• Agosto 16, 2022

Cinesi lasciati “morire di fame” mentre il lockdown COVID più severo del mondo vieta loro di uscire di casa

I residenti sotto le rigide regole di lowdown in una delle più grandi città della Cina, raccontano che stanno letteralmente morendo di fame dopo che è stato loro vietato di uscire per comprare il cibo.

I funzionari che gestiscono la città di Xi’an lunedì hanno comunicato ai 13 milioni di abitanti che saranno autorizzati a uscire dalle loro case solo quando avranno preso parte a un nuovo ciclo di test Covid di massa.

Prima che venissero introdotte le severe misure, a un membro di ogni famiglia era permesso di uscire una volta ogni due giorni per comprare cibo.

I capi di Xi’an hanno riferito che le persone nelle aree “a basso rischio” saranno autorizzate ad acquistare beni essenziali una volta completati i test e se i loro risultati saranno negativi.

Xi’an ha registrato 175 nuovi casi martedì mentre la Cina continua la sua politica“zero COVID”.

Anche le città vicine a Xi’an hanno registrato casi legati all’ondata, con Yan’an – a circa 185 miglia da Xi’an – che ha imposto alle aziende di chiudere martedì e ha ordinato a centinaia di migliaia di persone in un distretto di rimanere in casa.

“Affamati”

I residenti di Xi’an si sono rivolti ai social media per chiedere aiuto, dicendo che stavano “morendo di fame” e chiedendo ai vicini di fornire loro del cibo.

“Sto per morire di fame”, ha scritto una persona su Weibo, l’equivalente cinese di Facebook. “Non c’è cibo, il mio complesso residenziale non mi lascerà uscire, e sto per finire i noodles istantanei … per favore aiuto!”

“Non voglio più sentire parlare di come tutto andrà bene”, ha scritto un altro.

Si dice che l’attuale aumento dei casi di COVID a Xi’an sia guidato dalla variante Delta e si pensa che sia collegato ai viaggi in Pakistan una settimana fa.

Le misure di blocco sono state introdotte a Xi’an giovedì scorso quando i test di massa hanno rivelato che un caso era sfuggito alla quarantena, diffondendo il virus.

Xi’an ha riportato un totale di 810 casi di COVID finora questo mese, il più grande focolaio della Cina da quando il virus è emerso a Wuhan.

È il più grande blocco della popolazione cinese da quando Wuhan è stata bloccata all’inizio del 2020, con un impatto su 11 milioni di persone.

Alcuni operatori ambietali sono stati inviati domenica per disinfettare gli spazi pubblici, la gente del posto è stata avvisata di non toccare nulla fino a quando le sostanze chimiche non avessero avuto il tempo di disperdersi.

Test di massa

Le restrizioni sono state ulteriormente rafforzate lunedì sera quando è iniziato un quinto round di test di massa.

I test hanno finora mostrato casi sparsi in tutta la città e in tutte le fasce d’età, scatenando il timore che i casi reali possano essere molto più alti di quelli rilevati.

Ai veicoli è stata impedita la circolazione lunedì.

Chiunque venga sorpreso a infrangere le regole deve affrontare 10 giorni di detenzione della polizia e una multa di 500 yuan ($ 78).

Anche chi non obbedisce alle regole durante i test di massa rischia una multa e l’arresto.

Il virologo dell’Università di Hong Kong Dongyan Jin ha affermato che la disinfezione di massa dei luoghi pubblici appare inutile, dato il basso rischio di infezione da superfici esterne o dall’aria, con così poche persone all’esterno.

Ha affermato: “E’ come sparare alle zanzare con il cannone”, anche se Jin ha aggiunto che crede che la disinfezione delle superfici interne, specialmente nei luoghi visitati da persone infette, sia necessaria.

Insieme alla provincia dello Shaanxi, dove si trova Xi’an, sono state rilevate infezioni anche nella regione del Guangxi e nelle province di Zhejiang, Guangdong e Sichuan.

La Cina ha registrato casi della variante Omicron, che si pensa sia molto più infettiva di Delta e sono stati tutti collegati ai viaggi, ma non ha ancora subìto un focolaio domestico dell’ultima variante.

Si pensa che la Cina continuerà la sua politica “zero COVID” almeno fino alla fine delle Olimpiadi invernali, che si terranno a Pechino a febbraio.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Anche negli USA utilizzano la stessa tattica in ospedale. Chi lamenta miocarditi da vaccini viene accusato di essere ansioso e paziente psichiatrico

Read Next

Italia come la Francia, Super Green pass per i professionisti: anche il calcio verso l’obbligo di vaccinazione