• Agosto 18, 2022

Alleato di Trump invierà aiuti ai camionisti canadesi

Il CEO di MyPillow Mike Lindell invierà cuscini ai manifestanti del Freedom Convoy poiché dice di avere “un piccolo problema” con Justin Trudeau.

Il CEO di MyPillow Mike Lindell, un conservatore, si è impegnato sabato a fornire cuscini ai camionisti che protestano contro le restrizioni Covid in Canada. Lindell ha riferito di avere un rancore personale contro il primo ministro canadese Justin Trudeau e ha esortato i camionisti a non “scendere a compromessi” fino a quando non riconquisteranno “tutte le nostre libertà”.

“Tutti i nostri dipendenti sono impegnati a produrre cuscini in questo momento per i camionisti in Canada.”, ha dichiarato Lindell a Right Side Broadcasting Network sabato.

Tuttavia, la spedizione di cuscini da parte di Lindell potrebbe essere ostacolata dalla stessa manifestazione. A partire da domenica mattina, il traffico è fermo sull’Ambassador Bridge che collega Detroit nello stato americano del Michigan con Windsor nella provincia canadese dell’Ontario. Il ponte rappresenta circa un quarto di tutto il commercio USA-Canada, e anche se la polizia ha trascorso gran parte del sabato spostando gruppi di manifestanti lontano dalla zona, il ponte stesso rimane bloccato dai camion. La polizia sta iniziando a trainare i carrelli, tuttavia.

Centinaia di camion rimangono parcheggiati anche nel centro di Ottawa e in molti altri valichi di frontiera chiave tra Stati Uniti e Canada.

Lindell ha affermato che la sua azienda ha uno stabilimento in Canada, ma ha descritto come sulla scia delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, le aziende canadesi abbiano abbandonato i suoi prodotti mentre denunciava pubblicamente la vittoria di Joe Biden come fraudolenta. Le affermazioni di Lindell lo hanno fatto bandire dai social media

“Quando sono stato cancellato negli Stati Uniti, le compagnie canadesi hanno cancellato anche me … quindi la nostra produzione è diminuita molto un anno fa”, ha spiegato. “Ho avuto un piccolo problema con Trudeau, lascia che te lo dica.

“Aiuteremo questi coraggiosi camionisti, sta succedendo in tutto il mondo ora. È incredibile. Stiamo vincendo”, ha continuato un Lindell senza fiato a RSBN. “Incoraggio tutti i camionisti a non arrendersi e dire ‘Ok, scenderemo a compromessi a metà strada’. No. Rivogliamo tutte le nostre libertà”.

I camionisti del Freedom Convoy sono parcheggiati nella capitale canadese, Ottawa, da due settimane. Il convoglio da allora ha chiesto la revoca di tutte le restrizioni sul coronavirus e alcuni chiedono le dimissioni di Trudeau. Traendo ispirazione dai camionisti canadesi, simili proteste di “convogli” hanno avuto luogo in Australia, Nuova Zelanda ed Europa.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Momenti drammatici alle Olimpiadi di Pechino. La tre volte campionessa del mondo di biathlon Ingrid Tandrevold crolla a terra in vista del traguardo per un improvviso problema cardiaco

Read Next

Difficoltà respiratorie per l’oro olimpico Belinda Bencic completamente vaccinata. “Qualcosa nei miei polmoni non è normale”