• Dicembre 4, 2022

Chi ha cambiato le conclusioni scientifiche di un documento che avrebbe potuto salvare milioni di vite? Finalmente abbiamo un nome (e un volto)

di FLCCC Alliance

Oltre un anno fa, ci sono stati ampi studi controllati randomizzati peer-reviewed che hanno fornito forti prove sull’efficacia dell’ivermectina come trattamento per COVID in ogni fase della malattia.

Un documento che considera questi numerosi studi è stato redatto dall’autore principale Dr. Andrew Hill presso l’Università di Liverpool per il COVID Guideline Development Group dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Hill fu uno dei primi e vigorosi sostenitori dell’ivermectina. Il suo articolo ha dimostrato che l’ivermectina avrebbe potuto ridurre le morti del 75% se utilizzata in tutto il mondo.

Inspiegabilmente, pochi giorni prima della sua pubblicazione, il giornale è apparso su un server di prestampa, con le conclusioni cambiate. Invece di concludere che l’uso di ivermectina, uno dei farmaci più sicuri e poco costosi al mondo, avrebbe dovuto essere implementato a livello globale, concludeva che fossero necessari ulteriori studi prima che potesse essere raccomandata in tutto il mondo. Data la totalità delle prove scientifiche a supporto dell’ivermectina, questa è stata un’inversione sbalorditiva, in realtà scioccante, da parte del Dr. Hill.

In una chiamata urgente su Zoom al Dr. Hill avviata dalla Dr. Tess Lawrie, Direttrice della Evidence-based Medicine Consultancy, il dottor Hill ha ammesso che uno degli sponsor del suo studio, Unitaid, ha avuto voce in capitolo nelle conclusioni del suo articolo. Ma non avrebbe divulgato i nomi di coloro che hanno alterato le conclusioni del documento.

Ma ora, “The Digger” su Substack (alias produttore / regista Phil Harper) ha rivelato il nome della persona che avrebbe modificato le conclusioni del documento, il che ha portato alla non raccomandazione dell’OMS sull’uso dell’ivermectina. Questa decisione probabilmente ha causato la morte inutile di milioni di persone in tutto il mondo.

Harper ha studiato il PDF del documento, volendo conoscere l’identità del suo autore “fantasma”. “La speranza era che qualche artefatto sul PDF rivelasse qualcosa, forse un font era diverso, forse c’era un commento nascosto, forse alcune modifiche tracciate erano state salvate nel documento”, ha detto Harper. “Nessuna di queste linee di indagine ha avuto esito”.

Poi è arrivato a lui. Era nei metadati del PDF? “A volte è la più ovvia delle cose”, scrive Harper. “La versione ‘v1_stamped’ del documento aveva effettivamente dei metadati. Aveva anche informazioni sull’autore all’interno dei metadati. Aspettandomi di vedere Andrew Hill elencato come autore, invece, ho visto un nome che ho riconosciuto. Andrew Owen.

“A meno che qualcuno non abbia usato il suo computer, Andrew Owen ha la sua impronta digitale sulla carta di Andrew Hill”.

Il professor Andrew Owen è la persona che presumibilmente ha curato il documento critico di Andrew Hill su Ivermectin. Ha anche ricevuto spese di consulenza da aziende farmaceutiche con prodotti concorrenti.

A quanto pare, Andrew Owen è professore di farmacologia e terapia e co-direttore del Centre of Excellence in Long-acting Therapeutics (CELT) presso l’Università di Liverpool. È anche consulente scientifico del COVID-19 Guideline Development Group dell’OMS. Pochi giorni prima che l’articolo del Dr. Hill fosse pubblicato, una sovvenzione di 40 milioni di dollari da Unitaid, lo sponsor del documento, è stata offerta a CELT, di cui Owen è il capo del progetto.  Il contratto da 40 milioni di dollari era in realtà un accordo commerciale tra Unitaid, l’Università di Liverpool Tandem Nano Ltd (una start-up che commercializza meccanismi di consegna di “Solid Lipid Nanoparticle”), di cui Andrew Owen è uno dei principali azionisti”, afferma Harper.

Inoltre, Harper scrive che “Andrew Owen è avvezzo all’arte di ricevere denaro dalle aziende farmaceutiche. Ha ricevuto finanziamenti per la ricerca da ViiV Healthcare, Merck, Janssen, Boehringer Ingelheim, GlaxoSmithKline, Abbott Laboratories, Pfizer, AstraZeneca, Tibotec, Roche Pharmaceuticals e Bristol-Myers Squibb.

Leggi l’intero saggio QUI. 

In esso, Harper rivela molto, molto di più. Questo è solo l’ultimo di una serie di post su “The Digger” che espongono le macchinazioni e la backdoor wheeling e dealing per impedire all’ivermectina di salvare vite umane, in modo che altri farmaci di design più redditizi (e scientificamente provati più pericolosi) potessero prendere il centro della scena e battere cassa.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

FINE VITA passa alla Camera con 253 sì: ora tocca al Senato. I punti della legge

Read Next

Continuano ad accanirsi contro i bambini, Pfizer lancia la sperimentazione clinica per testare la sicurezza e l’efficacia della pillola Covid-19 SUI BAMBINI dai 6 anni