• Giugno 25, 2024

10 miti imposti dagli “esperti” – ora sfatati

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Di Marty Makary

Nelle ultime settimane, una serie di analisi pubblicate da autorevoli ricercatori ha messo in luce una verità sui funzionari della sanità pubblica durante il periodo Cov.d.

Quasi sempre, si sbagliavano –  riporta il New York Post.

Per essere chiari, i funzionari della sanità pubblica non hanno sbagliato a fare raccomandazioni basate su ciò che si sapeva all’epoca. È comprensibile. Ci si basa sui dati che si hanno a disposizione.

Hanno sbagliato perché si sono rifiutati di cambiare le loro direttive di fronte a nuove prove. Quando uno studio non supportava le loro politiche, lo respingevano e censuravano le opinioni contrarie.

Allo stesso tempo, il Centro per il controllo delle malattie ha armato la ricerca stessa, pubblicando i propri studi difettosi sulla propria rivista medica non sottoposta a revisione paritaria, MMWR.

In ultima analisi, i funzionari della sanità pubblica hanno propagato attivamente una disinformazione che ha rovinato vite umane e danneggiato per sempre la fiducia del pubblico nella professione medica.

Ecco i 10 modi in cui ci hanno ingannato:

Disinformazione n. 1: l’immunità naturale offre poca protezione rispetto a quella da V.

Uno studio di Lancet ha esaminato 65 studi principali in 19 Paesi sull’immunità naturale. I ricercatori hanno concluso che l’immunità naturale è efficace almeno quanto la serie primaria di Vacc. C19.
In realtà, i dati scientifici sono sempre stati presenti, provenienti da 160 studi, nonostante i risultati di questi studi violino la politica di “disinformazione” di Facebook.

Sin dalla peste ateniese del 430 a.C., è stato osservato che coloro che guarivano dopo l’infezione erano protetti da gravi malattie se reinfettati. Questa è stata anche l’osservazione di quasi tutti i medici praticanti durante i primi 18 mesi della pandemia di Cov.d.

La maggior parte degli americani licenziati per non aver fatto il vacc. C19 aveva già anticorpi che neutralizzavano efficacemente il virus, ma erano anticorpi che il governo non riconosceva.

Disinformazione #2: le mascherine prevengono la trasmissione del Cov.d

Le revisioni Cochran sono considerate la valutazione più autorevole e indipendente delle prove in medicina. Una di queste, pubblicata il mese scorso da un autorevole gruppo di ricerca di Oxford, ha rilevato che le mascherine non hanno un impatto significativo sulla trasmissione del Cov.d.

Alla domanda su questa revisione definitiva, la dottoressa Rochelle Walensky, direttrice del CDC, l’ha sminuita, sostenendo che fosse imperfetta perché si concentrava su studi randomizzati e controllati.
Ma questo è stato il più grande punto di forza della revisione! Gli studi randomizzati sono considerati il gold standard delle prove mediche. Se tutta l’energia impiegata dai funzionari della sanità pubblica per mascherare i bambini fosse stata incanalata per ridurre l’obesità infantile incoraggiando le attività all’aperto, staremmo meglio.

Disinformazione n. 3: la chiusura delle scuole riduce la trasmissione del Cov.d
Il CDC ha ignorato l’esperienza europea di tenere aperte le scuole, la maggior parte delle quali senza obbligo di mascherina. I tassi di trasmissione non erano diversi, come dimostrano gli studi condotti in Spagna e Svezia.

Disinformazione n.4: la miocardite da vacc. è meno comune di quella da infezione

I funzionari della sanità pubblica hanno minimizzato le preoccupazioni relative alla miocardite indotta dal vacc., o infiammazione del muscolo cardiaco. Hanno citato studi mal progettati che non hanno rilevato i tassi di complicanze. Una raffica di studi ben progettati ha affermato il contrario. Oggi sappiamo che la miocardite è da 6 a 28 volte più comune dopo il vacc. C19 che dopo l’infezione tra i maschi di 16-24 anni. Decine di migliaia di bambini si sono probabilmente ammalati di miocardite, per lo più subclinica, a causa di un vacc. C19 di cui non avevano bisogno perché erano del tutto sani o perché avevano già avuto la malattia Cov.d.

Disinformazione n.5: I giovani beneficiano di un richiamo del V.

I richiami hanno ridotto i ricoveri ospedalieri negli americani più anziani e ad alto rischio. Ma non è mai stata dimostrata la riduzione della mortalità per Cov.d nelle persone giovani e sane. Questo è probabilmente il motivo per cui i CDC hanno scelto di non pubblicare i dati sui tassi di ospedalizzazione tra gli americani sotto i 50 anni sottoposti a richiamo, mentre hanno pubblicato gli stessi tassi per gli ultracinquantenni.

Alla fine, le pressioni della Casa Bianca per raccomandare i richiami per tutti sono state così intense che i due massimi esperti di vaccini della FDA hanno lasciato l’agenzia per protesta, scrivendo articoli scabrosi su come i dati non supportassero i richiami per i giovani.

Disinformazione n.6: Gli obblighi vacc.nali aumentano i tassi di vacc.nazione

Il presidente Biden e altri funzionari hanno chiesto il licenziamento dei lavoratori non vacc.nati, indipendentemente dal rischio o dall’immunità naturale. Hanno chiesto che i soldati fossero congedati con disonore e che le infermiere fossero licenziate nel bel mezzo di una crisi di personale. L’obbligo si basava sulla teoria che la vacc.nazione riducesse i tassi di trasmissione – un’idea che in seguito si è dimostrata falsa. Ma dopo l’ampio riconoscimento che la vacc.nazione non riduce la trasmissione, gli obblighi sono continuati, e continuano ancora oggi. Un recente studio della George Mason University spiega come l’obbligo di vacc. in nove grandi città statunitensi non abbia avuto alcun impatto sui tassi di vacc.nazione. Inoltre, non hanno avuto alcun impatto sui tassi di trasmissione del Cov.d.

Disinformazione n.7: Il Cov.d proveniente da una fuga dal laboratorio di Wuhan è una teoria della cospirazione

Google ha ammesso di aver soppresso le ricerche di “lab leak” durante la pandemia. Il dottor Francis Collins, capo dell’NIH, ha dichiarato (e continua a farlo) di non credere che il virus provenisse da un laboratorio. Alla fine, prove circostanziali schiaccianti indicano un’origine da laboratorio – la stessa origine suggerita al dottor Anthony Fauci da due virologi molto importanti in una riunione del gennaio 2020 da lui convocata all’inizio della pandemia. Secondo i documenti ottenuti da Bret Baier di Fox News, i due virologi dissero ai dottori Fauci e Collins che il virus poteva essere stato manipolato e originato in laboratorio, ma poi cambiarono improvvisamente opinione in commenti pubblici giorni dopo l’incontro con i funzionari dell’NIH. In seguito i virologi hanno ricevuto quasi 9 milioni di dollari dall’agenzia di Fauci.

Disinformazione n. 8: Era importante somministrare la seconda dose di vacc. 3 o 4 settimane dopo la prima.

Nella primavera del 2021, pochi mesi dopo l’introduzione del vacc., era chiaro che distanziare il vacc. di tre mesi riducesse i tassi di complicazioni e aumentasse l’immunità. Distanziare i vacc. sarebbe anche servito a salvare più vite proprio quando le scorte di vacc. erano limitate, nel culmine dell’epidemia.

Disinformazione n.9: I dati sul vacc. bivalent.e sono “cristallini”.

Il dottor Ashish Jha ha affermato questo, nonostante il vacc. bivalent.e sia stato approvato utilizzando i dati della sperimentazione su otto topi. Ad oggi, non è mai stato condotto uno studio randomizzato e controllato sul vacc. bivalent.e. A mio avviso, i dati sono chiarissimi: i giovani non dovrebbero sottoporsi al vacc. bivalent.e. Si sarebbe potuta anche risparmiare la miocardite a molti bambini.

Disinformazione n. 10: Una persona su cinque si ammala di Long Cov.d

I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie sostengono che il 20% delle infezioni da Cov.d può provocare il Cov.d lungo. Ma uno studio britannico ha rilevato che solo il 3% dei pazienti affetti da Cov.d presenta sintomi residui della durata di 12 settimane. Cosa spiega questa disparità?

Spesso è normale avvertire una leggera stanchezza o debolezza per settimane dopo essere stati malati, essere inattivi e non mangiare bene. Definire questi casi Long Cov.d è una medicalizzazione della vita ordinaria.

La cosa più sorprendente di tutta la disinformazione trasmessa dal CDC e dai funzionari della sanità pubblica è che non ci sono state pubbliche scuse per aver mantenuto le loro raccomandazioni per così tanto tempo dopo che i dati avevano ampiamente dimostrato che erano completamente sbagliate. I funzionari della sanità pubblica hanno imposto, quando l’approccio corretto sarebbe dovuto essere “non siamo sicuri”.

All’inizio, in assenza di dati validi, i funzionari della sanità pubblica hanno scelto un percorso di severo paternalismo. Oggi negano un’enorme mole di solidi studi che dimostrano che si sbagliavano.
Come minimo, il CDC dovrebbe confessare e la FDA dovrebbe aggiungere un’etichetta di avvertimento ai vacc. Cov.d, indicando chiaramente ciò che è ormai noto.

Un mea culpa da parte di coloro che ci hanno traviato sarebbe un primo passo per ricostruire la fiducia.

Marty Makary MD, MPH è professore presso la Johns Hopkins University School of Medicine e autore di “The Price We Pay

Questa storia è apparsa sul New York Post 

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Chiusa l’inchiesta sui morti nel Bergamasco: 20 indagati tra cui Conte, Speranza, Fontana, Brusaferro, Locatelli e Borrelli

Read Next

GERMANIA- Compagnie assicurative: 1 persona V. su 50 non è in grado di lavorare a causa degli effetti collaterali

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO