• Ottobre 6, 2022

Facebook contro il BMJ: quando il fact checking va storto… Figuraccia planetaria per il social

Il BMJ ha avuto un grosso problema con Facebook e i fact checkers internazionali dopo che una delle sue indagini è stata erroneamente etichettata con “contesto mancante” e censurata sul più grande social network del mondo. 

Il 3 novembre Howard Kaplan, un dentista israeliano in pensione, ha pubblicato un link a un articolo di indagine bmJ in un gruppo privato di Facebook.  L’indagine riportava di scarse pratiche di ricerca sugli studi clinici che si sono verificate presso Ventavia, una società di ricerca a contratto che aiuta a realizzare il principale studio sul vaccino Pfizer covid-19

L’articolo ha portato un traffico record a bmj.com ed è stato ampiamente condiviso su Twitter, aiutandolo a raggiungere il secondo punteggio “Altmetric” più alto di tutti i tempi in tutte le pubblicazioni biomediche. Ma una settimana dopo il suo post, il dottor Kaplan si è svegliato con un messaggio da Facebook (fig 1).

Fig 1
Fig 1In senso orario dall’alto a sinistra: l’avviso di “contesto mancante” di Facebook; gli amministratori di un gruppo privato sono stati avvertiti di un post “parzialmente falso”; l’avvertimento di Facebook sul post originale di Howard Kaplan; Il tweet di Cochrane dopo essere stato “shadowbanned” da Instagram

La polizia del pensiero di Facebook mi ha emesso un terribile avvertimento”, ha scritto in un post. “Al ‘fact-checker indipendente’ di Facebook non piace la formulazione dell’articolo del BMJ. E se non cancello il mio post, minacciano di rendere i miei post meno visibili. Ovviamente, non cancellerò il mio post . . . Se sembra che io sia scomparso da un po’, saprete il perché”. 

Kaplan non è stato l’unico utente di Facebook ad aver avuto problemi. Ben presto, diversi lettori di BMJ hanno avvisato la rivista della censura di Facebook. Negli ultimi due mesi la redazione della rivista ha cercato senza successo di contestare l’arbitraria censura del social, e ancora oggi la loro indagine rimane oscurata su Facebook.

L’esperienza ha evidenziato serie preoccupazioni circa il “fact checking” intrapreso da terzi per conto di Facebook, in particolare la mancanza di responsabilità e supervisione delle loro azioni e la conseguente censura delle informazioni.

“Contesto mancante”

A partire dal 10 novembre, i lettori del BMJ hanno iniziato a segnalare una serie di problemi quando hanno cercato di condividere la sua indagine su Facebook. Alcuni hanno riferito di non essere in grado di condividerlo. Molti altri hanno riferito di aver ricevuto una segnalazione per il loro post con un avviso di “Contesto mancante . . . I fact-checker indipendenti affermano che queste informazioni potrebbero fuorviare le persone“.

Facebook ha comunicato a tutti gli utenti che hanno condiviso l’articolo del BMJ, che per aver ripetutamente condiviso “informazioni false” potrebbero vedere i loro post spostati più in basso nel suo feed di notizie.

In un gruppo privato di Facebook, di persone che hanno subìto eventi avversi neurologici a lungo termine dopo la vaccinazione, gli amministratori del gruppo hanno ricevuto un messaggio da Facebook che li informava che un post che collegava all’indagine del BMJ fosse “parzialmente falso” (fig 1).

I lettori sono stati indirizzati a un “fact check” eseguito da Lead Stories,5 una delle 10 aziende contrattate da Facebook negli Stati Uniti,6 il cui slogan è “sfatare le notizie false mentre accadono”. Un’analisi dello scorso anno ha mostrato che Lead Stories era responsabile della metà di tutti i controlli dei fatti di Facebook. 7

L’articolo di Lead Stories affermava che nessuno dei difetti identificati dall’informatore del BMJ, Brook Jackson, avrebbe “squalificato” i dati raccolti dal principale studio sul vaccino Pfizer. Citando un portavoce di Pfizer, ha dichiarato che la società farmaceutica aveva esaminato le preoccupazioni di Jackson e intrapreso “azioni per correggere e rimediare” ove necessario. Un portavoce di Pfizer ha dichiarato che l’indagine della società “non ha identificato alcun problema o preoccupazione che invaliderebbe i dati o metterebbe a repentaglio l’integrità dello studio”. Lead Stories ha inoltre sostenuto che Jackson non ha “espresso supporto senza riserve per i vaccini covid” e ha lavorato nel sito di sperimentazione per solo due settimane.

Nessun errore trovato

L’articolo di Lead Stories, sebbene non sia riuscito a identificare alcun errore nell’indagine del BMJ, portava comunque il titolo” Fact Check: The British Medical Journal DID NOT Reveal Disqualifying and Ignored Reports of Flaws in Pfizer COVID-19 Vaccine Trials”.

Il primo paragrafo descriveva erroneamente The BMJ come unblog di notizie” ed era accompagnato da uno screenshot dell’articolo di indagine bollato da un timbro che affermava “Flaws Reviewed”, nonostante l’articolo di Lead Stories non identificasse nulla di falso o impreciso. Lead Stories non ha menzionato che l’indagine è stata sottoposta a revisione paritaria esterna, nonostante ciò sia stato dichiarato nell’articolo, e ha pubblicato il suo articolo sotto un URL che conteneva la frase “hoax-alert”. 5

Il BMJ ha contattato Lead Stories, chiedendogli di rimuovere il suo articolo. Ha rifiutato. L’autore dell’articolo, Dean Miller, ha risposto sostenendo che Lead Stories non fosse responsabile delle azioni di Facebook.

“Nel sistema di Facebook, abbiamo contrassegnato l’articolo “Contesto mancante”, che è la categoria di segnalazione più bassa possibile”, afferma Miller. “Mi risulta che l’applicazione di Facebook non limiti la distribuzione o il traffico in base a una valutazione di ‘Contesto mancante’. Potrei sbagliarmi, ma credo che il risultato sia solo un flag sul contenuto”.

Miller ha difeso il suo articolo, osservando: “Non abbiamo messo in discussione l’integrità della storia del BMJ, ma solo la sua completezza. Questo è il punto di una valutazione “Contesto mancante”.

“Non potremmo essere più d’accordo con voi sul fatto che il pubblico dovrebbe essere preoccupato, a condizione che abbiano tutto il contesto, che è ciò che abbiamo tentato di sottolineare e, in qualche modo, fornire come supplemento al rapporto del BMJ“.

Il BMJ ha basato la sua storia su dozzine di documenti originali forniti dall’esperto revisore degli studi clinici diventato informatore ed era sicuro dell’autenticità delle sue prove. Dopo la pubblicazione, e come riportato in una risposta rapida collegata su bmj.com, il BMJ ha contattato Ventavia, Pfizer e la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per chiarire meglio la portata e le implicazioni dei problemi identificati a Ventavia e quali misure correttive fossero state adottate. 8 Al momento di andare in stampa, Ventavia non aveva risposto alle ripetute richieste di informazioni del BMJ.

Pfizer ha dichiarato al BMJ di aver indagato su una denuncia anonima su Ventavia nel settembre 2020 e che “sono state intraprese azioni per correggere e rimediare ove necessario”. La FDA ha dichiarato di non essere in grado di rispondere alle domande del BMJ, “poiché è una questione in corso”.

In una successiva e-mail, Alan Duke, redattore capo di Lead Stories, ha dichiarato a The BMJ che l’etichetta “Missing Context” è stata creata da Facebook specificamente “per gestire contenuti che potrebbero fuorviare senza contesto aggiuntivo ma che potrebbero essere veri e reali”. Ha aggiunto che l’articolo è stato ampiamente condiviso e commentato dagli attivisti anti-vaccini su Facebook. “Siamo d’accordo sul fatto che a volte i messaggi di Facebook con etichette dei fact checkers possano sembrare eccessivamente aggressivi e spaventosi. Se avete un problema con i loro messaggi, dovreste davvero prendervela con loro poiché non siamo in grado di cambiarlo. “

Il BMJ ha inoltre contattato l’International Fact-Checking Network (IFCN), gestito dal Poynter Institute for Media Studies, una scuola di giornalismo senza scopo di lucro a St Petersburg, in Florida, i cui donatori includono Facebook e Google9 IFCN stabilisce standard di qualità per le organizzazioni di fact checking e crea un elenco verificato di aziende che soddisfano tali standard, tra cui Lead Stories. Poynter ha reindirizzato il BMJ a Facebook.

Gary Schwitzer, professore associato aggiunto presso la School of Public Health dell’Università del Minnesota ed editore di HealthNewsReview, che valuta i rapporti sulla salute delle organizzazioni di notizie statunitensi, ha affermato che c’è un “conflitto di interessi intrinseco” nell’uso di organizzazioni di terze parti da parte di Facebook per verificare i contenuti. “Solo un’azienda che affronta una crisi di credibilità assumerebbe personale esterno per farsi aiutare”, ha dichiarato a The BMJ. “C’è una pressione intrinseca sull’appaltatore, quindi, se vogliono essere pagati, devono trovare problemi e far apparire di essere in grado di risolverli”.

Ha affermato che i processi con cui Facebook decise quali contenuti inviare per il fact checking e le modalità utilizzate dai fact checkers per decidere quali pezzi esaminare, non sono abbastanza trasparenti o coerenti. Un presunto “controllo dei fatti” oggettivo, in realtà è “soggetto all’opinione dei singoli revisori“, ha aggiunto. Ai fact checkers spesso sfuggono storie genuinamente fuorvianti, come articoli che riportano il rischio relativo piuttosto che assoluto, ha dichiarato Schwitzer.

Problema più ampio

Cochrane, il fornitore internazionale di revisioni sistematiche di alta qualità delle prove mediche, ha subìto un trattamento simile da parte di Instagram, che, come Facebook, è di proprietà della società madre Meta.

Un portavoce di Cochrane ha riferito che a ottobre il suo account Instagram è stato “oscurato” per due settimane, il che significa che “quando altri utenti hanno cercato di taggare Cochrane, è spuntato un messaggio che riportava :”@cochraneorg ha pubblicato materiale che va contro le linee guida sui ‘contenuti falsi'” (fig 1). Lo Shadowbanning può portare a post, commenti o attività nascosti o oscurati e a smettere di apparire nelle ricerche.

Dopo che Cochrane ha pubblicato su Instagram e Twitter la censura subìta, il suo solito servizio è stato infine ripristinato, anche se non ha ricevuto una spiegazione del motivo per cui fosse stato accusato di violare le linee guida.

Il portavoce ha dichiarato: “Pensiamo che Cochrane sia stata segnalata in quanto aveva pubblicato una recensione sull’ivermectina e stesse sostenendo una campagna sulla diffusione della disinformazione. Sembra che a volte l’automazione e l’intelligenza artificiale sbaglino. E la segnalazione degli utenti e gli automatismi possono essere utilizzati per bloccare le persone sbagliate”.

A dicembre il BMJ ha scritto una lettera aperta a Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Meta. 10 Nella lettera, gli editori Fiona Godlee e Kamran Abbasi hanno definito il fact checking di Lead Stories “impreciso, incompetente e irresponsabile“. Hanno chiesto a Meta di rivedere l’avvertimento posto sull’articolo del BMJ e i processi che hanno portato alla sua generazione, infine di riconsiderare il suo approccio generale al fact checking.

Meta si rifiuta di intervenire

Meta ha indirizzato the BMJ alla sua pagina di consulenza, che ha affermato che gli editori possono appellarsi a una valutazione direttamente con l’organizzazione di fact checking pertinente entro una settimana dalla notifica. “I fact checker sono responsabili della revisione dei contenuti e dell’applicazione delle valutazioni, e questo processo è indipendente da Meta”, ha affermato. Ciò significa che, come nel caso del BMJ, se l’organizzazione di fact checking rifiuta di modificare una valutazione dopo un ricorso da parte di un editore, l’editore ha poche chances di riuscita.

La mancanza di un processo di appello indipendente solleva preoccupazioni, dato che le organizzazioni di fact checking sono state accusate di parzialità. “Mi preoccupo della quantità di potere messo nelle mani di questi gruppi di terze parti“, afferma Jillian York, direttore per la libertà internazionale di espressione presso la Electronic Frontier Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove le libertà civili nel mondo digitale. “Non esiste una struttura di responsabilità. Non c’è un processo democratico.”

A dicembre Lead Stories ha scritto una risposta alla lettera aperta del BMJ a Mark Zuckerberg che sosteneva che l’informatore Jackson non fosse una fonte credibile. 11

Ha affermato che Jackson non fosse una “scienziata specializzata di laboratorio” e che le sue qualifiche equivalessero a quelle di una “praticante”. Jackson ha più di 15 anni di esperienza nel coordinamento e nella gestione della ricerca clinica e in precedenza ha ricoperto una posizione come direttore delle operazioni. “Non ho mai affermato di essere una scienziata”, afferma. “Il corso di 30 ore non è ciò che mi qualifica. Tutti i miei anni di pratica rivestendo ruoli diversi negli studi clinici, è ciò che mi qualifica. Inoltre, anche un praticante nuovo alla ricerca clinica avrebbe notato cosa stava succedendo a Ventavia. Non ci voleva un esperto”.

Lead Stories ha addirittura criticato il BMJ per non aver incluso le “opinioni pubblicamente espresse di Jackson sui vaccini covid” affermando che “su Twitter, Jackson non esprime supporto senza riserve per i vaccini covid“.

Da quando è obbligatorio per i cittadini mostrare un sostegno senza riserve per qualsiasi cosa?” chiede Schwitzer. “È assolutamente irrilevante per l’argomento in questione. Questa recensione indipendente penso che dica di più sul recensore che sul recensito.”

Lead Stories ha una posizione editoriale sulla vaccinazione, dice York, che fa eco alla posizione di Facebook. “Il problema è che aziende come Facebook e alcuni dei media tradizionali sono ragionevolmente preoccupati per la disinformazione sui vaccini, ma si stanno muovendo nella direzione sbagliata, come censurare le domande legittime sulle grandi società come Pfizer“, ha aggiunto. “L’industria farmaceutica ha una storia di censura di determinate informazioni e i cittadini devono essere in grado di metterle in discussione”, ha concluso.

Il 20 dicembre Lead Stories ha inviato una serie di tweet incendiari dopo aver pubblicato la sua risposta alla lettera aperta di The BMJ11 Scriveva: “Ehi @bmj_latest, quando i tuoi articoli vengono ripubblicati da un sito web gestito da gente dedita alla ‘Disinformazione‘ forse dovresti rivedere le tue politiche editoriali invece di scrivere lettere aperte”. 12

Il tweet conteneva una foto dell’articolo del BMJ, che era stato ripubblicato da Children’s Health Defense, un sito web anti-vaccino che mette in discussione la sicurezza dei vaccini e finanzia pubblicità anti-vaccinali su Facebook.

Controllo delle pedine

Il controllo dei fatti non è un’attività completamente non regolamentata. IFCN è stata istituita nel 2015 per sostenere “standard più elevati tra la comunità globale del fact-checking”. 13 Più di 100 agenzie di controllo dei fatti di tutto il mondo sono iscritte al codice di principi dell’IFCN e sono verificate da quest’ultima. I firmatari vanno da quelle che l’IFCN chiama le “grandi bestie dei media tradizionali”, come Les Decodeurs di Le Monde in Francia e il Washington Post negli Stati Uniti, ai notiziari globali AFP, AP e Reuters e start-up come Rappler nelle Filippine.

Il primo principio del codice è l’impegno a non partigianeria. “I firmatari non sostengono o prendono posizioni politiche sulle questioni che controllano”, dice. Il BMJ ha presentato una denuncia al Poynter Institute, che gestisce l’IFCN, sostenendo che la condotta di Lead Stories non rispetta questo impegno ed è in attesa di una risposta.

Il BMJ prevede di fare appello all’Oversight Board di Facebook, un gruppo indipendente di 20 persone provenienti da tutto il mondo che può decidere se Facebook debba consentire o rimuovere contenuti specifici. Esamina solo un piccolo numero di “casi emblematici”, tra cui il mantenimento di una decisione presa il 7 gennaio 2021 di vietare all’allora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di pubblicare su Facebook e Instagram dopo l’assalto al Campidoglio di Washington, DC, in cui sono morte cinque persone. Le decisioni del consiglio sono vincolanti a meno che la loro attuazione non violi la legge.

Carolina Are, ricercatrice di moderazione online e visiting lecturer presso la City University di Londra, sostiene gli sforzi del BMJ. “Il BMJ è un’organizzazione di notizie rispettabile che ha un’enorme piattaforma e i mezzi per sfidare legalmente. Ma ci sono molti creatori sui social media e online in generale, che ottengono i loro profili completamente cancellati quando queste cose accadono “, afferma.

Nel frattempo, i lettori stanno ancora avendo problemi nel condividere l’indagine del BMJ su Facebook.

Kamran Abbasi, caporedattore del BMJ, ha dichiarato: Dovremmo essere tutti molto preoccupati che Facebook, una società multimiliardaria, stia effettivamente censurando il giornalismo completamente verificato che sta sollevando legittime preoccupazioni sulla conduzione di studi clinici. Le azioni di Facebook non impediranno al BMJ di fare ciò che è giusto, ma la vera domanda è: perché Facebook agisce in questo modo? Cosa sta guidando la sua visione del mondo? È ideologia? Si tratta di interessi commerciali? È incompetenza? Gli utenti dovrebbero essere preoccupati che, nonostante si presenti come una piattaforma di social media neutrale, Facebook stia cercando di controllare il modo in cui le persone pensano con il pretesto del “fact checking”.

Fonte : Facebook versus the BMJ: when fact checking goes wrong | The BMJ

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Morte del web designer Claudio Di Paolo poche ore dopo il vaccino. Sette medici indagati per omicidio colposo

Read Next

Kansas. L’autopsia accerta che Jeanie Evans è morta a causa di una reazione allergica al vaccino Moderna