• Giugno 25, 2022

Come i vaccini Covid Pfizer non sono riusciti a soddisfare gli standard di sicurezza dell’India

L’anno scorso, Pfizer ha ritirato la sua domanda di autorizzazione all’uso di emergenza del suo vaccino COVID-19 in India. La società non è riuscita a soddisfare la richiesta dell’India di uno studio locale sulla sicurezza e l’immunogenicità. Inoltre, la Central Drugs Standard Control Organisation indiana ha espresso preoccupazione per gli effetti collaterali derivanti dal vaccino all’estero.

I rapporti sulle lesioni da vaccino sono stati un tema comune durante questa pandemia. Al 15 ottobre 2021, gli eventi avversi segnalati in tutto il mondo hanno superato i 2.344.240 per i vaccini COVID nel sistema di segnalazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) VigiAccess. Questi includono gravi reazioni avverse come decessi, disabilità permanenti, ricoveri e visite al pronto soccorso a reazioni molto lievi. Circa il 50% delle lesioni da vaccino segnalate a VAERS negli ultimi 30 anni sono tutte da vaccini COVID. I documenti rilasciati a novembre mostrano Pfizer era a conoscenza di oltre 50 mila reazioni gravi al vaccino COVID entro pochi mesi dalla distribuzione.

La decisione dell’India ha significato che il vaccino Pfizer non è stato disponibile per la vendita in uno dei paesi più popolosi del mondo. L’India sta conducendo la sua campagna di immunizzazione utilizzando altri prodotti. Gli studi utilizzati per approvare il vaccino Pfizer in altri paesi, come gli Stati Uniti e la Germania, ad esempio, non erano sufficienti per l’agenzia indiana di regolamentazione dei farmaci.

Pfizer ha dichiarato a Reuters circa un anno fa.

Sulla base delle deliberazioni della riunione e della nostra comprensione di ulteriori informazioni di cui il regolatore potrebbe aver bisogno, la società ha deciso di ritirare la sua domanda in questo momento.

Il governo indiano ha rifiutato di soddisfare le richieste di Pfizer e Moderna per la protezione legale su eventuali effetti collaterali derivanti dall’uso dei loro vaccini. Pfizer e Moderna cercavano di ottenere l’esonero dalla responsabilità legale anche in India, non è una sorpresa. Ciò che sorprende è che il governo indiano abbia rifiutato questa richiesta, quando i produttori di vaccini sono già esenti da responsabilità in più paesi come gli Stati Uniti e il Canada e l’Europa.

Esonerare i produttori di vaccini dalla responsabilità è stato un tema comune durante questa pandemia. Consente ai produttori di ottenere i loro prodotti sul mercato più velocemente, ma è incredibile che nel contempo non vi sia alcun incentivo legale per queste aziende per creare vaccini sicuri e controllare davvero i loro prodotti.

Nel 1986 il National Childhood Vaccine Injury Act è stato creato negli Stati Uniti.

Il VICP è stato istituito dopo che le cause legali intentate contro i produttori di vaccini e gli operatori sanitari, hanno rischiato di causare carenze di vaccini e ridurre i tassi di vaccinazione.

Amministrazione di risorse e servizi sanitari

Questo atto, come quello recentemente istituito in Canada, protegge anche i produttori dalla responsabilità per quanto riguarda le reazioni avverse e le reazioni avverse gravi come la morte. Utilizza inoltre il denaro dei contribuenti per risarcire le vittime.

Il VICP ha pagato più di 4 miliardi di dollari a causa di danni da vaccino. Dal 2015, il programma ha pagato un totale medio di $ 216 milioni diviso per circa 615 richiedenti ogni anno.

Le persone danneggiate dai vaccini COVID, tuttavia, non sono idonee al risarcimento attraverso il VICP perché i vaccini sono stati lanciati sotto autorizzazione all’uso di emergenza. Finché i vaccini sono approvati per l’uso di emergenza negli Stati Uniti, coloro che ne sono danneggiati non hanno diritto ad essere risarciti.

Nessuno può essere ritenuto responsabile, né le aziende farmaceutiche né il governo.

Ciò non significa che i vaccini utilizzati in India siano più sicuri ed efficaci. Le potenziali conseguenze e la mancanza di efficacia sono, almeno, chiaramente delineate dal governo indiano. Si chiama Bharat Biotech COVID-19 Vaccine e potete saperne di più qui se siete interessati. Recentemente hanno inoltre approvato un vaccino monodose.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

IL VENTO STA CAMBIANDO! Nuove pronunce a favore dei non vaccinati. Quarto decreto del Tar Lazio martedì 15 febbraio che ripristina la retribuzione di un agente sospeso

Read Next

Assemblea infuocata stamattina dei parlamentari 5 stelle. Sileri alla sbarra. “Non ci rappresenta, stop al green pass”