• Giugno 26, 2022

Eric Bieuville, 38 anni, morto improvvisamente 6 ore dopo la prima dose di Pfizer il 26 luglio. La moglie dopo quasi quattro mesi non ha ancora l’esito dell’autopsia

Lisa Hèron racconta quanto successo al marito trentottenne Eric Bieuvillle: “mio marito, Eric 38 anni, padre di 4 bambini, ha ricevuto la sua prima dose il 26 luglio scorso. Ci è andato per paura di un’estensione dell’obbligo vaccinale per preservare il suo posto di lavoro che faceva vivere tutta la nostra famiglia. Aveva un po’ mal di testa ma niente di grave. Autista di autobus, lui va a lavoro e 5 ore dopo l’iniezione, si sente male, parcheggia con urgenza l’autobus sul bordo della strada e perde conoscenza. Due suoi colleghi intervengono e cercano di soccorrerlo, prima insieme ai vigili del fuoco, poi interviene il pronto soccorso medico SAMU (Service d’aide medicale urgente). Nonostante i loro sforzi, mio marito non si è più ripreso. Mentre i primi documenti non indicavano alcuna causa alla sua morte, quando il mio avvocato intervenne 3 mesi dopo, improvvisamente si è parlato di aneurisma. Sto aspettando il referto dell’autopsia ancora non trasmesso con il pretesto di un sovraccarico di lavoro. Quanto a me, farò tutto il possibile per ottenere la verità sulla morte di mio marito. Anche solo perché i nostri figli (6 anni, 8 anni, e 14 anni al momento del decesso) possano sapere. A 33 anni mi ritrovo da sola a crescere i nostri 4 figli”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Philipe Magrè, 52 anni, si ammala pochi giorni dopo la seconda dose. Gli specialisti: “Ha la malattia di Creutzfeldt-Jakob. Mai vista a quell’età”

Read Next

La FDA chiede al giudice federale di concedere fino all’anno 2076 per rilasciare completamente i dati del vaccino Pfizer ( no, non è un errore di battitura)