• Ottobre 2, 2022

Demenza infantile e danno cerebrale irreversibile a seguito di inoculazione

Uno dei numerosi quadri clinici correlato a decessi “sconcertanti” che sono apparsi improvvisamente dal 2021 è una rara forma di “demenza infantile”, che è stata recentemente segnalata da diversi media liberi e ha lasciato perplessi i medici.

 È apparso un articolo del medico J. Bart Classen intitolato “COVID-19 RNA Based Vaccines and the Risk of Prion Disease” pubblicato sulla rivista  Microbiology and Infectious Diseases  , contenente indicazioni che il vaccino Covid mRNA di Pfizer può scatenare malattie mortali come Creutzfeldt-Jakob.

Classen spiega: “La sequenza di RNA del vaccino e l’interazione di targeting della proteina spike sono state studiate per verificare il loro potenziale di conversione delle proteine intracellulari che legano l’RNA, la TAR-DNA binding protein (TDP-43) e la Fused in Sarcoma (FUS), nelle loro conformazioni prioniche patologiche. I risultati suggeriscono che l’RNA del vaccino ha sequenze specifiche che possono indurre TDP-43 e FUS a ripiegarsi nelle loro conformazioni prioniche patologiche. È noto che il ripiegamento di TDP-43 e FUS nelle loro conformazioni prioniche patologiche causi la SLA, la degenerazione del lobo temporale anteriore, il morbo di Alzheimer e altre malattie neurologiche degenerative“.

I sintomi della malattia da prioni, a cui appartiene Creutzfeldt-Jakob, includono demenza, confusione, disturbi del linguaggio, affaticamento, allucinazioni, limitazioni nella mobilità e danni cerebrali irreversibili.

Reazione errata del sistema immunitario dovuta alla produzione di proteine ​​spike

La dottoressa Stephanie Seneff del Massachusetts Institute of Technology (MIT), che da tempo si occupa dei vaccini Covid, è giunta alla conclusione dopo approfondite indagini , che il contenuto sintetico del vaccino nei pazienti Parkinson inneschi una reazione del sistema immunitario e la produzione di proteine ​​trigger spike. Queste cellule entrerebbero quindi nel sistema linfatico attraverso i meccanismi di filtrazione del corpo per accumularsi rapidamente nella milza.

Secondo Seneff, questo centro terminale critico è il luogo in cui si sviluppano le malattie cerebrali. Secondo lei, l’intero processo è un metodo perfettamente progettato per indurre un danno neurologico progressivo negli anni a venire.

L’articolo di Claasen dell’anno precedente che trattava le stesse tematiche, è stato pesantemente criticato sia da Pfizer che da vari professionisti del settore medico 

Resta da vedere se i casi di demenza infantile che stanno diventando noti siano legati ai vaccini Covid e se le sue affermazioni si riveleranno ancora corrette. Gli innumerevoli e sempre più aspecifici, gravi danni del vaccino portano alla luce, con un certo ritardo, quadri e sintomi clinici in tutti i gruppi di persone vaccinate, e solo gradualmente viene riconosciuta la correlazione alla vaccinazione sperimentale.

Poiché la generazione più giovane è stata vaccinata relativamente tardi, non si può escludere che i sintomi neurodegenerativi della presunta forma di demenza correlata al vaccino vengano registrati solo statisticamente nel tempo – per poi diventare finalmente consapevolezza pubblica.

SOURCE

eVenti Avversi

Read Previous

Medico vaccinatore muore a causa di un malore improvviso durante il turno al Centro vaccinale

Read Next

14.000 medici e professionisti dichiarano crisi medica internazionale a causa di danni e decessi da (parola censurata)