• Gennaio 27, 2023

“Anomalo eccesso di caducità” e nessuno sa il perché

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Pubblichiamo la traduzione di un articolo apparso sul sito spagnolo Rankia.com con specifici riferimenti all’anomalo eccesso di mortalità che si sta verificando in questi mesi.

“L’eccesso di mortalità è alle stelle in Spagna, con 100 morti al giorno in persone di tutte le età, compresi i bambini. Gli “esperti” non ne conoscono la causa e il governo ignora il problema.

  1. Contesto

Il Progetto Europeo di Monitoraggio della Mortalità (MOMO) è nato nel 2008 per sviluppare uno strumento che producesse dati in tempo reale sulla mortalità causata dall’influenza e da qualsiasi altra minaccia per la salute. Tra il 2008 e il 2011 si è svolto il progetto pilota. L’interesse politico per il progetto va di pari passo con la “crisi climatica”, cercando di dimostrare che provoca molti morti ed è quindi una vera crisi. Dopo gli accordi di Parigi del 2015, lo strumento ha iniziato a funzionare nella sua forma attuale con il monitoraggio di 28 paesi europei a partire dal 14 novembre 2016. Se qualcuno non crede che questa sia la causa, vengono mostrati i bollettini MOMO del Carlos III Health Institute , dove l’unica causa individuata di mortalità è la temperatura (figura 1), o i rapporti MOMOTemp che analizzano i decessi dovuti alla temperatura solo nel periodo estivo.

Il problema è che tutti gli studi dimostrano che la mortalità per il freddo è molto più alta di quella per il caldo, ma non è possibile ammetterlo. Uno studio del 2021 su The Lancet con 68 autori provenienti da 43 paesi conclude che i decessi associati a temperature riguardano il 9,43% di tutti i decessi, l’8,52% a causa del freddo e lo 0,91% a causa del caldo. Cioè, il freddo uccide dieci volte più del caldo. La conclusione logica è che il riscaldamento globale salva vite umane, orrore! Siamo una specie tropicale, dopotutto, come indicano la nostra mancanza di peli e la sovrabbondanza di ghiandole sudoripare. Siamo stati selezionati dalla natura per disperdere il calore in modo efficiente.

Con l’arrivo della pandemia, MOMO ci ha permesso di disporre di dati estremamente preziosi sull’incidenza e sull’evoluzione della malattia. L’interesse dei governi a mantenere le cifre il più basse possibile si è scontrato con la dura realtà dell’eccesso di morti.

Con la remissione della pandemia e i nuovi ceppi con minore mortalità, si prevedeva che la mortalità in eccesso scendesse a livelli normali o addirittura inferiori. Del resto la pandemia ha anticipato la morte di molti anziani, sottraendola alle statistiche degli anni successivi. Invece, da questa primavera, epidemiologi ed esperti di sanità pubblica hanno lanciato l’allarme perchè l’eccesso di mortalità rimane molto alto e non riescono a trovarne una causa. Per avere un’idea dell’entità del problema, basti considerare che i decessi eccessivi nel 2022 sono più alti in Europa che nel 2020, anno della pandemia.

  1. Morti in eccesso

Il rapporto MOMO dell’8 novembre indica che nel 2022 ad oggi in Spagna sono morte 33.500 persone oltre quanto previsto. Sono già 9.000 in più rispetto a tutto il 2021. Ciò costituisce un eccesso del 10% rispetto all’era pre-pandemia, un gravissimo aumento che passa inosservato. Ci preoccupiamo molto per alcune morti, mentre migliaia di altre morti non ci interessano, chiaro sintomo di una società disfunzionale.

Figura 1. Grafico MOMO per la Spagna da gennaio 2020. La linea blu mostra “il previsto” e la linea grigia “l’osservato”. Fonte: Istituto Carlos III

I dati (figura 1) mostrano che le morti in eccesso sono state distribuite in modo disomogeneo durante tutto l’anno. Erano molto alte a gennaio, diminuite a febbraio e scomparse a marzo. Sono iniziate a salire in aprile e sono state molto alte fino ad agosto. Da settembre sono nuovamente scese a livelli più vicini a quanto ci si aspetterebbe.

Questo è un paese di carenze, disgrazie e malgoverno, e tendiamo ad essere dietro l’Europa nei periodi positivi e in testa nei periodi negativi. E in questo problema siamo in testa all’Europa, con un tasso di morti in eccesso nel 2022 che è il più alto di tutti, raddoppiando la media europea (figura 2).

Figura 2. Mortalità in eccesso per paese espressa come numero di deviazioni standard dalla media (punteggio Z). Fonte: EuroMOMO


I dati del sistema MOMO mostrano che i decessi non sono distribuiti uniformemente, ma si verificano in ondate più o meno sincronizzate in tutta Europa. Questo è molto importante quando si indaga sulla causalità. Il fenomeno dell’eccesso di mortalità inspiegabile è più evidente in Europa perché ci sono dati migliori, ma accade a livello globale e ci sono report sia da fonti mediche, sia dagli istituti assicurativi, sia dai servizi cimiteriali di diversi paesi che avvertono di un aumento sostanziale dei decessi inspiegabili.

  1. I decessi colpiscono anche i bambini

Questo è un argomento di cui nessuno sembra voler parlare ed è straordinariamente controverso. I dati EuroMOMO, se visti come eccesso di mortalità cumulativo durante ogni anno, dovrebbero chiudere l’anno con dati prossimi allo zero se non c’è eccesso di mortalità. Le curve cumulative per i bambini 0-14 anni mostrano uno schema diverso (figura 3). A partire dal secondo trimestre del 2020, i decessi in eccesso accumulati diminuiscono, diventando negativi. A partire dall’estate del 2021 aumentano di nuovo e da allora non si sono più fermati.

Figura 3. Curve cumulative in eccesso di mortalità per gli anni 2020-2022 nella coorte da 0 a 14 anni. Fonte: EuroMOMO

EuroMOMO mette in guardia sull’interpretazione di questi dati affermando che, negli anni precedenti la pandemia. i decessi in questa fascia di età erano in calo in Europa e ciò ha indotto il modello grafico a mantenere una distorsione verso il basso e a considerare eccessivo un numero inferiore a quanto previsto.

“In altre parole, il sistema di sorveglianza della mortalità di EuroMOMO non rileva effettivamente più decessi tra le persone di età compresa tra 0 e 14 anni durante la pandemia di COVID-19 in corso rispetto al periodo precedente alla pandemia di COVID-19, anche se i risultati cumulativi riportati sul sito Web di EuroMOMO suggeriscono così.”

In questo senso si esprime lo Swiss Policy Research, che, analizzando l’eccesso di mortalità in Europa, afferma che non c’è eccesso di mortalità nei bambini europei e per farlo altera i dati EuroMOMO modificando la baseline. In tal modo il 2022 diventa in linea con i precedenti a costo di rendere il 2020 e il 2021 molto più anomali (figura 4).

Figura 4. Curve di mortalità in eccesso accumulate per gli anni 2018-2022 nella coorte di 0-14 anni con baseline alterata. Fonte: Swiss Policy Research

Il problema delle questioni scientifiche altamente sensibili politicamente (vedi anche il cambiamento climatico) è che il mix di scienza e politica produce solo politica. I dati vengono aggiustati o interpretati nel modo che interessa al potere politico che decide il finanziamento della scienza.

La risposta alla domanda se l’eccesso di mortalità colpisce i bambini ha una risposta molto facile, poiché l’eccesso di mortalità si verifica a ondate. Basta confrontare quello che è successo in quella fascia di età con quello che è successo in quella successiva, tra i 15 ei 44 anni. I dati vengono analizzati in Z-score, che misura la distanza dalla media in unità di misura di deviazione standard (σ). 1σ è il rumore statistico, 2σ indica una possibilità, da 3σ siamo di fronte ad un fenomeno che richiede una spiegazione. L’eccesso di decessi nella fascia di età 15-44 anni ha raggiunto 5σ lo scorso inverno (figura 5, curva nera).

