• Luglio 24, 2024

Tragedia in Italia. 32enne passeggero in autobus muore per malore fulminante. Una 14enne colpita da malore improvviso: odissea in ospedale

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Tragedia sul bus dell’Air ad Avellino, 32enne colto dal malore muore. E’ successo ad Avellino nel pomeriggio di oggi, lunedì 5 dicembre, a piazza Kennedy, sul mezzo proveniente da Grottaminarda. Sul posto, oltre ai soccorsi, sono sopraggiunte le volanti della Polizia di Stato e dei Carabinieri. Per la vittima, un giovane nigeriano di 32 anni, non c’è stato nulla da fare. La vittima era ospitata in un centro d’accoglienza nel comune di Sant’Angelo all’Esca. 

Accertamenti di rito in corso della Questura. Da primissimi rilievi sempre ormai chiara la causa del decesso, dovuta ad un malore fulminante. Il ragazzo lascia la moglie e due figli. 

Lunedì scorso un malore improvviso ha colpito una quattordicenne a Salerno e i genitori hanno raccontato l’odissea della loro figlia al quotidiano “La città di Salerno”.

Domenica sera, Alessia, quattordicenne di Pellezzano, all’improvviso non si regge più in piedi, scoppiando in lacrime per la paura e l’ansia di ciò che le sta accadendo. Immediatamente, allarmati da quanto accaduto, i genitori l’hanno accompagnata in auto al Pronto soccorso dell’ospedale “Ruggi”. Ed è qui che la famiglia ascolta ciò che non avrebbe mai voluto sentire: poco dopo le 21, infatti, li hanno informati che era necessario attendere almeno sette ore prima di poter essere visitata. Sono i tempi di un “codice verde” in questi giorni nel principale ospedale della provincia di Salerno.

Un tempo lunghissimo per Alessia e la sua famiglia che, spaventati, avevano necessità di comprendere subito cosa non andava, perché il corpo della giovanissima dava segni di cedimento. L’ansia era troppa e, dunque, decidono di cambiare strada. Sono tornati in auto e hanno deciso di tentare di avere assistenza in un altro pronto soccorso. Si sono recati al “Fucito” di Mercato San Severino.

Ma anche nel nosocomio della Valle dell’Irno è arrivata un’altra doccia gelata che ha fatto svanire la speranza di essere visitata: un medico riferisce che non c’è possibilità di visitare la giovane, consigliando ai genitori di accompagnarla al presidio di Cava de’ Tirreni oppure all’ospedale di Nocera Inferiore. E solo per puro caso, nel momento in cui il medico forniva le informazioni su dove recarsi, è arrivata la notizia che il Pronto soccorso del presidio metelliano così come quello dell’Umberto I erano chiusi e che, dunque, era totalmente inutile raggiungere gli altri ospedali.

Un’odissea senza fine, raccontata dalla madre della 14enne: «È stata una disavventura che non auguro a nessuno e che ci ha fatto toccare con mano quanto sia difficile l’assistenza sanitaria nel nostro Paese. Abbiamo una sanità al collasso». I genitori di Alessia si sono resi subito conto delle difficoltà del Pronto soccorso del “Ruggi” e infatti «appena arrivati abbiamo notato che c’era tanta gente, troppa, e solo per parlare con il personale del triage abbiamo impiegato una decina di minuti». Di qui l’avvertimento da parte del personale dell’accettazione che dovevano aspettare circa sette ore prima di poter essere visitati. «Questo perché dopo le 21 stavano iniziando ad occuparsi delle persone che erano in attesa dalle 15 del pomeriggio. A quel punto, abbiamo deciso di andare altrove e abbiamo pensato di raggiungere l’ospedale di Mercato San Severino». Qui la seconda doccia gelata che ha spaventato ancora di più la 14enne. «Il medico ci spiega che al Pronto soccorso del “Fucito” c’è un solo un internista che non può occuparsi di Alessia. A quel punto stavamo per andare via, increduli per quanto stavamo vivendo. Presi dalla disperazione ci sembrava una serata del tutto surreale». In quel momento un uomo che stava ascoltato, dispiaciuto dice che è inutile andare a Cava de’ Tirreni e a Nocera Inferiore in quanto in entrambi gli ospedali non avrebbero trovato nessuno che visitasse Alessia. «Solo in quel momento il medico ha accolto sia mia figlia che un altro adolescente di 16 anni con asma bronchiale e quindi entrambi hanno avuto accesso alle cure». Dunque, dopo ore di apprensione, la ragazzina finalmente è riuscita ad ottenere l’assistenza tanto agognata. «Non auguro a nessuno di vivere una situazione così assurda e le ore di angoscia che ha vissuto la mia famiglia», conclude la mamma.

Un’odissea, l’ennesima raccontata da chi ha potuto osservare con i propri occhi le “trincee” dell’emergenza-urgenza in provincia di Salerno, andata completamente in tilt negli ospedali dell’Asl guidata da Gennaro Sosto che in quelli dell’Azienda Ruggi coordinati dal dg Vincenzo D’Amato. E che dimostra come ricevere assistenza al Pronto soccorso sia sempre più difficile.

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

“Anomalo eccesso di caducità” e nessuno sa il perché

Read Next

La conduttrice televisiva confessa: “non ho mostrato il mio viso per intero perchè ho avuto una paralisi facciale improvvisa!”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock