• Agosto 16, 2022

Confermata iperviscosità sanguigna dopo i vaccini Covid-19. STUDIO

Viscosità attesa dopo la vaccinazione COVID-19, l’iperviscosità e il precedente COVID-19

Il vaccino COVID-19 è la speranza per il contenimento dell’epidemia di malattia. L’effetto avverso post-vaccinazione è una considerazione importante. Il coagulo dopo la vaccinazione è un problema clinico importante emergente in alcuni destinatari del vaccino. 1 La causa del coagulo di sangue post-vaccinazione non è nota. Si propone che il problema potrebbe essere dovuto al processo immunopatologico. 2 Qui, gli autori hanno utilizzato una stima del modello matematico per prevedere il cambiamento della viscosità del sangue dopo la vaccinazione COVID-19. Per lo sviluppo del modello, la fonte primaria dei dati sono a) vengono utilizzati i dati di una recente pubblicazione sui titoli anticorpali di neutralizzazione dopo la vaccinazione COVID-19 3 e b) dati di un precedente sulla relazione tra dose di immunoglobuline e viscosità sierica. 4

Secondo la pubblicazione di riferimento, 3 il reciproco cambiamento del titolo di legame a metà-massima dopo la vaccinazione è diverso nei diversi gruppi di destinatari (senza precedente COVID-19, con precedente COVID-19 asintomatico e con precedente COVID-19 sintomatico). 3 

Per quanto riguarda la precedente relazione sulla dose di immunoglobuline e sulla viscosità sierica, la concentrazione e la viscosità normali più basse di immununoglobuline sono rispettivamente di 545 mg/dl e 1,5 cp. Questi valori normali sono utilizzati come valore di fondo, vaccinazione pre-COVID-19, per tutti i casi nel presente studio. Se c’è un aumento del livello di immunoglobuline a 6.160 mg / dl o 1,1 mg / dl aggiunti, la viscosità finale sarà di 2,6 cp. 4 Quindi, la variazione di viscosità è pari a + 1,1 cp / + 5615 mg / dl. Per stimare la variazione della viscosità post-vaccinazione, il cambiamento del titolo reciproco viene trasformato in concentrazione. Quindi il valore di variazione della concentrazione derivato viene utilizzato per calcolare ulteriormente la variazione di viscosità e la viscosità finale prevista. Per la modellazione, la viscosità finale attesa sarà pari a “valore normale di viscosità pre-vaccinazione + [1,1 × (concentrazione trasformata)/5615]”. Secondo lo studio, la viscosità aumenta in tutti i gruppi dopo la vaccinazione (Tabella 1). Data l’iperviscosità si verifica ad una viscosità superiore a 5,0 cp, 5 sembra che non ci saranno problemi in nessun destinatario del vaccino senza precedenti COVID-19. Tuttavia, è probabile che l’iperviscosità si verifichi in qualsiasi destinatario che ha precedenti COVID-19.

Sulla base di questo studio preliminare, si suggerisce che lo screening per possibili precedenti COVID-19 prima della vaccinazione COVID-19 potrebbe essere necessario per prevenire l’effetto avverso indesiderato della tromboemostasi del sangue.

Secondo questo studio preliminare del modello matematico, è necessario un monitoraggio chiuso per il problema di iperviscosità da vaccinazione post COVID-19. I casi con precedente COVID-19 sintomatico hanno una viscosità attesa più elevata rispetto a quelli con COVID-19 asintomatico o senza infezione precedente. Tuttavia, non ci sono dati primari sulla gravità del gruppo con precedente COVID-19 sintomatico.

In conclusione, il presente lavoro fornisce una novità relativa incentrata sulla viscosità dopo la vaccinazione COVID-19, tuttavia, ha bisogno di uno studio controllato randomizzato per dimostrarlo. I riceventi che hanno precedentemente infettato COVID-19 potrebbero essere divisi in base alla gravità al fine di esplorare gli aumenti di viscosità tra gli infettatori con diversi stadi della malattia dovrebbero essere valutati in ulteriori studi.

LINK ALLO STUDIO: Expected Viscosity After COVID-19 Vaccination, Hyperviscosity and Previous COVID-19 – PMC (nih.gov)

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

L’OMS afferma che non ci sono prove che bambini sani e adolescenti abbiano bisogno di richiami COVID-19

Read Next

Il Ruanda vaccina forzatamente le persone contro il COVID, i racconti delle vittime