Figura 5. Eccesso di mortalità nella coorte 15-44 anni (linea nera, scala di sinistra) e nella coorte 0-14 anni (linea rossa, scala di destra). Media mobile di 5 periodi su dati settimanali. Fonte: EuroMOMO

La figura 5 risponde chiaramente alla domanda. Nel corso del 2020 i decessi infantili sono stati inferiori alle attese (valori negativi). Al di là delle possibili deviazioni statistiche, anche questo è prevedibile, dato che i decessi per COVID sono estremamente rari in questa fascia di età e il lockdown e l’uso di mascherine hanno ridotto altre infezioni e incidenti. Ma a partire da giugno 2021, l’effetto è invertito e le morti sono in eccesso. Il σ è alto ma non straordinario (la scala verticale è espansa per facilitare il confronto). La cosa più significativa è che le ondate di morti in eccesso coincidono abbastanza bene tra i due gruppi di età a partire dall’estate del 2021. Questa coincidenza rende difficile dimostrare che non siano correlate. È difficile pensare che il caso possa riprodurre lo schema dei decessi dell’altra fascia di età sulla base dei dati di 28 paesi. A mio parere, i dati sostengono fortemente che le morti in eccesso nei bambini sono reali e hanno la stessa causa degli adulti. Tuttavia, i bambini sembrano essere stati colpiti in seguito. Ne discuteremo più tardi.

Nessuno vuole lanciare l’allarme sulle morti infantili con dati non certi al 100%. Il bollettino 36 (5-11 settembre 2022) mostra che, contrariamente alla sua posizione ufficiale, EuroMOMO ritiene che ci sia un problema.

Nota sull’eccesso di mortalità osservato nella fascia di età 0-14 nel periodo 2021-2022. Dalla metà del 2021 sono stati osservati alcuni segnali insoliti di eccesso di mortalità nella fascia di età 0-14 anni. EuroMOMO sta studiando la possibile spiegazione di questi segnali, in consultazione con i paesi partecipanti alla rete.

  1. Caratteristiche dei decessi

Tutti gli esperti che parlano di queste morti e sono concordi nel sottolineare due aspetti. Non sono decessi per COVID e non vengono rilevati nelle emergenze ospedaliere. Ormai i medici sanno esattamente quali sono le morti per COVID e che sono registrate come tali. Rafael Cascón Porres, ricercatore presso l’Università Politecnica di Madrid e analista del sistema MOMO, è stato uno dei primi a segnalare l’eccesso di decessi non COVID nel novembre 2021.

Un eccesso così ampio e concentrato di decessi in pochi mesi dovrebbe apparire nelle statistiche delle emergenze ospedaliere, ma non è così. Il dottor Juan González del Castillo, coordinatore del gruppo infettivo della Società spagnola di medicina d’urgenza e di emergenza (SEMES), ha chiarito che questo eccesso di decessi non viene rilevato al pronto soccorso.

Le persone che muoiono senza andare in ospedale sono persone che muoiono improvvisamente senza prima sentirsi abbastanza male da andarci. E poiché la causa delle morti in eccesso non è nota, i loro certificati di morte mostrano altre cause che non attirano l’attenzione, la più comune delle morti improvvise sono gli incidenti cardiovascolari.

Dal 2021 sempre più utenti scrivono di un numero eccessivo di morti improvvise tra giovani e sani. Tali commenti provengono spesso da gruppi contrari al vaccino COVID. I social network (Facebook, Twitter, YouTube), nel loro ruolo di censori oggi, si sono dati da fare per cancellare tali commenti ed espellere i responsabili (figura 6).

Figura 6. Un esempio di account Twitter sospeso per aver chiesto se anche persone non vaccinate avessero contratto una serie di malattie

A giugno, alcuni mass media hanno iniziato a far eco alle voci della rete su un eccesso di morti improvvise di giovani sani. In particolare quelli attribuiti a una sindrome che colpisce coloro che presentano un arresto cardio-respiratorio chiamato SADS o Sudden Arrhythmic Death Syndrome (o Adult). È una sindrome che ha cominciato a prendere forma negli anni ’70 e ha molteplici cause. Circa la metà è dovuta a difetti genetici non diagnosticati e l’altra metà a cause diverse o sconosciute. Il fatto è che non ci sono dati affidabili sui casi di SADS nella maggior parte dei paesi poiché i decessi si verificano al di fuori degli ospedali. Il Regno Unito ha un registro SADS ma ha rilasciato dati solo fino al 2020. A seguito di polemiche sul fatto che i decessi per SADS fossero alle stelle e il suo possibile legame con la vaccinazione, un istituto di cardiologia e diabetologia di Melbourne ha annunciato di aver avviato un registro di casi di SADS in Australia.

Se non abbiamo documenti ufficiali, cosa ci resta? Ebbene, ci resta la FIFA, che registra il numero di decessi di calciatori che avvengono durante gli allenamenti e le partite. E i dati sono sconcertanti. Nel 2021, il numero di calciatori deceduti per cause cardiovascolari durante partite o allenamenti è stato QUATTRO volte superiore alla media del periodo 2009-2020 (figura 7). E conosciamo i loro nomi, quindi è un’informazione attendibile.

Figura 7. Numero di decessi per cause cardiovascolari nei calciatori professionisti in partite o allenamenti. Fonte: Expose News

In questo triste elenco non ci sono gli ultimi calciatori deceduti, tra cui Dani, un ragazzo di 14 anni, giocatore del Rioja Sala, morto improvvisamente il 6 novembre nella sua abitazione.

Nonostante la censura, sembra chiaro che un aumento significativo dei casi di SADS stia contribuendo all’aumento delle morti in eccesso. Tuttavia, i decessi per SADS sono pochi e anche moltiplicandoli per quattro non si spiega nemmeno la metà dell’eccesso di mortalità. Ci sono necessariamente altre patologie coinvolte, ma l’aumento dei casi di SADS ci mostra già la direzione in cui ci si sta dirigendo.

E cosa ne pensano gli “esperti” sulle possibili cause delle morti in eccesso? Sembrano raggrupparli in quattro cause, chiamate le quattro “C” mortali: caldo, covid, crisi cronica e crisi sanitaria.

Esamineremo i dati per vedere se possono supportare o meno queste cause e ciò sembra essere un lavoro eccessivo per molti di questi “esperti” che in realtà sono opinionisti.

  1. Morti a causa del caldo

Abbiamo avuto forti ondate di caldo quest’estate e indubbiamente temperature molto alte provocano morti che vengono considerate eccessive. Questi decessi sono stati registrati dal sistema spagnolo MOMO nel numero di 4.663 per i mesi di giugno-agosto 2022, rispetto ai 33.497 decessi in eccesso dell’8 novembre. Vale a dire, il 14%.

Non solo le morti per caldo non riescono a spiegare le morti in eccesso, ma ci sono seri motivi per dubitare di tale attribuzione. Tanto per cominciare, c’è un grande interesse da parte delle autorità spagnole ed europee a sopravvalutare il problema del riscaldamento globale al punto da influire sul sistema spagnolo MOMO, che mostra come unico fattore analizzato separatamente solo quello dei decessi attribuiti al caldo (MOMOcalor) . Non è credibile che questo interesse non si rifletta in un bias nell’analisi dei dati. Sappiamo anche, da studi come quello di The Lancet, che i decessi associati al freddo sono dieci volte superiori, eppure nel sistema MOMO i decessi attribuiti alla temperatura durante l’inverno sono sempre inferiori, indicando che la maggior parte dei decessi per freddo sono inclusi nei “non- eccessivi”. È la prova di un sospettoso pregiudizio.

Come se non bastasse, la distribuzione dei morti in eccesso nel corso dei mesi non si adegua a quella della temperatura. C’è stato un grande eccesso di morti (50 o più al giorno) nei mesi di febbraio, aprile, maggio e ottobre, periodi in cui il clima non poteva essere responsabile.

Tutto ciò porta a concludere che, sebbene le ondate di caldo abbiano causato più morti degli altri anni, non contribuiscono in modo significativo a spiegare il mistero dell’eccesso di morti, fenomeno che si verifica dalla primavera del 2021, quando i decessi per COVID e l’eccesso di morti non sono più direttamente correlati a causa della diminuzione della mortalità da COVID.

  1. Morti per COVID

Le statistiche escludono che le morti in eccesso siano dovute al COVID. Non vengono diagnosticati come tali, non presentano le patologie associate al COVID e non sono registrati negli ospedali tra i pazienti COVID. Per questo, gli esperti che parlano di COVID come causa si riferiscono a persone con altre patologie che sono peggiorate a causa dell’infezione da SARS-CoV-2 e che finiscono per morire per quelle altre patologie.

Questa spiegazione incontra due ostacoli insormontabili. Uno è la quasi sincronizzazione delle ondate di morti a livello europeo. Le patologie che escludono le infezioni respiratorie non generano ondate, uccidono in modo casuale e non possono presentare deviazioni di 3σ in determinate settimane o mesi. Ricordiamo che stiamo parlando di un numero enorme di decessi, in aumento del 10% rispetto a quelli attesi per qualsiasi causa. L’altro ostacolo è che le persone che stanno morendo eccessivamente non si presentano al pronto soccorso. Non ci sono molti decessi per malattia che non costringono ad andare prima in ospedale.

Si possono, quindi, escludere decessi per diagnosi COVID e decessi per peggioramento di altre patologie pregresse dovute a COVID. Esiste un terzo tipo di morte associata al COVID che la maggior parte degli “esperti” non prende in considerazione e di cui parleremo più avanti.

  1. Morti per malattie croniche

Questo fattore si riferisce ai decessi non correlati al COVID e dovuti alle particolari condizioni vche hanno portato all’abbandono di persone con malattie croniche. Persone che, a causa del lockdown, della paura o della congestione sanitaria, non si sono sottoposte a cure, controlli e diagnosi e ciò ha portato ad un aumento dei decessi per molteplici cause di persone con problemi di salute, che avrebbero vissuto più a lungo se non fosse stato per la crisi indotta dalla pandemia. Ancora una volta, questa spiegazione incontra l’ostacolo che, se fosse vera, dovrebbe aumentare la mortalità di fondo oltre gli scostamenti statistici e non concentrarsi a ondate in certi mesi. Si scontra anche con l’ostacolo che questo tipo di morte dovrebbe comparire prima negli ospedali. Per tutte queste ragioni, al di là di un piccolo contributo, possiamo facilmente escludere questa causa.

  1. Decessi dovuti a crisi del sistema sanitario

Una spiegazione ad alto impatto politico. Non c’è dubbio che l’epidemia abbia inferto un duro colpo al sistema sanitario dal quale non si è ancora ripreso. La sinistra ritiene che tutta la spesa per sanità, istruzione e affari sociali sia poca, ed è un’opinione popolare in un paese in cui la conoscenza in materia economica è scarsa o inesistente. Indubbiamente, la spesa socio-sanitaria-educativa ha un impatto positivo sull’economia fino a un punto ottimale, dopodiché una maggiore spesa ha un impatto negativo e, alla lunga, erode la sostenibilità del sistema, motivo per cui è controproducente. In particolare, la spesa sanitaria pro capite sale alle stelle a partire dai 60 anni, età in cui il ritorno economico è nullo. Non è giusto trascurare gli anziani, tra i quali tutti ci ritroveremo, ma non dobbiamo nemmeno lasciarli mangiare il pane dei nipoti. La mancanza di limiti di spesa porta direttamente al fallimento del sistema.

Ma veniamo ai dati. Nonostante le clamorose proteste della sinistra, il sistema sanitario spagnolo non è a corto di fondi. La spesa sanitaria pubblica pro capite delle comunità autonome è passata da 837 euro/abitante nel 2002 a 1.397 nel 2009, con una crescita del 67%. I tagli hanno comportato una riduzione del 12% a 1.223 euro nel 2013, al di sopra del livello del 2007. Nel 2018 si spendeva già di più rispetto al 2009 e la pandemia ha innescato un aumento di spesa. Il bilancio 2022 prevede 1.679 euro/abitante, non meno del doppio in 20 anni. In percentuale sul Pil si è passati dal 4,6% del 2002 all’8% del 2020. Apparentemente tutto è poco e si chiede di più, ma non si può sostenere che il sistema sanitario spagnolo manchi di finanziamenti.

