• Ottobre 6, 2022

Vergogna senza fine. Impediscono al padre non vaccinato di donare un rene al figlio di 9 anni

WADSWORTH, Ohio- La Cleveland Clinic ha sviluppato un nuovo protocollo di sicurezza l’anno scorso che richiede ai pazienti trapiantati e ai donatori viventi di essere completamente vaccinati contro il virus prima di andare in chirurgia.

Questa è la storia di Tanner Donaldson di 9 anni di Wadsworth e la sua famiglia. Suo padre, Dane Donaldson, è un donatore perfettamente compatibile, ma gli viene impedito di donare il rene al proprio figlio perché non è vaccinato.

“Tanner è un bambino di terza elementare. Per quanto riguarda la personalità, è come ogni altro bambino, molto felice, gioca a basket. “Dal punto di vista medico, un po ‘diverso dalla maggior parte dei bambini. È nato con un difetto di nascita chiamato valvola uretrale posteriore. È una valvola che impedisce all’urina di uscire dal corpo”.

Tanner è nato con un rene e in questo momento ha un funzionamento tra il 18-20%. Lui e i suoi genitori lo stanno gestendo, ma alla fine avrà bisogno di un trapianto, qualcosa che i suoi genitori sanno e per cui si stanno preparando dal giorno in cui è nato, sotto la guida dei medici della Cleveland Clinic.

Questo fino a quando non hanno ricevuto una lettera dalla Cleveland Clinic a novembre che li informava che i donatori e i candidati attivi al trapianto devono essere completamente vaccinati per COVID-19 per essere sottoposti agli interventi chirurgici di trapianto.

I Donaldson non sono vaccinati per loro convinzioni personali.

Donaldson sostiene che lui e sua moglie abbiano sviluppato immunità naturale nei confonti del virus dal momento che entrambi l’hanno contratto, e ha presentato le loro motivazioni ai medici della clinica durante una riunione l’anno scorso. Purtroppo il personale medico non ha mostrato apertura nei loro confronti.

“Non hanno voluto ascoltarci, esaminare il nostro caso individuale. Non hanno voluto sentre ragioni, o ci sottoporremo a vaccinazione o non mi consentiranno di donare un rene a mio figlio'”, ha raccontato Donaldson.

News 5 ha contattato la Cleveland Clinic per un commento. Un portavoce ha riferito che non possono commentare i singoli casi, ma ha comunque inviato una dichiarazione che dice:

Dichiarazione della

Cleveland Clinic Protocollo COVID-19 per il trapianto e la donazione

La Cleveland Clinic ha sviluppato protocolli di sicurezza COVID-19 per il trapianto e la donazione per ridurre al minimo i rischi di possibile esposizione a COVID-19 durante la pandemia.

In questo momento, i protocolli di sicurezza della Cleveland Clinic per il trapianto di organi solidi richiedono la vaccinazione COVID-19 per essere un candidato al trapianto attivo o un donatore vivente. La vaccinazione è particolarmente importante in questi pazienti per la loro sicurezza.

La donazione vivente per il trapianto di organi è stata un trattamento salvavita, ma non è priva di rischi per il donatore. Per il donatore vivente, ridurre il rischio di un’infezione da COVID-19 al momento dell’intervento chirurgico e del recupero è fondamentale. Gli individui che sono infettati da COVID-19 hanno un tasso molto più elevato di complicanze durante e dopo l’intervento chirurgico, anche se l’infezione è asintomatica. Ci sforziamo continuamente di ridurre al minimo il rischio per i nostri donatori viventi e la vaccinazione è una componente importante per garantire l’approccio più sicuro e risultati ottimali per i donatori.

Per il candidato al trapianto, oltre a dover affrontare un’operazione importante, i farmaci assunti dopo un trapianto di organi indeboliscono la risposta immunitaria. Le gravi complicanze di COVID-19 hanno maggiori probabilità di svilupparsi in quegli individui che hanno un sistema immunitario indebolito, poiché il loro corpo ha una ridotta capacità di combattere e riprendersi dalle infezioni. I vaccini autorizzati dalla FDA sono stati determinati per essere sicuri ed efficaci e sono il modo migliore per prevenire gravi malattie e morte da COVID-19, specialmente se somministrati prima del trapianto.

La salute e la sicurezza dei nostri pazienti sono la nostra massima priorità. Con l’evolversi della pandemia, continueremo a valutare i nostri protocolli di sicurezza.

Ora, i Donaldson hanno detto di trovarsi a un bivio. Stanno cercando altri ospedali, ma in fondo sperano che le cose possano funzionare con il sistema ospedaliero che si è preso cura di loro figlio per nove anni.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

L’Istituto Superiore di Sanità rivela che i vaccinati rappresentano adesso 7 decessi su 10 per Covid-19

Read Next

Cosa sta succedendo ai ciclisti? Un altro campione fuori gioco, Peter Sagan si ritira