• Maggio 17, 2022

IMPORTANTI NOVITA’ PER LE ESENZIONI. IL TESTO DEL NUOVO DPCM – Cosa fare nei prossimi 20 giorni

Il DPCM del 4 febbraio 2022, pubblicato in Gazzetta Ufficiale ieri lunedì 7 febbraio, cambia radicalmente il sistema di rilascio e validità delle certificazione di esenzione per la vaccinazione covid.

Le esenzioni da ieri sono emesse solo in formato digitale e le esenzioni in formato cartaceo dovranno essere convertite a pena di decadenza.

Il DPCM elenca tutte le caratteristiche che deve contenere il certificato digitale, che dovrà dialogare con la Piattaforma Nazionale DGC, la stessa del Green Pass, rendendo le procedure per scaricare i due certificati abbastanza simili.

Tutto questo sarà possibile grazie all’introduzione di un nuovo codice univoco, il codice CUEV (codice univoco esenzione vaccinazione), che si unirà ai codici AUTHCODE (vaccinazione), NUCG (guarigione), CUN e RNFE (tampone molecolare e antigenico), che servirà per poter scaricare la certificazione in modalità digitale o cartacea attraverso gli stessi canali utilizzati per il Green Pass.

All’interno del certificato digitale sarà presente un QR Code simile a quello per il Green Pass, e potrà essere verificato sempre attraverso l’App VerificaC19.

I Medici di Medicina Generale e i pediatri di libera scelta, i medici del Sistema Sanitario Nazionale, regionale, USMAF e SASN, potranno inserire le informazioni riguardo l’esenzione dalla vaccinazione dei propri assistiti nel Sistema Tessera Sanitaria, che attribuisce al momento della trasmissione dei dati il codice univoco CUEV.

I certificati emessi dall’entrata in vigore del Dpcm, ovvero il 7 febbraio 2022, saranno rilasciati esclusivamente in modalità digitale. I soggetti che sono già in possesso di una certificazione cartacea hanno 20 giorni di tempo dall’entrata in vigore del Dpcm per chiedere al proprio medico la conversione digitale del certificato. Trascorsi questi 20 giorni, la certificazione cartacea non sarà più valida e occorrerà richiederne un’altra.

Le motivazioni che giustificano il rilascio della certificazione di esenzione dalla vaccinazione anti-COVID-19 non sono riportate nella certificazione digitale, ma sono indicate solo in fase di trasmissione dei dati dal medico al sistema TS.

I dati trasmessi al Sistema Ts saranno poi raccolti dalla Piattaforma Nazionale – DGC che genererà la certificazione digitale.

All’interno del certificato digitale di esenzione dal vaccino saranno contenuti i seguenti dati:

  • Cognome e nome;
  • Data di nascita;
  • Codice identificativo del Certificato;
  • Codice fiscale del medico certificatore;
  • Data di inizio e fine validità;
  • Codice QR per la verifica della validità.

Analogamente a quanto avviene per la vaccinazione o per il tampone, al momento del rilascio del certificato di esenzione digitale verrà comunicato all’assistito il codice univoco via email o SMS che permetterà di scaricare il certificato. I canali sono gli stessi del Green Pass, ovvero:

  • Portale della Piattaforma nazionale-DGC, cui si accede sia attraverso identità digitale sia con autenticazione a più fattori;
  • Fascicolo Sanitario Elettronico;
  • App Immuni;
  • App IO (automaticamente, come avviene per il Green Pass);
  • Sistema TS, per il tramite di Medici di base, pediatri, medici vaccinatori, farmacisti.

Il certificato potrà essere scaricato sia in modalità digitale che in versione stampabile, in maniera simile a quanto avviene per il Green Pass. La versione stampabile conterrà i dati prima richiamati, compreso il QR Code per la verifica.

IL NUOVO DPCM 4 FEBBRAIO 2022 PUBBLICATO IN G.U. SEREIE GENERALE N.31 DEL 7.2.2022

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Muore in ambulanza stroncata da un infarto in attesa dell’esito del tampone. Il 26 gennaio aveva ricevuto la prima dose

Read Next

I profitti di Pfizer nel 2021 sono raddoppiati a $ 22 miliardi sulle vendite di vaccini COVID, oltre $ 50 miliardi attesi per il 2022