• Giugno 9, 2023

Caso clinico di pemfigoide anti-P200 a seguito della vaccinazione COVID-19

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il pemfigoide anti-p200 è una rara malattia bollosa autoimmune della pelle caratterizzata dal legame di autoanticorpi ad una proteina da 200 kDa presente nella giunzione dermo-epidermica (Goletz et al, 2014), che corrisponde alla catena γ1 della laminina 311 e 511(Dainichi et al, 2009). Descritta per la prima volta nel 1996 (Zillikens et al, 1996), ad oggi sono stati riportati più di 50 casi. L’incidenza della malattia sembra essere maggiore nei maschi rispetto alle femmine e colpisce prevalentemente soggetti con una età media di 70 anni (Goletz et al, 2014). 


Un caso di pemfigoide anti-P200 dopo la vaccinazione contro il Covid

Caso clinico

“Un uomo di 74 anni si è presentato con improvvise vesciche alle estremità, mani, polsi, gomiti e piedi, che sono apparse 48 ore dopo la seconda dose del vaccino mRNA COVID-19 Moderna. Alcune vescicole localizzate solo sui suoi polsi sono apparse 10 giorni dopo la prima dose con risoluzione spontanea.
La sua storia medica includeva eczema e glaucoma. Non era stato avviato alcun trattamento aggiuntivo.
L’esame obiettivo ha rivelato numerose vesciche tese e flaccide sulla pelle infiammatoria, alle
estremità (Figura 1A-D) e l’erosione rotonda dello scroto. Le membrane mucose non sono state interessate.
È stata inoltre rilevata una sede di reazione locale situata nell’area di iniezione, con linfoadenopatia ascellare. Il paziente non aveva febbre.
La valutazione di laboratorio ha mostrato solo una sindrome infiammatoria biologica discreta con una PCR di 44 mg/l senza iperleucocitosi. Non c’era ipereosinofilia. Esame istopatologico
ha mostrato separazione subepidermica. L’infiltrato dermico era composto da numerosi eosinofili e pochi
linfociti. L’immunofluorescenza diretta ha rivelato una deposizione lineare di C3 e IgG lungo il dermo
giunzione epidermica (Figura 2). Immunofluorescenza indiretta dei sieri dei pazienti su NaCl-split umano
la pelle mostrava anticorpi IgG che erano legati solo ai lati dermici. Anticorpi contro BPAG-1,
BPAG-2 e collagene VII non sono stati rilevati da ELISA. Analisi immunoblot del derma umano
estratti hanno rivelato IgG4 che ha riconosciuto una banda di 200 kDa corrispondente agli anticorpi anti-p200 (Figura

3). È stata stabilita una diagnosi di pemfigoide anti-p200″[…].

“Suggeriamo che la vaccinazione possa essere il fattore scatenante delle malattie bollose subepidermiche autoimmuni, stimolando il sistema immunitario con un meccanismo inspiegabile”.


LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO: A Case Report of Anti-P200 Pemphigoid Following COVID-19 Vaccination – PMC (nih.gov)

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

GUARDA: Il momento in cui il cantante 26enne Connor Matthews ha un attacco di cuore è stato immortalato sul suo video TikTok

Read Next

L’ultima trovata discriminatoria del governo: i docenti non vaccinati rientrano a scuola ma non possono insegnare

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO