• Dicembre 5, 2022

Articolo sulla prestigiosa rivista Science: “Rischi cardiaci, lacune nei dati sui V. COVID-19 per i giovani.Potrebbero essere necessari mesi per riprendersi completamente”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Riportiamo la traduzione integrale dell’articolo pubblicato su Science il 17 ottobre 2022.


Questo mese il chirurgo generale della Florida Joseph Ladapo ha fatto furore quando, sulla base di un’analisi statale che mostrerebbe che i vaccini COVID-19 siano collegati a morti cardiache nei giovani uomini, ha consigliato agli uomini di età compresa tra i 18 e i 39 anni di stare alla larga dai vaccini. 

Gli scienziati hanno biasimato la sua decisione e criticato lo studio di otto pagine, (anonimo e non sottoposto a revisione paritaria), per mancanza di trasparenza e statistiche imperfette.

Tuttavia, i vaccini COVID-19 hanno un effetto collaterale cardiaco raro ma preoccupante

La miocardite, un’infiammazione del muscolo cardiaco che può causare dolore al petto e mancanza di respiro, ha colpito in modo sproporzionato ragazzi più grandi e giovani che hanno ricevuto i vaccini. 

Solo uno, su diverse migliaia di giovani in quella fascia d’età colpito da miocardite, si rimette rapidamente. 

Un piccolo numero di decessi è stato provvisoriamente collegato alla miocardite da vaccino in tutto il mondo. 

Ma diversi nuovi studi suggeriscono che il muscolo cardiaco può richiedere mesi per guarire e alcuni scienziati si preoccupano di cosa questo significhi per i pazienti a lungo termine

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha ordinato ai produttori di vaccini Pfizer e Moderna di condurre una serie di studi per valutare questi rischi.

Mentre analizzano i dati emergenti e si preoccupano delle lacune di conoscenza, scienziati e medici sono divisi sul fatto che tali preoccupazioni debbano influenzare le raccomandazioni sui vaccini, specialmente ora che una nuova ondata di COVID-19 si sta avvicinando e i booster rinnovati stanno prendendo la scena. 

Quasi tutti esortano a vaccinare i giovani con le prime due dosi di vaccino, ma il caso dei richiami è più complicato

Un problema chiave è che i loro benefici sono sconosciuti per la fascia di età a più alto rischio di miocardite, che è a minor rischio di COVID-19 grave e altre complicazioni rispetto agli anziani.

Sono una sostenitrice del vaccino, continuerei a vaccinare i bambini”, afferma Jane Newburger, cardiologa pediatrica del Boston Children’s Hospital che ha curato e studiato pazienti con miocardite post-vaccino

Ma Michael Portman, un cardiologo pediatrico al Seattle Children’s Hospital che sta studiando i pazienti, dice che esiterebbe a raccomandare booster ad adolescenti sani. “Non voglio creare panico“, dice Portman, ma desidera maggiore chiarezza sul rapporto rischio-beneficio.

All’inizio di questo mese, un team del Kaiser Permanente della California settentrionale e dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti ha riferito che il rischio di miocardite o pericardite – infiammazione del tessuto che circonda il cuore – era di circa uno su 6700 sulla fascia d’età 12-15 un anno dopo la seconda dose di vaccino e circa uno su 16.000 dopo il primo richiamo. Nei ragazzi di 16 – 17 anni, era circa uno su 8000 dopo la seconda dose e uno su 6000 dopo il primo richiamo. Anche gli uomini di età compresa tra i 18 ei 30 anni hanno un rischio piuttosto elevato.

Molti scienziati sospettano che la miocardite da vaccino sia in qualche modo innescata da una reazione immunitaria a seguito dell’iniezione di COVID-19. 

Uno studio tedesco pubblicato il mese scorso sul New England Journal of Medicine ha suggerito che potrebbe essere innescato da una risposta infiammatoria associata alla proteina spike di SARS-CoV-2, che i vaccini a mRNA, spingono il corpo a produrre. 

Il gruppo ha riferito di aver trovato alcuni anticorpi sia in pazienti con miocardite indotta da vaccino che in pazienti con COVID-19 grave, che a sua volta può causare miocardite. Gli stessi anticorpi, che interferiscono con il normale controllo dell’infiammazione, si sono manifestati anche nei bambini che hanno sviluppato una condizione rara e pericolosa chiamata sindrome infiammatoria multisistemica (MIS-C) dopo un’infezione di COVID-19. 

Penso che sia davvero un altro meccanismo”, afferma Karin Klingel, cardiopatologo dell’Università di Tubinga che ha contribuito a condurre il lavoro. Ma non è chiaro se gli anticorpi stiano causando direttamente la miocardite.

La maggior parte dei pazienti con miocardite post-vaccino viene brevemente ricoverata in ospedale e i sintomi scompaiono rapidamente. 

Ma quello che vede nei giovani durante gli appuntamenti di follow-up lo preoccupa: sebbene il loro ritmo cardiaco sia normale e di solito si sentano bene, le scansioni MRI del loro cuore spesso mostrano qualcosa chiamato potenziamento del gadolinio tardivo (LGE), che significa lesioni al muscolo

A giugno, Portman e i suoi colleghi hanno riferito su The Journal of Pediatrics che 11 su 16 pazienti avevano LGE circa 4 mesi dopo la miocardite , sebbene l’area colpita nel cuore si fosse ridotta da quando erano stati ricoverati in ospedale. Questo mese, un team del CDC ha riferito che tra i 151 pazienti sottoposti a risonanza magnetica cardiaca di follow-up dopo 3 mesi, il 54% presentava anomalie, principalmente LGE o infiammazione .

Quanto preoccuparsi delle cicatrici persistenti nei pazienti vaccinati è un punto interrogativo

In questo momento, questo “non sembra essere correlato a esiti clinici avversi“, afferma Peter Liu, direttore scientifico dell’Università di Ottawa Heart Institute. Tuttavia, “Stiamo monitorando questi pazienti nel tempo”, dice Liu, in uno studio su circa 200 persone colpite in tutto il Canada finora. 

Abbiamo bisogno di dati a lungo termine per rassicurare noi e il pubblico“, concorda Hunter Wilson, cardiologo pediatrico presso il Children’s Healthcare di Atlanta che sostiene i booster per i giovani. (Di recente ha condotto uno studio che confronta i risultati della miocardite indotta da vaccini, della miocardite “classica” non causata da COVID-19 e di MIS-C, che è disponibile come prestampa  e in revisione su rivista.)

La FDA intanto richiede sei studi sulla miocardite ciascuno da Pfizer e Moderna , i produttori dei due vaccini mRNA. 

I vari studi valuteranno non solo la miocardite conclamata, ma anche una versione ombra chiamata miocardite subclinica, in cui gli individui rimangono privi di sintomi.

La miocardite subclinica può essere più comune di quanto si pensi

Christian Müller, direttore dell’Istituto di ricerca cardiovascolare dell’Ospedale universitario di Basilea, ha recentemente raccolto campioni di sangue da quasi 800 operatori ospedalieri 3 giorni dopo aver ricevuto un richiamo per il COVID-19. Nessuno soddisfaceva i criteri per la miocardite, ma 40 avevano livelli elevati di troponina, una molecola che può indicare un danno al muscolo cardiaco. Problemi cardiaci cronici e altre condizioni preesistenti potrebbero essere la causa in 18 casi, ma per gli altri 22 casi, il 2,8% dei partecipanti, donne e uomini, Müller ritiene che il vaccino abbia causato un aumento dei livelli di troponina. I risultati, che ha presentato in una riunione ad agosto, sono in linea con quelli di uno studio pubblicato di recente dalla Thailandia .

La buona notizia: in entrambi gli studi, i livelli di troponina sono rapidamente scesi alla normalità. E un breve picco di troponina senza sintomi non riguarda Müller: “Se siamo sani e perdiamo 1000, 2000 [cellule del muscolo cardiaco], questo è irrilevante”, dice. Ciò che lo preoccupa è un potenziale effetto cumulativo dei booster annuali. 

“Sono molto preoccupato se consideriamo questo un fenomeno ricorrente”.

La grande domanda è se qualsiasi rischio, per quanto minimo, per il cuore sia controbilanciato dai benefici di un booster. 

I giovani vengono raramente ricoverati in ospedale per COVID-19, ma il virus non è privo di rischi neanche per loro. L’anno scorso, uno studio su quasi 1600 atleti del college prima della vaccinazione ha rilevato che il 2,3% aveva miocardite clinica o subclinica dopo il COVID-19. 

Altri effetti duraturi dell’infezione includono MIS-C e Long Covid. Gli studi sugli adulti suggeriscono che la vaccinazione riduce il rischio di Long Covid dal 15% all’80%. “Per questo motivo, penso davvero che valga la pena vaccinare“, dice Liu.

Müller no: è contento che le sue figlie adolescenti abbiano ricevuto la loro serie iniziale di vaccini, ma non ha in programma di dar loro un richiamo

Paul Offit, uno specialista in malattie infettive presso il Children’s Hospital di Filadelfia, pensa che se l’obiettivo è evitare malattie gravi, ci sono poche prove che le persone sane di età inferiore ai 65 anni abbiano bisogno di una dose di richiamo, e certamente non gli adolescenti.

Anche i paesi sono divisi: in Svizzera, Germania e Danimarca, i nuovi booster bivalenti sono raccomandati principalmente per gli anziani e per i giovani vulnerabili. Negli Stati Uniti, al contrario, CDC ora raccomanda che tutti dai 5 anni in su, indipendentemente dalla storia della salute, vengano potenziati.

A complicare l’analisi rischio-beneficio ci sono le correnti in continua evoluzione della pandemia. Omicron, ora la variante dominante, “sembra molto più mite” rispetto ai suoi predecessori, afferma Newburger. 

Il CDC riferisce che ad agosto almeno l’86% dei bambini negli Stati Uniti è stato infettato da SARS-CoV-2, il che potrebbe ridurre il rischio di future infezioni. Allo stesso tempo, “Stiamo vedendo molte meno miocarditi da vaccino ora” rispetto all’anno scorso, afferma Newburger. Non sa perché, ma la tendenza potrebbe alleviare le preoccupazioni sull’effetto collaterale. “Tutto è in divenire”.

L’incertezza è frustrante, ma questa è la storia della pandemia, afferma Walid Gellad, un medico che studia la sicurezza dei farmaci all’Università di Pittsburgh: “Tutto ciò che dobbiamo sapere finiamo per impararlo dopo, non quando avevamo bisogno di conoscerlo”.

Fonte Science

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

29 anni: trovato morto in casa nel giorno del suo compleanno

Read Next

Malore improvviso per Pupi Avati. Ricoverato a Roma

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock