-19 e le dosi di richiamo potrebbero rendere la nostra risposta immunitaria meno efficace contro la variante Omicron del virus.

Se questo è corretto, significa che il vaccino stesso sta portando a un’infezione diffusa invece di fermare il virus.

Una maggiore assunzione di vaccini porta a tassi di infezione più elevati

Come sottolineano gli scienziati britannici, i paesi con tassi di vaccinazione più elevati stanno sperimentando un numero elevato di infezioni primarie e frequenti reinfezioni da SARS-CoV-2. Al contrario, nei luoghi in cui le campagne di vaccinazione non sono state ampiamente implementate, compresa la maggior parte dei paesi del continente africano , le persone non vengono infettate. Analizzando il motivo per cui le popolazioni più vaccinate stiano sperimentando la maggior parte delle infezioni da Omicron, questo studio si è concentrato sui professionisti più vaccinati: il personale medico a cui erano state somministrate le due dosi di vaccini mRNA all’inizio e che sono stati poi vaccinati altre due volte. Per scoprire cosa stesse succedendo a livello cellulare con questi operatori sanitari altamente vaccinati, gli scienziati hanno tenuto traccia dei diversi tipi di immunoglobulina nel sangue dei partecipanti. L’immunoglobulina (Ig), nota anche come anticorpo (Ab), trova virus, batteri e simili e induce il sistema immunitario a rispondere in modo appropriato. Gli scienziati hanno identificato diversi tipi di immunoglobuline, ognuno dei quali guida la risposta immunitaria in modo diverso per diverse fasi e tipi di infezione.

IgG4, una risposta immunitaria di tolleranza

L’IgG4 è la forma di immunoglobulina che attiva una risposta di tolleranza nel sistema immunitario, per cose a cui si è stati esposti ripetutamente e contro le quali non è necessario aumentare una risposta infiammatoria. Questo è un bene se si sta cercando di evitare la sensibilità immunitaria a un alimento, per esempio. Ma non è il tipo di risposta immunitaria che i vaccini COVID-19 sono stati progettati per indurre. Gli apicoltori, quando vengono ripetutamente punti dalle api nel corso della loro carriera, attivano una risposta IgG4 all’assalto al loro sistema immunitario. Fondamentalmente, i loro corpi imparano che il veleno d’api non è pericoloso e la loro risposta immunitaria al veleno d’api diventa una risposta IgG4, quindi sono in grado di tollerare molto bene le punture. Mentre il veleno d’api stesso non danneggerà il corpo, la risposta infiammatoria del corpo stesso può essere pericolosa. Se il corpo reagisce in modo eccessivo e sviluppa una risposta generalizzata in cui l’infiammazione stessa mette a rischio la respirazione di una persona, la risposta immunitaria può essere letale.

Più vaccini portano a più infezioni da COVID-19

Le dosi iniziali del vaccino hanno determinato le classiche risposte immunitarie infiammatorie. L’infiammazione è una parte fondamentale di una risposta immunitaria (a un vaccino o a un’infezione) ed è responsabile della maggior parte dei sintomi della malattia: febbre, dolori, letargia, ecc.

 Il corpo produce una risposta infiammatoria alle proteine ​​​​COVID-19. Ma cosa succede nel corpo dopo che sono state somministrate due dosi e poi ne viene somministrata una terza? Gli scienziati hanno scoperto che dosi aggiuntive di vaccini mRNA, iniziano ad abituare o desensibilizzare i soggetti alle proteine ​​​​COVID-19, migrando la loro risposta immunitaria fino a essere dominata dalla forma IgG4, che essenzialmente insegna al corpo a tollerare le proteine.

Un diverso tipo di protezione?

La risposta al COVID-19 in questo caso è stata effettivamente disattivata, rendendoli ancora più vulnerabili all’infezione e meno propensi a dare una risposta ad essa rispetto a coloro che non sono mai stati vaccinati.

Quando si è esposti ripetutamente a un raffreddore o a qualsiasi altro virus, distanziati nel corso della vita, che è ciò che accade con l’esposizione naturale, non si sviluppa una tolleranza ad esso, il corpo lo combatte senza accorgersene. Il vostro corpo sta usando la normale risposta immunitaria che combatte la malattia ma, poiché riconosce l’agente infettivo, non avete sintomi di infiammazione. Questo è il motivo per cui quando si è naturalmente esposti a molte malattie, si sviluppa un’immunità permanente. Al contrario, questo nuovo studio mostra che le ripetute iniezioni di mRNA e booster per COVID-19 stanno producendo una risposta di tolleranza. Stanno abituando il corpo al virus, così che non lo riconosca più come qualcosa di pericoloso.

Un altro studio , pubblicato a luglio da un team di oltre 20 scienziati tedeschi, ha confermato in modo indipendente che le successive iniezioni e booster di COVID-19 stanno convertendo la risposta immunitaria dalla classe protettiva della risposta IgG alla classe di tolleranza.

Quindi il programma di vaccinazione e richiami ha finito per avere l’ effetto l’opposto rispetto a ciò che doveva fare: impedire alle persone di ammalarsi.

Ma questo è mai stato un obiettivo realistico? COVID-19 è come i coronavirus endemici correlati. Proprio come il comune raffreddore, sembra che SARS-CoV-2 non stia scomparendo, nessuno possa evitarlo indefinitamente e che continuerà a mutare. Da un lato, questo studio suggerisce che i vaccini stiano aiutando il sistema immunitario del corpo a non reagire in modo eccessivo al virus. Il virus in sé non sta uccidendo le persone: è l’interazione del virus con il sistema immunitario danneggiato dei pazienti a causare infezioni gravi e talvolta letali , poiché il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo a un nuovo virus. D’altra parte, l’immunità acquisita naturalmente sembra essere più forte dell’immunità acquisita con il vaccino e i pericoli dei vaccini stessi , specialmente per i giovani, i rischi della vaccinazione superano di gran lunga i benefici. Se invece i vaccinati ora contraggono facilmente il virus ma hanno solo reazioni lievi perché il loro sistema immunitario sta dicendo loro di tollerarlo, questo potrebbe essere un vantaggio per la vaccinazione.

Ma le iniezioni di richiamo non sono mai state necessarie per produrre tolleranza: lo studio ha mostrato che i soggetti hanno iniziato a sviluppare tolleranza dopo solo due dosi. I vaccini potrebbero aver contribuito a desensibilizzare la popolazione alle risposte immunitarie infiammatorie dannose a COVID-19. Hanno fatto la loro parte. Non è necessario continuare con booster successivi.

Link allo studio: https://www.science.org/doi/10.1126/science.abq1841

Source

eVenti Avversi

Read Previous

Tragedia a Perugia, muore improvvisamente un ragazzo di 19 anni

Read Next

Ancora 20 vittime di MALORE FATALE in queste ore. Tutti precedentemente sani e troppo giovani, morto un altro medico direttore sanitario d’ospedale