• Marzo 4, 2024

Come il governo ucraino sta convertendo il suo sistema di identificazione digitale e “credito sociale” in un distopico strumento di GUERRA

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


di Children’s Health Defense

L’app digitale Diia dell’Ucraina era già uno dei sistemi di identificazione digitale gestiti dal governo più espansivi al mondo, ma dall’invasione russa dell’Ucraina del 24 febbraio, l’app è stata ampliata per l’uso come strumento digitale in tempo di guerra.

Il governo ucraino nel 2020 ha lanciato Diia, un’app digitale che combina carta d’identità, passaporto, licenza, libretto di vaccinazione, registrazioni, assicurazione, rimborsi sanitari e prestazioni sociali.

Questo accadeva prima dell’invasione russa dell’Ucraina del 24 febbraio. Ora, sembra che il governo ucraino stia espandendo Diia, illustrando come le app digitali possano essere utilizzate durante la guerra.

Cos’è l’app Diia?

In ucraino, la parola “Diia” significa “azione”, ma è anche un acronimo in quella lingua, che sta per “Lo Stato e me”.

Il vice primo ministro ucraino e ministro della trasformazione digitale, Mykhailo Fedorovha annunciato per la prima volta l’app il 27 settembre 2019, sotto l’egida del progetto “State in a Smartphone“.

Lanciato ufficialmente il 6 febbraio 2020, Diia ha lo scopo di combinare tutti i servizi pubblici in un’unica app, che opera come uno “stato digitale”.

I passaporti digitali e altri documenti ufficiali sono ora considerati legalmente equivalenti alle loro versioni cartacee, rendendo l’Ucraina il primo paese a farlo.

Diia fornisce più di 50 servizi governativi, con l’obiettivo finale di rendere disponibili tutte le interazioni con lo stato attraverso l’app.

Attualmente utilizzato da 14 milioni di ucraini, secondo Wired, Diia è considerato un “marchio nazionale” in Ucraina.

Alcuni dei documenti disponibili tramite l’app includono la carta d’identità nazionale dei cittadini, un passaporto biometrico, patenti di guida (con l’Ucraina che è il quarto paese europeo a introdurle in forma digitale), certificati di immatricolazione dei veicoli e polizze assicurative, documenti fiscali, certificati di nascita e certificati vaccinali COVID.

L’app Diia è anche accreditata per aver reso l’Ucraina “un leader mondiale nel numero di servizi online disponibili per i genitori di neonati” – con nove servizi online relativi alla nascita di un bambino disponibili entro 20 minuti dalla nascita del bambino.

Come riportato da The Defender nel dicembre 2021, gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite – in particolare, l’obiettivo 16.9 – richiedono la fornitura di un’identità legale digitale per tutti, compresi i neonati, entro il 2030.

Altri servizi disponibili tramite l’app Diia includono firme digitaliregistrazione delle imprese, il programma di residenza virtuale “Diia City” per le imprese che si trovano virtualmente in Ucraina e servizi speciali per gli sfollati interni.

Il marchio e il progetto Diia sono in gran parte accreditati a Fedorov, che rimane il ministro digitale dell’Ucraina mentre il conflitto con la Russia continua.

Fedorov aveva precedentemente fondato una startup di marketing digitale, che lo ha portato ad essere assunto da Volodymyr Zelensky nel 2018 come direttore del digitale per la campagna presidenziale di Zelensky.

Nell’agosto 2019, poco dopo l’elezione di Zelensky, il suo governo ha istituito il Ministero per la trasformazione digitale, con Fedorov nominato ministro.

Il World Economic Forum (WEF) ha elogiato Fedorov per il suo lavoro, inclusa l’app Diia.

Mentre i “portafogli digitali” che combinano documenti governativi essenziali come patenti di guida e “passaporti vaccinali” sono diventati più diffusi nell’ultimo anno in diversi paesi, compresi gli Stati Uniti. — l’app Diia rappresenta uno dei progetti di questo tipo più ampi e sofisticati al mondo.

E nell’ultimo anno, Diia ha visto un ulteriore dispiegamento: nella “battaglia” contro COVID e nelle operazioni militari del paese contro la Russia.

Tra le polemiche, l’app Diia ha funzionato come un “passaporto vaccinale”

Il Ministero della Trasformazione Digitale dell’Ucraina ha lanciato i certificati digitali del vaccino COVID nel luglio 2021, disponibili “al 100% nell’applicazione Diia”.

Il governo ha sviluppato tre tipi di certificati: due per scopi nazionali (per vaccini a una e due dosi) e un certificato internazionale per scopi di viaggio – ora ufficialmente riconosciuto dall’Unione Europea e da almeno 43 paesi.

La questione dei passaporti dei vaccini in Ucraina ha generato polemiche fin dall’inizio.

Come affermato da Oleksiy Vyskub, primo vice ministro della trasformazione digitale, nel maggio 2021:

“Ora stiamo considerando l’introduzione in Ucraina di due tipi di certificati COVID-19: interni ed esterni. Esterno, per la possibilità di viaggiare; interno, se tali casi sono scelti politicamente, per la ripresa di concerti e altri eventi pubblici. Ora è politicamente dibattuto”.

Tuttavia, il 13 settembre 2021, il governo ucraino ha annunciato i passaporti vaccinali. Utilizzando i certificati disponibili nell’app Diia, il governo ha limitato l’accesso dei non vaccinati a una varietà di aziende e luoghi di lavoro.

Queste restrizioni hanno portato a mobilitazioni pubbliche contro i “passaporti dei vaccini”, tra cui una protesta a Kiev nel novembre 2021.

Tuttavia, all’epoca, nonostante due mesi di applicazione del passaporto vaccinale, solo circa il 17% della popolazione ucraina era “completamente vaccinata” – uno dei livelli più bassi in Europa.

In un momento di conflitto, tuttavia, questi certificati di vaccinazione COVID digitali sono stati sicuramente utili per i rifugiati in fuga – come evidenziato, ad esempio, da un documento proveniente dal consolato greco a Odessa, che ha richiesto che i membri della diaspora greca ucraina che cercano di fuggire in Grecia abbiano le loro credenziali di vaccino pronte.

Oltre ai “passaporti dei vaccini”, tuttavia, l’app Diia è stata utilizzata anche per incentivare la vaccinazione COVID tramite mezzi finanziari.

A partire dal 19 dicembre 2021, il governo ucraino ha lanciato il programma ePidtrymka, premiando in denaro i cittadini di età pari o superiore a 14 anni in grado di dimostrare la prova di “vaccinazione completa” contro COVID, 1.000 grivna (circa $ 35).

Descritto da alcuni commentatori come una forma di un sistema di “credito sociale“, il programma doveva durare fino al 18 dicembre 2022. Le somme erogate, però, non possono essere spese liberamente, ma solo per determinate categorie di acquisti, come medicinali e libri.

Il programma ePidtrymka ha continuato ad espandersi. Il 14 febbraio, gli ucraini di età superiore ai 60 anni hanno potuto spendere fondi da questo programma per alloggi e servizi comunali. E a partire dal 14 marzo, le persone con disabilità hanno potuto spendere i fondi del programma per i bisogni sociali e le bollette.

Sempre a partire dal 14 marzo, gli ucraini che sono tornati per un richiamo COVID hanno ricevuto altri 500 grivna ($ 17 USD). I pagamenti vengono effettuati tramite l’app Diia.

Questo sistema assomiglia ad altri incentivi vaccinali visti altrove. In Grecia, il “Freedom Pass” ha permesso ai giovani, di età pari o inferiore a 25 anni, di ricevere un incentivo in denaro per farsi vaccinare e di spendere quei soldi per categorie selezionate, come biglietti di viaggio e concerti.

Molti stati e città degli Stati Uniti hanno fornito incentivi, come patatine fritte e ciambelle gratuite, borse di studio universitarie e denaro, per aumentare i tassi di vaccinazione.

Molti datori di lavoro privati negli Stati Uniti e altrove hanno fornito incentivi in denaro al loro personale in una spinta per farli vaccinare.

Inoltre, la categorizzazione delle proprie spese personali, ora comunemente praticata da molti istituti bancari, è stata vista da alcuni commentatori come un preludio più ampio per il controllo sulla spesa delle persone – ad esempio attraverso “quote di carbonio personali”, come riportato da The Defender nell’ottobre 2021.

Il concetto di moneta digitale “programmabile” – cioè denaro che può essere utilizzato solo per determinati scopi – è anche un principio chiave delle valute digitali proposte dalla banca centrale, come rivelato dalla Banca d’Inghilterra.

Tuttavia, il basso livello di assorbimento dei vaccini in Ucraina – nonostante gli incentivi sia positivi che negativi – suggerisce che, almeno prima della guerra, la fiducia nelle autorità governative era significativamente diminuita.

In effetti, gli incentivi in denaro sono stati caratterizzati come sostenuti dagli “oligarchi bancari” del paese, come parte di una “spinta stile helicopter money”, spiegando perché il programma è stato esteso anche quando il conflitto si è preparato con la Russia.

Guardando ai sussidi COVID – così come alla guerra e al conflitto – Fabio Vighi, professore di teoria critica all’Università di Cardiff, Cardiff, Galles, ha scritto “l’obiettivo generale” è “offuscare il vero problema in gioco, che consiste nel immettere montagne di denaro a buon mercato nell’economia dipendente dal debito”.

Nel dicembre 2021, all’Ucraina è stato approvato un prestito di 150 milioni di dollari della Banca Mondiale per “accelerare le vaccinazioni contro COVID-19”.

Di questi fondi, 30 milioni di dollari sarebbero “utilizzati per l’IT, le comunicazioni e la sensibilizzazione del pubblico, lo sviluppo delle capacità e la catena del freddo e le attrezzature per la gestione dei rifiuti”, secondo la Banca Mondiale.

Ciò probabilmente include continui sforzi per sviluppare e distribuire l’app Diia e si aggiunge a ulteriori $ 155 milioni ricevuti dall’Ucraina all’inizio del 2021.

Le app digitali lanciano un campo di battaglia digitale durante la guerra

Sembra che ora, dall’inizio dell’ultimo conflitto militare con la Russia, l’app dei servizi governativi digitali dell’Ucraina sia stata convertita in modo flessibile in uno strumento di guerra.

Un metodo ormai collaudato è la distribuzione di sussidi in denaro, poiché l’assistenza di 6.500 grivna (circa $ 221) è stata resa disponibile tramite Diia dal governo ucraino, esentasse, ai cittadini nelle aree “più colpite dalle ostilità”.

Anche le restrizioni di pagamento precedentemente in vigore sono state rimosse.

Secondo Reuters, anche gli ucraini che hanno perso il lavoro a causa del conflitto militare avranno diritto a un pagamento una tantum da parte del governo.

Voci circolate ampiamente online hanno affermato che questo sussidio legato al conflitto fosse legato allo stato delle vaccinazioni, smentite poi dai “fact checkers“.

Tuttavia, sembra che i pagamenti siano disponibili per i cittadini indipendentemente dallo stato di vaccinazione, con il sistema di sussidi COVID utilizzato come esempio per spiegare al pubblico come verrà erogato questo nuovo sussidio.

Tuttavia, è reale la notizia che l’app Diia viene utilizzata come arma di guerra – con l’approvazione entusiasta dei media internazionali.

Wired, ad esempio, ha descritto il ministero digitale ucraino, che gestisce l’app Diia, come una “formidabile macchina da guerra”.

Infatti, come riporta Wired, l’app Diia ora include le seguenti funzionalità legate alla guerra:

  • Un modo rapido per donare denaro all’esercito ucraino, anche tramite criptovaluta.
  • Un chatbot per l’invio di immagini e video dei movimenti delle truppe russe in Ucraina.
  • Accesso in streaming 24 ore su 24 a stazioni televisive e telegiornali dall’Ucraina.
  • Un canale video per bambini.

Questo in aggiunta a un appello pubblicato da Fedorov sull’app di messaggistica sociale Telegram, per un team eterogeneo di sviluppatori, designer, marketer e “specialisti della sicurezza” per unirsi a un volontario “IT Army” – con 300.000 volontari che sono stati assoldati finora.

I compiti dell’esercito online includono la condivisione degli indirizzi IP di siti Web e aziende russe, in modo che possano essere presi di mira da attacchi DDoS (direct denial of service) nel tentativo di metterli offline.

Inoltre, gli account dei social media filo-russi che “diffondono informazioni false” sono segnalati attraverso gli sforzi di questo “esercito IT”.

Anton Melnyk, consulente del ministero digitale ucraino e capo dell’ecosistema tecnologico ucraino, ha twittato: “Da quando la guerra in Ucraina è iniziata, Twitter ha cancellato più di 75.000 account per violazioni, manipolazione e politiche di spam”. Melnyk ha ringraziato pubblicamente Twitter.

In effetti, Melnyk e Fedorov hanno descritto Twitter come “parte del nostro sforzo bellico”.

Melnyk ha guidato la campagna per “Big Tech” per tagliare fuori la Russia, a partire da una richiesta che ha inviato ad Apple, con la quale, secondo Wired, ha mantenuto “buone connessioni” a causa di un accordo del 2021 che prevedeva che Apple avrebbe supportato l’app Diia.

Nel frattempo, secondo il TIME, circa 63 milioni di dollari di donazioni sono arrivate per l’esercito ucraino, mentre il ministero digitale del paese si è impegnato con successo in una campagna di “vergogna delle più grandi aziende tecnologiche del mondo per bloccare i servizi in Russia”.

In questo stesso articolo, Fedorov ha descritto questo nuovo campo di battaglia digitale come “il nostro terreno di casa”, mentre il New York Times ha riferito di come Fedorov “abbia trasformato la tecnologia, la criptovaluta e i social media in moderne armi da guerra”.

Secondo il Times, Fedorov ha dichiarato:

“Loro [i russi] non si sono accorti che… i governi devono muoversi per diventare sempre più simili alle aziende tecnologiche, piuttosto che essere rigidi come un carro armato, come una macchina da guerra”.

A sua volta, Melnyk ha scritto quanto segue sulla sua pagina LinkedIn:

“Continuerò a lavorare il più duramente possibile per far sì che la giustizia faccia il suo corso. Attacchi informatici, cyber police, unità di hacking, Elon Musk con Starlink, Tim Cook con Apple, Google, YouTube, Meta, Netflix e Amazon con Bezos. I metodi neri sono diventati metodi bianchi, l’hacking di default sembra positivo così come la richiesta pubblica di fare bottiglie Molotov da parte della polizia.

Le stazioni televisive ucraine – note per le loro connessioni con gli oligarchi che, a loro volta, si dice siano strettamente collegati al governo – sono state essenzialmente fuse in un’unica stazione, sotto nuovi poteri in tempo di guerra.

E in un’altra connessione con le misure relative al COVID, la chatbox in cui gli utenti possono inviare foto e video assomiglia molto a uno strumento simile utilizzato dalle autorità di New York City nel 2020, per la segnalazione di violazioni del distanziamento sociale.

Wired ha descritto quanto sopra come risultato dell’ampio sostegno di cui gode l’Ucraina tra i leader mondiali e gli “amministratori delegati della tecnologia”.

Ad esempio, questo “ampio sostegno” sembra essere stato evidente quando Facebook ha annunciato che avrebbe “temporaneamente” consentito appelli alla violenza contro i russi – incluso il presidente russo Vladimir Putin – sulla sua piattaforma.

Facebook in seguito ha annullato la politica, almeno ufficialmente.

Resta da vedere se altre proposte per le funzionalità future che dovevano essere associate all’app Diia e al concetto di “governance digitale” in Ucraina – come un censimento digitale che sarebbe stato eseguito nel 2023 in collaborazione con Apple – si svolgeranno nelle circostanze attuali.

Tali proposte erano state elaborate, in parte, da Sergii Vasylchuk, fondatore della società blockchain ucraina Everstake. Vasylchuk ha aiutato il ministero digitale del paese a creare la piattaforma di crowdfunding per le donazioni militari.

Anche con l’uso “innovativo” delle app governative digitali come parte di uno sforzo in tempo di guerra, tuttavia, alcuni osservatori rimangono poco convinti.

Emerson Brooking, un membro anziano del Consiglio Atlantico, ha detto a Wired: “La guerra dell’informazione conta meno col passare del tempo. Le realtà e i calcoli della guerra stessa stanno ora guidando questo conflitto”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Moderna è pronta: chiede alla FDA di autorizzare il vaccino Covid-19 nei bambini da 6 mesi a 6 anni…a tre dosi?

Read Next

Bergamo, un altro giovane muore improvvisamente nel sonno

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock