• Settembre 26, 2022

ESCLUSIVO: Il programma AI del Dipartimento della Difesa US ha scoperto che il pericoloso fenomeno ADE è in netta crescita tra i completamente vaccinati

L’analisi completa è intitolata “Efficacia dei vaccini mRNA COVID-19 contro la variante Delta tra 5,6 milioni di beneficiari Medicare di età superiore a 65 anni” ed è datata 28 settembre 2021.

La presentazione di questi dati è composta da 17 diapositive, che sono disponibili sul sito web Humetric.

Dal documento JAIC Project Salus:

In questa popolazione vaccinata all’80% di oltre 65 anni, si stima che il 60% dei ricoveri per COVID-19 si sia verificato in individui completamente vaccinati nella settimana che si è conclusa il 7 agosto”.


Questi dati rivelano che mentre la variante Delta si avvicinava a un tasso di infezione del 97%, i “casi” e i ricoveri tra individui completamente vaccinati mostravano aumenti sorprendenti ogni settimana che passava.

Risultati chiave dell’analisi DoD / JAIC / Project Salus / Humetrix
In tutte le diapositive, “VE” si riferisce all’efficacia del vaccino.
Breakthrough” significa un vaccino che fallisce, in cui a una persona completamente vaccinata viene diagnosticato il covid.
Molte di queste persone richiedono ospedalizzazione e trattamenti di terapia intensiva (vedere le diapositive di seguito).

Risultati chiave dell’analisi DoD / JAIC / Project Salus / Humetrix

In tutte le diapositive, “VE” si riferisce all’efficacia del vaccino. “Breakthrough” significa un vaccino fallito, in cui a una persona completamente vaccinata viene diagnosticato il covid. Molte di queste persone richiedono ospedalizzazione e trattamenti di terapia intensiva (vedere le diapositive di seguito).

Alcuni dei principali risultati dell’analisi di Project Salus includono:

  • L’efficacia dei vaccini a mRNA è confermata diminuire nel tempo.
  • Ogni settimana che passa, gli individui vaccinati con vaccini a mRNA mostrano un aumentato rischio di fallimento del vaccino / infezioni da covid che richiedono il ricovero in ospedale. Dall’analisi: “Odds ratio in aumento a 2,5 a 6 mesi dopo la vaccinazione”.
  • L’immunità naturale funziona: una precedente infezione da covid riduce notevolmente le probabilità che una persona vaccinata abbia bisogno di un ricovero in ospedale da una successiva infezione.

Al 21 agosto, il 71% dei “casi” di covid-19 si verificava tra individui completamente vaccinati:
In questa popolazione vaccinata all’80% di oltre 65 anni, si stima che il 71% dei casi di COVID-19 si sia verificato in individui completamente vaccinati.

Il fallimento del vaccino peggiora drasticamente entro 5-6 mesi dalla vaccinazione

Una diapositiva dell’analisi rivela che le cosiddette infezioni “rivoluzionarie” – i fallimenti dei vaccini – aumentano con il tempo, mostrando un quasi raddoppio delle infezioni rivoluzionarie tra quelli vaccinati 5-6 mesi fa rispetto a quelli vaccinati solo 3-4 mesi fa.

Questi dati terminano al 21 agosto 2021 ma la tendenza non sembra appiattirsi. Man mano che più dati vengono aggiunti a questa analisi ogni settimana, sembra quasi certo che i tassi di infezioni rivoluzionarie continueranno ad aumentare nel tempo negli individui vaccinati. Non sappiamo ancora cosa accadrà tra 9 mesi dopo la vaccinazione, ma questi dati mostrano motivo di seria preoccupazione.

Il grafico seguente rivela che sia i vaccini Pfizer che Moderna stanno mostrando lo stesso modello di peggioramento dei tassi di infezione “rivoluzionaria” nel tempo. Si noti la tendenza al rialzo di tutte le barre in questo grafico, il che significa che entrambi i vaccini a mRNA stanno producendo lo stesso aumento delle infezioni tra completamente vaccinati:

Una volta che la variante Delta ha preso piede, il 71% dei casi di COVID-19 “breakthrough” si è verificato tra i completamente vaccinati

Come mostra il grafico seguente, il 71% dei “casi” di COVID-19 erano casi rivoluzionari (fallimento del vaccino) una volta che la variante Delta ha raggiunto il 90% di diffusione tra le persone infette.

Gli autori di questo documento confermano ciò che già sappiamo ossia che gli ospedalizzati infetti,non sono considerati “vaccinati” fino a due settimane dopo aver ricevuto le somministrazioni, il che significa che infezioni, ricoveri e decessi che si sono verificati da 0 a 14 giorni sono ignorati in questo set di dati.

In realtà, ciò significa che la percentuale di persone “completamente vaccinate” responsabili di infezioni, ricoveri e decessi rivoluzionari è sostanzialmente superiore a quanto mostrato in questi dati.

Se stanno rivendicando un tasso del 71%, in realtà potrebbe essere più simile all’80% o addirittura al 90%, ma non lo sappiamo con certezza perché stanno nascondendo tutti gli esiti negativi sulla salute per le prime due settimane dopo la somministrazione dei vaccini (sostenendo che quelle persone sono “non vaccinate”, che è un vero e proprio inganno usato per cercare di nascondere gli effetti dannosi dei vaccini).

I gruppi etnici più colpiti: nativi americani, ispanici e neri

Infine, una diapositiva nel set di dati rivela che uno dei più alti fattori di rischio per finire ricoverati in ospedale dopo essere stati vaccinati è essere di origine nativa americana.

Secondo i dati in questa diapositiva, i nativi americani presentano circa il 50% in più di probabilità di essere ricoverati in ospedale dopo essere stati vaccinati, rispetto ad altri gruppi etnici come i bianchi.

Gli ispanici hanno un rischio leggermente inferiore che sembra essere di circa il 40% in più.

I neri hanno circa il 25% di probabilità in più.

Perché è così?

Il SARS-CoV-2 prende di mira i recettori ACE2 che sono presenti in densità più elevate nei gruppi minoritari come nativi americani, ispanici e neri. Ciò ha portato molti osservatori a concludere che la proteina spike covid – generata dalle cellule di coloro che assumono vaccini a mRNA – possa essere assimilata a un’arma biologica specifica per razza, progettata per ottenere lo spopolamento di gruppi minoritari.

Louis Farrakhan, leader della Nazione dell’Islam, si è impegnato per portare questi studi all’attenzione dei suoi seguaci, per esempio.

Questi dati forniti dal documento DoD / JAIC / Project Salus mostrato qui sembrano supportare la plausibilità di tali teorie.

Altri fattori che aumentano notevolmente le probabilità di una persona di essere ricoverata in ospedale dopo aver ricevuto le vaccinazioni includono insufficienza renale (ESRD), obesità patologica, malattia epatica cronica o chemioterapia.

L’immunità naturale offre una protezione documentata contro il futuro ricovero in ospedale

Infine, i dati presentati in questo documento mostrano che l’immunità naturale – elencata come “covid-19 precedente” riduce sostanzialmente il rischio di ospedalizzazione dopo aver ricevuto i vaccini covid-19. (Vedi la diapositiva sopra.)

Ciò significa che il modo migliore per garantire l’esito più sicuro di un vaccino covid è sperimentare un’infezione da covid prima di essere vaccinati. Ciò riduce drasticamente il rischio di esiti negativi per la salute.

D’altra parte, se qualcuno ha già avuto il covid, perché dovrebbe aver bisogno di un vaccino?

Semmai, questi dati mostrano che chiunque scelga di ricevere vaccini covid-19 sta facendo la scelta sbagliata se desidera evitare infezioni, ricoveri o decessi.

L’immunità naturale, ancora una volta, si rivela come lo stato più efficace che riduce i risultati negativi.

Conclusione

In conclusione, questi dati del DoD / JAIC demoliscono assolutamente la falsa narrativa delle autorità che stanno ancora tentando di convincere la massa che gli ospedali siano pieni di persone non vaccinate.

In realtà, la stragrande maggioranza dei ricoveri e dei decessi si verifica tra coloro che sono stati completamente vaccinati, secondo i 5,6 milioni di persone studiate in questo particolare set di dati (Medicare).

È importante sottolineare che gli effetti negativi post-vaccino stanno peggiorando nel tempo, il che significa che i vaccini sembrano danneggiare gradualmente il sistema immunitario nei mesi successivi, rendendo gli individui vaccinati molto più vulnerabili alle infezioni successive e questa è la definizione stessa di ADE (Antibody Dependent Enhancement).

Ora, sembra che l’ADE non sia più solo una teoria, ma piuttosto un fenomeno confermato dai dati ufficiali di Medicare.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Vaccino J&J – l’ EMA riconosce un nuovo grave effetto collaterale

Read Next

19 anni – Muore poche ore dopo il vaccino Pfizer, si era vaccinato all’insaputa dei genitori

One Comment

  • Se questi dati sono autentici, essi costituiscono una pietra tombale nei confronti dei nuovi vaccini.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.