Un altro problema è che in Spagna i cittadini pensano che ci sia un miglioramento spendendo di più, non gestendo meglio. Madrid è la comunità che spende meno per abitante per la salute e con una notevole differenza rispetto alle altre, il 22% sotto la media. Riesce però ad avere 6 ospedali tra i 200 migliori al mondo (Newsweek 2021), rispetto ai due in Catalogna, uno in Andalusia, Navarra e Valencia e nessuna delle altre comunità. E secondo l’Istituto Nazionale di Statistica, ha il più alto tasso di medici iscritti non in pensione in Spagna (figura 8), anche se il tasso di infermieri è vicino alla media. Lo studio sulla spesa sociale (non sanitaria) dell’Associazione Statale dei Direttori e dei Dirigenti dei Servizi Sociali, dove anche Madrid è in fondo, rivela che Madrid ha un modello di assistenza diverso con un rapporto indennità/copertura molto basso e un rapporto molto basso rapporto di copertura / spesa molto elevata che raddoppia o triplica nella maggior parte dei comuni (figura 9). È chiaramente un sistema più efficiente. Migliorabile? Senza dubbio, come tutto, ma non da chi sostiene che più spendo, meglio è.

Figura 8. Madrid è leader nel tasso di medici iscritti non in pensione con più di 600 ogni 100.000 abitanti. Fonte: INE

Figura 9. Nella spesa sociale, Madrid è in fondo al rapporto diritti/copertura ma in testa al rapporto copertura/spesa, con un diverso modello di assistenza che prevede meno soldi per fornire più copertura. Fonte: Rapporto DEC

Se il sistema sanitario spagnolo è finanziato meglio che mai e consuma una parte maggiore del PIL, non si può sostenere che questo sia un fattore che spieghi gli eccessivi decessi dal 2021. Né si spiegherebbe con una maggiore stanchezza del personale che avrebbe abbassato la qualità delle cure. È un argomento dubbio data la professionalità dei nostri operatori sanitari e soffre della stessa incongruenza con i dati poiché, se fosse vero, porterebbe a una distribuzione più uniforme delle morti in eccesso nel tempo.

  1. Analisi dei possibili fattori causali

Scartate le ragioni argomentate dagli “esperti”, ciò che rimane è l’analisi spassionata dei dati seguendo il metodo scientifico delle molteplici ipotesi ragionevoli. Nessuna ipotesi va esclusa a priori.

Prima di tutto, poiché le morti in eccesso si verificano a ondate, qualsiasi persona ragionevole (figuriamoci un ricercatore) penserebbe di confrontare i dati sulla mortalità in eccesso con i dati sull’incidenza di COVID, non importa quanto ci dicano che “non è COVID”. Qui c’è un problema perché a marzo il governo ha deciso di voltare pagina sul COVID e da allora sono stati segnalati solo casi in persone di età superiore ai 60 anni. È il problema dei politici che controllano a piacimento le statistiche. Fortunatamente abbiamo ancora i dati sull’occupazione dei letti COVID negli ospedali. Questi dati sulla capacità di cura hanno iniziato a essere raccolti nell’estate del 2020 e sono affidabili dall’autunno dello stesso anno. Il risultato del confronto tra i dati dei pazienti COVID e quelli dei decessi in eccesso è sorprendente e molto rivelatore (figura 10). Tanto che sembra incredibile che né gli “esperti” né i giornalisti lo abbiano evidenziato.

Figura 10. Dati MOMO Spagna da gennaio 2020. In rosso, il numero di posti letto occupati da pazienti COVID (migliaia al giorno, media mobile su 7 giorni) negli ospedali è stato sovrapposto. Il numero di vaccini somministrati (milioni al mese) è stato sovrapposto in marrone. I numeri arabi indicano le ondate di COVID. I numeri romani indicano la dose di vaccino. Fonti: Istituto Sanitario Carlos III e Ministero della Salute.

La quarta ondata di COVID si è verificata nell’aprile-maggio 2021, mentre la popolazione veniva progressivamente vaccinata ed era essenzialmente la variabile alfa, sebbene con un contributo significativo della nuova variabile delta. È stata un’ondata che, a differenza delle precedenti, è stata caratterizzata da una mortalità molto bassa, tanto che il servizio MOMO non ha rilevato l’eccesso di mortalità nei mesi da marzo a maggio 2021, indicando che gli eccessi di decessi per COVID sono stati compensati a causa alla mancanza di decessi per altre cause, visto che ad aprile-maggio 2021 i decessi per COVID sono stati 4.500.

Ciò indica che la “Nuova Causa di Morte” nasce dalla quarta ondata e, pur essendo decessi non COVID, segue con totale precisione la curva dell’infezione da COVID riflessa dai letti occupati dai pazienti COVID.

È un caso di correlazione molto netta in cui la causalità non lascia spazio a dubbi. Le misteriose “nuove morti” sono morti non COVID causate dall’infezione da SARS-CoV-2.

Come è possibile che il virus abbia improvvisamente acquisito una nuova capacità letale in tutto il mondo con un’eziologia così diversa da essere irriconoscibile dai medici e da colpire così fortemente le coorti di età che hanno mostrato una mortalità molto bassa rispetto al COVID, come i bambini e giovani adulti ?

  1. Un nuovo fattore nell’equazione COVID dal 2021

Qualcosa è cambiato nel fenomeno COVID che ha scatenato un’ondata di morti inspiegabili. Mi viene solo in mente che potrebbe essere il cambio di variante con la comparsa del ceppo omicron nel 2021, oppure la vaccinazione. Cioè, o il virus o noi. Vediamo cosa dicono i dati.

La vaccinazione contro il COVID ha una mortalità molto bassa, come già sapevamo dai dati. Altrimenti non l’avrei fatta. Il rischio di morire per COVID era circa 10.000 volte maggiore del rischio di morire per il vaccino per la mia fascia d’età, quindi ho preso le mie due dosi e ho superato il COVID a gennaio 2022. Tuttavia, avevo già avvertito nel mio articolo di quello stesso mese ” Gestione del rischio personale di COVID” sulla tossicità dei vaccini a RNA e ho sconsigliato la vaccinazione infantile in quanto costituisce un rischio inaccettabile. Ho anche sconsigliato dosi aggiuntive tranne nei casi di persone ad altissimo rischio di morte per COVID.

Nella figura 10 ho aggiunto i dati della vaccinazione contro il COVID. Come si può vedere, la vaccinazione non è correlata ad alcun aumento della mortalità in eccesso. Non è quindi la causa di morti misteriose. Almeno direttamente.

I dati indicano che i decessi sono causati dall’infezione da SARS-CoV-2 a partire da giugno 2021. Prima di tale data, i decessi in eccesso erano dovuti a COVID. Nasce allora una spaventosa possibilità data la coincidenza della data con la vaccinazione della popolazione. Il vaccino COVID predispone alla morte improvvisa per un’infezione da SARS-CoV-2? I dati non consentono di escluderlo ed è molto più probabile dell’altra alternativa, che il virus abbia improvvisamente acquisito per mutazione una nuova capacità di uccidere con un’eziologia completamente diversa, anche se non può essere escluso.

Una relazione tra vaccinazione e decessi spiegherebbe perché l’eccesso di mortalità infantile (0-14 anni) è cresciuto più tardi di quello degli adulti (cfr. figura 5 per l’Europa), raggiungendo i 2σ alla fine del 2021. La vaccinazione dei 12-15enni è stato approvata in Europa nel maggio 2021. La vaccinazione dei bambini dai 12 ai 18 anni in Spagna è iniziata in fretta nell’agosto 2021 con l’idea di vaccinarli prima dell’inizio dell’anno scolastico ed è proseguita con le vaccinazioni nelle scuole anche di bambini i cui genitori non volevano che fossero vaccinati. La vaccinazione dei bambini 5-12 anni è iniziata nel dicembre 2021, ma è stata silenziosamente sospesa, quindi solo la metà dei bambini sotto i 12 anni è vaccinata.

Questa ipotesi spiegherebbe anche perché l’eccesso di mortalità è più alto in Spagna, perché insieme al Portogallo è uno dei paesi più vaccinati al mondo. Qui l’87% della popolazione ha la prima dose, l’85% la seconda, il 55% la terza e il 38% la quarta, percentuali superiori di quasi il 10% rispetto a Germania o Francia.

Lorenzo Armenteros, medico di famiglia e portavoce COVID della Società Spagnola di Medicina Generale spiega i problemi cardiovascolari che il covid può causare:

Le arterie hanno un gran numero di recettori ACE2, che sono i recettori a cui si attaccano i virus. In questo caso, anche il virus dell’influenza, tra gli altri, può essere coinvolto, ma il covid ha una capacità speciale per questi recettori, noti dall’inizio della pandemia. Il covid colpisce le cellule dell’endotelio, che è la parete più interna dei tre strati che abbiamo in un’arteria (endotelio, mesotelio ed esotelio) e c’è una rottura nell’integrità di quella parete, che è molto liscia e perfetta per le cellule non sono colpite. Questa alterazione provoca anche il verificarsi di un meccanismo trombogenico. La vasculite si può verificare e porta alla formazione di trombi, oltre ad aumentare le probabilità di infarto se si verifica nel cuore o di ictus se si verifica nel sistema nervoso centrale. Si verificano soprattutto nel cervello, perché si è visto che questi virus prediligono le arterie cerebrali. Ciò sarebbe dovuto all’azione diretta del covid.

Il vaccino, producendo artificialmente la proteina spike, si lega ai recettori ACE2 e potrebbe precondizionare o potenziare l’effetto del virus sulla parete delle arterie, provocando morti improvvise (SADS) dovute ad incidenti cardiovascolari.

I decessi possono anche essere dovuti alla sindrome infiammatoria multisistemica (MIS), una condizione rara ma grave associata a COVID, che provoca infiammazione in diversi organi sia negli adulti che nei bambini ed è responsabile di gran parte dei decessi per COVID dei bambini che non hanno malattie preesistenti.

Distinguere se i decessi straordinari siano dovuti direttamente al SARS-CoV-2 che ha cambiato modalità di azione, indirettamente al SARS-CoV-2 attraverso il vaccino, o ad una terza causa sconosciuta sarebbe molto facile. Basta analizzare le morti improvvise di persone sotto i 45 anni per scoprire la causa della morte, se erano infette da SARS-CoV-2 e se erano state vaccinate. Gli ultimi due punti sono molto facili da conoscere. È possibile però che le autorità non vogliano scoprire che cosa ci sta uccidendo, visto che non serve politicamente. L’eccesso di morti è stato pubblicamente denunciato un anno fa da Rafael Cascón Porres e diversi media si lamentano della mancanza di risposta da parte del Ministero della Salute:

Né il ministero della Salute né alcuna amministrazione sanitaria competente sono stati in grado di dare una spiegazione, né in pubblico né in privato, di quanto sta accadendo – questo quotidiano ha più volte contattato il dipartimento di Carolina Darias, senza ricevere risposta.

  1. Conclusione

Dalla metà del 2021 c’è un grande eccesso di morti in tutto il mondo. Sono morti inspiegabili perchè non sono morti da COVID, non si riflettono nei pronto soccorsi e colpiscono persone di qualsiasi età, bambini compresi. Questi decessi riflettono in parte l’aumento delle morti improvvise degli adulti per incidenti cardiovascolari. Le cause segnalate dagli “esperti” non sono coerenti con i dati. Le autorità hanno trascorso un anno ignorando un problema che ha aumentato del 10% i decessi nel Paese. La “Nuova Causa di Morte” ha già innalzato la mortalità in Europa al di sopra dei decessi registrati durante la pandemia (figura 11).

Figura 11. Eccesso di mortalità in Europa in migliaia di decessi accumulati nella settimana 44 per la media degli anni dal 2017 al 2019 e degli anni 2020, 21 e 22. La mortalità nel 2022 supera già la mortalità registrata durante la pandemia. Fonte: EuroMOMO

I dati non escludono che il vaccino COVID sia responsabile di una nuova eziologia del virus rendendo i vaccinati più suscettibili a determinati effetti del virus sul sistema cardiovascolare o ai processi infiammatori.

Ci dicevano che il vaccino ci avrebbe dato l’immunità di gruppo e non era vero. Che ci avrebbe protetto dall’infezione e non era vero. Che avrebbe prevenuto forme gravi della malattia e non era vero. Ci hanno anche detto che il vaccino era sicuro e potrebbe non essere vero. Dopo aver esentato i produttori dalla responsabilità, il 62% della popolazione mondiale (87% in Spagna) è stato vaccinato nel più grande esperimento della storia. Se i vaccini avessero un inaspettato effetto deleterio, si spiegherebbe perché le autorità non sentano il minimo interesse ad indagare su una questione così grave.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Pfizer e BioNTech chiedono alla FDA autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino COVID-19 bivalente per bambini sotto i 5 anni

Read Next

Tragedia in Italia. 32enne passeggero in autobus muore per malore fulminante. Una 14enne colpita da malore improvviso: odissea in ospedale

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock