• Maggio 19, 2022

Mentre emergono nuovi terribili segnali di sicurezza dai dati Pfizer rilasciati, l’UE fa un altro accordo milionario con Pfizer-BioNtech per i nuovi vaccini “aggiornati”

“Abbiamo raggiunto un accordo di principio con Pfizer-BioNtech per ricalendarizzare le consegne di dosi dei vaccini verso il secondo semestre dell’anno, quando è molto probabile che ne avremo più bisogno, e che queste consegne siano di vaccini adattati alle varianti“. Lo ha detto la Commissaria alla salute Stella Kyriakides parlando alla commissione speciale sul Covid dell’Europarlamento

La possibilità per i Paesi membri di concedere aiuti di Stato straordinari per fare fronte all’emergenza Covid sostenendo tutti i settori economici e sociali colpiti dagli effetti della pandemia terminerà il 30 giugno prossimo. Lo ha reso noto oggi la Commissione europea. La misura adottata a marzo 2020 ha consentito ai governi nazionali di ottenere da Bruxelles, in deroga alle norme sulla concorrenza, il via libera alla concessione di aiuti per complessivi 3000 miliardi, di cui solo 730 sono stati effettivamente spesi finora”.


Sono già pronti sulla linea di partenza, i nuovi vaccini aggiornati hanno già la strada spianata con buona pace di chi si sta spendendo per allarmare sui nuovi segnali di sicurezza relativi ai dati di approvazione del preparato Pfizer rilasciati dall’FDA.

Abbiamo più volte discusso dei documenti Pfizer già rilasciati, ll primo lotto di documenti prodotti nel novembre 2021, che ammontava a sole 500 pagine, ha rivelato che ci sono stati più di 1.200 decessi correlati al vaccino nei primi 90 giorni successivi al rilascio del vaccino COVID Pfizer-BioNTech.

Il 1° marzo l’FDA ha rilasciato la prima tranche di  10.000 pagine di documentazione Pfizer.

La successiva tranche di quei documenti Pfizer è stata rilasciata il 1 ° aprile. Ci sono altre 11.043 pagine che erano state citate in giudizio dalla FDA degli Stati Uniti. Il nuovo lotto di documenti include anche una versione non oscurata di un rapporto post-commercializzazione.

Questo mese un altro lotto di documenti sui vaccini Pfizer della FDA è stato prodotto (90.702 pagine), disponibile presso Public Health and Medical Professionals for Transparency. La versione di questo mese include 80.000 pagine.

Quest’ultima tranche di dati è subito apparsa come un vero e proprio incubo:

– Nel report sui documenti Pfizer, si scopre un trasferimento al Tesoro USA di 2.875 milioni di dollari da pfizer, datato maggio 2021

– Il vaccino COVID di Pfizer NON era efficace al 95% come sostenevano. I dati mostrano che ha un tasso di efficacia del 12% per i primi 7 giorni…poi scende a meno dell’1% (0,84%)

– Non sono stati condotti studi clinici per determinare se i vaccini sperimentali contro il COVID19 fossero sicuri per le donne in gravidanza. Sono stati esclusi da tutte le prove. Invece, l’hanno testato su 44 ratti prima di affermare che fosse “sicuro”.

– Ci sono un totale di 9 siti rivelati ad oggi su 158. Viene contato meno del 6,6% dei pazienti sottoposti a sperimentazione. Dove sono finiti i dati per le centinaia di altri soggetti del test? Dove sono i 25.706 pazienti scomparsi dai dati Pfizer?

– Le nanoparticelle lipidiche si distribuiscono in tutto il corpo – nel fegato, nelle ovaie e in altri organi vitali 48 ore dopo l’iniezione

LEGGI DI PIU’

Ma non è tutto. Data la mole di documentazione rilasciata, l’analisi dei dati viene progressivamente aggiornata con nuovi inquietanti segnali di sicurezza e qui ne abbiamo alcuni da far rizzare i capelli.

Come riportato da Great Game India, nelle informazioni ottenute attraverso una causa del Freedom of Information Act intentata da Judicial Watch, lo studio di Pfizer ha rivelato che le nanoparticelle lipidiche, un componente chiave dei vaccini COVID, non solo si disperdono nel corpo dopo solo 8-48 ore dall’iniezione, ma addirittura SI ATTACCANO ai nostri organi, in particolare al fegato, alle ghiandole surrenali, alla milza e alle ovaie.

Le LNP (Nanoparticelle lipidiche) sono utilizzate come meccanismo di consegna nel vaccino COVID basato su mRNA di Pfizer / BioNTech. La tecnologia LNP di Acuitas Therapeutics è utilizzata in COMIRNATY, il vaccino Pfizer / BioNTech COVID-19, secondo un comunicato stampa rilasciato da Pfizer il 10 gennaio 2022.

Abbiamo già parlato a proposito dei pericoli legati alle nanoparticelle lipidiche, LEGGI QUI

Il metodo di tracciamento in cui i composti di interesse si distribuiscono in un animale sperimentale o soggetto umano è chiamato biodistribuzione.

E UDITE,UDITE :  I registri Pfizer includono anche un rapporto intitolato “Safety Pharmacology“approvato nel febbraio del 2021 riguardante le sperimentazioni sugli animali in cui è stata valutata la distribuzione di questi LNP nei ratti. Nella sezione “Interazioni farmacodinamiche con i farmaci”, si afferma quanto segue:

“Non sono stati condotti studi di farmacologia di sicurezza con BNT162b2 [il vaccino BioNTech] in quanto non sono considerati necessari per lo sviluppo di vaccini secondo le linee guida dell’OMS (OMS, 2005)”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che gli LNP non comportano rischi e quindi non hanno bisogno di essere studiati.

“Non sono previsti studi di genotossicità per BNT162b2 [il vaccino Pfizer / BioNTech COVID] poiché i componenti dei costrutti del vaccino sono lipidi e RNA e non si prevede che abbiano potenziale genotossico (OMS, 2005)”, secondo lo stesso studio Pfizer / BioNTech. Allo stesso modo, “Gli studi di cancerogenicità con BNT162b2 non sono stati condotti in quanto i componenti del costrutto del vaccino sono lipidi e RNA e non si prevede che abbiano un potenziale cancerogeno o tumorigenico”.

Ma l’elemento più importante è che non stanno studiando la cancerogenicità o la genotossicità perché l’OMS dice che non c’è necessità di farlo quando si ha a che fare con un VACCINO.

Il problema è che questo non è un vaccino. È una nuova terapia genica. Lo sapevano. Ignorando questi requisiti e grazie alle modifiche che hanno apportato alla definizione di “vaccino” (VEDI QUI), hanno potuto evitare i tipi di studi che avrebbero normalmente dovuto completare.

Nessuno studio di genotossicità o cancerogenicità con BNT162b2 è stato, o sarà condotto perché secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i componenti dei costrutti del vaccino, inclusi lipidi e RNA, non dovrebbero avere genotossicità, cancerogenicità, o potenziale tumorigenico.

Alla fine, Pfizer ha dichiarato che BNT162b2 è immunogeno nei topi, ratti e primati non umani e che “gli studi di tossicità supportano la licenza di questo vaccino”.

Lo stesso vale per le “immunizzazioni booster” o iniezioni di richiamo, secondo Pfizer. Sebbene il contenuto della dose si diffonda e si accumuli in tutto il corpo, l’azienda afferma che essere potenziati sia sicuro ed efficace.

 “I risultati microscopici correlati al vaccino alla fine della somministrazione di BNT162b2 erano evidenti nei siti di iniezione e nei tessuti circostanti, nei linfonodi iliaci drenanti, nel midollo osseo, nella milza e nel fegato”, hanno rivelato i ricercatori Pfizer.

“Il programma non clinico dimostra che BNT162b2 è immunogenico in topi, ratti e primati non umani, e gli studi di tossicità supportano la licenza di questo vaccino”, afferma la conclusione dello studio. Le “immunizzazioni Boost” sono state testate anche sugli animali nello studio, secondo il rapporto. “I risultati microscopici correlati al vaccino alla fine del dosaggio per BNT162b2 erano evidenti nei siti di iniezione e nei tessuti circostanti, nei linfonodi iliaci drenanti, nel midollo osseo, nella milza e nel fegato”, hanno aggiunto i ricercatori.

Pfizer ha studiato un vaccino con un filamento di RNA “che si auto-amplifica entrando nella cellula” in uno studio “confidenziale” approvato nell’aprile 2020 che ha esaminato quattro varianti del vaccino COVID. “Codifica il virus dell’encefalite equina venezuelana (VEE) RNA polimerasi RNA-dipendente (RDRP o replicasi)”.

“Sebbene i test di funzionalità epatica saranno attentamente monitorati durante lo sviluppo clinico di questi vaccini, la precedente esperienza clinica di BioNTech indica che la distribuzione al fegato non rappresenta un problema di sicurezza”, scrivono gli autori nello stesso documento Pfizer.

SICURI ED EFFICACI.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Brescia-La procura archivia il caso di Gianluca Masserdotti, nessuna correlazione per il 54enne vaccinato con AstraZeneca e morto di trombosi. La figlia: “Mio padre era sano”

Read Next

Morti improvvise in B&B, sul campo da tennis e in spiaggia… Altre 4 giovani vittime di “nessuna correlazione”