• Dicembre 5, 2022

Brescia-La procura archivia il caso di Gianluca Masserdotti, nessuna correlazione per il 54enne vaccinato con AstraZeneca e morto di trombosi. La figlia: “Mio padre era sano”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


 La Procura ha deciso di archiviare il caso – era stata aperta un’inchiesta per omicidio colposo – in quanto all’origine del decesso ci sarebbe una patologia pregressa legata alla coagulazione del sangue, che fino a quel momento non aveva mai dato sintomi e dunque non era mai stata intercettata a livello medico.

Lo scrive Il Giorno, che riporta la richiesta di archiviazione della Procura di Brescia per la morte di Gianluca Masserdotti, il 54enne di Flero morto a 12 giorni di distanza dalla somministrazione della prima dose del vaccino Astrazeneca

«Mio padre era sano. Perché sia finita così non riusciamo a spiegarcelo» dichiarava Giulia, la figlia, subito dopo la tragedia. I familiari hanno subito pensato all’eventuale correlazione tra quella dose di AstraZeneca e il malore mortale che si è portato via il carrozziere.

Attendevano con ansia le risposte che sarebbero arrivate dai risultati delle analisi specifiche, eseguite appena Gianluca è arrivato in ospedale.

Dopo la vaccinazione, Gianluca Masserdotti aveva avuto indolenzimento e un po’ di febbre per un paio di giorni. «Nei giorni successivi, però, si sentiva molto stanco», raccontava Cinzia Del Regno, sua compagna da qualche tempo. Nel fine settimana la situazione si era aggravata. «Aveva un fortissimo mal di testa, si sentiva le gambe pesanti, ma domenica mattina aveva trovato la forza di giocare con mia figlia, prima di colazione. Quando si è alzato dal divano è caduto a terra, rigido. L’ambulanza è arrivata alle 9. Alle 10 in ospedale gli stavano già facendo un’angiografia per rimuovere il trombo», racconta ancora Cinzia. La corsa alla Poliambulanza, l’apprensione. «Nella notte tra lunedì e martedì è stato operato di nuovo per alleggerire la pressione sul cervello causata da un altro trombo», spiega Sonia. Ma il mercoledì viene dichiarata la morte cerebrale e viene disposto il trasferimento al Civile per il prelievo degli organi.

C’è il dolore, ma anche qualche perplessità: «È sempre stato detto che era meglio evitare di somministrare AstraZeneca sotto i 60 anni. E poi – sottolineva Sonia – mio fratello e la ragazza di Genova diventano “quell’unico caso su 100 mila”. Perché? Forse era meglio consigliare di fare delle analisi prima del vaccino. Se mio fratello aveva effettivamente un problema latente, sarebbe stato diagnosticato e, forse, non saremmo arrivati a questo punto.

Ci vuole più tutela per chi si vaccina» chiedeva la sorella.

Adesso la procura ha archiviato il caso, Gianluca non c’è più e la sua morte, una morte che si poteva evitare con delle semplici anamnesi prevaccinali è stata catalogata con il vigliacco “nessuna correlazione”, è avvenuta invano.

FONTE

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Dati scioccanti per gli under 40 dall’inizio della campagna vaccinale. In Italia abbiamo 480 morti in più

Read Next

Mentre emergono nuovi terribili segnali di sicurezza dai dati Pfizer rilasciati, l’UE fa un altro accordo milionario con Pfizer-BioNtech per i nuovi vaccini “aggiornati”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock