• Agosto 16, 2022

Il Sudafrica esulta! L’ondata di Omicron si placa rapidamente con ricoveri ospedalieri minimi e Delta ucciso: “Aspettatevi lo stesso in altri paesi”.

L’ottimismo sta crescendo rapidamente in Sudafrica poiché l’ondata di infezioni da Covid causate dalla variante Omicron sembra placarsi con la stessa rapidità con cui è arrivata.

Le infezioni sono in calo e diversi esperti di Covid hanno confermato che l’onda di Omicron si sta attenuando rapidamente.

Ridhwaan Suliman, ricercatore senior presso il Consiglio sudafricano per la ricerca scientifica e industriale (CSIR), ha affermato che il paese ha “superato il picco dell’onda Omicron ora, guidato dal significativo declino della provincia popolosa ed epicentro: Gauteng”, la provincia che ospita Johannesburg, la più grande città del paese.

Sebbene la positività al test rimanga “ancora alta al 29,8%”, il fatto che la cifra stia diminuendo conferma che “il calo delle infezioni è reale e non un artefatto di test”.

Altri ricercatori Covid stanno dicendo lo stesso. Michelle Groome, del National Institute of Communicable Diseases (NICD), ha detto ai giornalisti: “abbiamo superato il picco delle infezioni”.

I dati del NCID hanno mostrato che i nuovi casi sono diminuiti del 23% negli ultimi sette giorni, dopo una diminuzione del 14% una settimana prima.

Inoltre, la cifra dei decessi è “sostanzialmente inferiore” a quella sperimentata con la variante Delta, ha detto alla CNN il vaccinologo sudafricano Shabir Mahdi.

I ricoveri e le morti per questa ondata hanno dimostrato di essere “significativamente più bassi rispetto a quelli sperimentati nelle ondate precedenti”, ha concordato Suliman.

Suliman ha sottolineato che questa ondata è “più ripida ma significativamente più corta”, in quanto ci sono voluti “circa la metà del numero di giorni per raggiungere il picco rispetto alle precedenti ondate in Sudafrica”.

Sembra anche che la mutazione Delta molto più mortale sia stata in gran parte sostituita da Omicron, che – secondo diversi studi – sembra essere la variante più lieve finora.

“Altri paesi possono aspettarsi lo stesso declino”

L’esperto di Covid che ha guidato la risposta alla pandemia del paese, Salim Abdool Karimil più importante scienziato di malattie infettive del Sudafrica – ha dichiarato che il picco dell’ondata Omicron è passato ed è convinto che “ogni altro paese, o quasi ogni altro, seguirà la stessa traiettoria”.

“Se le varianti precedenti causavano onde a forma di Kilimangiaro, l’omicron è più simile alla parete nord dell’Everest”, ha detto Abdool Karim al Washington Post, riferendosi all’aumento quasi verticale delle infezioni che il Sudafrica ha registrato nelle prime settimane di dicembre.

Inoltre, la presidente ampiamente rispettata e ben nota dell’Associazione medica sudafricana, la dottoressa Angelique Coetzee, ha dichiarato al programma New Day della CNN South Africa, di essere “oltre la curva” e che i numeri sono “molto più bassi”.

Attualmente non ci sono restrizioni in Sudafrica. A parte il coprifuoco di mezzanotte-5 del mattino, ristoranti, negozi, cinema, bar e palestre sono tutti aperti, sia all’interno che all’esterno.

L’estate del Sudafrica è attualmente in pieno svolgimento, il che significa che molte persone si prendono del tempo libero, viaggiano o escono. Il governo ha dichiarato di non avere intenzione di imporre nuove restrizioni o regole aggiuntive.

Ciò è in netto contrasto con una serie di nazioni europee, in particolare i Paesi Bassi, che hanno introdotto nuovi blocchi o ulteriori restrizioni Covid mentre affrontano infezioni Covid in rapido aumento a causa della nuova variante Omicron.

Richieste di risarcimento

Nonostante i numeri ottimisti in Sudafrica, il paese chiede un risarcimento al Regno Unito per il danno economico che il suo paese ha subito a causa dell’inserimento nella “lista rossa dei viaggi” a novembre.

Il Dipartimento delle Relazioni Internazionali del Sudafrica chiede un risarcimento dopo che il movimento delle persone è stato severamente limitato, affermando che la più fiorente attività economica africana, ha subito un duro colpo a causa della decisione della Gran Bretagna.

“Dovrete risarcirci, perché aadesso è stato dimostrato che il freno dei viaggi verso il nostro paese era sbagliato.”

Portavoce del Ministero SA Clayson Monyele

“Non giustificato dal punto di vista medico”

In Sudafrica e in tutto il continente, la mossa della lista rossa del Regno Unito è stata ampiamente condannata come illogica e non scientifica.

Coetzee ha definito la risposta del Regno Unito “dal punto di vista medico non giustificata”, dicendo che la risposta di molti paesi europei, incluso il Regno Unito, è stata “solo clamore”.

“Guardando la mitezza dei sintomi che stiamo vedendo, attualmente non c’è motivo di farsi prendere dal panico in quanto non vediamo pazienti gravemente malati”.

Presidente della South African Medical Association, Dr. Angelique Coetzee

Anche L’OMS si è ferocemente scagliata contro il Regno Unito definendo la risposta della Gran Bretagna “estrema”.

La dott.ssa Catherine Smallwood, Senior Emergency Officer presso l’Ufficio regionale per l’Europa dell’OMS, ha affermato che “questi tipi di interventi non sono sostenibili. Questi tipi di misure estreme non sono nostre raccomandazioni”.

Il direttore regionale dell’OMS per l’Africa, il dottor Matshidiso Moeti, ha invitato i paesi a “seguire la scienza” e le normative sanitarie internazionali al fine di evitare l’imposizione di restrizioni di viaggio.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Nuova speculazione sulle FFP2 dopo il nuovo decreto. Il Governo non impone prezzi calmierati ed esplode il far west. Come controllare la certificazione delle FFP2

Read Next

Scivolando verso l’endemia. La fine del Covid-19